19°

Parma

Consiglio comunale, acceso dibattito su Teatro Regio e Decathlon all'ex kartdromo

Consiglio comunale, acceso dibattito su Teatro Regio e Decathlon all'ex kartdromo
Ricevi gratis le news
26
CONSIGLIO COMUNALE : prima seduta dopo la pausa estiva

Inizio di seduta dedicato all'ex Scalo merci: i lavori  erano stati fermati per la mancanza di una autorizzazione. A rispondere all'interrogazione del consigliere Dall'Olio (Pd), che segnalava la preoccupazione dei residenti della zona, è l'assessore all'Ambiente Gabriele Folli: "L'unico rischio per la salute sono le polveri. Ma ci sono tecniche utili per abbatterle, come getti d'acqua o cannoni nebulizzanti".

Debiti verso i fornitori: Dall'Olio (Pd) chiede i numeri; l'assessore Capelli promette un aggiornamento nel prossimo consiglio e dice che alcuni pagamenti ci sono stati.

Bizzi (Pd) presenta un'interrogazione sui sistemi di accesso agli asili. Il vicesindaco Paci risponde che il regolamento sarà rivisto prima del prossimo anno scolastico. Le criticità esposte dai genitori sono state affrontate. Per quanto riguarda l'accesso, sono state presentate 1637 domande per i nidi d'infanzia: 147 sono state controllate (130 regolari, 8 non conformi e 9 non controllabili). Per le scuole d'infanzia sono state presentate 1950 domande: 189 controllate, di cui 173 conformi, 3 non conformi e il resto non controllate.
La Paci aggiunge che i controlli sulle autocertificazioni saranno intensificati.

Mallozzi (M5S) chiede con forza le dimissioni di Villani dalla vicepresidenza di Iren. "Il 20 agosto ha partecipato a una riunione del cda senza dare comunicazione". Aggiunge l'assessore Folli: "Ci stiamo attivando sul piano legale affinché accada prima possibile (le dimissioni, ndr)". Il M5S chiede anche le dimisssioni dell'amministratore delegato Andrea Viero, attraverso il consigliere Ilariuzzi.

Grande interesse per la vicenda Giocampus Scuola, al centro di tre comunicazioni da parte della minoranza: Pellacini (Udc), Buzzi (Pdl), Bizzi (Pd). Sottolineata l'importanza del progetto e la grave perdita per le famiglie parmigiane. La risposta del sindaco Federico Pizzarotti: "Il discorso è ancora aperto, ci sono stati altri incontri e la prossima settimana faremo delle comunicazioni". Ma il primo cittadino ha voluto anche precisare: "Sono coinvolte solo terze, quarte e quinte elementari. Il progetto è gratuito per i bambini ma il Comune come le altre parti coinvolte hanno un costo da sostenere. La necessità di arrivare a una realizzazione, considerato che ci sono due progetti attivi, resta".

ACCESO DIBATTITO SUL TEATRO REGIO. PIZZAROTTI: «SE CI SONO DIVERGENZE SI DISCUTE, NON CI SI RITIRA. CERCHIAMO NUOVI SOCI». Il dibattito in Consiglio si è acceso discutendo la delibera sulla Fondazione Teatro Regio e sul recesso di Camera di commercio, Provincia, Fondazione Monte Parma e Fondazione Cassa di Risparmio di Parma.
Il sindaco Pizzarotti ha spiegato che i debiti ammontano a 6 milioni di euro (inizialmente ha detto 3 milioni ma ha poi spiegato che la cifra riguarda solo i debiti verso i fornitori). «Si sono spesi soldi per fare grandi opere che non hanno avuto la ricaduta necessaria, quando il teatro ha dei precari storici e la situazione di difficoltà in cui versa adesso. Il Regio è un bene per la collettività».
All'opposizione che accusa il Movimento 5 Stelle di non saper mantenere relazioni con altri enti, Pizzarotti ha risposto che, sul Regio, «se ci sono divergenze di opinioni, a casa mia si discute, non ci si ritira da soci». Soci che bisogna sostituire in qualche modo: «Spero che nuovi soci si affaccino - ha detto il sindaco durante il dibattito -. Siamo a braccia aperte sulla porta del teatro, ogni giorno. L'alternativa era chiudere il teatro il 30 giugno... Ci siamo presi la responsabilità di fare il Festival Verdi per un'attrattiva culturale in città».
Intervenendo sulla vicenda, i consiglieri Pellacini (Udc) e Guarnieri (Altra Politica) hanno riferito di voci secondo le quali il segretario generale della Fondazione Toscanini avrebbe accesso ai conti della Fondazione Teatro Regio. Questo «è grave» per la Guarnieri, che chiede se sia vero e a quale titolo ciò avvenga. La risposta del sindaco è chiara: il segretario, Luigi Ferrari, «sta dando un aiuto gratuito, è stato delegato da me a verificare quei conti che in passato sono costati 70mila euro» (in verifiche di soggetti esterni). Dall'opposizione è venuta la richiesta di accesso agli atti su questo incarico.
Pellacini ha chiesto più volte al sindaco di fare in modo che le missive con le dimissioni di Camera di commercio e Fondazione Banca Monte siano lette al Consiglio.
Discutendo del Regio, il consigliere di maggioranza Nuzzo ha sottolineato che «a livello nazionale il ruolo del Regio non ha avuto l'eco che avrebbe dovuto. Il resto della cultura cittadina ha risentito della scarsità di investimenti, che non era possibile aumentare perché la maggioranza dei denari andava al Regio». Una valutazione che il consigliere Elvio Ubaldi respinge, al pari di un'altra frase di Nuzzo: «Del Regio si parla da sempre, non solo nei primi 100 giorni dell'amministrazione Pizzarotti. Negli incarichi dati ad amici, parenti e mogli si capiva quale sarebbe stato il risultato».

PELLACINI: «L'ORCHESTRA DI FIRENZE AL POSTO DI QUELLA DI PARMA NELLE CELEBRAZIONI USA?». Le celebrazioni verdiane negli Stati Uniti potrebbero avere fra i protagonisti l'orchestra del Maggio musicale fiorentino e non quella del Teatro Regio di Parma. Lo ha detto il consigliere Giuseppe Pellacini (Udc) in una comunicazione urgente al sindaco. Pellacini spiega che nel giugno scorso alla Farnesina il ministro degli esteri Terzi ha incontrato i vertici di grandi aziende italiane e alcuni direttori di teatri, ai quali ha presentato il programma dell'Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti, previsto nel 2013. Il ministro, dice Pellacini, «ha espressamente citato l'Orchestra del Teatro Regio di Parma, inserendola nel palinesto, evidenziando la sua tradizione di eccellenza nel mondo». In luglio «tutto quanto richiesta dal ministero degli Esteri è stato presentato dai responsabili dell'Orchestra nei tempi e nelle modalità corrette.
La scorsa settimana - aggiunge la comunicazione di Pellacini - un funzionario incaricato dalla Farnesina, considerati i mancati riscontri del Presidente della Fondazione del Teatro Regio di Parma Federico Pizzarotti, ha manifestato all'Orhcestra l'intenzione di chiedere la disponibilità di altre compagini (ha nominato l'Orchestra del maggio Musicale di Firenze) da scritturare in sua sostituzione». Per questo Pellacini invita il sindaco, in qualità di presidente della Fondazione Teatro Regio, «a dare tempestivamente riscontro alle richieste di avvallo avanzate dal ministero degli Esteri circa la partecipazione dell'Orchestra del Teatro Regio» all'Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti. «Sarebbe infatti inconcepibile ed ingiustificabile disdegnare la proposta della Farnesina», dice la comunicazione del consigliere.
Su questo punto il sindaco ha detto che la prossima settimana si terrà un incontro con i responsabili dell'iniziativa, per fare chiarezza sulla situazione. 

DECATHLON ALL'EX KARTDROMO: E' ANCORA POLEMICA FRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE. Un altro tema «caldo» è il via libera a una nuova grande area commerciale a San Pancrazio, quella in cui sorgerà un punto vendita Decathlon al posto del kartdromo, ormai demolito. La questione - con relativa polemica politica - è stata affrontata nei giorni scorsi, quando si è riunita la Commissione Urbanistica. L'assessore Michele Alinovi ha spiegato che l'area ha 9mila metri quadrati di superficie lorda utile (slu), di cui 2.500 destinati al punto vendita vero e proprio. Alinovi ha ribadito che il Movimento 5 Stelle e la giunta Pizzarotti sono contrari ad aprire nuovi spazi commerciali di questo genere e ad alimentare il consumo di suolo. Ha aggiunto però che in questo caso l'iter era troppo avanzato. Annullare tutto avrebbe esposto il Comune al rischio di una causa per danni, con conseguente risarcimento milionario. La maggioranza ha preferito approvare il progetto, sebbene arrivi a cozzare contro le sue linee programmatiche.
Proprio su questo si è rinnovata la polemica politica. Dall'opposizione, Iotti (Pd) ha detto che questo «è un piano di vecchia, vecchia, vecchia generazione» e ha bacchettato i 5 Stelle: «Non basta dire “l'ho trovato”» ma si poteva quantomeno apportare modifiche. Ettore Manno (PdCi) non è affatto d'accordo con l'assessore Alinovi: secondo lui, rigettare il progetto e nuove cementificazioni in città era possibile.
Elvio Ubaldi (Civiltà Parmigiana) e Paolo Buzzi (Pdl) hanno votato a favore, sottolineando l'incongruenza di una delibera del genere con quanto promesso in campagna elettorale dal Movimento 5 Stelle. E dal canto suo la maggioranza sottolinea che non si poteva correre il rischio di pagare ingenti somme ancora una volta con i soldi dei cittadini. 

 Tutti gli aggiornamenti sulla seduta del Consiglio nella diretta su Twitter di Gazzettadiparma.it

Ampi servizi sulla Gazzetta di Parma in edicola venerdì 21 settembre

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    22 Settembre @ 20.21

    Vercingetorige secondo me non hanno l'esperienza della macchina amministrativa ma io penso che se uno ha ottenuto legalmente il diritto a governare deve avere il diritto a farlo così come sono convinto che non si può iniziare a criticarlo dopo due settimane dall'insediamento come è avvenuto, sono convinto che nel caso del regio prima di tutto si doveva avvisare il sindaco poi la stampa, guarda le stranezze delle cose che accadono, prima si avvisa la stampa, si spara a zero col comune poi si avvisa il sindaco. Sempre nel caso del teatro regio perchè si esce fuori? tra l'altro esce chi ha contribuito a creare il buco. sicuramente pizzarotti non ha l'esperienza ma ti dirò che io ho avuto a che fare col comune per lavoro, conosco qualcuno all'interno, ci sono persone che remano contro semplicemente perchè a loro non piace la trasparenza, preferivano poter fare quello che volevano, ci sono persone che hanno volutamente bloccato pratiche (io ti faccio un esempio sulla mia pelle, ho presentato una pratica quasi un anno fa, il responsabile ha bloccato tutto nonostante varie sollecitazioni di altri enti, l'azienda per cui lavoro seguendo la legge avrebbe dovuto fermare completamente la produzione a causa del menefreghismo e negligenza di chi rilasciava il documento di cui avevo bisogno. Bene chi lo ha sostituito da poche settimane, brava persona, si è trovato mesi e mesi di arretrati da smaltire.... Di questa persona, un tempo in comune, curiosamente questa settimana ho letto nome e cognome sulla pagina della cronaca della città. Scusa la lunghezza, la sintesi non è il mio forte, ma quersto per dirti che non so se è peggio un pizzarotti senza esperienza o politici navigati che avrebbero rimandato e forse anche aggravato il problema. Io la vecchia giunta l'ho sempre vista da vicino, posso citarti esempi come la sede di un ciroclo di cui faccio parte inaugurata bene 3 volte a spese del comune con sontuosi buffet a spese di voi cittadini di parma... curiosamente inaugurazioni sempre in prossimità di elezioni

    Rispondi

  • Francesco

    22 Settembre @ 12.28

    MAURIZIO, SONO D' ACCORDO COL TUO MESSAGGIO , ma ti porgo una domanda : secondo te i "grillini" di Parma hanno oggi l' esperienza, la preparazione, la progettualità , il credito necessari per uscire da una situazione del genere , o non sarebbe stato meglio avere in Comune qualcun altro, magari "turandosi il naso" ?

    Rispondi

  • Geronimo

    21 Settembre @ 20.01

    Vercingetorige si sapeva da anni che la situzione del comune fosse disperata, chiunque eletto aindaco si sapeva che avrebbe avuto un compito arduo solo che adesso che è stato eletto uno del M5S si pretende che si risolva la situazione in 5 minuti. Ma lo volete capire o no che la situazione di Parma è uguale a quella di Catania e Taranto di alcuni anni fa ma con una differenza non di poco conto? Anni fa intervenì Berlusconi in qualità di presidente del consiglio con un decreto ad hoc per salvare i comuni del suo stesso colore politico (nel caso di catania disastri provocati dal suo medico personale ex sindaco della città, io ho avuto a che fare per lavoro con gente di catania all'epoca, gente che doveva utilizzare nel campo sportivo l'energia elettrica pubblica che le società sportive pagavano al comune ma che il comune non pagava al gestore, in pratica si lavorava sotto dettatura da telefono cellulare col caricabatteria attaccato) mentre parma non ha potuto essere salvata per la crisi, per i conti disastrosi del nostro governo e ancor meno può essere aiutata adesso perchè governata da un movimento che coalizza contro la totalità dei partiti normali

    Rispondi

  • Francesco

    21 Settembre @ 17.21

    MAURIZIO, TI RIPORTO QUALCHE FRASE DI UN ARTICOLO DI GIORNALE, QUINDI NON PAROLE MIE. Non ti dico il nome del giornale perchè forse la Redazione non me lo passerebbe. Sono solo alcune frasi , ma l' articolo completo è troppo lungo. Se vuoi leggerlo, compera il Giornale. "NON SONO PRONTO MA STIAMO LAVORANDO . L' Assessore al Bilancio prende tempo , ma entro settembre dovrà tirare le somme.......Continua a ripetere che la situazione è drammatica , che siamo sull' orlo del baratro , che a tempo debito spiegherà tutto.......stiamo lavorando , è che è complicata , tremendamente complicata.......Il 30 SETTEMBRE SCADE IL TERMINE PER SOTTOPORRE ALL' APPROVAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE LA VERIFICA DI BILANCIO E LA SALVAGUARDIA DEI CONTI............lo obbliga la Legge........ma il dare e l' avere non quadra.............................e mentre gli assessori grillini giocano con gli scec, vagheggiando il ritorno di una bucolica autarchia , l' assessore Capelli bussa alla porta delle Banche a capo chino...." ALLORA CAPISCI PERCHE' LA STORIELLA SECONDO CUI IL RINVIO "SINE DIE" , A "UMMA UMMA" , DELLA SEDUTA DELLA COMMISSIONE COMUNALE ( come tu hai voluto precisare ) SUL BILANCIO SAREBBE DOVUTO ALL' "IMPROVVISA INDISPONIBILITA' DEI REVISORI DEI CONTI " (avevano qualcosa di più importante da fare che occuparsi del destino di 180000 Parmigiani ?) SA DI BALLA LONTANO MILLECINQUECENTO MIGLIA ? INVENTATEVENE UN' ALTRA ! OH, DOMANDO SCUSA , DI' AI "GRILLINI" DI INVENTARSENE UN' ALTRA ! Per fortuna tu non sei uno di loro................

    Rispondi

  • Geronimo

    21 Settembre @ 16.48

    Vercingetorige non era una minaccia ma un consiglio perchè la seduta del consiglio comunale è diversa da una seduta della commissione, il rinvio per indisponibilità dei revisori dei conti è diverso da un rinvio perchè i grillini (chi sarebbero? fuori i nomi) sono fuggiti..... come vedi i dettagli sono importanti e ogni parola ha il giusto peso quindi tu hai scritto cose non vere

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Via Europa, il cantiere provoca il caos

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

MEDESANO

Ladri all'asilo: rubano e danneggiano e poi si fanno la pizza

All'Esselunga di via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

Archeologia

Torna alla luce l'antica Tannetum

FIDENZA

Fallimento Di Vittorio, Gli alloggi verso la vendita a una nuova coop

NUOVO PADIGLIONE

Barilla, il futuro è green

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

San Polo D'Enza

Perde un panetto di hashish e il telefono con i numeri dei clienti: 20enne nei guai

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno