17°

30°

Parma

Tra Casa Pound e antifascisti rissa a bottigliate nel Montanara

Tra Casa Pound e antifascisti rissa a bottigliate nel Montanara
Ricevi gratis le news
68

Bottigliate e sassate, botte con le cinture e i bastoni. E se alla fine il bilancio è solo di un ragazzo con un braccio rotto e qualche giovane con tagli e contusioni è solo per una inspiegabile fortunata coincidenza. «Sono volate bottiglie e pugni, è stata una scena pazzesca», hanno raccontato i testimoni che ieri sera, intorno alle 20, hanno assistito ad una aggressione ai frequentatori del circolo Minerva di via Carmignani, nel quartiere Montanara, da parte di quelli che sono stati indicati come simpatizzanti di Casa Pound.«Li abbiamo visti arrivare da via Ognibene, erano circa una trentina», ha raccontato una testimone. Aggiungendo che stringevano in mano cinture e bottiglie. Subito alcuni dei frequentatori del circolo, molti dei quali appartengono ai circoli antifascisti, sono corsi all'esterno pronti ad affrontare i giovani di destra. E quella che ne è scaturita è stata una vera e propria battaglia.

L'articolo completo di Luca Pelagatti è sulla Gazzetta di Parma in edicola oggi.

ALBERTINA SOLIANI (PD) CHIEDE CHE IL NUOVO SINDACO CHIUDA CASA POUND. La senatrice del Pd Albertina Soliani riferisce di aver visto i giovani insultare una donna e tenere atteggiamenti intimidatori eha chiamato la polizia. I giovani hanno mostrato un atteggiamento aggressivo anche nei confronti della senatrice, di fronte a testimoni. Sul violento episodio di ieri, la senatrice ha annunciato una sua interrogazione urgente al ministro dell'Interno. La Soliani chiede inoltre la chiusura della sede di Casa Pound al nuovo sindaco di Parma, il cui nome uscirà dal ballottaggio di domenica 20 e lunedì 21 maggio.

LA VERSIONE DI CASA POUND: "HANNO CERCATO DI INTIMIDIRCI CON LA VIOLENZA". «E' degenerato in un confronto fisico l’assalto a colpi di bottiglia contro l’auto di un militante di CasaPound Italia scatenato da militanti della sinistra estrema durante l’inaugurazione della sede del movimento appena ristrutturata a Parma. A seguito degli scontri la sede di Cpi è stata perquisita da parte delle forze dell’ ordine, senza che venisse trovato nulla di anomalo». Così Casa Pound ricostruisce i momenti di tensione avvenuti nella serata di ieri, che hanno tra l’altro portato la senatrice Pd Albertina Soliani a chiedere l’intervento della polizia e ad annunciare la richiesta al prossimo sindaco di chiudere la sede di Casa Pound nel quartiere Montanara.

«Ancora una volta dobbiamo constatare l’ignoranza di certe persone - commenta Pier Paolo Mora, responsabile provinciale di Casa Pound Italia Parma - riconducibili a una parte politica ben precisa che ha oltretutto avuto candidati anche alle ultimissime elezioni comunali, e che in tempi di crisi non trovano nulla di meglio da fare se non disturbare con atti violenti l'inaugurazione della sede di un’associazione come la nostra legalmente riconosciuta dallo stato italiano e che ha come unico scopo il miglioramento delle condizioni sociali in Italia come nella nostra città. Oltretutto al termine di una giornata per noi di festa in cui i militanti avevano riso e scherzato tra loro, e si erano complimentati per l’ottimo lavoro svolto nella ristrutturazione della sede». «Hanno cercato ancora una volta di intimidirci con la violenza, mancato questo risultato hanno provato a girare mediaticamente la cosa contro di noi – aggiunge Mora -. Inutile dire che come abbiamo sempre fatto noi continueremo per la nostra strada alla luce del sole. Perché chi è di Casa Pound non si nasconde».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    07 Maggio @ 11.42

    Posto che son sempre stata di sinistra (e da ragazzina decisamente troppo)....chi vorrebbe chiudere le altrui bocche,poichè di pensiero diverso,dovrebbe essere preso a randellate. Rosso o nero che sia,poco conta! Quando i sinistroidi deficenti e i neri deficenti,lo capiranno.....forse sarà troppo tardi!

    Rispondi

  • igor

    15 Maggio @ 02.56

    Sono imbarazzanti le dichiarazioni della soliani, di bernazzoli e di tutti i rossi che leggo in giro. Cioe' parlano dell'aggressione che i ragazzi di CPI hanno fatto al circoli minerva ( cosa sbagliata e da punire, sono il primo a dirlo) pero' non accennano minimamente all'illegalita' che gli anarchici stanno portando nelle strade parmigiane. Perche' erano davanti alla sede di CPI a contestare? Perche' viene permesso loro di fare casini/aggressioni/ violazioni della liberta' personale e nessuno dice nulla? E' uno schifo. Chi sta in alto e' troppo impegnato a tenersi stretta la poltrona, chi sta in basso, e' troppo ignorante per capire che mentre si litiga per una strada, un quartiere o un volantinaggio, i massoni si stanno vendendo l'intera nostra Patria (ed e' una critica rivolta sia a destra sia a sinistra)

    Rispondi

  • marco

    14 Maggio @ 23.08

    http://www.ilmanifesto.it/attualita/notizie/mricN/7354/ In grecia risulta che un poliziotto su due vota il partito neo nazista greco che ha raccolto il 7% dei voti e 22 seggi in parlamento. Una fazza, una razza.

    Rispondi

  • parmantifascista

    14 Maggio @ 17.32

    Sabato 12 maggio: cos'è successo in quartiere Montanara Sabato 12 maggio alcuni gruppi della Parma Antifascista si sono riuniti nel quartiere Montanara, al fianco del Comitato Antifascista, perché, fin dal primo pomeriggio, inaspettatamenente, gli abitanti hanno trovato le vie limitrofe alla sede di CasaPound presidiate da camionette e volanti della polizia; una situazione di militarizzazione che non è sicuramente facile da sopportare e che in quartiere si è già presentata più volte a causa della presenza della sede fascista. Già immaginiamo la prevedibile risposta dei camerati: questo disagio è provocato dalle contestazioni continue della Parma Antifascista; ma se l'antifascismo è un valore riconosciuto dalla Costituzione, altrettanto riconosciuto e legittimo dovrebbe essere il dissenso verso chi si dichiara fascista oggi e la volontà popolare di quanti hanno, sin dalla prima comparsa del gruppo in città, sempre svelato la vera natura dei "fascisti del terzo millennio". Natura che sabato si è finalmente dimostrata nella sua interezza. E' da quando è arrivata la sedicente associazione che il Comitato si è fatto portavoce del disagio dei residenti nel dover sopportare la provocatoria presenza dei fascisti nel quartiere, un quartiere da sempre legato ai valori dell'antifascismo e della condivisione pacifica. Pensiamo che la volontà popolare dovrebbe essere accolta e presa una volta per tutte in considerazione, non risolta con la militarizzazione. Una militarizzazione che tra l'altro ha sempre avuto lo scopo di proteggere chi dovrebbe essere dichiarato fuorilegge. Questo è un primo enorme paradosso: le forze dell'ordine, funzionari di questo stato che si dice antifascista, invece di difendere gli abitanti del quartiere, difendono un manipolo di neofascisti. E' un paradosso, ma non ci stupisce: è una brutta storia che dura dagli anni 70, quella delle simpatie fasciste all'interno dei corpi di polizia e la connivenza con diversi apparati dello stato. Questa consapevolezza ci ha portato ad assumerci la responsabilità di difendere e praticare in prima persona una vigilanza costante per una città libera da forme di fascismo e razzismo; antifascismo e antirazzismo, due valori cardine per una convivenza pacifica e libera tra le persone. Lo spazio concesso ai fascisti in questo senso non è solo vergognoso ma anche provocatorio. Ci preme chiarire che la militarizzazione è iniziata prima dell'arrivo dei rappresentanti del Comitato e che le provocazioni da parte dei fascisti sono iniziate ben prima dell'attacco dei circolo Arci Minerva. Questo è un secondo paradosso: gli abitanti avevano chiesto ai responsabili delle forze dell'ordine di scortare i fascisti fuori dal quartiere al termine della loro iniziativa, al fine di evitare provocazioni in quartiere, per garantire la sicurezza di tutti i residenti. Anche in questo caso, i tutori dell'ordine hanno invece preferito caricare le persone che si stavano riunendo in solidarietà al Comitato Antifascista e permettere ai fascisti di girare liberamente per le vie del quartiere. E qui, smentiamo quanto riportato dalla stampa e dai dirigenti della polizia: le forze dell'ordine non si sono MAI allontanate dal quartiere, avendo sempre la situazione sott'occhio; in via Carmignani, dove vi è la sede del Circolo Arci Minerva, sostavano i funzionari della Digos che hanno permesso ai fascisti, armati di tutto punto (catene, cinghie, tirapugni, cutter, bottiglie...) di arrivare fino a pochi metri dal circolo. Non è assolutamente accettabile che le forze dell'ordine abbiano permesso l'attacco di un locale pubblico di quartiere, mettendo in pericolo gli avventori e tutti gli abitanti della via. L'attacco è stato respinto sia dagli antifascisti ancora lì presenti che da molti ragazzi del Circolo Arci Minerva, a cui diamo tutta la nostra solidarietà. Questa resistenza ha impedito che i fascisti arrivassero nel locale e ha tutelato tutte le persone che, impaurite vi si erano rifugiate all'interno. Ci dispiace che l'ospitale Circolo Arci abbia dovuto sopportare una simile situazione, e nei prossimi giorni ci attiveremo per qualsiasi necessità di cui il circolo abbia bisogno. Durante questo attacco, i dirigenti lì presenti si sono semplicemente limitati ad osservare la scena; le camionette e i celerini sopraggiunti dopo, si sono schierati DIETRO i fascisti, preparandosi ad attaccare chi invece stava di fatto difendendo il circolo. Lo schieramento dei celerini ha ovviamente fatto arretrare tutte le persone a difesa del circolo. E non è tutto: con rabbia abbiamo osservato tutti i poliziotti farsi da parte per concedere la libera via ai fascisti che si sono allontanati con le mani alzate, si, ma ancora armati di tutto punto. Per questo ci chiediamo che senso abbia la perquisizione della sede dei fascisti all'una di notte, quando i responsabili dell'attacco erano a due passi dai poliziotti mentre lo portavano in atto. Si tratta chiaramente di un pro-forma, che non serve però a giustificare l'operato delle forze dell'ordine. Le forze dell'ordine dovrebbero scusarsi con i gestori del Circolo Minerva e con l'intero quartiere per questa gestione connivente della giornata di sabato. Molti residenti hanno visto sotto i loro occhi cosa è successo e l'intero andamento dei fatti in via Carmignani; l'unica cosa che può consolarci è che agendo in questo modo i fascisti si sono svelati interamente per quello che sono e non hanno fatto che inimicarsi ancora di più il quartiere Montanara e l'intera città. Vista la gravità di quanto accaduto, nei prossimi giorni saranno prese tutte le iniziative per denunciare l'attacco fascista, la vergognosa gestione della polizia e per fare in modo che si arrivi una volta per tutte alla chiusura definitiva della sede fascista. Parma, 14 maggio 2012 Parmantifascista

    Rispondi

  • filippo

    14 Maggio @ 12.34

    carlèt@ infatti se tu vai nella nord del tardini sono tutti fascisti ... dai la.... non saranno bravi ragazzi quelli di casa pound ( presumo perchè non ne conosco nessuno) ma non sono bravi ragazzi neanche quelli che militano nella raf ( e qui ne conosco parecchi , e conosco anche parecchi commercianti che hanno avuto problemi con questi ultimi visto che piu volte hanno rovinato palazzi, vetrine, saracinesche con i loro volantini).... cmq stiamo parlando di ragazzi che quel periodo l'anno visto solo tramite i libri di storia (forse)

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Parma-Cagliari 1-0: dopo il gol annullato, il "solito" Inglese si prende la rivincita Foto

SERIE A

Parma-Cagliari 1-0: dopo il gol annullato, il "solito" Inglese si prende la rivincita Foto

Segui gli aggiornamenti in tempo reale

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

3commenti

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

15commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

IMPERIA

Frontale fra un'auto e una corriera: due morti a Bordighera

TRAGEDIA

Vigile del fuoco precipita da 7 metri e muore ad Ancona Video

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"