18°

28°

Parma

Donne sull'orlo di...Parma - La vittima e il carnefice

Ricevi gratis le news
0

Una lettrice e amica di gazzettadiparma.it, Eugenia Capone, ci ha inviato alcune riflessioni  che abbiamo scelto per aprire un nuovo spazio del nostro sito, da affiancare alla nostra sezione rosa/LA CITTA' DELLE DONNE e nel quale ospitare appunto proposte, riflessioni e lamentele, sempre al femminile, di quelle che definiremo "Donne sull'orlo di...Parma".  Se volete imitare Eugenia, che da parte sua ci ha promesso altri interventi, scrivete a

sito@gazzettadiparma.net    . E intanto, ecco la nuova riflessione...

La vittima e il carnefice

di Eugenia Capone

Non si apprezza il valore della libertà e della vita finché non si è in procinto di perderla.

Dopo le pene d’amore, per continuare su questo filone sentimentale, ho pensato di scrivere qualcosa sugli amori malati, sulle relazioni particolari come quelle che si instaurano tra vittime e carnefici.

Come mi è venuto in mente questo argomento? Leggendo un libro che da tempo avevo nel cassetto del mio comodino: “La Mite” di Fëdor Dostoevskij. Questo capolavoro è un esempio magistrale della letteratura russa, in cui si racconta la triste e tragica vicenda sentimentale di un usuraio quarantenne e di una giovane orfana, costretta al matrimonio dopo aver venduto all'uomo dei pegni tutto ciò che possedeva.

Un’ inquietante vicenda nella quale si mescolano e confondono il male e il bene, l’odio e l’amore, la vittima ed il carnefice. In un lungo, ininterrotto monologo, si esprime l'anima dell'usuraio, un uomo solo, di fronte alla morte della giovane moglie. "Immaginate un uomo, accanto al quale giace, stesa su di un tavolo, la moglie suicida” (F. Dostoevskij).

Emerge così una forma di amore distorto, malato, nato da un rapporto di dipendenza, dove solo lui carnefice poteva disporre della vita di lei, la vittima. Troppo tardi si rende conto di amarla, quando la vittima precipita nella melanconia e nella depressione. Lei si è già suicidata gettandosi dalla finestra. E a noi lettori rimane l'enigmaticità di una storia d'amore impossibile.

Ripercorrendo con la mente la tragica storia di Dostoevskij, mi balzano in mente altri esempi di rapporti squilibrati, questa volta però reali e mi viene immediato fare un cenno alla Sindrome di Stoccolma, che prende il nome da una rapina in Banca effettuata da due rapinatori nel 1973 nella capitale svedese. All’interno dell’edificio per circa una settimana erano rimasti i rapinatori e i sequestrati, bloccati dalla polizia. In una strana dinamica di gruppo si creò una relazione sentimentale tra le impiegate prese in ostaggio e i delinquenti e nessuna di loro, al termine della vicenda, fu disposta a collaborare con le forze dell’ordine per riconoscere i rapinatori. Addirittura dopo qualche tempo, una di loro sposò uno dei due rapinatori.

Non ho certo gli strumenti adeguati per fare un’analisi psicologica delle dinamiche che si instaurano tra le vittime e i carnefici, ma sicuramente, leggendo qua e là le varie interpretazioni degli esperti, sembrerebbe che l’accondiscendenza della vittima verso il proprio aguzzino serva a “neutralizzare” il pericolo. Instaurare con il carnefice una relazione più “umana” o “affettuosa” allontanerebbe il rischio di essere uccisi, mentre l’avvicinarsi al nemico aiuterebbe a sopportare meglio il trauma del sequestro e/o della violenza. Teorie confermate da alcuni rapinatori.

E per citare un ultimo caso di “sindrome di Stoccolma”, tornerei al 2006, quando venne ritrovata Natascha Kampusch. La ragazza austriaca era scomparsa nel 1998 a soli otto anni e nonostante ebbe avuto più volte la possibilità di scappare dal suo carceriere dichiarò di non averlo fatto per scelta. Solo in seguito a un ultimo pesante litigio con l’uomo riuscì a scappare, dopo anni di reclusione.

Sono vari tipi di dipendenze affettive, quella compensatoria, caratterizzata dal fatto che la persona coinvolta “si innamora” per compensare un problema psicologico di carenza d’affetto che risale all’infanzia o al periodo adolescenziale. Poi ci sono le dipendenze dagli abili seduttori, che con i loro modi di fare rendono le vittime confuse, disorientate e rabbiose. La persona che cade in questa trappola si sente defraudata della propria libertà. In questi frangenti, si corre il rischio di avere dubbi sulla propria capacità di fare quello che veramente si desidera, di perdere fiducia nella propria determinazione e si finisce con mettere in discussione la propria autostima. 

Sono strani legami in cui c’è una sorta di follia che pervade le menti delle persone coinvolte. Il rapporto vittima e carnefice diventa come una malattia contagiosa da cui ci si difficilmente si riesce a liberarsene. Mi chiedo, si deve per forza arrivare al suicidio per liberarsi di rapporto malato? Alle percosse fisiche? E’ necessario soffrire o mettere in gioco la propria vita per sopravvivere a queste relazioni?

Dopo tutte le dinamiche di relazioni perverse che abbiamo citato, desidero concludere con le parole del profeta Kahlil Gibran:

Amatevi, ma non tramutate l’amore in un legame. Lasciate piuttosto che sia un mare in movimento tra le sponde opposte delle vostre anime. Colmate a vicenda le vostre coppe, ma non bevete da una sola coppa, scambiatevi il pane, ma non mangiate da un solo pane. Cantate e danzate insieme e insieme siate felici, ma permettete a ciascuno di voi d’essere solo”

E voi? Avete vissuto alcun tipo di relazione particolare?

Donne sull'orlo di Parma...  - Archivio

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

SERIE A

Parma, che tour de force

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

5commenti

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

2commenti

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

2commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design