19°

Parma

Appello per il frutteto antico alla Stuard

Appello per il frutteto antico alla Stuard
Ricevi gratis le news
3

Si torna a parlare del futuro dell'azienda Stuard, e in particolare del frutteto di frutta antica, che sarebbe messo in pericolo dal progetto per la nuova sede dell'istituto agrario Bocchialini. Un tema che oggi è vissuto su un botta e risposta fra i gruppi Intergas Parma  e la Provincia (qui sotto i comunicati), e che si è esteso anche al dibattito fra i candidati sindaco.

L'APPELLO DI INTERGASPARMA - Salviamo il frutteto Stuard

L'azienda sperimentale Stuard si trova alla Crocetta, in strada Madonna dell'Aiuto, poco dopo i campi da calcio, a Parma.
Da oltre vent'anni possiede un frutteto di frutta antica visitato e invidiato da tutta Italia.
Lo Stuard è una azienda speciale della Provincia di Parma, da cui dipende totalmente.
La Provincia ha deciso di costruire allo Stuard la nuova sede dell'istituto agrario Bocchialini, ora allocato in viale Piacenza, in città.
Dove lo vogliono costruire? Sul frutteto naturalmente.
Per Parma è uno smacco, un assurdo nei termini, un inutile spreco.
I gruppi di acquisto solidale hanno da qualche tempo avviato un percorso di collaborazione con l'azienda Stuard, un cammino lento, lungo, impegnativo.
Oggi si trovano davanti a questa notizia, che nessuno conosceva.
Come poter continuare a collaborare con chi sta per cementificare un frutteto?
Come tacere l'assenza di informazioni sul progetto, il voler agire senza informare l'opinione pubblica?
I gruppi di acquisto solidale si incontrano insieme ogni mese in Intergas.
Oggi Intergas lancia un appello alla città, alla società civile, al mondo dell'associazionismo.
Salviamo il frutteto Stuard.
Intergas lancia un appello ai candidati sindaco, affinché esprimano il loro pensiero su questa assurda vicenda.
Intergas lancia una raccolta di firme per poter comunicare alla Provincia, ed allo Stuard, il pensiero della città, la volontà dei cittadini, lo sconcerto del mondo dei gruppi di acquisto solidale.
Tacere è impossibile, il frutteto va salvato.

