17°

28°

Parma

Editoriale - Il Festival "oscurato": Parma deve dare di più

Editoriale - Il Festival "oscurato": Parma deve dare di più
Ricevi gratis le news
18

Giuliano Molossi

Dopo i dieci minuti di applausi che hanno salutato «Rigoletto», questa sera va in scena al Regio la seconda (e ultima) opera in cartellone del Festival Verdi 2012, «La battaglia di Legnano», che non è certamente fra le opere migliori di Verdi ma che potrà contare sull'allestimento di un regista e scenografo di grande prestigio, Pier Luigi Pizzi. C'è senz'altro da augurarsi un bis del meritato exploit della «prima». Peccato però che l'eventuale, auspicato successo, resterà confinato fra le mura cittadine, come è accaduto qualche giorno fa per il trionfo di Leo Nucci e del suo Rigoletto. A parte la stampa e le tv locali, nel foyer non si sono visti i critici dei grandi giornali nazionali, non c'erano  le telecamere di Rai e Mediaset. Imbarazzante, per non dire altro, la rassegna stampa del giorno dopo. Non un solo rigo sui quotidiani italiani e stranieri più importanti, la miseria di tre recensioni sul «Cittadino di Lodi»  (titolo: «Con Nucci il Rigoletto della speranza»), «Avvenire»  («Compleanno amaro per Verdi») e «Italia Oggi» («La Parma che conta snobba Rigoletto»).  Tutto qui.

E pensare che si tratta di una rappresentazione che sarebbe acclamata ovunque, nei più grandi teatri  del mondo. Mette un po' di malinconia pensare che l'eco del suo straordinario successo non abbia varcato i confini del ducato. Non solo malinconia, ma fa anche un po' rabbia.  Siamo orgogliosi del nostro Regio  e quando lo snobbano, come in questo caso, ci restiamo male. Ma al tempo stesso non possiamo non chiederci il perché di questo «oscuramento». E forse qualche domanda dovrà pur farsela anche l'assessore alla Cultura del Comune, Laura Ferraris, secondo la quale «il Regio non ha bisogno di pubblicità». Quest'affermazione venne fatta, se la memoria non ci inganna, in occasione della decisione presa da Mediaset, che negli anni scorsi era stata media partner del Festival Verdi, di sospendere  la collaborazione con il Teatro Regio a causa dei ritardi nella definizione del cartellone delle opere e alla scarsa chiarezza sui progetti legati al Festival. L'assessore, che sorridente e compiaciuta ha brindato con i loggionisti al successo della «prima», dovrebbe riflettere sulle parole pronunciate con stizza in quell'occasione. Se fu l'arrabbiatura di un momento, pazienza. Ma se invece, dopo aver avuto fra le mani la striminzita rassegna stampa di tre sole paginette e aver constatato che nessuno, a parte i soliti irriducibili melomani locali, ha dedicato un minuto o un rigo a questo straordinario «Rigoletto», se ancora oggi l'assessore Ferraris si dicesse convinta che il Regio non ha bisogno di pubblicità,  allora bisognerebbe seriamente preoccuparsi. E fare qualche considerazione di carattere più generale.

Sappiamo che la crisi non risparmia la nostra città, l’economia locale, il benessere e la tranquillità di tutti noi: se non vogliamo abbatterci, l'unico strumento reale per resistere e sperare di risalire la china è il lavoro. E il lavoro di tutti, ognuno per la sua parte, non importa quale, è fondamentale, come indispensabile è  l’utilizzo di ogni risorsa disponibile. Non si può dire che sia quello che sta avvenendo con il Festival 2012. Che poi è un Festival solo di nome ma non di fatto perché  un Festival prevede sì un cartellone di rappresentazioni (che a Parma quest'anno per la crisi sono appena due) ma presuppone il coinvolgimento di un'intera città, dei suoi cittadini e degli ospiti italiani e stranieri in ogni altra forma di spettacolo, intrattenimento e divertimento. Oggi non c'è nulla di tutto questo. Il pubblico, la  stragrande maggioranza della gente ha bisogno di forme espressive comprensibili a tutti, anche per chi non ha studiato al Conservatorio. Per il successo di una manifestazione di questa natura non basta la musica, l'acuto del tenore, i bei costumi; è necessaria  anche la partecipazione all'evento dell’intera collettività, è indispensabile attirare sempre più da lontano e da luoghi diversi appassionati e neofiti, intrigati dalle note del Maestro e dal progetto di una città intera. Durante il Festival, Parma dovrebbe essere «piena» di Verdi. Invece non c'è nulla. Il 2013 è dietro l'angolo. E' l'anno del Bicentenario. I giovani entusiasti che guidano il Comune hanno pochi soldi e lo sappiamo. Ma non dimostrino di essere anche a corto di idee.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gaia

    07 Ottobre @ 13.20

    ci mancava @clansman col solito commento razzista

    Rispondi

  • the clansman

    07 Ottobre @ 10.12

    ma cmq importante è la promozione dell'ottobre africano..quella non manca mai, non mancano mai soldi ect..del resto basta farsi un giro in certe zone e sembra di essere a DAKAR

    Rispondi

  • Giovanni Giunti

    07 Ottobre @ 10.01

    Basta parlare di queste cose. Come ha detto Vagnozzi, seguace di Otelma, PARLIAMO DI INCENERITORE. È colpa dell'inceneritore se nessuno ha scritto nulla. NO RIFIUTI, W LA NATURA.

    Rispondi

  • serena

    06 Ottobre @ 21.52

    a proposito di oscurare..mi sbaglio o stasera c'è la prima della Battaglia di Legnano...Che tristezza, "chi ama sostiene"!

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    06 Ottobre @ 20.43

    Luigi, scusi il ritardo, ma non capivo perchè si lamentava del commento non pubblicato. Poi ho capito: lei aveva commentato il lancio dell'editoriale, che è uscito sulla Gazzetta di carta in edicola. Poi abbiamo pubblicato l'editoriale anche online, con un nuovo articolo: il suo commento è nell'articolo precedente, così come altri.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

anteprima gazzetta

"La (poca) sicurezza a Parma sta diventando un caso nazionale"

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Parma (e regione)

Ondate maltempo 2016-2107, entro il 23 ottobre le domande di risarcimento

Viabilità

Via Europa, apre il cantiere. E partono le code

2commenti

la festa

Serata Dadaumpa: beneficenza a pubblica e Croce rossa  Gallery

Formaggio

Il caseificio dove il parmigiano è questione di fede. Ebraica

1commento

BIMBO CONTESO

Fuggì in Spagna con il figlio, condannato a 1 anno

carabinieri

E prima della campanella arriva anche il cane anti-droga: controlli davanti alle scuole Foto Video

Al parco Ducale trovata droga nascosta sugli alberi

Ambiente

Dall'Olio dà mandato ai legali per diffamazione (contro M5S Forlì)

lavori

San Prospero, il fosso sarà ripulito e coperto. E nascerà un (agognato) marciapiede

SICUREZZA

Il sindaco a Presadiretta: "Chiediamo al governo un presidio permanente in stazione"

Il primo cittadino, che oggi sarà al Viminale, proporrà anche un aumento di organico per le Forze dell'Ordine

16commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MONZA

Portata in Pakistan con l'inganno chiede aiuto (con una lettera) a scuola

rebibbia

Detenuta tenta di uccidere i due figli nell'asilo del carcere: la più piccola è morta

SPORT

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

Juventus

Sputo (gomitata e testata) a Di Francesco: 4 giornate a Douglas Costa

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design