18°

28°

Parma

Una mamma: "Ma la scuola dell'infanzia è un diritto o una lotteria?"

Una mamma: "Ma la scuola dell'infanzia è un diritto o una lotteria?"
Ricevi gratis le news
46

L'amarezza è tanta ed emerge tutta dalla lettera di una mamma, Ilaria Fracassi, che riporta l'attenzione sulla vicenda graduatorie per la scuola dell'infanzia. E racconta la sua vicenda.

Ecco la lettera completa:

"Il Regolamento per l'accesso ai servizi educativi per la prima infanzia (0/3 anni), ai servizi per l'infanzia (3/6 anni), ai servizi integrativi e sperimentali (0/3 anni) e ai servizi estivi, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 131/31 in data 28/12/2010, recita nel titolo I, articolo 1: “Le disposizioni del presente Regolamento sono finalizzate a definire una disciplina organica delle modalità di accesso ai servizi al fine di assicurare l’accertamento dei requisiti di legittimità ai sensi della normativa vigente ed il rispetto dei principi di efficienza, trasparenza, buon andamento ed imparzialità che regolano l’operato della pubblica amministrazione”. I presupposti ci sono tutti, sottolineati dal profondo significato delle parole come LEGITTIMITA', TRASPARENZA, IMPARZIALITA', peccato che in concreto le cose non stiano proprio in questo modo.
Tra gennaio e febbraio le famiglie aspettano con ansia l'uscita del bando per poter iscrivere il proprio figlio alla scuola dell'infanzia, e siccome il posto non è per tutti, purtroppo, è necessario compilare un modulo nel quale la tua situazione familiare è
analizzata sotto tutti gli aspetti. Tutto ciò per fare in modo che legittimamente il posto spetti a chi ne ha più diritto, perchè in una società che si voglia definire civile è così che dovrebbe funzionare. Le scuole dell'infanzia comunali sono 21, ma questo regolamento stabilisce che la famiglia ne debba indicare solo quattro, il motivo di questa scelta lo conosce solo chi ha stilato e ragionato il suddetto documento. Notti insonni, perchè la scelta è sempre molto difficile, finalmente, quasi alla scadenza del bando si ricalca con la penna la scelta che fino a poco prima non era ancora definitiva, incrociando le dita.
Dopo aver impiegato tempo prezioso e tante energie, ma per i figli questo e molto altro, si aspetta un paio di mesi, fino a quando un bel giorno, nella cassetta delle lettere si trova la busta del Comune di Parma. Difficile spiegare cosa si prova in quel momento, la si apre con il cuore in sussulto fino a quando a malincuore compare la dicitura LISTA DI ATTESA. Da questo momento in poi ci si rende conto di quanto sia iniquo e senza nessun senso logico questo regolamento. Se si scorre la graduatoria di tutti i 1800 bambini circa che hanno fatto richiesta del servizio, ci si rende conto che il punteggio assegnato, che dovrebbe in qualche modo
classificare i bisogni delle famiglie, non serve a nulla perchè tutto dipende da quale struttura la famiglia ha richiesto. Che cosa capita quindi? Che una famiglia a cui è stato assegnato un punteggio ad esempio di 50 punti (alto) è in lista di attesa perchè la scuola che ha scelto è stata scelta da altre famiglie che avevano il punteggio più alto e che una famiglia che ha ottenuto un punteggio di 10,9 punti (molto basso) è stata presa. Nel caso specifico, non ho certo 50 punti, ma 39,50 che è un discreto punteggio e se consideriamo la graduatoria su circa 1800 bambini, mia figlia è 890esima. E ovviamente sono in lista di attesa che corrisponde ad un girone dantesco dell'inferno,perchè equivale ad essere esclusa.
Considerando che chi ha ottenuto 10,9 è entrato di diritto al servizio, mi chiedo, il Comune di Parma è ancora convinto che sia legittimo, trasparente e imparziale? Senza parlare poi del periodo che intercorre tra l'uscita dell'assegnazione dei posti e la chiusura delle movimentazioni della lista di attesa: un vero e proprio inferno. Tutti i giorni appena svegli si controlla la propria posizione in graduatoria che puntualmente è sempre in peggioramento, se qualche ora prima si era quarti subito dopo ci si ritrova decimi. Mi
richiedo: è equo? Quindi si chiama in Comune (responsabile sempre gentilissima e paziente), si tenta la fortuna cambiando la struttura scelta, mandando un fax e poi ancora si controlla la propria posizione. ????ma il Comune di Parma lo sa che i genitori ogni tanto lavorano?!?! Tutta questa situazione, a dir poco paradossale, mi ha portato a riflettere su alcune scelte che il Comune di Parma ha fatto e che secondo il mio modesto parere non hanno molto senso.
La struttura inaugurata in aprile a Vicofertile “Terramare” composta da 3 sezioni di nido e 1 sezione di scuola dell'infanzia, mi chiedo è possibile che non si sia pensato che di farne 2 di nido e 2 di infanzia (parità di costo)? Il numero dei bambini che frequentano il nido è sempre minore rispetto a quelli che si iscrivono alla scuola dell'infanzia. Per non parlare poi del lavoro disumano, inutile e di scarso risultato che gli impiegati dell'ufficio dei servizi educativi devono fare per attuare questa specie di regolamento. Come contribuente avrei qualcosa da obiettare, perché se al momento della compilazione del modulo per l'iscrizione alle famiglie fosse data la possibilità di scegliere se non le 21 strutture ma almeno 15, come del resto funziona per il nido, forse, allora, si potrebbe
parlare di legittimità, di diritto, di equità. Sarebbe rispettato l'ordine di graduatoria e sarebbe la famiglia a decidere le strutture in ordine di preferenza!...ma soprattutto nel caso la struttura assegnata fosse veramente scomoda sarebbe sempre la famiglia, con una scelta libera e consapevole a rinunciare e lasciare il posto al primo in lista di attesa. In più forse il lavoro non sarebbe da rifare tutti i giorni, ma basterebbe farlo una volta e poi tutti i movimenti sarebbero lasciati non al caso ma ad un diritto che viene attestato dal punteggio con il quale si occupa una posizione in graduatoria".
Fracassi Ilaria

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    22 Giugno @ 19.14

    @parmigianoreggiano: hai vinto la partita?! Coi tuoi ragionamenti, l'unica che potresti vincere e' quella col granapadano, ma forse ti eviterebbero anche i topi. Tienti la figlia unica e viziala per bene.

    Rispondi

  • morena

    21 Giugno @ 11.11

    Cari genitori esclusi uniamo le nostre forze venite a visitare questo link su facebook aperto da una ragazza che come molti è stata esclusa dagli asili: https://www.facebook.com/pages/Gruppo-Genitori-DI-PARMA-i-cui-bambini-sono-esclusi-dalle-scuole/472571949502452?notif_t=fbpage_admin

    Rispondi

  • sany

    17 Dicembre @ 21.21

    ciao a tutti.... io per tre anni non riesco mettere mio figlio col comunale.... Avevo 50 punti ma mio figlio in lista d'attesa... con la mia ignoranza ho trscurato una lettera che mi è stata mandata, poi con tutti i problemi che ci sono in questo periodacio, la morale della favola vado nel comune a chiedre come mai mio figlio non viene preso, sicuramente ho sbagliato qualcosa ??? posso fare qaulcosa? ho 50 punti.... Guardi signoranon si puo fare nulla... mio figlio va nel privato con una retta di 450€ ... chi mi li rimborsa secondo voi??? IL comune.... non ce la facciamo ad arrivare a fine mese... sono in debito col l'asilo.... per colpa del comune... Sto malissimo per sta storia davvero....Ora sono senza busta paga,,, sicuramente non mi lo prenderanno nemmeno la prossima graduatoria... come faccio a tenerlo a casa poverino dopo due anni di nido e uno di materna... sono disperatissima....

    Rispondi

  • Rita

    24 Settembre @ 15.38

    A me e' successa una cosa assurda, abitiamo a 50 m dalla scuola e ci hanno mandato dall'altra parte del paese , dimenticavo che abbiamo eliminato una macchina per risparmiare qualcosa così dobbiamo prendere più di un mezzo e gli orari non coincidono di certo con la materna e in più per il bambino sarebbe l'ultimo anno di prescolare ma siccome io non lavoro averlo segnato come primo bambino non è servito a niente

    Rispondi

  • patto

    30 Luglio @ 16.46

    Vorrei segnalare a tutti i grandi esperti di colpevolizzazione degli stranieri che gli alti punteggi posso anche essere raggiunti da signore per bene della nostra città che semplicemente non sono sposate ma convivono anche da anni con il proprio compagno (che ha pure riconosciuto i figli) ma che semplicemente ha "dimenticato" di chiedere la residenza nella stessa abitazione. Questo porta a definire uno status per le signore suddette di "ragazze madri" che, quindi, vivono tranquillamente con 2 stipendi interi in famiglia e sfruttano la furbata fornita da quella piccola ma subdola disonestà di una "mancata comunicazione" di cambio di residenza. Per cui suggerisco a questa brava gente di essere onesta fino in fondo e di non scaricare sempre e comunque la colpa sulle famiglie davvero in difficoltà (italiane o straniere che siano). Sarebbe bene che TUTTI fossero un po' più onesti e meno giudici.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design