17°

28°

Parma

Le domande degli ingegneri ai due candidati

Ricevi gratis le news
0
1 STRATEGIE FUTURE E OCCUPAZIONE
La categoria degli Ingegneri è fortemente rappresentata a Parma, sia per la presenza di liberi professionisti ma anche e soprattutto di ingegneri che operano all’interno dell’industria e della pubblica amministrazione (oltre 1800 iscritti a Parma); nel contempo la facoltà “sforna” ogni anno un grosso numero di giovani laureati in attesa di occupazione o future “partite IVA” coatte.
Quali politiche si pensa di mettere in campo per salvaguardare l’occupazione e la professione anche per chi la svolge da decenni ? 
E quale “futuro” per i giovani e per i neolaureati ?
 
2  ECONOMIA
Tecnicamente come pensate di avviare e portare avanti un processo di risanamento del debito di Comune e partecipate, e quale tipo di impegno e sacrificio (sul fronte delle tasse, dei servizi, dei rifiuti, ecc. ) intendete chiedere ai cittadini per restituire a Parma veri progetti per il futuro e vera credibilità?
 
3  SOCIALE
Parma è una città che si è sempre contraddistinta per avere un modello avanzato di politiche socio-assistenziali, anche in termini di idee e di sperimentazione.
Le proiezioni demografiche forniscono previsioni di sempre maggiori richieste in questo senso.
Come pensate possano essere salvaguardate queste politiche e questi alti standard di servizi, e con quali risorse ?
 
4  CULTURA
Pensate di attivare un circuito culturale (Teatro Regio/Festival Verdi/Mostre/Contenitori culturali in genere) che possa fornire nuova linfa all’economia locale in termini di capacità di attrazione turistica e di ricaduta commerciale ?
Se si, dove troverete le risorse ?
 
 
5 AMBIENTE
La campagna elettorale ci ha più volte posto di fronte a posizioni diversificate e spesso contrapposte riguardo allo smaltimento dei rifiuti: termovalorizzatore/ rifiuti zero.
Superando le note posizioni dei due candidati, vorremmo chiarezza su quali misure si pensa debbano essere attivate fin da ora per poter determinare con certezza l’uscita dalla necessità di incenerire i rifiuti (non possiamo, infatti, ripetere l’errore del nucleare negato senza un contemporaneo avvio di un programma di ricerca e sperimentazione verso energie alternative) ?
La differenziata “spinta” rappresenta l’unica soluzione? 
E i cittadini di Parma sono disposti a condividerne disagi e costi ?
 
 
6 TERRITORIO – PIANIFICAZIONE
Come voi certamente sapete il PSC fatto nel 2007, ricomprende tutte le linee guida strategiche dello sviluppo territoriale dei successivi 15 anni (domanda e bilancio del consumo di suolo). 
E’, invece, attraverso il POC, strumento di validità quinquennale che può essere determinato un sostanziale cambio di rotta da parte del Sindaco eletto. 
Pensate di ridefinire il   POC  impostando nuovi bandi su criteri di concorsualità, di trasparenza e di premialità (anche nel senso della qualità  progettuale e “paesaggistica” dell’intervento) che trovino una forte concorrenzialità nell’offerta delle aree, minimizzando la rendita fondiaria?
Per quanto attiene al presunto esubero dell’offerta rispetto alla domanda abitativa, sarebbe importante conoscere da voi quale sarà il posizionamento strategico della città tra 5 anni e quali  saranno le azioni di marketing territoriale volte ad incrementare la capacità di attrazione dell’area?
 
7 EDILIZIA
La condizione congiunturale attuale impone di intercettare tutte le risorse private disponibili rendendo immediatamente operativi i piani e i progetti già inoltrati, contribuendo così ad attivare appalti e risorse su quelle attività che da sempre hanno costituito la leva delle nostre economie.
Siete in grado di garantire un intervento radicale sulla burocrazia che impedisce, nella maggioranza dei casi, una rapida conclusione dell’iter procedurale di tutti i Piani Attuativi oggi giacenti negli uffici vanificando ogni previsione temporale di attuazione? Come?
 
8 POLITICHE  DI RIQUALIFICAZIONE URBANA
Con la L.R. n. 6/2009 è tornata prepotentemente alla ribalta la politica del “riuso” dell’esistente e della riqualificazione urbana. Superando posizioni semplicistiche e di facili proclami (il fallimento del “Piano Casa” del governo Berlusconi ne è recente testimone), tenendo conto della grande difficoltà operativa derivante da normative che mal si adattano (o meglio non si adattano affatto) al riuso di immobili esistenti (sismica ed energetica sopra a tutte), come pensate tecnicamente di attivare questo processo auspicato da tutti da decenni, ma mai tradotto in fatti?
Per gli interventi fin ora realizzati, la differenza del valore finale dell’ immobile ristrutturato rispetto ad uno di nuova costruzione era in buona parte assorbita dalla miglior localizzazione rispetto al centro città.
La grave crisi economica e di liquidità in atto, difficilmente aprirà un mercato gravato da costi (ripetiamo soprattutto il costo iniziale del bene da riutilizzare) superiori a quelli attuali, già eccessivi in rapporto alle capacità di spesa.
Non essendo praticabili riduzioni derivanti da azzeramenti del costo degli oneri di urbanizzazione (unica risorsa attuale dei Comuni), peraltro non certo sufficienti a colmare il divario (100/200 €/mq contro 1000/2000 €/mq di costo iniziale), quali meccanismi di premialità pensate possano essere attivati ?
 
9  POLITICHE ENERGETICHE
Le politiche di incentivazione delle energie alternative stanno modificando sostanzialmente il modello della città che da grande digestore di energia diventa anche un produttore fortemente frantumato.
Il regolamento energetico comunale prevede oggi dei meccanismi di incentivazione legati a premi volumetrici, molto appetiti negli anni scorsi ma ormai praticamente privi di valore.
Occorre un immediato cambio di rotta! Avete in questo campo proposte di meccanismi di incentivazione che inducano il privato a sostenere i maggiori costi iniziali ?
 
10 OPERE PUBBLICHE
Dobbiamo considerare concluso il tempo delle “grandi opere”, “delle grandi società di trasformazione urbana”, delle “archistar” mordi e fuggi? 
Possiamo pensare a un programma di manutenzione e implementazione dell’intero sistema, di razionalizzazione della viabilità, di realizzazione di scuole e asili, che possa garantire il mantenimento della qualità dell’abitare a cui Parma ci ha abituato? 
In che modo pensare di garantire il mantenimento della qualità che ha e ha avuto, ripercussioni positive sui valori immobiliari, sul commercio, sulle attività culturali, e, in generale sul nostro modo di vivere la città?
Anche dal punto di vista occupazionale un approccio di questo tipo suddiviso su una molteplicità di progetti e interventi, rappresenterebbe un utile contributo al rilancio delle imprese e dei professionisti locali.
Condividete questa impostazione che riporta alla ribalta un settore lavori pubblici operativo, o si pensa di continuare decentrando queste attività verso società di scopo ?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Giulia: «Volate oltre l'odio»

La Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

Assistenza pubblica

Trent'anni di automedica

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma calcio

D'Aversa promuove Gervinho: "Per Parma fa la differenza" Video

viabilità

Domani chiuso il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati Video

PARMA

Gervinho, che gol!

Fontanellato

Bocconi avvelenati a Parola: due cagnoline salvate in extremis

ricerche in corso

Albareto, soccorsi attivati per un altro fungaiolo disperso

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

12 TG PARMA

Controlli dei carabinieri in piazza della Pace, un 34enne arrestato Video

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

1commento

SPORT

Pallavolo

L'Italia perde con la Russia al quinto set, ma è già in final-six Foto

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

SOCIETA'

gazzareporter

Quando il fungo pesa 2,5 kg...

Ivrea

"Vorrei vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma vicino alla spiaggia

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"