18°

Parma

Lettere alla Gazzetta - I parcheggi per invalidi

Ricevi gratis le news
11

Renato Ferrari

Signor direttore, sono un invalido e per i miei spostamenti cittadini uso (purtroppo) quotidianamente la macchina. Capita sempre più spesso che quando devo parcheggiare, il posto riservato agli invalidi e disabili sia occupato da automezzi che non ne hanno diritto: macchine con le quattro frecce lampeggianti; piccoli camioncini di corrieri che scaricano tranquillamente la merce da consegnare ai vari negozi.
 E' pure successo che facendo notare le righe gialle occupate e comunque riservate alle categorie di invalidi e disabili alcuni mi abbiano verbalmente aggredito con frasi che non sto qui a ripetere.
Tutto questo per segnalare alle autorità competenti di vigilare su questi comportamenti in modo che Parma ritorni ad essere la città civile e tollerante verso i diversamente abili che è sempre stata negli anni passati.

Leggi ogni giorno le lettere al direttore sulla Gazzetta di Parma in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • valerio

    31 Ottobre @ 15.45

    Io che, grazie a Dio, invalido non sono, non mi permetterei mai di parcheggiare negli spazi a loro riservati. Io che ho il permesso di scarico/scarico temporaneo (righe giallo/blu) spesso trovo il posto occupato da auto che espongono il tagliando "invalido". Ora: io rispetto assolutamente i loro diritti, loro rispettino gli altri diritti e non pretendano di avere immunità assoluta. Ripeto: spesso mi capita e costoro, con comodo, se ne escono blandamente dal bar o dal negozio vicino.

    Rispondi

  • Paolo Reggiani

    31 Ottobre @ 12.01

    In questo discorso ci si dimentica di un particolare, anzi due. Il primo è chiedersi il perché ci sia bisogno dei contrassegni per invalidi. Chi è anziano ricorderà che solo trenta o quarant’anni fa non esistevano (o erano davvero eccezionali): perché? La nostra società vive senza porsi domande piccole come questa che hanno in sé il germe della soluzione. Incredibile a dirsi: si è posta questa domanda un assessore alla viabilità (non di Parma) ma al contrario, contestandone l’eccessiva presenza. Direi che è stato un vero deficiente poiché un amministratore deve avere anche un cervello con cui ragionare. È merce rara. La colpa è dell’impazzimento totale e sovra normato delle regole di circolazione che si concentra in quell’orribile ciarpame linguistico che è il codice della strada e suo regolamento (alcuni dimenticano questo indegno rimorchio al codice). Qualcuno si è preso la briga di leggerli? Se no ha fatto bene perché producono rigurgiti di stomaco. Ora le città sono piene di zone secondo la malata fantasia degli amministratori: c’è chi le chiama a, b, c, chi zona rossa e verde, chi in altri voli verbali. Il principio è giusto: togliere il traffico dalle città. Il modo è sbagliato: non dando alternative, perché, guarda caso i servizi pubblici sono mediamente (si parla in generale) ridotti. Ed in più lo si fa con la prepotenza dei divieti, delle sanzioni, cioè con l’arma degli imbecilli: la violenza (violenza non è solo prendere a pugni qualcuno). In questo contesto (che meriterebbe un discorso lungo ed un attento confronto analitico) i più deboli ne soffrivano oltre misura aggiungendo i problemi di una legge impazzita e generata da pazzi a quelli che aveva loro dato la natura. Hanno dovuto inventare i permessi per invalidità fisica. Invalidità che si esprime in molto modi non soltanto nei più gravi problemi di deambulazione. Per rispondere alla domanda iniziale: un tempo non c’erano perché un invalido poteva arrivare, od essere portato, ovunque senza difficoltà. La seconda questione si chiama discriminazione in cui si trovano gli invalidi italiani quando vanno in Europa poiché l’Italia non ha adottato il sistema europeo di contrassegno, che è blu, come pure devono essere contrassegnati gli stalli. Ci dicono sempre che “lo vuole l’Europa” quando ci bastonano. L’Europa vuole anche i contrassegni blu. Associazioni di invalidi, se ci siete battete un colpo. Ci sono istituzioni europee che seguono queste cose, come quella a cui si è rivolto quel mentecatto perditempo che si è sentito discriminato perché le donne andavano in pensione in età più giovane. Lo hanno comunque ascoltato.

    Rispondi

  • moreno

    31 Ottobre @ 11.53

    Parmigiana non facciamo confusione il diritto delle persone invalide a sostare negli appositi spazi anche nei centri commerciali vale e la polizia municipale provvede a multare anche in questi spazi perchè ne ha la facoltà anzi ti invito se dovessi vedere chi trasgredisce ad avvertire la centrale per fare le giuste e meritate sanzioni. La mia solidarietà a chi ha problemi di questo tipo con cui convivere...la mia rabbia a chi cerca di approfittare di alcune situazioni per farsi i comodi personali tipo parenti che senza invalido cazzeggiano in centro posteggiando dove vogliono e a chi falsifica i permessi.

    Rispondi

  • fra

    31 Ottobre @ 11.30

    Non dubito sia vero, purtroppo. Il parmigiano medio si disinteressa degli altri e ha come motto" io penso a me" La stessa cosa accade con i passi carrai sempre occupati da qualcuno che " ci sta solo cinque minuti" . Basta vedere la vergogan dei parcheggi riservati alle famiglie con bambini piccoli all'Ikea spesso occupati da single disinvolti

    Rispondi

  • David

    31 Ottobre @ 11.23

    Questa mattina alle 9 ho parcheggiato la mia auto in uno dei tanti posti liberi in piazzale Parri per andare dal panettiere che si affaccia sul piazzale. Parcheggio in un posto a righe bianche e, nel dirigermi verso il negozio, vedo un'auto arrivare e parcheggiare in un posto riservato agli invalidi proprio davanti al negozio. Scende un ragazzo "validissimo" ed entra prima di me. Ho dato un'occhiata al parabrezza dell'auto e ho visto che non c'era alcun contrassegno per invalidi (non si sa mai...). Entrato nel negozio, al ragazzo "validissimo" in attesa prima di me ho educatamente fatto presente la sua "comodità" di aver parcheggiato nel posto libero davanti al negozio, ma riservato ad una specifica categoria. La sua risposta è stata "prendo solo una cosa e vado subito", poi ha atteso il suo turno e ha fatto le sue ordinazioni ed è uscito.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Zanza

Maurizio Zanfanti, detto "Zanza"

RIMINI

Malore fatale con una ragazza: è morto "Zanza", re dei playboy

Mirco Levati "paparazzato" con Belen

GOSSIP

Mirco Levati "paparazzato" con Belen Foto

Harlem Gospel Choir

Auditorium Paganini

Arriva l'Harlem Gospel Choir

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

4commenti

Lealtrenotizie

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

L'INCHIESTA

Blitz nei centri massaggi, dalle tenutarie ai personaggi tuttofare: ecco i retroscena

1commento

CALCIO

Napoli-Parma: turnover leggero per i crociati, confermati Gervinho e Inglese Diretta dalle 21 

Segui gli aggiornamenti minuto per minuto a partire dalle 21

FIDENZA

Stazione, 23enne aggredita da un extracomunitario

3commenti

LAUREA

La farfalla Giulia è diventata dottoressa

3commenti

CONTROLLI

Polizia a cavallo nei parchi cittadini

1commento

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

LUTTO

Addio ad Armido Guareschi, ex patron della Lampogas

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: un ferito

Fuga di gas nella notte: vigili del fuoco in via Gobetti

PARMA

Lavori in Cittadella: arrivano operai e ponteggi Foto

LANGHIRANO

Castello di Torrechiara chiuso, rabbia e proteste

2commenti

FIDENZA

Vandalismo: distrutto il lunotto di una Lancia Y

Corniglio

Sesta diventa un set per il film di Giovanni Martinelli

12 TG PARMA

Rifugiati: il Ciac lancia una petizione sul web contro il decreto Salvini Video

EXPORT

A Parma boom nel secondo trimestre: +13%

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

3commenti

Teatro Due

Jeffery Deaver presenta stasera il nuovo romanzo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I «like», la morte e il valore della vita

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

Borgo Casale - Chef giovane, con qualità ed equilibrio

ITALIA/MONDO

mafia

Aemilia, il procuratore generale di Bologna: "Usare l'aula bunker anche per l'appello"

CHIETI

Violenta rapina a Lanciano: arrestati tre romeni. E si cerca il capobanda italiano

SPORT

procura

Moto, Fenati ora è indagato per violenza privata

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

SOCIETA'

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Vellutata delicata ai cannellini

PARMA

Il pubblico della fiera come i piloti Ferrari: l'emozione del pit-stop a "Mercanteinauto"

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel