18°

28°

Parma

GCR: Isole ecologiche. Un'idea da migliorare

GCR: Isole ecologiche. Un'idea da migliorare
Ricevi gratis le news
7

Comunicato stampa

Sono quattro a Parma i centri di raccolta rifiuti, dislocati in via Bonomi (Crocetta), via Toscana, via Barbacini (Moletolo), via Langhirano.

Si tratta di aree recintate, gestite da un operatore, che consentono ai cittadini di portare materiali di scarto anche ingombranti, oggetti che possono essere così indirizzati al corretto circuito di recupero, senza finire allo smaltimento.
I centri di raccolta sono stati pensati come valida opportunità per i cittadini di disfarsi in modo corretto di rifiuti che non possono essere accolti nel normale circuito urbano (stradale o porta a porta) a causa delle loro dimensione e/o delle loro caratteristiche.
Ad esempio ai centri di raccolta vanno portati i rifiuti elettronici come computer, stampanti, elettrodomestici, pile, batterie, oppure mobili, sfalci di potatura, cartoni ingombranti, vernici ed altri rifiuti pericolosi che potrebbero fare un grosso danno se abbandonati nell'ambiente o riversati nei normali cassonetti dell'indifferenziato.
La doppia finalità di questi centri, evitare l'abbandono e recuperare materiali nobili, viene così centrata, sempre che tutto venga organizzato e gestito nel migliore dei modi.
Purtroppo capita nell'esperienza quotidiana di aver avuto modo di verificare alcuni malfunzionamenti, che mettono a rischio l'efficacia e l'effettivo incremento del recupero/riciclo di materia.
Succede infatti che tra i cassoni presenti in queste aree, quello maggiormente utilizzato e pieno sia sempre quello dell'indifferenziato, che spesso e volentieri è anche indicato come destino scacciapensieri per liberarsi di dubbi e incertezze sulle reali e corrette destinazioni dei materiali conferiti.
Anche la gestione degli accessi non sembra essere proprio una regola ferrea visto che è capitato di consegnare merce senza alcuna registrazione, osservando un via vai che non può certo corrispondere ad una ordinata consegna e controllo.
I centri di raccolta sono infine orfani dell'ultimo importante passaggio per chiudere correttamente la filiera della riduzione e della prevenzione dei rifiuti: i centri di riuso.
Presenti soprattutto in realtà americane come San Francisco, questi grandi capannoni costituiscono l'ossatura importante di un meccanismo di attenta valutazione di tutto ciò che viene scartato, perché nella maggior parte dei casi i materiali destinati al fine vita sono ancora in grado di svolgere le loro mansioni e possono proseguire la loro vita utile ancora a lungo.
C'è bisogno quindi di implementare i centri di raccolta con centri di riparazione e riuso, dove l'usato possa a sua volta essere ricollocato e venduto, costituendo non solo un risparmio in termini di costi di smaltimento, ma anche un'impresa che genera utili e proventi per la casse pubbliche.
Molti oggetti scartati hanno tutte le caratteristiche per essere nuovamente utilizzati, magari con una semplice messa a punto o piccola riparazione. E' questa una nicchia di mercato oggi svolta in massima parte dai privati, con i mercatini dell'usato sparsi per la città, che svolgono anch'essi una utile funzione di parcheggio e riutilizzo di oggetti, altrimenti destinati allo smaltimento ed a costi ulteriori per la collettività.
Sviluppare la gestione del fine utilizzo di oggetti e cose del nostro quotidiano permette una importante azione di risparmio, economico per la collettività ma anche di risorse, perché riutilizzare un oggetto consente di evitare il circuito della produzione, che trae origine sempre dal recupero in natura di materia prima.
I centri di raccolta devono diventare non il destino finale delle merci scartate, ma un crocevia nel quale viene analizzata puntualmente ogni merce, per destinarla al suo più corretto canale.
Un vantaggio che tocca tutti quanti, dai cittadini che depositano a quelli che possono usufruire del mercatino dei riuso, risparmiando fortemente sull'acquisto dei beni e aiutando le casse pubbliche nel difficile compite del reperimento di risorse.
 
Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR
Parma, 18 giugno 2012
 
Sono passati 749 giorni dalla richiesta a Iren del Piano Economico Finanziario dell'inceneritore di Parma
 
Sono passati  43 giorni dal previsto avvio dell'inceneritore: avrebbe dovuto accendersi il 6 maggio 2012
 
Sono passati 28 giorni dal referendum sull'inceneritore: i cittadini hanno detto no al forno
 
Dal 1° maggio 2012 piatti e bicchieri di plastica potranno essere conferiti nella raccolta differenziata della plastica (bidone giallo) grazie a nuovi accordi ANCI-CONAI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Claudia

    20 Giugno @ 23.41

    Ritengo che la raccolta differenziata sia importante e cerco di farla con cura, mi è capitato in questi anni diverse volte di andare nei isole ecologiche se avevo rifiuti ingombranti, soprattutto in via Bonomi: le ultime volte ho trovato persone piuttosto maleducate che, dopo aver chiesto prima della sbarra in malo modo cosa dovevamo scaricare, per ogni cosa ci hanno detto dove metterla, poi hanno aperto la sbarra e, senza chiedere il tesserino nè pesare l'auto carica e poi vuota come in precedenza, ci hanno lasciato fare tutto a noi, mentre loro se ne stavano seduti vicino all'ingresso e da là ci urlavano se secondo loro sbagliavamo.... penso che quando delle persone lavorano con il pubblico, un po' di educazione in più non basterebbe! E che se forse gli ingressi fossero gestiti diversamente, e gli operatori addetti lavorassero come è loro dovere, i recuperi forse verrebbero fatti meglio, e le persone sarebbero più incentivate a consegnare i rifiuti alle isole ecologihce, Oltre tutto, se gli oggetti da scaricare sono pesanti, ci si deve arrangiare da soli, mentre loro se ne stanno seduti.... Qualche anno fa mi era capitato una volta di andare in via Barbacini e sicuramente lì si erano comportati diversamente, non so ora.

    Rispondi

  • Francesco

    20 Giugno @ 12.29

    ADESSO CHE AVETE DATO LORO IN MANO IL COMUNE DI PARMA (Katharnafilos è una controfigura....) QUELLI DEL GCR FANNO UN COMUNICATO-STAMPA TUTTI I GIORNI, COME IL QUIRINALE.........

    Rispondi

  • Francesco

    20 Giugno @ 12.26

    SIGNOR SABCARRERA, SE DICE CHE IN CITTA' NON LO FANNO , VUOL DIRE CHE GIRA POCO..............Più o meno sappiamo anche chi sono, ma non possiamo dirlo, per non essere accusati di razzismo, esterno , ed...................interno...........

    Rispondi

  • sabcarrera

    20 Giugno @ 10.55

    Da migliorare è la testa degli italiani. Si vedono frigo, TV ecc abbandonate lungo le strade di campagna, una bottiglia di plastica, di vetro o barattolo gettati dalle automobili ogni 10 metri di strada. Strano che non lo facciano in città. Forse la paura di essere visti. Poi si va a cercare il sindaco come capro espiatorio.

    Rispondi

  • Paolo C.

    20 Giugno @ 08.55

    Se è per questo, sono passati 28 giorni dall'elezione del Sindaco, e costui non ha ancora completato la Giunta. Come dite? Sta valutando i curricula? Ah, beh, quand'è così... le marmotte confezionano la cioccolata...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"