18°

30°

Parma

Scuola, Pagliari: "Troppo alto il prezzo dei buoni-pasto. Si permetta di portare il pranzo da casa"

Scuola, Pagliari: "Troppo alto il prezzo dei buoni-pasto. Si permetta di portare il pranzo da casa"
Ricevi gratis le news
23

"Illustrissimo Signor Sindaco,
alcuni genitori e nonni mi hanno voluto rappresentare, nonostante la mia collocazione “in fuori ruolo” dal Comune, alcuni nodi, che rendono nuvoloso il cielo del primo giorno di scuola". Inizia così la lettera aperta che Giorgio Pagliari, ex capogruppo di minoranza in Consiglio comunale, ha scritto al sindaco Federico Pizzarotti.
"Mi sento in dovere di riportarLe il risultato di questi colloqui sia perché le loro preoccupazioni giungano a chi ha la responsabilità ed il potere di valutarle e di assumere eventuali, conseguenti, decisioni, sia perché le stesse hanno un rilievo politico generale, come più oltre accennerò.
Parto dai problemi concreti:
- buono-pasto delle Scuole Elementari:
1. € 6,00 a pasto sembrano una quota alta in sé considerati e in rapporto ai costi dei buoni pasto degli adulti, che in molte realtà, peraltro, stanno per essere abbattuti. E le persone si rafforzano in questa loro convinzione, considerando che, nelle Scuole dell’Infanzia, la detrazione, nel caso di assenza, è di € 2,20 per ogni pasto. Ritengono, infatti, che questo dato evidenzi un eccessivo margine, non giustificato per le mense scolastiche, tra costo effettivo e prezzo richiesto.
2. L’onerosità è accentuata dall’eliminazione di molte esenzioni e dalla modifica della disciplina di talune esenzioni.
Ad esempio, quella per le famiglie numerose è stata legata all’ISEE, con la conseguenza che questo tipo di nuclei, se vive in casa di proprietà, perde l’agevolazione.
L’ipotesi appare davvero penalizzante e sottolinea il problema di un ripensamento del valore assoluto dato alla proprietà della residenza ai fini dell’ISEE: più che mai con l’introduzione dell’IMU, nell’attuale situazione economica, un qualche correttivo andrebbe introdotto. E’ una questione di equità, pur senza che ciò significhi equiparare la fattispecie della casa di proprietà con quella in locazione, ma avendo l’obiettivo di evitare che la proprietà diventi un elemento di sostanziale penalizzazione.
3. Nel contesto dato, ritenuta l’oggettiva insostenibilità per molte Famiglie del costo della mensa, viene visto come giusto e necessario il riconoscimento della facoltà di portarsi da casa il panino per il pasto di mezzogiorno e di consumarlo all’interno della Scuola.
La scena purtroppo registratasi lo scorso inverno dei due scolari che mangiano, al freddo, nel Parco Bizzozzero, il loro panino per il divieto di farlo all’interno della loro scuola è civicamente e socialmente inaccettabile, oltreché costituzionalmente illegale (artt. 3 e 34).
La crisi economica è un dato oggettivo; l’accollo del buono pasto non può essere un obbligo; l’orario continuato non consente il ritorno a casa nell’intervallo; il servizio scolastico deve offrire la soluzione logistica perché chi non può pagare € 6,00 possa consumare il proprio pasto alternativo all’interno della scuola;
- tassa di circolazione di € 60,00 per le auto dei Genitori degli Alunni della Scuola San Vitale, Convitto Maria Luigia e Scuola Europea: è una vera gabella, introdotta – se non erro – quest’anno, come se il problema fosse semplicemente quello di penalizzare l’uso delle macchine. Nel caso, c’è qualcosa di più e di diverso: la scelta della Scuola Sanvitale è – come noto – per quasi tutti i genitori obbligata dal c.d. stradario, cioè dalla “assegnazione” ad un complesso scolastico in ragione del luogo di residenza. Tacendo il fatto che non sempre lo stradario offre soluzioni logisticamente adeguate, perché deve essere tassato chi rispetta l’indicazione della scuola e, quindi, non è costretto all’uso dell’auto da una propria autonoma decisione?
4.Mi lasci esprimere ad alta voce il dubbio che le scelte considerate, in specie la seconda, siano in qualche modo dettate dall’esigenza di reperire risorse. E questo è inaccettabile, perché l’uscita dal debito non può ridursi alla politica delle tasse, ma deve, prima di tutto, essere data da un’ipotesi di ripianamento che sappia coniugare risanamento e rilancio e che non faccia ricadere semplicemente sui Cittadini il debito.
5. I Genitori con bimbi nei Nidi e nelle Scuole Materne vorrebbero una parola chiara e definitiva sugli indirizzi della Sua amministrazione in relazione all’ organizzazione di dette scuole e sul modello di integrazione tra pubblico e privato ,considerate le incertezze palesate in questi mesi.
6. Con tutto questo, naturalmente, primariamente a Alunni, Docenti e Genitori, auguro la miglior riuscita dell’anno scolastico e porgo cordiali saluti"
Giorgio Pagliari
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio

    16 Settembre @ 18.00

    e se per cominciare (a proposito di case popolari) cacciassimo fuori chi rifiuta i lavori offerti dal comune?La casa popolare è un diritto per chi non può lavorare , non per chi non vuole! E soprattutto non deve essere un diritto a vita ma solo per momenti di disagio,a meno che non si tratti di persone con problemi di salute (e qua purtroppo non posso far altro che augurare a tutti di guarire al più presto)!

    Rispondi

  • Patty Smith

    16 Settembre @ 16.43

    Giusto per sapere bene come stanno le cose e per trasperenza. IL COMUNE POTREBBE PUBBLICARE QUANTI USUFRUISCONO DEGLI SCONTI MENSA, ECC.ED I LORO NOMI O, per lo meno la nazionalità? così, tanto per parlare a proposito. Sarei curiosa anche di conoscere i numeri precisi delle asseganzioni delle case popolari. A chi vanno e a che affitto. Grazie

    Rispondi

  • francesco

    16 Settembre @ 16.00

    Pagliari, e parlare dei problemi veri della città? Il pasto costa 6 euro anche nelle scuole degli altri comuni della provincia e 60 euro all\\\'anno per il permesso fanno ridere, visto che l\\\'alternativa c\\\'è e funziona (Happy Bus), io il permesso lo farei pagare appunto come il trasporto pubblico (270 euro) con riduzioni in base all\\\'ISEE. Perchè se si mette in piedi un servizio capillare e funzionale com l\\\'Happy Bus, se lo utilizzano tutti va bene, se non i costi aumentano o per chi lo usa o per il Comune.

    Rispondi

  • Condominio Rustici

    16 Settembre @ 13.22

    Vorrei chiedere al sig. Andrea di verificare bene i bollettini mensa pagati negli anni della giunta Vignali. Vorrei chiedergli inoltre se sà che fine hanno fatto quei 100 euro a ragazzo, versati dalle famiglie per l'assistenza scolastica, che l'illustrissimo Bernini doveva restituire alle scuole. Sono inoltre contento per il sig. Andrea che vive in una scuola felice. Nella nostra, la Gelimini ha tagliato ore, ore di compresenza, che hanno portato ad avere in mensa lo studente universitario ribattezzato "maestro del DIS-gusto" (indovinate da dove prendono i soldi chi li paga?) ed una sola insegnante per le prime classi. Per quanto riguarda l'Happybus, un ora e quindici per 4 km è uno schifo! Mi auguro che il ns nuovo sindaco, che vuole incentivarne l'uso, sappia come agire in merito.

    Rispondi

  • laura

    15 Settembre @ 22.16

    Siccome c'è qualcuno che sembra avere una buona memoria puntualizzo che il costo di 6 euro per il pasto è stato introdotto dal commissario Ciclosi per gli ovvi motivi che tutti sappiamo, il costo del servizio Happy bus e di 370 euro l'anno e sei obbligato a pagare l'intero ammontare anche se usufruisci del servizio a metà (o solo andata o solo ritorno), la riforma Gelmini non c'entra niente con la mensa scolastica delle elementari , che è considerata tempo scuola sia per il tempo pieno (tutti i giorni) sia per i moduli ( solo i giorni con scuola al pomeriggio), quindi in entrambi i casi con la maestra della classe. Considero caro per la mia famiglia (lavoriamo in due e abbiamo 3 figli) sia il costo della mensa, che quello del servizio happy. Se dobbiamo considerarci una famiglia bisognosa non lo so, ma il comune dice di no, visto che secondo i loro parametri non possiamo usufruire di nessuna agevolazione. Un' ultima nota sull'efficienza del servizio Happy bus: mia figlia esce da scuola alle 13,30 ed arriva a casa mediamente alle 14.45, più di un'ora per fare circa 4km, non male vero?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

SERIE A

Inglese e Gervinho fanno esultare il Tardini. Parma-Cagliari 2-0 Foto

2commenti

parma

Lavoro nero: sospesa la licenza a un kebab di via D'Azeglio. Multati altri locali

Controlli interforze in diverse zone della città

1commento

APPENNINO

E' morto il fungaiolo colto da malore nei boschi di Albareto

Si tratta di un 80enne di Bergamo

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

3commenti

NUOTO

Commenti beceri verso Giulia Ghiretti: denuncia (e tanto sostegno) via Facebook

L'atleta paralimpica pubblica la schermata con alcuni commenti per i quali si definisce "disgustata"

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery Video

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

3commenti

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

15commenti

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

E' Berlusconi l'arma anti Di Maio di Salvini

di Vittorio Testa

CHICHIBIO

«Locanda Marzolara» generosa tradizione e tanta qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Medicina

Primo trapianto di faccia in Italia. E' su una donna

governo

Pensioni: ipotesi quota 100 con 36-37 anni contributi

SPORT

Moto

Super pole di Lorenzo, pasticcio Valentino Rossi: 18esimo

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

SOCIETA'

Youtube

Nubifragio su Mondello: l'impressionante video in time lapse

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"