17°

28°

Parma

Le fontane ornamentali? Sono a "secco"

Le fontane ornamentali? Sono a "secco"
Ricevi gratis le news
2

Gian Luca Zurlini
Altro che acqua pubblica: in questi giorni di gran caldo estivo chi vuole dissetarsi all'interno del Parco Ducale ha una sola possibilità, vale a dire rivolgersi al chiosco centrale o a uno degli altri bar per comprare acqua o bibite.  E questo perché dallo scorso inverno tutte le fontanelle pubbliche del Giardino, fra  cui anche le due «storiche»,  sono rimaste «all'asciutto».  Una situazione incredibile, che tra l'altro si ripete anche in altre aree verdi della città, come ad esempio il parco Falcone Borsellino di via Mantova.
In città fontane «a secco»
La situazione del Parco Ducale è l'emblema del quasi totale abbandono in cui si trova la manutenzione del patrimonio comunale da ormai diversi mesi.  E la gestione delle fontane è proprio una delle principali «vittime» della politica dei risparmi attuata dal commissario Ciclosi, ma anche di una burocrazia interna al Comune che si è ormai talmente complicata da non capire più quale struttura sia competente e per che cosa. E così è successo che nello scorso inverno tutte le fontane ornamentali  e buona parte di quelle «dissetanti» sono state chiuse. La motivazione è stata duplice: evitare i rischi collegati al gelo stagionale, ma anche ottenere un risparmio per le casse comunali dovuto sia al minor consumo di acqua che alla non necessità di manutenzione. A quella decisione, però, con il ritorno della bella stagione non ne è seguita nessun altra di ripristino del funzionamento e così si è arrivati a oggi con una città come Parma che di fatto vede ridotti a vasconi di cemento inanimati tutte le fontane ornamentali urbane realizzate nel corso degli anni e con ancora numerose fontanelle dalle quali non è possibile abbeverarsi.
Quelle vasche tutte all'asciutto
Al di là dell'eventuale risparmio nei costi di gestione, è però assolutamente desolante l'immagine che Parma offre di sè in questa estate 2012 ai suoi abitanti e a chi arriva da fuori. In piazza della Pace, le vasche in cui si dovevano «riflettere» i pioppi cipressini per volontà dell'architetto Botta sono desolatamente senz'acqua e i sassi del fondo vengono spesso prelevati per essere tirati sul prato. Ovviamente non funziona più neppure il reticolo di canali attorno alla piazza, ma quel che è più grave è che il prato è ormai ridotto a una distesa giallastra, dove l'erba solo in qualche punto è rimasta verde in quanto anche l'impianto di irrigazione da tempo non entra più in funzione.   A  Barriera Repubblica la fontana con alti getti voluta una decina di anni fa dall'allora sindaco Elvio Ubaldi al momento della realizzazione della rotatoria è uno «scheletro» senz'anima con alcuni rifiuti all'interno. Stessa desolante situazione per le «vasche» con zampilli colorati di Barriera Garibaldi: spente le fontane, ormai fuori uso da tempo le luci e i vasconi ridotti a cestini contenitori di rifiuti.  Triste anche la situazione a piazzale Santa Croce, dove la scultura di Pietro Cascella donata alla città dalla Barilla ha ormai rinunciato al corredo della fontana che si trova al suo centro. E, per limitarci alle principali «vasche» della città, «a secco» sono anche quelle che si trovano in piazzale Pablo e piazzale Lubiana, oggetto negli anni scorsi di ristrutturazioni di cui le fontane dovevano essere il fiore all'occhiello e invece oggi sono il «punto morto». E senza vita e senza luce è anche lo zampillo che sgorgava fino ad alcuni mesi fa al centro della rotatoria di Strada Elevata.
Trianon, piante invece che acqua
Tornando al Parco Ducale, va poi segnalata l'indecorosa situazione della storica fontana del Trianon. Qui la «siccità» risale ormai a diversi anni fa, ma fa male al cuore vedere che dove un tempo c'era una rigogliosa e spettacolare cascata d'acqua adesso è cresciuta una «foresta» di arbusti che copre alla visione dei frequentatori del Giardino anche la struttura scultorea restaurata nel 2001. Un esempio di incuria totale cui si potrebbe porre rimedio anche solo con un semplice taglio degli arbusti e che è l'emblema di una città che sembra di tutto per meritarsi nuovo quell'appellativo di  «città senza amore»  con cui l'aveva definita il giornalista parmigiano Pier Maria Paoletti negli anni Ottanta proprio dalle colonne della «Gazzetta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimo

    25 Giugno @ 18.22

    Ubaldi diceva che erano a costo zero perché l'acqua riciclava. Aveva omesso di dire però che per pulire i filtri ci vogliono centinaia e centinaia di metri cubi di acqua corrente e qui vanno a finire i soldi... A Iren naturalmente.

    Rispondi

  • marco

    23 Giugno @ 17.59

    Si sa fin dall'inizio che le nuove fontane vengono fatte per aumentare il costo dei lavori e del PROGETTO... fin dalla prima fontana di Ubaldi a barriera Garibaldi, si vedeva benissimo che erano senza senso, di pessima progettazione e impossibile manutenzione, DESTINATE a rimenere a secco.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

MUSICA

Da Dua Lipa al figlio Matteo: un album ricco di duetti per Andrea Bocelli

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale

Ecco i progetti annunciati dal Comune

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

INCIDENTE

Ciclista investito in via Langhirano

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

MOBILITA'

In bici sulla pista ciclabile numero 4, tra buche e lampioni

6commenti

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

PARMA

Ponte Romano, sopralluogo in vista dell'inaugurazione Foto

calcio

Riecco Ciciretti

STORIA

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

3commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

ITALIA/MONDO

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

CULTURA

E' morta Inge Feltrinelli, aveva 87 anni

SPORT

Calciomercato

Inter, vicino il rinnovo di Icardi

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

SOCIETA'

McDonald’s

Il Big Mac compie 50 anni: nacque dall'idea di un italoamericano

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

5commenti

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design