20°

Parma

Spending review: oggi molte farmacie chiuse

Spending review: oggi molte farmacie chiuse
Ricevi gratis le news
11

Saracinesche abbassate, oggi (26 luglio), nella quasi totalità delle farmacie aderenti a Federfarma, che hanno scelto lo sciopero per dichiarare la loro contrarietà al decreto sulla «spending review», in discussione in Parlamento.

La mobilitazione è indetta da Federfarma nazionale, e vi aderiranno anche i farmacisti associati di Parma. «Il decreto - spiega il presidente dell’associazione, Alessandro Merli - prevede tagli alla spesa farmaceutica territoriale, cioè ai fondi che lo Stato stanzia alle farmacie per ricette e prescrizioni Tagli pesanti, che potrebbero mettere a rischio alcuni servizi».
«Già il tetto per la spesa farmaceutica territoriale era stato abbassato lo scorso anno - precisa Fabrizio Piazza, responsabile della sezione rurale di Federfarma, ovvero delle farmacie extraurbane -; ora lo si vuole abbassare ulteriormente di quasi due punti percentuali. Il provvedimento ridurrà i margini di utile delle farmacie, penalizzerà i servizi e probabilmente avrà ricadute anche sull’occupazione». Per ogni farmacia si tratta di una riduzione tra i 20 e i 40 mila euro all’anno, «il costo di un dipendente», sottolinea Piazza.
«A rischio - aggiunge Claudio Dardani, consigliere di Federfarma - i servizi secondari, che pure sono importanti. Le prenotazioni del Cup, ad esempio: ora le forniamo gratuitamente ma che con il calo delle risorse potremmo essere costretti a sospendere per contenere le spese». «Per quanto riguarda eventuali tagli al personale - aggiungono -, i più colpiti sarebbero i giovani, laureati, preparati: la nostra risorsa più preziosa». A suscitare la netta contrarietà di Federfarma è soprattutto la volontà del Governo di colpire un settore «in salute». 
«Siamo l’unico settore della sanità - spiega Merli - la cui spesa, a detta della Corte dei Conti, è sotto controllo. Il tetto imposto per legge non è mai stato sforato, anche grazie al fatto che ogni ricetta è tracciata nel dettaglio. Eppure i fondi vengono ridotti, mentre quelli per la spesa farmaceutica ospedaliera, che sfora continuamente, vengono aumentati alzando il tetto massimo di spesa». «La situazione è insostenibile - aggiunge Dardani -; vogliono abbassare il livello di un servizio che funziona». Se il decreto legge sarà approvato («e da Roma non arrivano segnali di disponibilità a riaprire le trattative», chiarisce il presidente) le conseguenze saranno pagate anche dai cittadini, primi fra tutti quelli che hanno maggior bisogno dei servizi delle farmacie. In molti Comuni, ad esempio, non esistono Cup e le farmacie sono le uniche a cui è possibile rivolgersi per prenotare visite ed esami. «Ma c’è anche un altro aspetto preoccupante - fa notare Merli -: se i fondi dovessero esaurirsi prima della fine dell’anno non potremmo più coprire i costi delle ricette e i cittadini dovrebbero pagare di tasca propria e poi chiedere il rimborso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • LC

    26 Luglio @ 22.39

    Ma perché prima di parlare non vi informate un po' meglio? RE: forse si é più informati di quel che sembra./// 1) gli unici che davvero si possono considerare 'casta' sono i titolari, mentre la maggior parte dei farmacisti e' semplice lavoratore come tutti che NON ha assolutamente stipendi 'dorati', anzi. RE: il sottoscritto ha parlato a favore dei farmacisti delle parafarmacie e hanno il mio favore anche quelli dei corner, dei farmacisti ospedalieri, ecc. Non sono loro contro cui mi scaglio! /// 2) la nuova spending review potrebbe portare a ridurre di circa 20000 posti di lavoro non di titolari di farmacia, ma di semplici farmacisti dipendenti. RE: ma io vorrei che fossero potenziate le parafarmacie e i corner per abbattere i prezzi della distribuzione dei farmaci che in Italia è (incomprensibilmente??!!) la piú elevata in Europa, come ha dimostrato uno studio di Garattini jr. /// Inoltre porterà a ridurre i servizi ai cittadini ... probabilmente anche ad aumentare i ticket sui farmaci e questo ricadrà nelle tasche di tutti i cittadini RE: forse non leggi i giornali, ma siamo immersi fino al collo in una crisi maledetta (mai sentito parlare di spread?) e dove vi sono spese poco giustificabili é ora opportuno mettere mano! /// 3) chi parla di farmacisti 'semplici commessi' forse non ha mai assistito alla scena del signore/signora di turno che chiede al farmacista I PIÙ SVARIATI CONSIGLI in quanto andare dal medico significa fare ore e ore di coda e quindi non ha tempo da perdere. RE: Ho sentito anch'io queste richieste fatte da clienti al farmacista di turno. La risposta migliore era quando suggerivano di rivolgersi al curante. Quando non davano questa risposta, allora emergeva chiaramente non l'interesse per la salute del loro cliente, ma la loro vena di commercianti al 100% e i consigli facevano riferimento a quel determinato e specifico sciroppino di cui avevano riempito il sottoscala ottenendo cosí formidabili sconti dal grossista. ///CONCLUSIONE il problema di fondo, comunque, é sempre lo stesso: i farmacisti (e ovviamente intendo i titolari) guadagnano troppi soldi in rapporto a quel che oggi consiste il loro lavoro, rappesentato dalla semplice distribuzione di scatolette!

    Rispondi

  • edo

    26 Luglio @ 18.55

    Sono il più fortunato? La prima farmacia che ho incontrato era aperta ed ho fatto le mie prenotazioni CUP regolarmente.

    Rispondi

  • Settembre

    26 Luglio @ 18.18

    Ma perché prima di parlare non vi informate un po' meglio? 1) gli unici che davvero si possono considerare 'casta' sono i titolari, mentre la maggior parte dei farmacisti e' semplice lavoratore come tutti che NON ha assolutamente stipendi 'dorati', anzi. 2) la nuova spending review potrebbe portare a ridurre di circa 20000 posti di lavoro non di titolari di farmacia, ma di semplici farmacisti dipendenti. Inoltre porterà a ridurre i servizi ai cittadini (prenotazioni in primis, e vediamo chi gioira nel dover andare ai CUP per prenotare!) ma probabilmente anche ad aumentare i ticket sui farmaci e questo ricadrà nelle tasche di tutti i cittadini 3) chi parla di farmacisti 'semplici commessi' forse non ha mai assistito alla scena del signore/signora di turno che chiede al farmacista I PIÙ SVARIATI CONSIGLI in quanto andare dal medico significa fare ore e ore di coda e quindi non ha tempo da perdere. Inoltre mi e' capitato di sentire persone che si lamentavano che molti medici ci sono solo qualche ora al giorno e non sono mai reperibili in caso di bisogno e ti prescrivono le medicine per telefono senza neppure visitarti quindi a loro dire....tanto vale andare direttamente in farmacia! Forse prima di parlare sarebbe meglio riflettere un momento e informarsi bene del lavoro altrui...

    Rispondi

  • LC

    26 Luglio @ 17.03

    @gabriele: "tra l'altro: le prenotazioni CUP xchè non sono effettuate dai medici che le prescrivono, hanno un contratto con l'ASL !!!" RE: Gabriele, quanto normalmente aspetti in sala d'attesa, allorquando ti rechi dal tuo medico di famiglia? Personalmente non ritengo opportuno caricare i medici di un ulteriore "time-consuming" incombenza burocratica! Si dice che il medico stia sempre più diventando un burocrate passacarte! Orbene, facciamolo diventare un travet a tutti gli effetti, e allunghiamo ulteriormente i tempi in sala d'attesa! Mah!

    Rispondi

  • gabriele

    26 Luglio @ 16.18

    Farmacisti (titolari di farmacie) VERGOGNATEVI !!!! ... a tra l'altro : le prenotazioni CUP xchè non sono effettuate dai medici che le prescrivono , hanno un contratto con l'ASL !!! Si eviterebbe a chi ha dei problemi ( malati ed anziani ) di dover perdere tempo dopo la visita ( senza bisogno dei farmacisti ) !!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Smartphone: da nemici ad alleati in classe

HI-TECH

Smartphone in classe: nemici o alleati?

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

1commento

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

VIABILITA'

Incidente in viale Milazzo, due auto coinvolte. Auto sbanda, code in Autocisa

CARABINIERI

Operazione antidroga: arrestato tunisino sfuggito all'arresto in giugno

Il 30enne, residente a Parma, è stato fermato al porto di Genova, al suo rientro dalla Tunisia

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

1commento

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

1commento

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

2commenti

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

MONTE SERRA

Incendio nel Pisano: 700 sfollati, in azione i Canadair. "Scenario apocalittico" Foto

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

SPORT

CALCIO

Doping: Giuseppe Rossi a processo, chiesto un anno di stop

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel