12°

23°

Parma

Le linee programmatiche della giunta: partecipazione e cambiamento le parole d'ordine

Le linee programmatiche della giunta: partecipazione e cambiamento le parole d'ordine
Ricevi gratis le news
16

Nell'ordine del giorno figura al 36esimo posto, dopo una sfilza di mozioni, interrogazioni e poposte di delibera. Ma di certo è il punto più atteso della seduta del Consiglio comunale iniziato oggi alle 15 nella sala Consiglio del Municipio. Si tratta della presentazione delle linee programmatiche della Giunta Pizzarotti, illustrate dal sindaco. Tra gli altri punti  in discussione diverse proposte di convenzione per posti di asilo nido per bambini provenienti dalle graduatorie comunali, la gestione del servizio rifiuti, e una lunga lista di interrogazioni che vanno dal Regio (Vescovi) ai varchi elettronici (Mallozzi), dalla scuola Racagni (Pd) all'abbassamento dei compensi di aministratori e consiglieri (Ghiretti).

 Scarica a fondo pagina i pdf con le linee programmatiche dell'amministrazione Pizzarotti e il programma del Movimento 5 Stelle, pubblicati sul sito del Comune

UN CONCORSO DI IDEE PER LA SCUOLA RACAGNI. Dibattito sulla scuola Racagni: c'è un'interrogazione di Massimo Iotti (Pd). L'opposizione chiede quali siano i tempi per la soluzione del problema (al momento, i bambini sono “smistati” in altre scuole).
L'assessore Alinovi: «Stiamo valutando cosa fare ma i tempi sono imminenti. La scelta coinvolge l'ammodernamento».
Alinovi spiega che saranno dati incarichi esterni per il progetto perché in Comune non ci sono tutte le competenze, tipo quelle impiantistiche. Inoltre «sarà indetto un concorso di idee nella seconda fase. La prossima settimana incontri con dirigenza e genitori». Comunque, assicura Alinovi, per i lavori alla scuola Racagni i soldi non mancano: «Sono ricompresi nei fondi ex metro e ci riserviamo di fare variazioni di bilancio».
Sul concorso in due fasi, il consigliere Iotti esprime preoccupazioni per la tempistica e dà un consiglio alla giunta: «Fate alla svelta». 

I FONDI PER LE RASSEGNE CULTURALI. Il Pd presenta interrogazioni sul Festival della Poesia e su Boulevart. L'assessore Ferraris spiega che sono stati spesi 188mila euro e si è beneficiato di un contributo della Fondazione Teatro Due: a consuntivo la cifra è 150mila euro. Quanto a Boulevart, il consigliere Iotti chiede conto della spesa. L'assessore Marani spiega che per il 2012 non è stato erogato alcun finanziamento alla società che lo organizza, Edicta. Nella sua replica, Iotti si chiede come mai in passato Boulevart fosse finanziato dal Comune anche con 75mila euro.

DEBITI DEL COMUNE, L'ASSESSORE CAPELLI CONSEGNA UNA RISPOSTA SCRITTA: "CI SONO DIVERSI VINCOLI MA SI PUO' USCIRNE".  Nella relazione sul debito di Gino Capelli, l'assessore al Bilancio dice che si rende conto di situazione che vivono le imprese ma che il Comune al tempo stesso è limitato nella sua azione da una serie di vincoli: in primis il Patto di stabilità, poi il taglio di trasferimenti dal governo. Inoltre non si sono realizzate entrate per 45 milioni di euro messi a bilancio dalla giunta Vignali (entrate da Poc, entrate da alienazioni di immobili a favore di controllate).
Capelli scrive che non sarà facile uscire da questa situazione ma «se ognuno fa la sua parte si può» e si appella a senso di responsabilità di tutti, compresi i creditori. «A settembre contiamo di redigere un piano dei pagamenti che consentirà di dare previsione non certa ma ragionevolemnte affidabile di tempi e modi dei pagamenti dei creditori», aggiunge. 

 Guarda il video del TgParma

LE LINEE PROGRAMMATICHE. Sostegno alle attività produttive, il concetto chiave è la parmigianità, spiega il sindaco Pizzarotti: "Parma deve aprirsi a investitori stranieri, sia per rafforzare turismo, sia per far arrivare investimenti: non devono essere le nostre imprese a delocalizzare. Valorizzeremo il commercio, soprattutto attività sostenibili e filiera corta, orti sociali". La giunta vuole sensibilizzare le aziende e il commercio a fare uso di pratiche virtuose.

Quanto ai rifiuti, si prevede una raccolta porta a porta con un piano più attento, per raggiungere alti livelli di differenziata.

La mobilità indirizzata a dimensione pubblica: condivisione di mezzi con car sharing e bike sharing che prima fatti ma poi abbandonati. La giunta vuole diffonderli e renderli più facili da usare. Ha in mente anche incentivi per biocarburanti.

Attenzione all'acqua pubblica: "Con i controlli arriveremo anche in Consiglio comunale ad avere l'acqua del sindaco".

Pizzarotti parla poi del mantenimento del paesaggio e di riqualificazione urbana. Riqualificazione energetica per evitare consumo di suolo: "Promuoveremo il riuso e recupero edifici con nuovo stile di progettazione sostenibile. Toglieremo i tetti in eternit alle scuole e punteremo su fotovoltaico. Condivideremo con cittadinanza e istituzioni la realizzazione di nuove strutture pubbliche perché le spese corrispondano ad aspettative". 

Azione di concerto con cultura, ambiente e sociale, partendo da luoghi dove bimbi trascorroni loro tempo, rendendoli sicuri e confortevoli. Compatibilmente con le risorse, il Comune sarà attento al servizio doposcuola per andare incontro alle esigenze delle famiglie. E' importante attivare un dialogo con queste ultime: "Non possiamo fare tutto immediatamente però rivedremo la strategia per graduatoria per nidi e materne. Con l'Università vogliamo attivare canale di comunicazione e confronto continuo. Avere un'Università debole non è utile alle imprese del territorio". 

E' stato attivato il processo che entro l'autunno porterà la giunta a definire le priorità in un momento in cui calano le risorse.
Gli anziani sono una risorsa, "testimoni della nostra tradizione". Gli stranieri sono una speranza e non una minaccia. I disabili vanno guardati oltre le barriere". 

Capitolo sport. Durante il suo mandato, la giunta Pizzarotti vuole valorizzare il livello dilettantistico, incentrandolo sui quartieri più che su grandi realtà e grandi eveni. Lo sport è visto come inclusione sociale. Si vuole anche garantire l'accessibilità economica alla pratica sportiva, incentivare l'aggregazione e la partecipazione e valorizzare gli spazi disponibili.

Cultura. La vocazione culturale è inscritta nella storia della città, ricorda il sindaco Federico Pizzarotti. "E' passato però il tempo di ancorarsi a questa gloria in modo passivo. Ancorarsi a un singolo evento. La cultura deve essere fonte di attrazione per Parma.
Le proposte all'amministrazione comunale dovranno essere economicamente sostenibili". Si vuole partire da un disegno comune, mettendo insieme le istituzioni che operano per le arti. Mettere in relazione fra loro i musei cittadini, ad esempio. "Partiremo dall'esistente e dalla tradizione per introdurre un progetto gestionale innovativo e forse inedito. Il Festival Verdi 2013 dovrà essere di rilancio per la città". 

Sul bilancio, dice il sindaco, "agiremo sulla riduzione dei costi, agendo su sprechi e valorizzando le risorse umane e patrimoniali del Comune. Faremo grande lotta all'evasione. I cittadini saranno chiamati a sacrifici, ma nella consapevolezza che i primi a farli saremo noi amministratori".

In conclusione, dice il primo cittadino, "vogliamo un cambiamento strutturale, soprattutto per condivisione di contenuti e decisione. In questi 5 anni attiveremo sempre più processi partecipativi. La nostra idea di squadra con la città pervade tutto programma".  

GLI INTERVENTI DELLA MINORANZA SULLE LINEE PROGRAMMATICHE DELL'AMMINISTRAZIONE PIZZAROTTI.
Paolo Buzzi (capogruppo Pdl): "Ho fatto fatica a trovare novità rispetto al passato, come forse ci si attendeva. Solo continuo richiamo a revisione e potenziamenti a cose già esistenti. Ad esempio, l'accorpamento di partecipate era già previsto in un piano ad hoc. E da tre anni ci sono i controlli antimafia per subappaltatori... E che turismo, cultura, gastronomia siano da unire per fare marketing territoriale è una novità? Se per il commercio la strada sono gli orti sociali, è un po' poco".

Nicola Dall'Olio (capogruppo Pd): "Documento ben strutturato e leggibile, ma il problema è che molte proposte in realtà sono generiche e dimostrano scarsa conoscenza di strumenti già in essere e delle competenze del Comune. Stupito dall'assenza di obiettivi quantitativi. Mancano riferiementi a luoghi, eventi, istituzioni concrete su cui si vuole intervenire. Non sono citati gli strumenti di programmazione. La carenza fondamentale è una visione unitaria che dia il senso della direzione in cui si vuole andare. E manca il riferimento a come si immagina Parma e in quale contesto: come ci si muove con i Comuni della provincia, con il resto della regione. Dove guarda Parma: a Milano? A Verona? La Spezia? La mobilità va ben oltre i confini comunali. E nel micro: come si recupera il contatto coi quartieri ora che non ci sono più le circoscrizioni? Manca un'analisi di quel che è stato fatto prima, nel bene e nel male". Aggiunge Dall'Olio, rivolgendosi al sindaco e alla giunta: "Cosa volete fare col Psc? E con le pm10? E con le frazioni? E con le reti ferrate? E l'Ospedale vecchio? Il Palazzetto dello sport? Qui non c'è neanche una parola... E' imbarazzante per genericità il capitolo Cultura". 

Giuseppe Pellacini (Udc): "Mi ero illuso che osservazioni fatte durante il primo Consiglio fossero servite, invece ci sono le stesse cose del programma elettorale. Partecipazione? Il sindaco non riceve i presidenti delle grandi associazioni cittadine, è questa la democrazia partecipata? Lotta all'evasione è un po' generico. Cosa farete? Orti sociali e cooperative di garanzia ci sono già: lei vuole vendere l'usato per nuovo".
Durante l'intervento c'è stato anche un battibecco fra il consigliere dell'Udc e il sindaco Federico Pizzarotti. "Non ci sono progetti per le politiche abitative - dice Pellacini commentando le linee programmatiche -. Le cose che avevamo fatto sono state apprezzate anche fuori Parma. E siamo stati i primi a fare nuovi alloggi di edilizia popolare senza far spendere un euro al Comune". "Non è vero", replica Pizzarotti. "Allora non sa quel che dice, si informi", ribatte Pellacini.
Dai banchi della maggioranza, i consiglieri Pasquale Nuzzo e Barbara Cacciatore intervengono dicendo a Pellacini: "Ma come si permette?". I consiglieri sono stati richiamati dal presidente del Consiglio comunale Marco Vagnozzi. 

Ettore Manno (PdCi): "Di fatto qui non ci sono linee programmatiche. Non ci sono le priorità e gli strumenti scelti per realizzare i propri obiettivi. Questo è un documento che va bene per la campagna elettorale, fatto in vitro e non calato su Parma: andrebbe bene per Piacenza, Reggio, Modena...". 

Volta (Pd): "Accolgo volentieri l'invito a portare suggerimenti. Ho letto il documento da cittadino, sono concorde su tutti obiettivi. Da politico avrei condiviso il rischio di scrivere cose ovvie. Riprendere il controllo delle partecipate? Il punto era scrivere come farlo.  Anche parlare di sacrifici equi, se siamo politici sappiamo che non esistono. Forse possiamo chiedere a cittadini sacrifici meno iniqui. Scegliere gli strumenti, è questo che fa la differenza. La partecipazione è l'esempio classico: sono concetti che senza specificare strumenti restano vuoti. Mi aspettavo piu' coraggio, che osaste di più.
Sanzioni per chi parcheggia su piste ciclabili o in stalli per disabili? Ci sono già. Allora rimuoviamo l'auto. Bella l'idea dei pannelli che informano su co2, ma è un po' poco. Gli stranieri speranza e non minaccia, ma cosa facciamo per l'integrazione? Come sapere cosa pensano? Chiedo ad assessori di dare priorità per cose che si possono fare subito o no. Se non c'è calendarizzazione ci prendiamo un po' in giro. Prenditi tempo, ma dimmi quando". 

Massimo Iotti (Pd): "Non sembra si abbia la consapevolezza della situazione, a partire dalle Partecipate. Bisognava dare delle priorità. Fare elenco di aree tematiche ci serve molto poco. In termini di trasparenza, non c'e' giorno In cui non ci sia associazione che non si lamneta per non essere stata consultata. Abbiamo difficoltà enormi per situazione bilancio, cosa possiamo fare?
Il mondo delle Partecipate? Qui non c'è niente. Come ne veniamo fuori? Non si dice nulla sugli anziani. Com'è che sono spariti tutti I numeri obbiettivo della raccolta differenziata? - aggiunge Iotti -. Che obiettivi di mandato vi date? Qui non c'è scritto. E l'inceneritore? Oggi non si può dire solo stop all'inceneritore. Fate degli atti, fate delle delibere. Mica si ferma a parole". 

Maurizio Vescovi (Pd): "Manca il disegno della città proposta. Approvo il no al termovalorizzazione, bene lo stop al consumo di suolo pubblico. Ma c'è poco, al di là di frasi da campagna elettorale".

 Segui la diretta sulla nostra pagina twitter 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo

    28 Luglio @ 08.38

    @YAK, purtroppo ha sbagliato quasi tutto, non sono così giovane (40), e nelle ultime tre politiche ho votato ulivo -pd. Solo per darle una idea di quello che è successo con Tavolazzi e Poppi, è molto semplice, Tavolazzi e Poppi stavano andando contro il non statuto organizzando i meetup in modo verticale e partitico, ovvero stavano contravvenendo alle regole minime create dalla rete (e anche da me che le votai on line), questo a Grillo è stato segnalato, e Grillo non ha fatto altro che fare quello che è chiamato a fare, cioè farle rispettare. Invece io avrei da farle alcune domande: Volevo sapere il PD esercita un potere democratico..? Chi decide i candidati del PD a livello locale e nazionale, e gli assessori (anche quelli falliti come fece Bernazzoli)? Chi c'è dietro le Fondazioni del PD,esempio chi è che fa parte della Fondazione italianieuropei? Chi è il padrone del logo del PD e chi se ne giova..? Chi decide il programma (a proposito, di nuovo, c'è un programma nel PD? Dove? Si può avere un link???)..? Chi sceglie i candidati sindaci del PD,lo fanno i cittadini in maniera diretta (lasci stare le primarie,vera truffa!)? Chi decide chi saranno quelli che entreranno nei vari cda delle aziende tipo Finmeccanica,la Rai,la sanità,le banche,le autority per conto del PD, etc etc ? I cittadini che vogliono cacciare un politico del PD,lo possono fare direttamente? Chi decide dei soldi,pubblici e privati,che arrivano al PD? Un cittadino può criticare la nomenklatura del PD oppure qualche segretario salta su indignato e dice che "non ci si deve permettere di criticare,eh!"...? Tutto questo ovviamente senza dimenticare i vari Lusi (arrestato per aver RUBATO milioni di euro di soldi pubblici),Penati,Tedesco etc etc E le varie porcate del tipo "abbiamo una banca",il "sistema Sesto",il Monte dei Fiaschi di Siena etc etc E senza dimenticare che fu proprio Prodi a rovinarci definitivamente facendoci entrare nell'euro (chissà in cambio di cosa)! Senza poi dimenticare infine che il PD è complice e colluso col sistema che ha portato l'Italia sull'orlo del baratro,e che voi continuate a seguire,perpetuando l'errore gravissimo di sempre,e cioè quello di dare la vostra fiducia a partiti che ormai dovrebbero solo sparire o stare in galera! Potrei continuare all'infinito,non mi mancano mica gli argomenti! Volete sempre criticare gli altri però poi non guardate ai vostri mega-errori! Per voi Beppe Grillo è lo spauracchio da temere perchè sapete che vi sorpasserà in popolarità! Voi non avete mai partecipato ad un meetup del movimento cinque stelle non avete la minima idea del fatto che tutte le scelte vengono prese autonomamente e di come funziona il movimento, ecco perche' lo criticate, perche' pensate che agisca come i partituncoli dei ladri che continuate a votare.

    Rispondi

  • daniela

    27 Luglio @ 19.28

    Bravo sindaco!!!! non lasciarti intimidire da quei tromboni incollati alla poltrona i cittadini sono con te!!!!

    Rispondi

  • GIANNI CALIGARIS

    27 Luglio @ 19.12

    @PaoloP Grillo ha discusso in rete anche le espulsioni di Tavazzi (FE) e Poppi (MO)? In politica è noto che gli “ex” sono i peggiori. Visto che siamo stati governati per circa vent’anni da Silvio prima e Silvio&Umberto poi, deduco dalla tua rabbia che tu sei un ex di centrodestra. Ma vedi di non farti ottenebrare, qui stiamo parlando del pgm per amministrare Parma, non delle affabulazioni di Grillo e del suo ghost writer Casaleggio. Parma non è il palcoscenico di una sceneggiata né una piazza di gente che ha voglia di ridere. Parma è una città con debiti, poveri, quartieri, anziani e bambini, strade, teatri, rifiuti e bellezze, economia e cultura, stupidi, intelligenti e furbastri. Ti piace il pgm del Sindaco Pizzarotti e credi che riuscirà ad attuarlo? Bene. A me dice poco e sospetto che ci resterà dentro, visto che sta rimandando tutti i nodi e che declina i verbi solo al futuro o al gerundio in perifrasi progressiva. Ci sta, ma per amministrare servono anche i participi passati. Credo che tu sia abbastanza giovane ed io non sono decrepito. Ti aspetto ai primi consuntivi per misurare a) i risultati oggettivi b) l’aderenza al programma. Saluti

    Rispondi

  • Paolo

    27 Luglio @ 16.24

    Caro UMBY, brucia ancora tanto vero? La capisco. Le vorrei ricordare che il programma base del movimento discusso in rete con i cittadini, è da fare risalire addirittura al periodo precedente al PD, ed era stato presentato da Beppe Grillo all'allora presidente (dormiente), Romano Prodi, quindi si...è vero che qualcosa si somiglia, perchè il PD lo ha preso a mani basse da noi, ma comunque va bene così, tenetevelo pure saranno i cosiddetti punti di convergenza. Vorrei inoltre capire di che dati sta parlando? Sta parlando forse del fatto che il PD ed il PDL hanno ridotto uno schifo e sul lastrico questo paese? Allora siamo d'accordo. No, perchè incolpare di qualcosa questa amministrazione che è da tre mesi in carica, capisce bene che ha del ridicolo... In ogni caso non vedo menzione nel programma del PD di energie rinnovabili, acqua pubblica, aria pulita etc, vedo invece i fatti, da anni...cemento, gassificatori, inceneritori, ribadisco la mia volontà di utilizzo del programma del PD nel momento estremo del bisogno, grazie.

    Rispondi

  • Marco Delissi

    27 Luglio @ 15.54

    AHHAHAHAHA Bravissimo Pizzarotti HAHAHAHAHAHHAHA I consiglieri falliti dell'opposizione fallita (a partire dal PD, Partito Defunto) perdono tempo a parlare, parlare, parlare... mentre il GRANDISSIMO PIZAROTTI se ne strafrega e li prende in giro su Twitter ahahahahahahahahhaha! Bravissimooooo! L'opposizione rappresentata dal PD=Bersani=Napolitano=distruzione della città di Parma va cancellata, umiliata, presa in giro, questa è la democrazia 2.0, altro che inciuci! Il sindaco Pizzarotti ha dimostrato di essere il migliore amministratore del mondo. Parma è già una città diversa: più ricca, più bella, meno inquinata, e i rosiconi piddini farebbero meglio a rassegnarsi e ad andarsene ad abitare da qualche altra parte: la città sta tutta con Beppe e Pizzarotti, e con i loro giornali di propaganda, la Gazzetta di Parma e il Fatto Quotidiano!!! I parmigiani sono schifati dal PD e dai suoi elettori, e vorrebbero una città totalmente a 5 stelle, senza nessuna opposizione che rompa le scatole ai ragazzi a 5 stelle che comandano con il pugno di ferro. Sul Teatro Regio: è chiaro che i perdenti del PD, ancora sgomenti per la vittoria di Beppe a Parma (e domani toccherà all'Italia), vorrebbero ancora le vecchie, stantie, logore opere liriche lottizzate da musicisti del PD=PDL. Invece Pizzarotti è un sindaco a 5 stelle della democrazia 2.0 e sa benissimo che l'opera lirica e sinfonica è roba vecchia, da Parma 1.0, robaccia del passato: i cittadini di Parma vogliono che il Teatro Regio diventi il teatro di beppe, con gli spettacoli di Beppe, i musicisti di Beppe, i grandissimi intellettuali che chiama Beppe per fare il suo Passaparola. I cittadini di Parma vogliono che Beppe, il loro padrone nel quale si riconoscono totalmente, usi il Teatro Regio tutto per sè, per raccontare al popolo di Parma l'evoluzione del suo moVimento, le giuste battaglie politiche contro la casta PD=PDL, vogliono che il loro capo Beppe spieghi loro tutte le bufale della scienza che il comico-statista ha smascherato negli anni. I parmigiani sono pronti a difendere il loro paladino politico Beppe fino alla morte: Parma si identifica totalmente con Beppe, e vuole che il teatro Regio sia a disposizione solo di Beppe e dei suoi ragazzi a 5 stelle che vogliono giustamente eliminare l'opposizione PD=PDL.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba - Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Pontetaro: brindisi all'Oktoberfest al bar Alba Ecco chi c'era: foto

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida

USA

Fa sesso con un alunno 14enne: condannata insegnante in Florida Foto

fedez

social

Ironia sul figlio, Fedez attacca Striscia poi fa autocritica Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

KATE FINN, la donna morta nel cercare il cibo perfetto

VELLUTO ROSSO

Teatro Due: Kate Finn, la donna morta nel cercare il cibo perfetto Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza nel cantiere di Baganzola

PARMA

Centro commerciale di Baganzola: cantiere sotto sequestro, tre avvisi di garanzia in Comune

La Procura indaga per abuso d'ufficio. Legambiente attacca il Comune: "Mancanza di trasparenze e umiltà"

parma urban district

Alinovi: "Ho ricevuto l'avviso di garanzia. Ma ho sempre agito con responsabilità"

Il sindaco Pizzarotti: "Piena fiducia e stima. Noi non volevamo il mall, è un'eredità del 2006"

1commento

CONQUIBUS

Ospedale: confermata la sospensione dall'attività assistenziale per Aversa, Giuliani e Mutti

Il Comitato dei Garanti: tre anni di sospensione per Aversa

PARMA

Tentato furto nella notte: la banda aggredisce i vigilanti con l'estintore, sparati alcuni colpi Video

Assaltato un magazzino di pellami in via Manara (zona via La Spezia)

Appennino

Scoppia la guerra delle castagne

11commenti

Tribunale

La commessa della gioielleria: «Ho reagito così perché non sopporto le ingiustizie»

3commenti

12 TG PARMA

Aggredisce medici e poliziotti al pronto soccorso: 30enne arrestata Video

VIA VENEZIA

Rubano la cassa in un centro di abbronzatura: arrestata una ragazza, il complice fugge

Berceto

Spuntano ancora rifiuti nascosti nel terreno lungo il Baganza Video

TRAGUARDO

Elsa e Fernanda, le gemelle centenarie

PARMA

Sviluppo dell'aeroporto Verdi: presentata al ministero la Valutazione di impatto ambientale

1commento

Sissa Trecasali

Addio a Marco Marchesi, fu un bravissimo portiere

1commento

SAN POLO D'ENZA

Propone sesso a un passante ma è una scusa per rubare il Rolex: denunciata 25enne

I carabinieri sono risaliti a una 25enne rumena senza fissa dimora

PATTINAGGIO

Greta Maestri, da Sissa ai podi europei

FINANZIAMENTO

Manutenzione dei fiumi nel bacino del Po: oltre 2,5 milioni in più per l'Emilia-Romagna Tutti gli interventi

Il ministero dell'Ambiente ha deciso un finanziamento (finora inatteso) di 10 milioni per il Bacino del Po

GAZZAREPORTER

Disagi per un tamponamento in tangenziale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lo show in tv di Di Maio fa traballare il governo

di Vittorio Testa

1commento

CHICHIBIO

Trattoria Mussi, semplicemente la buona cucina di montagna

ITALIA/MONDO

METEO

Caldo anomalo agli sgoccioli: da lunedì le temperature scendono anche di 10 gradi

MALTEMPO

Nubifragio nel Catanese: auto travolte dall'acqua, case allagate

SPORT

SPORT

Mondiali di pallavolo femminile: Italia in finale con la Serbia Foto

CALCIO

Verso Parma-Lazio: Gervinho sempre in dubbio Video

SOCIETA'

ARTE

Riappare dopo 100 anni il Bal Tic Tac di Balla Foto

sanità/Regione

Venturi "punito" dall'Ordine? AcEMC: "Sorpresi, sconcertati e preoccupati"

MOTORI

MOTO

Prova Harley-Davidson Sport Glide

ANTEPRIMA

X7, il Suv di lusso di Bmw Fotogallery