18°

28°

Parma

"Treni cancellati, autobus in ritardo di 60 minuti, scarse informazioni: "odissea" di una lettrice fra Parma e Brescia

"Treni cancellati, autobus in ritardo di 60 minuti, scarse informazioni: "odissea" di una lettrice fra Parma e Brescia
Ricevi gratis le news
3

Andare da Parma a Brescia domenca sera è stata un'odissea. La nostra lettrice Ambra Maria Notari ci invia la lettera che pubblichiamo, nella quale spiega di essere arrivata in stazione alle 20, da Bologna. Tutto ok, Ambra Maria si aspetta di prendere il treno per Brescia dopo una ventina di minuti ma - dice - sul binario quel treno non c'è. Si insospettisce e scopre che in realtà c'è un autobus sostitutivo. Arriverà con vistoso ritardo, secondo il racconto della lettrice, poi inizia un viaggio inusuale, a tratti persino divertente: i passeggeri indicano le strade migliori all'autista, si socializza e si arriva a destinazione con un'ora e mezza di ritardo. Giusto in tempo per vedere in tv Italia-Inghilterra che finisce ai rigori... Ambra Maria Notari ci scherza su, ma con amarezza perché solleva il problema di ritardi e scarse informazioni nei trasporti.

Ecco la lettera della lettrice Ambra Maria Notari:

Domenica 24 giugno, ore 20, stazione ferroviaria di Parma. Arrivo da Bologna, arrivo puntuale. Il treno per Brescia – il mio – parte tra 22 minuti. Mi porto sul binario e mi godo un alito di vento che finalmente muove l'afa che già stringe in zona. In effetti – penso – è strano che ancora il treno non sia pronto sul binario, di solito è parcheggiato al settimo, mentre per interminabili minuti sbuffa fumo nero che brucia in gola. Chiamo mamma, mando un messaggio ai miei amici riuniti per vedere Italia – Inghilterra (“Conto di arrivare a metà del primo tempo”) e paziento. Dopo mezz'ora del mio treno non v'è traccia. Nessuno ha annunciato il ritardo, sul tabellone sembra tutto normale. Anzi no: segnano 30 minuti di ritardo. Sul binario, con me, tre ragazzi e una coppia con valigie enormi e un bimbo addormentato. Mi prendono i 5 minuti, perché il ritardo ci sta, ci mancherebbe, ma che l'altoparlante non dica nulla mi sembra irrispettoso. Scendo il sottopassaggio trolley alla mano alla ricerca di un ferroviere qualsiasi con cui litigare. Dovete sapere che la stazione di Parma è un cantiere aperto da anni, ormai, quindi tutti i tabelloni segnano orari a caso: uno è impallato, l'altro è fermo alle partenze della mattina. Nei tabelloni all'ingresso, a quanto pare gli unici attendibili, finalmente scopro che in ritardo di 30 minuti non è il treno, ma un bus sostitutivo. Tra gli arrivi, legge un secondo bus sostitutivo in arrivo da Brescia con 120 minuti di ritardo. Molto bene: cosa dovrei pensare? C'è solo un ferroviere, alla biglietteria. Mi metto in coda. Aspetto. Aspetto. Aspetto. “Scusi, esattamente il bus dove lo prendo?”. “Fuori, sotto la pensilina. Così se piove non si bagna”. Accenno un sorriso, credo di essere in un incubo. Ripeto: capisco il ritardo. Ma come posso capire che del mio treno non interessi niente a nessuno? E poi mi si prende pure in giro. Mi arrendo. Vado alla pensilina e aspetto il bus. Con me, un'altra cinquantina di persone. Alle 21.15 - il ritardo quindi non sono 30 minuti, bensì 60 – arriva l'autobus. Il conducente, assalito da gente sudata e appicicaticcia, si affaccia timidamente: “È questo che va a Brescia?”, chiediamo. “A dir la verità non lo so... Cerco il capotreno e chiedo”. Restiamo senza parole, ma decidiamo di salire. Dopo una decina di minuti il conducente torna e dice che farà tutte le fermate previste. Ma non sa dove sono le stazioni, ha bisogno di qualcuno che glielo dico mano a mano. Già perché il suo navigatore non va, e non va nemmeno l'aria condizionata. Torrile, Colorno, Mezzani... A ogni stazione un passeggero lo affianca alla guida e gli dà indicazioni. Tardi per tardi, diciamo che ok, possiamo anche fare qualche fermata in più. Lasciamo giù un ragazzo in pizzeria, una coppia a casa. Così, fermate su richiesta. Nel frattempo gli Azzurri giocano ma non segnano. L'autobus è diventata una comune, si chiacchiera e si ride. Decidiamo insieme che strada fare: “Di qui...”. “No, meglio di là, l'allunghiamo un po' ma è più sicura”. Una signora chiede di fermarsi a un bar per comprare una bottiglietta d'acqua, un signore ne approfitta per fumarsi una sigaretta.

Arrivo a destinazione alle 22.30, con 90 minuti di ritardo. Sciolta dal caldo e insofferente ai massimi livelli, ringrazio solo Prandelli e i suoi di essere andati ai supplementari. Ho visto i rigori e, sappiatelo, se abbiamo vinto è in parte merito mio. Per non avere desistito. Per aver fatto la doccia più veloce del mondo pur di precipitarmi al patio del mio amico, sotto la bandiera italiana, a sgolarmi per un Andrea Pirlo sensazionale.

Tutto è bene quel che finisce bene, è vero. Quello che mi urta, però, è che se un pullman di gente stremata, in giro dalla mattina, abbandonata a se stessa , riesce a sorridere ed essere solidale, nella stanza dei bottoni non possono continuare a prenderci in giro. Perché la coppia col bimbo che era con me sul settimo binario, sull'autobus non c'era. Nessuno gli ha detto che la linea Parma – Brescia era bloccata da ore per un guasto tecnico. Perché alle persone che aspettavano il treno da Brescia indicato con un ritardo di 120 minuti nessuno ha detto che era fermo in autostrada dopo che un incidente – un trasporto di cavalli ribaltato, e non aggiungo altro – se ne erano perse le tracce.

Se questa è l'Italia del 2012, beh, c'è qualche problema. 
 
Ambra Maria Notari

(foto d'archivio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • democratica

    28 Giugno @ 11.47

    Ma che commento superficiale... "si trasferisca in germania" !! il vero deramma è che la tratta Parma Brescia è sempre in ritardo e con vagoni disastrati.

    Rispondi

  • nippo

    28 Giugno @ 09.42

    Federico sei vergognoso!!! Cosa dovrebbe fare Ambra, ringraziare le ferrovie della gita? Il biglietto l'aveva pagato e il servizio le era dovuto! Invece alle ferrovie interessano solo gli eurostar (a che cifra !!) e per i pendolari treni con aria condizionata manuale (finestrini giù). Per fortuna che si voleva limitare la circolazione delle auto in favore dei mezzi pubblici.....sì, i piedi!

    Rispondi

  • federico

    28 Giugno @ 07.27

    In germania funziona tutto molto meglio. Perché non si trasferisce? Cosa la pianta di lamentarsi per 1 ora e mezza di ritardo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

storia

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessuali: arrestato Video

1commento

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

Tizzano

La Regione risponde su Capriglio: "Nessun ritardo, lavori per 1,2 milioni"

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

3commenti

SERIE A

Parma, che tour de force

FIERA

Il Salone del Camper di Parma si è chiuso con 130mila visitatori

arte

Complesso della Pilotta, apre la nuova biglietteria: e i primi 100 entrano gratis

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

2commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

A21

Incidente a Piacenza: un morto e tre feriti gravissimi. Due bimbi portati al Maggiore

ROMA

Auto investe pedoni vicino a San Pietro: 4 polacchi feriti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design