10°

28°

Parma

Commercio in difficoltà: il direttore di Confesercenti denuncia "il silenzio di Parma sulle vetrine abbassate"

Ricevi gratis le news
2

Luca Vedrini scrive un intervento sotto forma di lettere per lanciare un allarme contro una certa indifferenza verso le numerose chiusure di esercizi commerciali. Anche negozi che si occupano di alimentare, il settore principale dell'economia di questo territorio. "Da tempo Confesercenti chiede che la Città si interroghi su come uscire da questo stato di ignavia e di torpore che ormai la avvolge", scrive Vedrini.

Ecco la lettera-comunicato di Vedrini:

Il silenzio di Parma sulle vetrine abbassate.

Egregio Direttore,
                             giustamente, il sociologo Giorgio Triani nei suoi sempre attenti post, richiama la nostra attenzione sull’indifferenza che spesso cala su questa città in occasione di eventi talvolta considerati banali e scontati ma che se ben analizzati così non sono.  Ci fa osservare che da circa sei mesi ha chiuso la salumeria “Specialità di Parma” in Strada Farini nel centro della movida e parte del “salotto buono” della città. Diversa sorte per la Salumeria Rastelli di Via Repubblica ma uguale risultato: vetrina abbassata. E per la Salumeria Pasini, anch’essa in via Repubblica, trasformata in un negozio di materiale elettrico.
Altre storiche botteghe del cibo parmigiano hanno subito, o subiranno,  la stessa sorte, ma nella Città simbolo della Food Valley nessuno se ne preoccupa. Purtroppo è vero! La notizia passa sui giornali e tutto finisce lì, convinti che si tratti di chiusure inevitabili, dovute alla crisi, ad errori imprenditoriali, o ad altre cause. Ma una Città come Parma che vuole essere meta preziosa e golosa per tanti turisti e ambasciatrice del buon cibo nel mondo, si può permettere tutto ciò?
Oppure questi occhi di vetrina abbandonati da tempo, con le saracinesche abbassate e la sporcizia che si accumula davanti, sono il segno evidente che neppur’essa crede in questa sua vocazione?
La Capitale del buon cibo non ha la capacità di tenere aperte le proprie vetrine d’eccellenza. In questi ultimi anni  abbiamo creato i più svariati slogan, dalla “città cantiere” a “Parma, un modo di vivere”, ma sulla “Città del Cibo”, unico vero core business del nostro territorio, nulla si fa e nulla si ipotizza di fare.
Diamo come sempre per scontato che così è e così sarà per sempre! Purtroppo avremmo dovuto capire che le cose devono andare diversamente! A dire il vero qualche imprenditore l’ha fatto (ovviamente criticato da molti) e sicuramente non solo per il business ma perché ha capito che anche nella città del cibo occorre avere una buona vetrina.
La crisi c’è ed è innegabile ma l’alimentare da sempre rappresenta un buon viatico per la tenuta dell’economia. Quanti prodotti igp, docg, dop, abbiamo? Quante “specialità di Parma” sono famose nel mondo? Dal Prosciutto al Parmigiano, dal Salame al Culatello e così tanti altri prodotti e di questo non ci curiamo? Non ci preoccupiamo che le vetrine che espongono le nostre eccellenze siano chiuse e spente?
Da tempo Confesercenti chiede che la Città si interroghi su come uscire da questo stato di ignavia e di torpore che ormai la avvolge. Abbiamo rivolto la stessa domanda alla vicina Salsomaggiore Terme ma il silenzio ha preso il sopravvento. Parma è visibilmente in difficoltà. Il nostro cibo, le nostre specialità culinarie e gastronomiche, i nostri ristoranti, insieme alla cultura, devono essere messi al centro del rilancio dell’economia. I Consorzi, le Associazioni, la Camera di Commercio, il Comune di Parma e tutti gli Enti che operano in questo settore devono creare un vero e proprio piano strategico per rilanciare ciò che già ci rende famosi nel mondo, facendo propria la convinzione che queste vetrine debbano rimanere aperte e ritornino il più presto possibile a splendere.
Cordiali saluti.

Luca Vedrini
Direttore Confesercenti Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • claudio

    03 Agosto @ 18.12

    Concordo con Decima mas! Ma quali colpe di Pizzarotti??? Lui ha solo cercato di riportare un po' di ordine laddove regna il più totale, immondo disordine. E voi commercianti, ma mi riferisco soprattutto ai baristi-pub (non certo ai dignitosi negozietti tradizionali) smettetela di PIAGNUCOLARE sempre miseria! Con i vostri soprusi sui residenti, avete davvero rotto! La misura è colma!Avanti tutta, Pizza!

    Rispondi

  • lele

    03 Agosto @ 02.02

    Dopo piu' di mezzo secolo di politica fallimentare basata sul nepotismo,il mal affare,tangenti come noccioline,gli interessi di lobby come prassi,una chiesa che pare l'inferno pur riconoscendolo,amici di amici con carriere da Nobel,comunisti dirigenti borghesi benpensati e bigotti(ed i loro figli meritevoli di un 2 in condotta),sindacati doppiogiochisti,la colpa del fatto che molti negozi chiudano e' di Pizzarotti!Robe da matti nel vero senso del termine!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita

gazzareporter

La segnalazione: "Capolinea del bus davanti a passo carrabile?"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street