17°

28°

Parma

Don Visioli: "L'Imu sulle nostre scuole graverebbe sulle famiglie"

Don Visioli: "L'Imu sulle nostre scuole graverebbe sulle famiglie"
Ricevi gratis le news
2

Scuole paritarie, case di cura, campetti d’oratorio e, in alcuni casi, le attività di carità come la mensa del povero e i dormitori. Sono le realtà che, anche a Parma, potrebbero essere soggette al pagamento dell’Imu (Imposta municipale unica), in seguito ai cambiamenti previsti dal governo Monti sulle esenzioni Ici per gli immobili della Chiesa. Al momento però, come spiega il vicario episcopale don Matteo Visioli, non è ancora chiaro cosa accadrà esattamente. Il governo Monti ha deciso di cambiare le esenzioni Ici per gli immobili della Chiesa in base alla loro «modalità commerciale».

Cosa cambia in concreto?
Può sembrare strano dopo che in questi giorni si è parlato e scritto tanto, ma ancora non sappiamo cosa cambierà. Tutto sta nel capire cosa significa «modalità commerciale». Fino a quando il governo non chiarirà, ogni discorso in proposito è pura ipotesi. Se significa «attività commerciali» la conseguenza è che rispetto alla situazione attuale pagheranno l’Imu gli enti le cui attività sono commerciali pur essendo no profit. Per la Chiesa (ma vorrei ricordare: non è in gioco solo la Chiesa cattolica, bensì tutto il mondo del no profit) ciò significa che saranno assoggettate quelle attività che pur non producendo reddito e pur svolgendo una azione sociale riconosciuta dallo Stato sono ritenute commerciali.
Anche le scuole cattoliche?
Anche le scuole paritarie, che pur svolgendo un servizio pubblico (così è stato definito dalla legge 62 del 2000) e contribuendo alla istruzione con accertato risparmio per le casse pubbliche, potrebbero esserne assoggettate. Ma non solo le scuole: sono in gioco anche le case di cura, le case che ospitano bambini e ragazzi nelle tante attività estive, le case di esercizi spirituali, il campetto dell’oratorio di periferia sul quale si svolge una attività educativa organizzata (per esempio da un gruppo sportivo parrocchiale), e perfino in alcuni casi le attività di carità: mensa del povero, dormitori per i senza tetto... In questi ultimi casi là dove vi fosse un accordo con enti pubblici che partecipano a parte delle spese sostenute si potrebbe configurare l’attività commerciale e dunque l’assoggettamento a Imu. Ho però fiducia che ciò non accada.
A Parma cosa accadrà esattamente? Può fare qualche esempio concreto?
A Parma abbiamo oltre 50 scuole dell’infanzia e asili nido, a cui vanno aggiunte una quindicina di scuole primarie e secondarie gestite da enti ecclesiastici. Ciò significa un servizio reso a migliaia di bambini e ragazzi, e dunque alle loro famiglie. C’è poi il mondo delle case di cura e di riposo per anziani e malati che coinvolgono in misura minore ma ugualmente significativa la popolazione. Vi sono poi diversi immobili che pur ospitando attività pastorali, di formazione, di servizio sociale, di aggregazione, facendolo in forma organizzata e chiedendo necessariamente un corrispettivo per far fronte alle spese sono considerate attività commerciali. Penso alle case per campeggi, ai luoghi di preghiera e ritiro spirituale... Si tratta di attività istituzionali della Chiesa cattolica e svolte senza scopo di lucro, ma fiscalmente sono commerciali. Tutto dipende da come il Governo Monti chiarirà l’emendamento, in particolare quella espressione «modalità commerciale» che mi pare non figuri oggi nel linguaggio fiscale e tributario.
Quanti e quali sono i principali immobili «commerciali» che possiede la Chiesa di Parma?
Quando si dice «Chiesa di Parma» si intendono tanti enti: diocesi, parrocchie, fondazioni di religione e culto, istituti religiosi, seminari, associazioni... si tratta di centinaia di enti più o meno grandi. Non saprei dire un numero preciso. Mi preme però dire che su tutti gli immobili a uso commerciale che producono reddito la Chiesa da sempre paga l’Ici oltre a tutte le tasse giustamente dovute. E continuerà convintamente a farlo. L’attuale dibattito è uno sprone per essere ancora più convinti e precisi. È un dovere sociale e un principio sacrosanto di giustizia e equità. E se dovessero verificarsi abusi, questi dovranno essere sanzionati.
E’ stata stimata una ipotesi di spesa che ricadrà, direttamente o indirettamente, sul mondo ecclesiale parmense, legata all’introduzione del nuovo provvedimento?
È impossibile prevedere quanto il provvedimento potrebbe gravare sugli immobili e quanto porterebbe nelle casse pubbliche. Il balletto delle cifre a livello nazionale varia dai 200 milioni ai due miliardi. Che è come dire: non si sa. Al di là dei numeri mi domando però: se dovesse essere varato un emendamento che impone l’Imu su ciò che la legge definisce attività commerciale... chi pagherà davvero? Si dice: «la Chiesa», ma si dovrebbe dire: le famiglie dei bambini delle scuole paritarie, che già sono sottoposte a rette necessariamente più alte delle scuole degli enti pubblici; le persone ricoverate nelle strutture private di accoglienza e cura; i ragazzi che partecipano alle iniziative estive e invernali nelle case per campeggi. Forse anche i poveri che usufruiscono di servizi offerti dalla Chiesa in convenzione con enti locali.
E in alcuni casi temo che alla fine possa pagare lo stesso ente pubblico, là dove il peso fiscale non potesse essere più sostenuto e la chiesa fosse costretta a chiudere dei servizi (educativi, caritativi, sociali...). Ma ragionevolmente non credo che ciò possa accadere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    28 Febbraio @ 13.48

    MENO PROPRIETA' = MENO I.M.U.!!! A PROPOSITO DI SACRIFICI....DI CUI LA CHIESA E' GRANDE MAESTRA, VOGLIO RICORDARE CHE IL BUON GESU' CRISTO (LORO FONDATORE E MAESTRO), NE FECE UNO MOOOLTO GROSSO! MA I PRETI IN GENERALE, FOSE SE NE SONO DIMENTICATI!

    Rispondi

  • lele

    27 Febbraio @ 22.40

    Questo se la chiesa scarica il barile sulle famiglie!Potrebbe anche non farlo e pagare senza poi rifarsi sulle famiglie stesse.E' solo una questione di scelte!Che Dio vi assista!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

lutto

Scomparso Mino Bruschi

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

MONTAGNA

Soccorso Alpino attivato nella zona del Lagastrello per soccorrere una persona ferita

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

4commenti

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

ROMA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

CARABINIERI

Stroncato un traffico di droga fra Olanda e Italia: 10 arresti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design