18°

28°

Parma

Come fermare l'inceneritore: il Movimento 5 Stelle presenta una mozione in Comune

Come fermare l'inceneritore: il Movimento 5 Stelle presenta una mozione in Comune
Ricevi gratis le news
42

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle Marco Bosi ha depositato la mozione d'indirizzo per impegnare la Giunta ed il Comune a intraprendere il cammino per superare l'inceneritore di Ugozzolo, puntare sulle alternative e rispettare così il voto del Parlamento Europeo del 20 aprile 2012 che prevede il "divieto di combustione di qualsiasi materiale riciclabile o compostabile". Lo ha reso noto il Movimento 5 Stelle con un comunicato.
Il sindaco Federico Pizzarotti e l'assessore all'Ambiente Gabriele Folli condividono il contenuto della mozione presentata da Bosi.

L'INTERVENTO DI BOSI. "La mozione descrive tutti i passi necessari da compiere nei prossimi mesi - spiega Marco Bosi - ed è nata dal confronto con tecnici di valore internazionale e tra i tanti ne citiamo alcuni: Enzo Favoino esperto della Scuola Agraria del Parco di Monza che collabora con l'Unione Europea, Walter Ganapini, membro onorario del comitato scientifico dell' Agenzia Europa dell'Ambiente, Raphael Rossi, esperto di raccolte differenziate porta a porta". "Chiediamo alle altre forze presenti in consiglio comunale di contribuire al dibattito per superare senza se e senza ma il sistema d'incenerimento e lo smaltimento in discarica puntando sulle alternative" conclude Bosi.

PIZZAROTTI E FOLLI: "LA PROPOSTA FISSA I PASSI DA COMPIERE, GUARDANDO ALL'EUROPA".  Presa di posizione del sindaco di Parma Federico Pizzarotti e dell'assessore all'Ambiente Gabriele Folli circa la mozione d'indirizzo sui "rifiuti zero" presentata dal capogruppo in Consiglio comunale Marco Bosi. "La proposta avanzata dal capogruppo del Movimento 5 Stelle Marco Bosi in tema di rifiuti trova la nostra piena condivisione - dicono sindaco e assessore attraverso un comunicato -. Fissa con chiarezza, guardando all'Europa, quali sono i passi da compiere da parte della nostra ed altre amministrazioni della provincia di Parma. Passi necessari per fermare l'inceneritore, riconvertire il cantiere e puntare sulle alternative. Lo spirito e le proposte di questa mozione rispettano le linee programmatiche della nostra amminsitrazione oltre che le linee guida dell'Unione Europea. Parma sede dell'Authority Alimentare Europea punta a rimanere nell'Europa dell'ambiente e dell'innovazione. Una volta approvati gli atti necessari in Consiglio Comunale, è nostra intenzione chiedere un incontro con le autorità europee per presentare all'UE le linee guida della nostra città in tema di corretta gestione dei rifiuti. Ci auguriamo che tutti gli altri eletti nelle istituzioni contribuiscano al dibattito in maniera costruttiva per puntare insieme ad una Parma Rifiuti Zero. Questo è un cammino che tutela tutti, anche gli interessi futuri della stessa multiutility Iren Spa, oltre che del tessuto sociale e produttivo di Parma.
Lo è, perché è un cammino che guarda al futuro.Un cammino scritto democraticamente dai cittadini, perchè rispetta l'esito del voto espresso in data 20-21 maggio 2012".
 

IL TESTO COMPLETO DELLA MOZIONE DI BOSI. Ecco il testo della mozione su rifiuti e inceneritore:
 

MOZIONE

Il Parlamento Europeo in data 20 aprile 2012, ha approvato a stragrande maggioranza la relazione “sulla revisione del sesto programma d’azione in materia di ambiente e la definizione delle priorità per il settimo programma”. Con questo voto il Parlamento Europeo, espressione democratica e popolare dell'Unione Europea, sollecita la Commissione europea a proporre al più presto il Settimo programma di azione ambientale dato che l'edizione attuale (il sesto) scade nel mese di luglio 2012.

In tema di rifiuti, il Parlamento Europeo con questa relazione ha chiesto  alla Commissione Europea “una migliore applicazione della vigente legislazione comunitaria sui rifiuti ed obiettivi più ambiziosi di prevenzione, riutilizzo e riciclaggio, tra cui tra cui una netta riduzione della produzione di rifiuti, un divieto di incenerimento dei rifiuti che possono essere riciclati o compostati, con riferimento alla gerarchia prevista nella direttiva quadro sui rifiuti e un divieto rigoroso di smaltimento in discarica dei rifiuti raccolti separatamente”

Allo stato attuale dell’arte tramite le tecniche di riciclo, selezione, trattamento meccanico e biologico, estrusione, compostaggio praticamente tutti i rifiuti urbani  possono essere riciclati o compostati rendendo lo smaltimento in discarica minimale e progressivamente decrescente,  e l'incenerimento superfluo ed anti-economico.

Il voto del Parlamento Europeo chiarisce ulteriormente come il futuro della corretta gestione dei rifiuti non può essere rappresentato né dallo smaltimento in discarica e né dall'incenerimento dei rifiuti anche con recupero di energia. Queste risoluzioni del Parlamento Europeo, sia sul piano ambientale che quello economico, indicano come ricorrere a costosi investimenti per costruire inceneritori che verranno sicuramente messi fuori mercato nei prossimi anni, quando non lo sono già attualmente in assenza di contributi pubblici, significa sprecare importanti risorse pubbliche.

A conferma di tali indicazioni e prospettive economiche c’è la recente notizia che la multiservizi tedesco-olandese dell’energia e dei servizi E.ON ha deciso di vendere i propri diciotto inceneritori i cui costi di gestione aumentano sempre di più a fronte della riduzione dei rifiuti e dell’aumento esponenziale della raccolta differenziata in paesi come la Germania ed i Paesi Bassi. La società E.ON, come conferma una recente nota d’agenzia della Reuters del 6 giugno 2012, non ha ancora trovato acquirenti sul mercato a cui vendere i propri inceneritori. Dal punto di vista della produzione energetica in Germania solo l’1% dell’energia è prodotta tramite combustione dei rifiuti, confermando la marginalità di tale opzione rispetto ad altre fonti.

Parma è sede dell’Authority Alimentare Europea ed intende preservare la qualità dei propri prodotti tipici a livello internazionale rispettando tutte le normative e le indicazioni arrivanti dall'Unione Europea e dal Parlamento Europeo anche in tema di gestione dei rifiuti.

In questi ultimi anni, grazie all'introduzione di sistemi di raccolta porta a porta su tutte le tipologie di rifiuti urbano, molti comuni della provincia di Parma hanno già raggiunto ottimi risultati di raccolta differenziata con percentuali superiori al 70% ed 80%. Ove già introdotto nel Comune di Parma in forma integrale, come nel quartiere Cittadella e nelle frazioni periferiche, questo sistema di raccolta ha permesso di raggiungere percentuali di raccolta differenziata superiori al 72%.
 

IL CONSIGLIO COMUNALE DI PARMA INVITA LA GIUNTA A:

* Mettere in campo tutte le iniziative programmatiche e politiche atte a rispettare il recente voto del Parlamento Europeo in tema di gestione di rifiuti e la gerarchia d’intervento fissata dall’Unione Europea.

* Aprire un confronto con la Provincia di Parma ed i suoi Comuni, le Province confinanti, la Regione Emilia-Romagna,  la multiservizi Iren Spa, per far sì che tutte le politiche industriali degli enti interessati e dell’azienda di riferimento rispettino la gerarchia d’intervento fissata dall’Unione Europea in tema di gestione dei rifiuti mettendo al primo posto la riduzione, il riciclo ed il recupero di materia ed al tempo stesso rispettino il voto del Parlamento Europeo espresso in data 20 aprile 2012 che fissa nell’immediato futuro “il divieto d’incenerimento di tutti i materiali riciclabili e compostabili”. A tal proposito, tra i punti affrontati ci dovrà essere al primo posto la riconversione industriale del cantiere dell’inceneritore Iren Spa di Ugozzolo

* Avvio di un tavolo di confronto istituzionale con altri Comuni della Provincia di Parma e associazioni per promuovere presso la Provincia e la Regione la revisione del Piano Provinciale Rifiuti alla luce della nuova normativa (DLGS 205/2011) e della scadenza intermedia del piano vigente.      

* Revisione dei costi di gestione dei rifiuti (nuovo piano finanziario) da abbinarsi al nuovo piano di raccolta differenziata ed alla applicazione della tariffa.

* Verificare al più presto la disponibilità delle imprese che risulta abbiano manifestato nel recente passato l’interesse ad accordi per il possibile riacquisto e trasferimento di parte dei componenti già installati o in corso di installazione a Ugozzolo, per verificarne la fattibilità.

* Mettere in atto politiche di massimizzazione della riduzione dei rifiuti, riciclo e compostaggio e di promozione di trattamenti alternativi alla messa in discarica di rifiuti non trattati ed alternativi alla combustione di qualsiasi materiale che sia riciclabile e compostabile che andrà, in rispetto alle tendenze europee, appositamente inviato alle filiere del riciclo di materia e del compostaggio.
 

* Varare al più presto per il Comune di Parma, che da solo produce circa il 40% dei rifiuti solidi urbani prodotti nella Provincia, un piano "Rifiuti Zero" che preveda nell'immediato:

1. Realizzazione dell’analisi merceologica dei rifiuti prodotti a Parma, che sarà propedeutica sia all’implementazione della raccolta differenziata che al piano di riduzione dei rifiuti
2. Piano comunale di riduzione rifiuti. Nel piano di riduzione rifiuti, il Comune di Parma adotterà la metolodogia GPP (Acquisti Verdi) come metodo di gestione degli acquisti e ne promuoverà l’introduzione in tutte le strutture pubbliche per spingere il mercato dei prodotti realizzati con materiali di riciclo.
3. Piano di estensione della raccolta differenziata porta a porta.
4. Programma di introduzione della tariffa puntuale.
5. Raccolta differenziata su tutte le tipologie di materiale post-consumo presso scuole, centri sociali, sportivi e tutti gli altri luoghi del  vivere quotidiano.
6. Campagne informative sulla riduzione dei rifiuti e raccolta differenziata e sistemi alternativi all’incenerimento e lo smaltimento in discarica.
7. Concorso d’idee aperto alle imprese ed al mondo delle università per la riconversione industriale del cantiere dell’inceneritore di Ugozzolo.
8. Sviluppare in alternativa all’inceneritore la progettualità su una moderna “Fabbrica dei Materiali” (es. trattamento meccanico e biologico, selezione, estrusione) per recuperare materiali valorizzabili anche dal rifiuto residuo, minimizzando il ricorso allo smaltimento.
9. Istituire in concorso con le imprese e l’università un “centro ricerche sui rifiuti residui” per studiare la ri-progettazione industriale dei materiali ancora oggi non riciclabili o compostabili.
10. Coinvolgere in questo percorso virtuoso le aziende del riciclo di materia operanti sul territorio, il mondo dell’agricoltura, i consorzi di tutela dei prodotti tipici, il volontariato sociale, il mondo delle associazioni.
11. Dar vita a gemellaggi culturali-programmatici a costo zero con altre città che seguono politiche “Rifiuti Zero” in Italia e nel Mondo iniziando dalle cittadine di San Francisco, California-USA e Capannori (Lucca).
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo

    25 Giugno @ 16.22

    Gli elefanti svolazzano Vercinge, svolazzano. Se poi avessi voglia di leggerti anche i miei interventi prima di svolazzare anche tu, ti eviteresti brutte figure, ho detto ad ADS, Maccarthismo applicato al PD. Caro ADS, se lei mi chiama ancora ignorante la denuncio per diffamazione. Io ho paragonato il suo stile colloquiale ad un personaggio storico, anche se controversi, lei invece mi ha offeso gratuitamente. Sia avvertito.

    Rispondi

  • luciano

    24 Giugno @ 19.24

    Caro Vergigetorige, concordo che l'argomento e' complesso e sara' bello utilizzare il forum per discutere e dialogare sull'argomento anche tecnicamente con dati alla mano e con la storia di Parma sui rifiuti a partire dalla defunta AMNU. A presto

    Rispondi

  • GIANNI CALIGARIS

    24 Giugno @ 19.10

    @felix Penso si sia risposto da solo. Altrimenti il primo punto fell'OdG sarebbe stato "1)Assumere le deliberazioni necessarie, alla luce della documentazione e della contrattualistica esistenti, per blocare la costruzione del forno o, in subordine, per impedirne l'accensione e/o l'alimentazione" Forse gli strumenti ci sono, ma sicuramente fino ad ora nessuno li ha trovati.

    Rispondi

  • Francesco

    24 Giugno @ 18.29

    CARO PIELLE54 , HA RAGIONE . Purtroppo, ammesso che un "forum" come questo sia il posto più adatto per sviscerare un problema complesso, per farlo bisogna comunque avere un interlocutore ragionevole, che, qui, non trovo. Come vuol fare a sviscerare un problema complesso , dato e non concesso che io possa averne la capacità, con gente in preda ad un incubo che fa solo terrorismo ideologico ?

    Rispondi

  • Francesco

    24 Giugno @ 18.16

    GUARDA GINO, chiamami pure come vuoi, ma, SE C' E' UNA "RISMA" DI ESALTATI SIETE VOI. COME HO PIU' VOLTE DETTO AVETE LA TIPICA MENTALITA' ED IL TIPICO COMPORTAMENTO SETTARIO. Ritenete di essere gli unici custodi della sola, assoluta verità. Chiunque la pensi diversamente da voi è uno sciocco, o un ignorante, o un corrotto. Setacciate il "web" a caccia di scritti che sostengano la vostra opinione, scartando tutto ciò che dice qualcosa di diverso. Citate tutti quelli che concordano con voi e censurate gli altri. Cianciate di libertà e democrazia , poi non accettate nessuna obiezione alle vostre presunzioni. LO ABBIAMO VISTO NELLA QUESTIONE DELL' INCENERITORE, CONTINUIAMO A VEDERLO NELLA FORMAZIONE DELLA GIUNTA, CHE AVEVATE DETTO DOVESSE ESSERE ESPRESSIONE DELLA SOCIETA' CIVILE, INVECE VI STATE SPARTENDO LE POLTRONE TRA VOI IN CASA VOSTRA. , NEL PIU' BELLO STILE DI LOTTIZZAZIONE PARTITOCRATICA. E POI MI VIENI A DIRE CHE LA "FEDE CIECA" SAREBBE LA MIA ? Per quanto riguarda McCarthy guarda che , per la mia opinione politica, mi avrebbe mandato all' ergastolo. ....... forse non hai idee chiare di chi fosse Joseph McCarthy......................

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"