19°

29°

Parma

Lubiana, troppo traffico soffoca il quartiere

Lubiana, troppo traffico soffoca il quartiere
Ricevi gratis le news
5

E' la viabilità il nervo scoperto del quartiere Lubiana. Troppe auto nelle strade interne da quando una parte di via Zarotto è stata resa a senso unico. Fra coloro che si lamentano per questo problema c'è Elisabetta Boni. «La viabilità - dice - è proprio la nota dolente qui al Lubiana. Il traffico è aumentato a dismisura e l'inquinamento pure». In particolare, segnala, la situazione è critica in via Hiroshima, «che avrebbero dovuto mettere a senso unico, perché così com'è oggi non può sostenere tutto il traffico proveniente da via Sidoli che entra nel quartiere».

La soluzione? «Dovrebbero ripristinare il doppio senso in via Zarotto almeno fino a via Bandini». Sul tema viabilità parla anche Faustino Pagani: «Una volta via Hiroshima era una zona tranquilla. Da quando hanno cambiato la viabilità in via Zarotto la situazione è peggiorata parecchio. Tutte la auto che provengono da via Sidoli passano da qui: c'è pericolo, soprattutto per i bambini». Stesso problema in via Marzabotto e dintorni: secondo Marina Mazzini «da quando via Zarotto è a senso unico, via Marzabotto e via Hiroshima sono diventate delle tangenziali. Il traffico è ormai insopportabile per noi residenti. Queste sono strade residenziali e non sono state pensate per sostenere una circolazione così ampia di veicoli. Forse se si impedisse la svolta in via Hiroshima installando un cordolo in mezzo a via Sidoli, molte auto cercherebbero percorsi alternativi».

Che ci sia una pista ciclabile ma che si corrano dei pericoli a utilizzarla, proprio non va giù a Enzo Mingori. «Vorrei che l'assessore alla Viabilità venisse a percorrere in bici la pista di via Emilia Est e via Emilio Lepido. Ci sono dei punti pericolosi: i lampioncini in mezzo alla pista, poi una corsia più stretta dell'altra». Lidia Pelosi rincara la dose, osservando che «la pista è stretta e ci sono pali e buche, senza contare le auto che ci parcheggiano sopra». E Paola Rosi se la prende con la cabina telefonica in mezzo alla pista davanti alla rocca: «L'ho segnalato al Comune, ma dicono che è della Telecom e non ci possono fare niente». Stesse critiche da Danila Aldini: «Quella pista non è fatta bene, è tutta un su e giù a causa delle buche». Buche, lamenta, ce ne sono anche nelle strade. Per lei che abita di fronte all'ex Federale, poi, vedere che la struttura appena recuperata è ancora sottoutilizzata è un dispiacere: «Sarebbe bello se venisse sfruttato di più e se oltre ai giovani ci andassero anche gli anziani».

Sullo stato di piazzale Lubiana dice la sua Simona Soncini: «Il problema di questa piazza è che è un po' morta. I negozi non sono molti e quelli presenti sono spenti. Eppure quando c'è il mercato la gente viene, e anche quando alcune volte all'anno si fanno delle iniziative per ravvivare la zona. Forse di occasioni così ne servirebbero di più». Per il resto, osserva, «il quartiere è vivibile, tranquillo». A parte, però, un problema in via Casa Bianca, dove segnala che un piazzaletto che funge da parcheggio è divenuto ritrovo abituale per tossicodipendenti. Troppa poca pulizia in piazzale Lubiana: a segnalarlo è Ovidio Avanzini, che parla di «piazza abbandonata». Ma secondo lui quello spazio è abbandonato un po' anche dagli stessi abitanti: «I negozi che ci sono muoiono perché tutti vanno nei supermercati». Preoccupazione anche sul fronte dei furti: «Ormai anche qui da noi non c'è casa che non sia stata visitata dai ladri. Ma purtroppo è così un po' dappertutto». Di furti parla anche Oliva Risoli, che da 34 anni abita in via Marx: «Anche nel nostro condominio di furti ce ne sono stati. Io abito al piano terreno e per fortuna ancora non sono venuti, ma la preoccupazione c'è».
Loredana Zileri abita nella zona di via Emilio Lepido, dove si trovano vari locali notturni. «Vivere lì è ormai diventato impossibile: nei fine settimana è un disturbo continuo, auto parcheggiate dappertutto, anche sulla pista ciclabile, e marciapiedi dove la gente getta qualsiasi cosa. E ogni tanto scoppiano anche delle risse. Servirebbero più controlli». Paolo Bertaccini segnala un problema che puntualmente si verifica in via Cassio, all'incrocio con via Malaspina. «Da quando hanno fatto un dosso artificiale, ogni volta che piove si forma una pozzanghera enorme che invade tutta la strada».

Giulia Bna abita in via Ugoleto. «Nella nostra strada non ci sono i marciapiedi e per i pedoni è un pericolo continuo. Abbiamo anche segnalato la cosa in Comune: ci hanno detto che sarebbero intervenuti, ma finora non si è visto nessuno». Margherita Lacasella segnala un problema per quanto riguarda la situazione delle piante in via Molossi: «Andrebbe curata di più la manutenzione. Bisogna prevenire i pericoli, visto che lì c'è anche un parco dove giocano i bambini». Laura Vitali abita in via Leonardo da Vinci: «Le piante di tutto il quartiere avrebbero bisogno di essere potate: in autunno le foglie invadono sia i marciapiedi che le strade e nessuno viene a raccoglierle. C’è il rischio che qualcuno si faccia male».

Via Orlandi «assediata» dai topi e dalle zanzare tigre: a denunciarlo è Rosetta Lesignoli. «È un anno e mezzo che siamo in balia dei ratti. Sia io che un mio vicino ne abbiamo già uccisi diversi ma continuano ad essercene. Il problema  riguarda tutta la strada. Anche le zanzare tigre sono una piaga. Mi auguro che il Comune faccia qualcosa». La signora chiede anche «più dissuasori nel quartiere: in alcune strade le auto passano a forte velocità». Il problema che segnala Vittorio Menozzi è quello comune a tanti altri disabili che come lui sono costretti su una sedia a rotelle. «Mi servo dell'autobus 23, ma il problema è che il più delle volte le pedane per le carrozzine non funzionano. Ho anche telefonato alla Tep, ma finora non è cambiato niente». f.ban.

Questo articolo dà inizio allo speciale "Gazzetta al mercato", la nuova iniziativa della Gazzetta di Parma che nei vari mercati cittadini raccoglierà le voci degli abitanti dei quartieri di Parma. Aggiungete la vostra voce sui problemi del vostro quartiere, utilizzando lo spazio commenti di fianco  a questo articolo nella colonna centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Antonella

    10 Novembre @ 14.26

    Ci auguriamo che venga fatto qualcosa al più presto perchè le strade interne al quartiere non sono state costruite per sopportare un simile traffico che crea gravi situazioni di pericolo per i residenti.

    Rispondi

  • emanuela

    10 Novembre @ 14.16

    Ci auguriamo che il progetto Lubiana venga presto realizzato e che il quartiere diventi un polmone verde e che questo modello venga esteso a tutti i quartieri della città. Far circolare meno auto è l'unico modo per abbassare l'inquinamento e il PM 10, ormai a livelli inaccettabili. Visto che l'anno prossimo ci sarà una riunione del G8 a Parma sull'ambiente potremmo dimostrare di avere modelli avanzati su questo argomento. Il problema non è spostare il traffico da una strada all'altra , ma limitarlo.

    Rispondi

  • moni

    10 Novembre @ 10.28

    e' ora di finirla di dare la colpa di tutto al senso unico di via zarotto. finalmente noi residenti riusciamo a respirare e ad attraversare la strada,visto che c'erano due file contnue di auto ad ogni ora del giorno e della notte. abbiamo diritto di respirare anche noi che abitiamo li'- che il traffico se lo pappino anche gli altri!!!!

    Rispondi

  • Stefano

    09 Novembre @ 14.55

    La svolta in auto da via Cassio in via Casa Bianca è pericolosissima: non si vede se arrivano auto da sinistra. Servirebbe uno specchio stradale. La collocazione non sarebbe facilissima, ma credo sia necessario trovare una soluzione per evitare il ripetersi di tragici eventi.

    Rispondi

  • Massimo

    09 Novembre @ 11.06

    Rimuovere il senso unico di via zarotto è l'unica cosa sensata. Magari lasciarne giusto un pezzo per evitare l'attraversamento (così Somenzi è contento). Io e la mia famiglia non voteremo piú Vignali la prossima volta e solo per questo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse