18°

28°

Parma

Riprende la trattativa: i licenziati incatenati davanti al Maggiore sospendono la protesta

Riprende la trattativa: i licenziati incatenati davanti al Maggiore sospendono la protesta
Ricevi gratis le news
9

Ennesima lenzuolata, ieri davanti all'entrata di via Gramsci dell'ospedale Maggiore, dei lavoratori che si occupano del servizio di trasporti all'interno dell'area ospedaliera.  

La vicenda si trascina   dal 2010, quando si era aggiudicato il servizio un'Ati (Associazione temporanea di imprese) costituita da tre   società marchigiane: Croce Italia Marche, Croce Verde Fano e Croce Azzurra Fano.  (...) Finchè nell'ottobre scorso  è intervenuta l'Azienda ospedaliero-universitaria  che ha    pagato ai lavoratori  le somme dovute,  sostituendosi così di fatto, temporaneamente,  al datore di lavoro inadempiente. In quell'occasione la Cgil aveva chiesto la revoca dell'appalto all'Ati e  l'internalizzazione del servizio.
Nei giorni scorsi l'Azienda ospedaliero-universitaria ha deciso diversamente: solo una piccola fetta del servizio è stata internalizzata riassorbendo alcuni dipendenti e l'appalto dei trasporti è stato affidata alle cooperative Pro.Ges e Cidas. Le quali, nella riorganizzazione del servizio che partirà il primo maggio, hanno lasciato a casa 12 lavoratori. «E guarda caso, fra di essi, i quattro delegati sindacali», denuncia Paolo Chiacchio della Filt Cgil, ieri fra i protestatari. «Non comprendiamo  perchè siano stati lasciati senza impiego dipendenti che in alcuni casi hanno tanti anni di anzianità ed erano a tempo indeterminato. E' una scelta senza criteri chiari e condivisibili», dice ancora Chiacchio. I lavoratori, che hanno iniziato la manifestazione  ieri   pomeriggio alle 18 incatenandosi anche al cancello, minacciano di proseguire ad oltranza la protesta. 

E infatti la protesta si è protratta nella notte, per poi proseguire questa mattina.

Altre informazioni nell'articolo sulla Gazzetta di Parma in edicola


LA CGIL ANNUNCIA: "Si RIAPRE IL CONFRONTO"


La solidarietà della Alessandrini (Sel - Parma che cambia):  "Stamattina mi sono imbattuta nelle lavoratrici incatenate ai cancelli dell’ospedale, sostenute dai colleghi che si sono visti privare del lavoro senza preavviso. Tra l’altro sembrerebbe che abbiano saputo del licenziamento tramite voci di corridoio, tranne una delle lavoratrici che non è in servizio per maternità. Tutti i diritti dei lavoratori e della persona sembrano essere stati violanti. Queste donne sono madri single, altri hanno alle spalle famiglie, alcune delle quali in difficoltà. Mi chiedo come è possibile che tutto ciò non venga considerato, com’è possibile che venga meno il rispetto per la persona in quanto tale.Sinistra Ecologia Libertà, con Parma che cambia, vuole dare sostegno a questi lavoratori e alle loro famiglie, impegnandoci a cambiare la situazione attuale, a dar voce a tutte quelle persone che non hanno più questo diritto e dovere
garantito dalla Costituzione sul quale si basa la Repubblica italiana.Nei prossimi giorni si svolgeranno in tutta Italia le celebrazioni per il 1 maggio, Festa dei lavoratori, nella quale occorre ridare forza al lavoro, grazie al quale il nostro Paese può progredire, le persone possono realizzarsi, possono creare una famiglia e dare un futuro migliore ai propri figli. E’ necessario anche sostenere le donne, che, nonostante tutti i movimenti, le proteste che in passato le hanno viste protagoniste, sono ancora escluse dal mercato del lavoro e spesso la maternità risulta ancora una causa di licenziamento. E’ ora di dire basta e superare questi limiti. La situazione attuale non può durare a lungo, diamo forza ad un cambiamento e ad un futuro migliore".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ROBERTO E SABRINA

    30 Aprile @ 16.51

    GRANDE FAELLI NON DARE ASCOLTO A CHI USA LA TASTIERA SOLO PER SCALDARE LE DITA CIAO DANIELE TI SONO VICINO A TE E BIRILLO

    Rispondi

  • Ilaria

    29 Aprile @ 19.19

    Chi lotta per i propri diritti non è mai in torto. Soprattutto se poi al lavoro si dimostra di essere come i 12 licenziati.

    Rispondi

  • FAIO

    29 Aprile @ 14.21

    caro a.c.,sono faelli quello inginocchiato nella foto,ti voglio far presente di una cosa,sono ventanni che faccio questo lavoro,e per undici anni lo fatto come operatore di centrale,che è quello che gestisce i traspori che fa girare titti i pazienti per le visite.e in media erano più di cento cinquanta pazienti che spostavamo con quie sfaticati dei miei colleghi,come li chiami tu.dopo ventanni ti trov senza lavoro solo perchè ai deciso di diventare un delegato sindacale,solo per cercare di avere i miei diritti,mi sembra un pò poco per essere licenziato.e ora di smettere di puntare sempre il dito sui i lavoratori,è ora di pensare che ci sono datori di lavoro che sono delinquenti,e ora che l'operaio si svegli che tiri fuoro la testa dalla sabbia,e non fare come i miei ex colleghi per fortuna non tutti che saputo del Licenziamenti fatti se la ridevano,che non sono venuti nemmeno a portari un caffè per PAURA CHE DI ESSERE VISTI,è CHE GLI VENISSE DETTO QUALCOSA DALLA CIDAS DITTA NUOVA,

    Rispondi

  • Paola Montermini

    29 Aprile @ 12.55

    Gentile A.C., se parliamo di Aziende, non parliamo di questo caso, perché i datori di lavoro di queste persone non sono Aziende ma Cooperative Sociali, e in questo senso dovrebbero avere una politica un po' differente da quella aziendale. Anche se i fatti ci dimostrano ogni giorno che il limite tra le una e le altre si fa sempre più sottile. Non penso di sicuro che si debbano premiare gli sfaticati, o coloro che vivono sul lavoro degli altri, però esistono dei diritti che vanno rispettati. Nello specifico, peraltro, non conosco e non posso giudicare l'operato di questi 12 lavoratori. Di certo so che per mesi hanno dovuto lavorare senza una paga sicura, e una situazione simile non mi sembra un grosso incentivo per nessuno. Credo che il desiderio di avere un lavoro sicuro sia più che legittimo, visto che è ciò su cui si fonda la nostra Repubblica. Il lavoro per appalti è fortemente disincentivante per i lavoratori, perché finisce per non esserci una via diretta tra la produzione spicciola e chi decide quanto investire. In un paese già fortemente burocratizzato finiscono per aggiungersi passaggi farraginosi e anche i contratti a tempo indeterminato non sono una reale garanzia di futuro sicuro.

    Rispondi

  • Giovanni Vettori

    29 Aprile @ 08.43

    Le Aziende sono in crisi e chiudono. Moltissime. Qui si vuole la garanzia del posto a vita e magari garanzia anche a chi non sempre ha dimostrato di essere un lavoratore serio! L'opinione pubblica è STUFA. Non è più tempo. SINDACATO CAMBIA REGISTRO.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Dopo il borseggio sul bus

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat

lutto

Scomparso Mino Bruschi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

MOBILITA'

Pista ciclabile pericolosa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

2commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

A21

Incidente a Piacenza: un morto e tre feriti gravissimi. Due bimbi portati al Maggiore

ROMA

Auto investe pedoni vicino a San Pietro: 4 polacchi feriti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design