Frutteto Stuard. Alcune verità.
La decisione di spostare la sede dell’Istituto Tecnico Agrario sui terreni del podere Stuard risponde più ad una logica di risparmio di risorse, che alla necessità di ridurre al minimo gli spostamenti per le esercitazioni agrarie della scuola Bocchailini o alla necessità di più aule per un istituto che non presenta aumento di iscritti.
In ogni caso il primo vantaggio verrebbe inficiato se la scuola venisse costruita proprio sul frutteto o su parte di esso.
Minimizzare la minaccia alla biodiversità dovuta alla costruenda scuola sul frutteto di antiche varietà,  affermando che l'azienda Stuard si è impegnata a ripiantumarlo in altri terreni (dietro lauto compenso), significa dimenticare che tra l’innesto e l’entrata in produzione dei nuove piante passano 4-8 anni nel caso di varietà antiche.
Nel frattempo, e probabilmente anche dopo, non si potrà più definire la scuola, come una struttura impegnata per la valorizzazione della biodiversità.
Considerare vecchio e bisognoso di riqualificazione il frutteto costruito attraverso 25 anni di ricerca sul territorio, significa paragonare il suddetto frutteto ad un impianto frutticolo moderno costituito da piante della stessa specie,età e varietà, con una vita media di 10-20 anni a seconda delle specie.
Le considerazioni sulla durata delle piante di varietà antiche sono complesse, si ricorda che in Regione esistono e sono catalogati esemplari di pero centenari.
Se è vero che qualche decina di esemplari ha più di 20 anni, che alcuni alberi sono malati e che la manutenzione è migliorabile, bisogna considerare che la maggior di essi ha un età molto lontana da quella di senescenza e sono in buono stato, ma soprattutto che lo scopo del frutteto, non è meramente produttivo, ma è quello di conservare la biodiversità e di costituire una collezione da mostrare a chi visita la struttura o le “mostre sulla biodiversità” che tentano di valorizzare il lavoro svolto, che è nel contempo scientifico e culturale.
L’edificio della nuova scuola, sia perché il Bocchialini è impegnato sul tema della sostenibilità, sia perché si tratta di una struttura educativa, dovrebbe essere all'avanguardia dal punto di vista energetico (casa passiva) e dell’uso dei materiali (per esempio struttura in legno, tetto a falde, materiali coibenti di derivazione naturale, impiantistica innovativa).
Viene invece fatto un intervento edificatorio in un'area complessiva che è prevalentemente agricola e ciò potrebbe spingere per una riclassificazione delle aree circostanti con la possibilità di operazioni speculative.
L’impatto della mobilità sull’inquinamento e sul traffico aumenterà perché la zona non è facilmente raggiungibile a piedi o in bicicletta come avviene per l’attuale sede; da qui la necessità di spostamenti con l’auto privata per alcuni alunni e per il personale della scuola.
L’adeguamento del sistema di trasporto pubblico necessario per quegli studenti che arrivano da fuori Parma, porterà comunque a svantaggi per gli studenti, con possibili ripercussioni sul numero di iscritti.
La scelta non può essere dettata solo da considerazioni economiche, pur nelle difficoltà dei tempi nei quali viviamo.
La Provincia dovrebbe ripensare la scelta complessiva aprendo una discussione pubblica sul tema e coinvolgendo i soggetti interessati.

Salviamo il frutteto Stuard
Salviamo la biodiversità

Firmiamo!
http://www.liberacittadinanza.it/sedi/parma/salviamo-il-frutteto-stuard

Intergas Parma
intergasparma@gmail.com
rete di gruppi di acquisto solidale del territorio di parma e provincia

LA REPLICA DELLA PROVINCIA -  “E’ positivo che attorno all’idea di un nuovo istituto agrario ci sia così tanto interesse, perché vuol dire che la comunità vuole partecipare ad una scelta che riguarda il futuro del territorio e dei nostri ragazzi”. A dirlo è l’assessore provinciale alle Politiche scolastiche Giuseppe Romanini che sottolinea come su questa vicenda nessuna decisione formale sia ancora stata presa.
“Siamo nella fase del progetto e l’obiettivo è realizzare una scuola di qualità altamente sostenibile – dice Romanini -  Intendiamo discutere della nuova scuola e della sua collocazione all’Azienda Stuard con tutti quelli che ce lo chiederanno. Ne abbiamo discusso di recente con Legambiente, su loro richiesta, lo stiamo facendo con la scuola in un percorso di progettazione partecipata e intendiamo farlo pubblicamente nei tempi che serviranno. E’ una iniziativa importante, perché consente di incrementare la dotazione di aule e laboratori per tutto il polo scolastico parmense a fronte di un incremento significativo degli studenti.  E’ un impegno oneroso in termini di risorse per una amministrazione pubblica e ci sono tante implicazioni che non si possono limitare al referendum sul frutteto esistente e risolversi con prese di posizione che mi sembrano vere e proprie forzature contro la Provincia.”

NE PARLANO ANCHE I CANDIDATI SINDACO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • angela

    21 Aprile @ 21.57

    Spero non venga distrutta una realtà così bella e importante,per la sola speculazione di politici cementificatori e miopi.

    Rispondi

  • marco

    21 Aprile @ 09.12

    Decisione insensata e DISTRUTTIVA. Destra o sin. non cambia ! I soliti potitici che BRU CIANO LA CASA, PER VENDERSI LA CENERE !

    Rispondi

  • nervoso

    20 Aprile @ 19.11

    lo stuard è bello così ha un frutteto magnifico, romanini cementi il suo giardino

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno