18°

Parma

Elezioni in 1' - Proposte e polemiche

Ricevi gratis le news
2

Gli interventi dei candidati sindaco

Priamo Bocchi (La Destra): "L'Imu non è solo una delle troppe, insopportabili tasse che gravano sugli italiani. Nel caso dell'Imu sulla prima casa risulta particolarmente odiosa e iniqua perché va a colpire un diritto primario del cittadino (la casa) e non una fonte di reddito. Inoltre mentre colpisce soprattutto le fasce più deboli della società e tartassa ulteriormente le imprese, gli artigiani e i commercianti, esenta le Fondazioni bancarie. Propongo che, non essendo nelle facoltà del sindaco eliminare l'Imu, si possano almeno applicare aliquote più basse per le fasce deboli a reddito medio basso, e venga tolto ad Equitalia il compito della sua riscossione".

Paolo Buzzi (Pdl): «Purtroppo oggi parlare d’immigrazione e di microcriminalità è quasi scontato poiché in molti casi, una cattiva gestione dei flussi migratori in entrata è alla base di un aumento dei reati di strada: proprio la realtà che stiamo vivendo anche a Parma in questi mesi. Parlare dunque di sicurezza dei cittadini non può prescindere dall’affrontare questo delicato argomento, anche a rischio di essere tacciati di xenofobia. Ma non si può più chiudere gli occhi, come già avvenuto in passato, o arroccarsi su posizioni radical-chic da salotto, per le quali “l’extracomunitario è tanto cool”...».

Roberto Ghiretti (Parma Unita) e la sicurezza: "Parma deve diventare inospitale per chi non vuole rispettare le regole. Dobbiamo partire da Piazzale della Pace: nei primi cento giorni sarà necessario adottare misure draconiane, provvedimenti antibivacco. Nell’immediato dobbiamo rafforzare la presenza degli agenti nei quartieri, ma dobbiamo anche coordinare e distinguere meglio i compiti di Forze dell’Ordine e Polizia Municipale. Inoltre, sottoscrivere un accordo con gli istituti di vigilanza privata: le guardie giurate possono essere infatti un ulteriore presidio. Per un discorso a medio termine occorre intensificare l’impiego di telecamere, da mettere tutte in rete. Se il sindaco sarò io, mi impegnerò a stare in mezzo alla gente; andrò una volta al mese nei quartieri”.

Federico Pizzarotti (Movimento 5 Stelle): "E' arrivato il momento di osare, di dare una svolta vera a questa città. Parma è annichilita dalla politica delle parole, spesso vuote, spesso utilizzate a sproposito.C'è bisogno di fatti, concreti, visibili, palpabili, riconoscibili.
Il 6 maggio questa possibilità di cambiamento è messa nella mani dei parmigiani.Nelle mani dei giovani perché sono il nostro futuro. Ma anche nella mani dei giovani di ieri, che siamo sicuri sono disillusi e senza speranza, non credono più alla possibilità di un cambiamento vero. Parma fino ad oggi ha sempre sbattuto la porta in faccia ai cittadini attivi, quelli che non si accontentano degli spot televisivi e di cartelloni patinati, ma si impegnano ogni giorno per andare a fondo ai problemi. Noi siamo pronti a metterci la testa e il cuore".

 

 

Roberta Roberti (Parma Bene Comune): "La drammatica situazione di Banca Monte è stata causata da una gestione improvvida e opaca dei vertici manageriali e amministrativi, e dalla mancanza di efficaci controlli da parte della Fondazione Monte Parma e delle istituzioni del territorio da questa rappresentate. Intendiamo assicurare il massimo sostegno alle battaglie dei lavoratori di Banca Monte Parma, che in tutti questi anni hanno contribuito a tenere viva la banca, mentre amministratori e manager incapaci la distruggevano. Proponiamo una commissione inter-istituzionale che proceda ad un’analisi precisa e puntuale di quanto avvenuto. E diciamo no all’ipotesi di affittare alla Fondazione parte del Palazzo del Governatore, che è un bene pubblico e tale deve rimanere". 

Gli interventi dei candidati consiglieri

Enrico Carlo Arillo (indipendente PdCI): "Le passate amministrazioni capeggiate da Ubaldi prima e dal duo Vignali-Buzzi poi, hanno lasciato le casse comunali, grazie ad un sistema di scatole cinesi chiamate Partecipate, vuote. Il disavanzo certificato dal Commissario Ciclosi ammonta a oltre 460 milioni di euro: un patrimonio svanito che equivale a 19 Ponti a Nord, a 21910 stipendi annui da 1600€/mese, a 200 scuole pubbliche, a 460 anni di insegnamento pubblico comunale. E'  necessario che la nuova amministrazione prenda decisioni drastiche verso chi è stato responsabile di tale scempio, con azioni di responsabilità per danni:il rimedio più efficace contro gli abusi di chi è stato chiamato ad amministrare la cosa pubblica, la miglior tutela anche per creditori e terzi". 

Hassan Bassi (Parma che cambia): "Dopo lo smisurato consumo di suolo per le nuove costruzioni dobbiamo sfruttare le superfici inutilizzate in un’ottica di risparmio energetico e minore impatto ambientale. Il Comune può promuovere un azionariato popolare anche attraverso l’emissione di Boc per finanziare l’istallazione di pannelli fotovoltaici sulle grandi superfici dei capannoni industriali in accordo con i proprietari. Oltre ad aumentare l’autonomia energetica prodotta da fonti inquinanti, potrebbe costituire un buon investimento grazie agli incentivi del Conto Energia. Sui tetti piatti degli edifici pubblici invece propongo la realizzazione di giardini pensili, sull’esempio di città come Parigi. Questi spazi-dovranno essere gestiti direttamente dai cittadini e dalle associazioni”.

 

Hassan Bassi e Giuseppe La Pietra (Parma che cambia) dopo l'incontro con il magistrato Libero Mancuso per ricordare Pio La Torre: "La sua lezione, a distanza di trent’anni, deve essere un monito anche per Parma: veniamo fuori da 15 anni di mala gestione, che ha visto la città trasformata da moltissime opere incompiute, la cui realizzazione ha dato alla città segnali difficili da interpretare. In molti casi ci sono stati indizi inequivocabili, con il concorso di personaggi “equivoci”, che vanno stigmatizzati: non ci possono essere ombre per chi lavora negli appalti pubblici, che devono essere trasparenti e affidati nel pieno rispetto delle regole. Fino a qualche tempo fa si pensava che parole come mafia e ‘ndrangheta fossero estranee al tessuto economico di Parma: oggi sappiamo che non è vero. Siamo davanti a un sistema e c’è bisogno di un’Amministrazione comunale che faccia la sua parte e si doti di strumenti efficaci che hanno come primo ingrediente la volontà politica di contrastare questi fenomeni, tra i quali l’istituzione di una Commissione antimafia. L’impegno congiunto è quello di garantire trasparenza e legalità a questa città, attivando un controllo attento e sistematico su appalti, per evitare il diffondersi della corruzione, che a oggi è il principale veicolo di infiltrazioni mafiose”.

Francesco Camattini (indipendente Pd): "La questione Cultura a Parma è anche una problema di definizione. Se i cittadini, infatti, non possono incidere in alcun modo o contare o decidere, se non riconosciamo che la Cultura  è passibile di governo partecipato, allora la sottraiamo alla sua vocazione di patrimonio di tutti. Dobbiamo pensare a quale mezzo di trasporto “sostenibile” sia in grado di  portarci tutti assieme a costruire una cultura partecipata e di rete. Il processo ridefinisce il prodotto  e allora forse i grandi eventi e gli sprechi verranno eliminati “naturalmente” in un processo virtuoso e condiviso in cui una città sceglie per davvero le priorità. Elemento essenziale è la trasparenza dell’amministrazione e il libero accesso alle informazioni".

 

Laura Cavandoli (Lega Nord): “La realizzazione di una società basata sulla conoscenza attraverso la diffusione delle infrastrutture e dei servizi di telecomunicazione  rappresenta una delle priorità dell’Unione Europea poiché il miglioramento della connettività ad Internet è un passo importante per favorire una rapida ripresa economica. Per garantire a tutti i cittadini, entro il 2010, il 100% di copertura internet ad alta velocità, la Commissione europea ha già stanziato 1 miliardo di euro per sostenere lo sviluppo della connessione nelle aree rurali. Oggi sappiamo che la realtà è ben diversa, non solo nelle aree rurali che contornano la città di Parma ma anche nelle aree più centrali, nonostante la predisposizione di un piano nazionale x il triennio 2010-2013. Noi ci battiamo perché queste promesse vengano mantenute".

 

Ruggero Cornini (Parma Unita): "Mi è parso molto bello che il candidato sindaco Roberto Ghiretti abbia voluto presentare i primi nomi degli assessori di una sua eventuale giunta. Nomi quanto mai qualificati per il ruolo loro assegnato. Stimati professionisti nel loro campo, non certo politici di professione; proprio come Ghiretti e la maggior parte dei suoi candidati consiglieri. Un’ondata di novità in un panorama politico abbastanza ingessato. Altri non hanno avuto il coraggio di farlo. È stata entusiasmante la presentazione dei candidati nel piazzale antistante l’Annunziata avvenuta solo tra gente di Parma, senza l’arrivo dei vari big che nulla hanno a che fare con i problemi della nostra città. Abbiamo bisogno di gente nuova per una Parma nuova”.

 
Roberto Federico (Parma moderata libera solidale): "Da molte settimane sono state poste al Presidente della Provincia Bernazzoli queste  domande: 1)Perché non ha ritenuto suo dovere civico completare il mandato di Presidente della Provincia? 2)Perché non ha comunque ritenuto corretto e doveroso dimettersi nel momento in cui ha accettato la candidatura per l’elezione del Sindaco? 3)Perché non rende noto se, una volta eletto sindaco, si dimetterebbe da Presidente della Provincia? Di fronte a questi quesiti di decisiva importanza il dott. Bernazzoli ha risposto con un silenzio assordante. Intanto ha fatto la campagna elettorale in condizioni privilegiate.A poche ore dal voto, gli riproponiamo tutte le domande finora eluse"..


 
Mario Guidetti (Per Parma progressista socialista laica): "La Corte di Cassazione e la Corte Costituzionale hanno definitivamente stabilito che la tariffa di igiene ambientale si configura come un tributo e non come il corrispettivo di un servizio; ne consegue che il tributo non può essere assoggettato ad IVA. A Parma Iren segnala che sulla TIA 2, l’IVA è dovuta. Peccato che Iren, azienda a controllo pubblico, non abbia(?) oppure abbia superficialmente(?) letto la sentenza della Cassazione. Lo abbiamo fatto noi: il contribuente che intende far valere le proprie ragioni chiedendo il rimborso deve farlo a chi ha emesso la fattura. Noi presenteremo richiesta di rimborso.Presumibilmente Iren risponderà negativamente. A quel punto ci rivolgeremo al Giudice di Pace che, come avvenuto in altre realtà italiane, riconoscerà i nostri diritti".

Michele Pellerzi (Idv): "Negli ultimi 14 anni ogni scelta è sempre stata calata dall'alto, senza alcun confronto diretto o indiretto con coloro, i cittadini, che avrebbero subito tali scelte sulla propria pelle. Risulta, pertanto, di vitale importanza un punto di cui personalmente mi prenderò l'impegno qualora fossi eletto in consiglio comunale: almeno un incontro al mese nei quartieri della città, in particolare nell'Oltretorrente, per recepire idee, proposte, critiche, lamentele, bisogni e necessità, e portare ciò che scaturisce dal dialogo e dal confronto tra consigliere e cittadini in consiglio comunale. Un filo diretto tra consigliere e cittadino. Grazie a questi incontri riusciremo a far sì che il Consiglio Comunale sia la casa di tutti i cittadini."

Giuseppe Tramuta (Parma moderata libera solidale): "Per parlare di sicurezza prioritariamente si deve chiarire quali siano i singoli ruoli di ogni forza in campo; ciò per ottimizzare gli interventi e valorizzare al meglio le singole peculiarità.C’è un primo momento di prevenzione del crimine dove la Polizia Municipale è sicuramente utile. Il controllo assiduo del territorio nei quartieri, in divisa, appiedata o a bordo delle auto, magari con i lampeggianti accesi nelle ore serali e notturne, significa segnalare la presenza delle istituzioni e quindi contribuire a prevenire la micro criminalità. Ovviamente non si chiede alla Polizia Municipale di surrogare la Polizia o i Carabinieri, ma di essere un punto avanzato di queste Forze, perché più formata di altri ad essere in mezzo alla gente".

Gli interventi di partiti e movimenti

Rifondazione comunista: "Vogliamo portare a Parma il sistema Abreu, che consiste nel diffondere la cultura musicale tra i bambini in maniera gratuita ma tenendo un alto livello di professionalità in modo da svolgere un ruolo che sia allo stesso tempo sociale ed educativo. Si tratta di un progetto sociale e musicale messo a punto 32 anni fa in Venezuela da Josè Antonio Abreu e sostenuto e ammirato dai più grandi musicisti del pianeta a cominciare da Claudio Abbado. Ha strappato migliaia di giovani dalle bande criminali. Vogliamo una cultura che non sia elitaria, Vignali in questi anni ha portato avanti una cultura fatta di grandi eventi che si svolgeva nei centri del potere economico mentre noi vogliamo portare avanti una cultura che aggrega, che crea comunità e unità".

 Parma che cambia: "I principi di egualianza e laicità sono tratti comuni a tutte le nostreproposte, le basi per sviluppare le giuste politiche che considerino e valorizzino le differenze. Le nostre proposte concrete sono:- un registro dei diritti: per riconoscere la pluralità di forme di comunione di vit..- uno sportello dei diritti: uno strumento utile e concreto a cui le singole persone possono rivolgersi direttamente.- il testamento biologico, non per essere in contrapposizione con la Chiesa cattolica, ma perché la laicità è una questione morale, di sentimento e insieme di rispetto dei diritti civili delle persone che vivono nella comunità; - Il Garante dei detenuti, un organo di garanzia, in ambito penitenziario, con funzioni di tutela delle persone limitate della libertà personale..
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Adria

    04 Maggio @ 12.56

    Votare Bernazzoli significa dare la spallata definitiva a questa città. Mai avrei pensato di scrivere queste cose contro il PD ma si sa che le Amministrative si giocano sulla PERSONA e non sui segretari di partito. Proprio seguendo la storia di BERNAZZOLI ho compreso il pericolo di ritrovarci in una situazione INSOSTENIBILE, sia per la qualità dell’aria (vi ricordo il valore delle polveri schizzato a 243 (µg/m3) e il numero degli sforamenti-il più alto in Italia- ) sia per il consumo di suolo. Tutti sappiamo che il nostro territorio, da sempre considerato “ricco”, sta soffrendo una speculazione eccessiva; tutto questo si rivolterà contro di noi poiché presto anche le aziende agroalimentari verranno danneggiate da questa perdita di immagine. Non basteranno le “galline di Banderas” per raccontare bugie ai mercati stranieri…. NON PERDIAMO L’OCCASIONE DI MANDARE A CASA COLUI CHE HA COSI’ TANTO CONTRIBUITO A ROVINARE IL NOSTRO TERRITORIO . CHE CI LASCI ALMENO LA NOSTRA PARMA!!

    Rispondi

  • Lorenzo

    04 Maggio @ 12.19

    Pizzarotti uno dei pochi che non approva inceneritore e via emilia bis!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

genova

Crollo del ponte, ferrovia a pieno regime dal 4 ottobre

SPORT

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

BASEBALL

Parma Clima: Yomel Rivera raggiunge i compagni in Arizona

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel