13°

28°

Parma

La testimonianza di un lettore: "Due giorni persi tra gli uffici Tep"

Ricevi gratis le news
1

"Sono appena rientrato a casa dopo una "due giorni" passata tra gli uffici di Barriera Bixio e una marea di telefonate al servizio abbonamenti, che NON HANNO trovato alcun interlocutore". Inizia così la mail che nei giorni scorsi un papà di Montecchio ha inviato a Gazzettadiparma.it per raccontare l'odissea per il rinnovo dell'abbonamento per i figlii studenti. "Finalmente stamattina (dopo due ore di coda iniziate alle 7,55) sono riuscito a rinnovare i due abbonamenti annuali scolastici per il trasporto dei miei due ragazzi da Montecchio a Parma, con rateizzazione dell'importo tramite RID bancario. Ecco il racconto dell'agonia" e dei numerosi (credo)
disservizi/inutili ripetizioni burocratiche che hanno caratterizzato il percorso".

La segnalazione parte con una premessa: i ragazzi sono già titolari da inizio anno di una tessera "MI MUOVO". "E già dall'anno scorso utilizziamo la modalità RID per la rateizzazione (ergo...i dati di IBAN e tutto il resto sono GIA' in possesso della TEP!)".

Poi via al racconto. "Mi sono recato presso gli uffici di Barriera Bixio in quanto per la rateizzazione dell'abbonamento annuale è l'unico modo per poter accedere a questo servizio. Prima osservazione: perchè non è possibile farlo ONLINE?  Invece occorre
prendersi (MINIMO) una mezza giornata di ferie perchè....  non ci sono alternative. Dopo aver atteso il mio turno mi presento allo spostello degli uffici di Barriera Bixio (quello deputato al rinnovo abbonamenti tramite RID bancario) e con mio STUPORE mi viene comunicato che: 

a. devo RICOMUNICARE l'IBAN e il codice fiscale che già possiedono;                         

b. NON e' sufficiente comunicare a voce detto IBAN (che tengo a disposizione in un "notes elettronico");
c. serve un DOCUMENTO della Banca in cui risulti il mio codice IBAN.

 A fronte delle mie osservazioni (l'avete già in vostro possesso, questo è il mio IBAN ve lo sto comunicando, nè sul vostro sito online nè in qualsiasi comunicazione all'ingresso degli uffici è scritto che occorre munirsi di IBAN in quel certo "formato")  la "zelante"
impiegata non ha voluto sentire ragioni e io sono dovuto tornare a casa irato e contrariato nel vedere quanto tempo venga gettato per
inefficienze, rigidità burocratiche e (soprattutto) "travet" zelanti nella applicazione formale e pari pari di regole che spesso non hanno
fondamenti reali".

Ma il rqacconto non finisce qui.

"Avendo fretta di sottoscrivere gli abbonamenti e non volendo fare un altro viaggio a Parma per gli abbonamenti decido nel primo
pomeriggio di recarmi presso una filiale Banca del Monte per caricare (pensavo io...a quel punto) l'abbonamento dei ragazzi, decidendo però di renderlo mensile. Altra sorpresa: a differenza di quanto pubblicizzato con tanto di immagini delle "schermate" del Bancomat relativamente ai vari passi per la sottoscrizione degli abbonamenti) mi vedo proporre SOLO la possibilità dell'abbonamento annuale (quindi niente mensili!) ma SOPRATTUTTO dell'annuale NORMALE, non quello scolastico! Torno a casa, e volendo segnalare la cosa all'ufficio abbonamenti provo a chiamare in continuazione dalle 14,30 alle 16, 20 (orario in
cui  mi dice il centralino smettono di rispondere!!!! le 16,20!!! signori....alla faccia dell'aumento di produttività!!) ma NON UNA SOLA
volta ho avuto il piacere di sentire alzare la cornetta e sentire la voce di un impiegato! A questo punto il giorno dopo (munito di stampa del codice IBAN fatta fare presso la mia filiale banca) torno a recarmi a Barriera Bixio, rifaccio la fila e arrivato al solito sportello, l'impiegata in mezzo allo STUPORE GENERALE mi dice che pur avendole presentato le due tessere MI MUOVO dei ragazzi che deve solo caricare con l'annuale sullo STESSO PERSORSO dell'anno precedente.... DOVREI RICOMPILARE IL MODULO (modulo per altro la cui intestazione è: "richiesta di emissione di tessere MI MUOVO"). Le ho detto che era una
follia quella richiesta, che compilandolo avrei compilato un modulo nato per altre necessità e che comunque i dati comunicati sarebbero stati gli stessi già in loro possesso...

Insistendo sono riuscito a far si di non dover soggiacere a quella inutile e (forse) non compresa disposizione da parte dell'Azienda....Sono riuscito a caricare i due abbonamenti e alle 9,50 sono uscito dagli uffici TEP con la speranza che (anche per merito di questa mia email) il prossimo anno i cittadini non siano costretti per il rinnovo di un abbonamento...a sottostare ad un iter burocratico così pesante, costoso ed inefficiente!"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • biblicalfir

    18 Settembre @ 12.24

    legge bassanini poi dpr 445/2000 e s.m.: Art. 43 - Accertamenti d'Ufficio 1. Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi sono tenuti ad acquisire d'ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47, nonché tutti i dati e i documenti che siano in possesso delle pubbliche amministrazioni, previa indicazione, da parte dell'interessato, degli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall'interessato. NOTA La legge ha inteso ribadire in modo categorico che la pubblica amministrazione la deve smettere di richiedere carte ai cittadini e di farli girare da un ufficio all’altro a cercarle. Le regole sono le seguenti. - Ogni ufficio della P.A. è obbligata a ricercare essa stessa tutti dati che già son in possesso del complesso di enti ed uffici della pubblica amministrazione. - Il cittadino può richiedere certificati che attestino il suo stato o il possesso di certi requisiti, ma questi certificati non possono e non devono essere consegnati ad altri uffizi pubblici; essi servono solo per attestare stati o fatti ai privati. Art. 43 - Accertamenti d'Ufficio 1. Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi sono tenuti ad acquisire d'ufficio le informazioni oggetto delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47, nonché tutti i dati e i documenti che siano in possesso delle pubbliche amministrazioni, previa indicazione, da parte dell'interessato, degli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni o dei dati richiesti, ovvero ad accettare la dichiarazione sostitutiva prodotta dall'interessato. NOTA La legge ha inteso ribadire in modo categorico che la pubblica amministrazione la deve smettere di richiedere carte ai cittadini e di farli girare da un ufficio all’altro a cercarle. Le regole sono le seguenti. - Ogni ufficio della P.A. è obbligata a ricercare essa stessa tutti dati che già son in possesso del complesso di enti ed uffici della pubblica amministrazione. - Il cittadino può richiedere certificati che attestino il suo stato o il possesso di certi requisiti, ma questi certificati non possono e non devono essere consegnati ad altri uffizi pubblici; essi servono solo per attestare stati o fatti ai privati. ossia NON POSSONO CHIEDERE DATI GIA' IN LORO POSSESSO!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

S-Chiusi in galleria

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen ha compiuto 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, nel mirino sponsorizzazioni a squadra di basket parmigiana

16 indagati e sequestro per 25 milioni

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

MONTAGNA

Corniglio, 14enne infortunata durante una gita con classe: interviene il Soccorso alpino

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

arte

Restaurata la Cassetta Farnese di Capodimonte: presto sarà (temporaneamente) a Parma

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

decreto sicurezza

Salvini: "Via tutti i campi rom entro fine legislatura"

SPORT

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

CASTELFRANCO EMILIA

Sparano a uno straniero ed esultano: indagini in corso

il caso

Bennett in tv: "Asia? La chiamavo mamma. Lei mi ha violentato"

2commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno