19°

29°

Parma

Rizzi, dalla cattedra all'Università alla "battaglia" per Renzi

Rizzi, dalla cattedra all'Università alla "battaglia" per Renzi
Ricevi gratis le news
1

Claudio Rinaldi
Più che di rottamare, sogna di voltare pagina. Una volta per tutte. «Fuori tutti i vecchi professionisti della politica, certo. Ma non fermiamoci alla rottamazione e, soprattutto, non facciamone un caso anagrafico: meglio un ottantenne competente che voglia mettersi al servizio del Paese che un trentenne che punta a fare il portaborse per garantirsi un futuro».
E’ uno dei primi «renziani» parmigiani a uscire allo scoperto, Antonio Rizzi, docente universitario che ha bruciato le tappe della carriera. La laurea nel ’93, il dottorato di ricerca nel ’97, ricercatore nel ’98, professore associato nel 2001 e ordinario nel 2005. Oggi, a 43 anni, si occupa di logistica industriale: ha fondato all’Università di Parma un laboratorio («il primo in Italia e riconosciuto a livello internazionale come eccellenza», precisa orgoglioso) sulla tecnologia Rfid (www.rfidlab.unipr.it) e  ha lanciato un’azienda spinoff dell’università.
Rizzi sarà il coordinatore di un comitato «Adesso!» per Matteo Renzi che sta nascendo in città. Sarà intitolato a Platone, «per via – spiega – di una frase della “Repubblica” che sintetizza perfettamente le nostre idee: “La pena più grave, per non essersi impegnati in politica, sta nell’essere governati da chi è moralmente inferiore”. Una citazione immortale».
Mai avuto una tessera del Pd in tasca, Rizzi. Guardando al suo passato si definisce «uno di centro, a volte con posizioni più liberali e altre volte più progressiste». «Schifato» dalla politica di oggi e da gran parte dei suoi protagonisti, «deluso, anzi delusissimo» da quasi vent’anni di governi Berlusconi: «Si era presentato come un elemento di forte rottura, aveva promesso di rendere l’Italia più efficiente. E invece – tra burocrazia, corruzione e mancanza di etica – la situazione è come prima di Mani pulite, anzi forse peggio».
Dice che di Renzi lo hanno colpito, da subito, le idee. «Perché parla per programmi e non per luoghi comuni, perché vuole eliminare i professionisti della politica, perché va oltre i vecchi schemi destra-sinistra-centro. Supera le vecchie ideologie di sinistra e privilegia il merito, per premiare chi ha voglia e capacità di intraprendere, ma sempre avendo grande attenzione per le fasce più deboli». «A me sembra la strada giusta da seguire – continua –. Una sinistra riformista che in altri Paesi, in Inghilterra con Blair e negli Stati Uniti con Clinton, ha rappresentato un modello da seguire».
Il primo contatto con Renzi risale a qualche mese fa. «E’ stato il giorno dopo una sua intervista da Fazio. Semplicemente, gli ho mandato un’email – racconta Rizzi –. Gli ho raccontato chi sono e cosa faccio. Gli ho scritto che mi ritrovavo completamente nel suo programma e che mi sarebbe piaciuto mettere a disposizione la mia professionalità, dare il mio contributo per provare a costruire con lui un’Italia migliore». Renzi ha risposto: «Teniamoci in contatto», ha proposto. E così è stato.
«Fino a quando, qualche settimana fa, mi ha proposto di mettere insieme un po’ di amici, con la stessa voglia di credere in questa avventura».
Detto, fatto. Rizzi si è messo al lavoro per costituire un comitato parmigiano. «Siamo una quindicina, per ora. Un gruppo molto eterogeneo: professori universitari e studenti, medici e professionisti, pensionati e casalinghe. Tutti, rigorosamente, estranei ai partiti. Tutta gente che non ha mai fatto politica. Vogliamo essere un comitato civico». «Qualche sera fa – aggiunge – ho conosciuto anche Giorgio Gori, in un incontro a casa di amici. E anche lui mi ha spronato ad andare avanti, plaudendo soprattutto al carattere civico dell’iniziativa».
C’è tanta strada da fare, Rizzi ne è convinto. «Oggi abbiamo politici di scarso valore, che non hanno idea di cosa sia l’etica, di cosa significhi mettersi al servizio del Paese: puntano a un seggio in Parlamento o in un consiglio regionale per mettersi a posto. Anche perché molti di loro non hanno un lavoro. Quelli, sì, sono da rottamare. Il malcostume e la corruzione dilagante hanno creato una frattura tra la politica e la gente comune. I casi sono due: o perdi la speranza, pensi che tanto sono tutti ladri e non vai più a votare, oppure provi a dare un contributo, per cercare di raddrizzare le cose».
Obiettivo del comitato è organizzare iniziative politiche ed elaborare progetti da proporre a Renzi per il programma. «Vorremmo anche essere di stimolo ad altri, perché nascano tanti altri comitati. Così come io ho deciso di metterci la faccia, spero lo faranno altri. Io sono pronto a collaborare con altri comitati, a patto che si condivida la voglia di cambiare il Paese. Con gente che ragiona secondo gli schemi partitici del passato, invece, non abbiamo niente da dire».
 Il «comitato Platone» lavorerà molto sul tema dell’università, «perché valorizzare i talenti dell’Italia è una priorità assoluta e uno dei punti fermi del programma di Renzi. La strada da seguire è premiare il merito, giudicando gli atenei in base a parametri oggettivi circa la capacità di fare ricerca di eccellenza e di formare persone grazie a una didattica a sua volta di eccellenza. I professori universitari devono essere consapevoli del loro privilegio e della loro responsabilità, per il semplice fatto che sono chiamati a formare i ragazzi che domani saranno il tessuto osseo della società. E’ per questo che è importante introdurre un concetto di responsabilità che oggi – nell’università, come in generale nel settore pubblico – non esiste».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Daniele Fabro

    17 Ottobre @ 20.46

    Fiero di te Antonio !!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse