21°

Parma

I parrucchieri dichiarano guerra agli abusivi

I parrucchieri dichiarano guerra agli abusivi
Ricevi gratis le news
7

 Nicole Fouquè

 «Giocano con la tua pelle e con  i tuoi capelli, mettono a rischio la tua salute». In poche parole, parrucchieri ed estetisti abusivi. 
Campagna di sensibilizzazione
Questo è il grido d’allarme lanciato dalle associazioni Confartigianato, Cna e Gruppo Imprese Artigiane, attraverso una campagna di sensibilizzazione rivolta alla città e alla provincia. Una piaga sociale, quella che viene denunciata, che sta vivendo un periodo di forte espansione e che nella crisi economica attuale trova le basi per diffondersi a macchia d’olio. 
Il settore dell’estetica (parrucchieri e saloni di bellezza) sembra essere quello più colpito, come testimoniano gli stessi operatori che sempre più spesso si rivolgono alle associazioni di categoria cercando aiuto e sostegno per una situazione in caduta libera. 
Il sottobosco dell'abusivismo
Se tra la città e la provincia gli imprenditori regolarmente iscritti sono circa 900 (di cui circa 500 iscritti a Cna e Confartigianato), si pensa che il sottobosco dell'abusivismo sia indicativamente della stessa portata. Una problematica che non riguarda solamente chi lavora nel settore: la campagna infatti vuole rendere noti i rischi a cui i clienti possono andare incontro rivolgendosi a operatori «non esperti». 
I parrucchieri «fai da te»
Dai semplici pruriti cutanei derivanti da prodotti utilizzati dai parrucchieri «fai da te», fino alle vere e proprie allergie causate dagli unguenti applicati dai tanti massaggiatori improvvisati: epatiti virali, scabbia, micosi sono solo alcune delle patologie che si possono trasmettere con l’uso di attrezzature da lavoro (aghi, lime, forbici, ecc.) non correttamente sterilizzati. Anche gli acidi utilizzati per le tinture o per la ricostruzione delle unghie possono rivelarsi particolarmente dannosi per la salute dei clienti capitati nelle mani sbagliate.
Rivolgersi a professionisti 
Rivolgersi a professionisti, quindi, è la raccomandazione che è necessario tenere sempre presente, per salvaguardare la propria salute. Come sottolinea Manuela Pollari, responsabile del progetto per Confartigianato Apla: «Gli imprenditori del settore - spiega - sempre più spesso si rivolgono a noi riportandoci segnalazioni ed episodi di abusivismo che danneggiano l’immagine di qualità e serietà che le proprie attività portano avanti da anni. Incappare in centri ambigui o in parrucchieri domestici è sempre più facile anche per l’aspetto economico che ne consegue, ma bisogna aprire gli occhi e fidarsi e affidarsi a chi con professionalità si prende cura del settore estetico». 
La sensibilizzazione
La campagna di sensibilizzazione, partita un anno fa su richiesta della precedente amministrazione comunale, vuole combattere l’illegalità diffusa sul territorio attraverso un vero e proprio vademecum che descrive come riconoscere un abusivo e come segnalarlo agli organi competenti. 
«Fare leva sul senso civico»
«Vogliamo fare leva sul senso civico di ogni cittadino, che in questo modo diventerà parte attiva nella lotta all’abusivismo - aggiunge Chiara Minetti, responsabile del progetto per il Gruppo Imprese Artigiane -. Attraverso la mail 
abusivi.pr@gmail.com si potrà segnalare un’attività dubbia o un operatore che porta avanti la sua attività senza averne i diritti e i requisiti necessari. Una volta visionate le mail, si procede al controllo attraverso gli enti preposti, come Ausl e il Comune». 
Telecamere nascoste
È indubbiamente molto facile farsi attrarre da prestazioni a buon mercato che garantisco la stessa messa in piega, la stessa ceretta o la stessa colorazione, però a costi decisamente più contenuti. Ma è indubbio che non si può pretendere la stessa serietà e professionalità se questi servizi vengono svolti in abitazioni private o in centri dal dubbio fine.
«Circa un anno fa - prosegue Giulia Ghiretti, responsabile per la Cna - abbiamo fatto un sopralluogo mirato in un centro massaggi già precedentemente segnalatoci e, con l’aiuto di una telecamera nascosta e di una persona che si è finta cliente, abbiamo scoperto che vi erano varie tipologie di massaggi e di servizi che venivano proposti alla clientela. Successivamente ci siamo rivolti alla polizia e agli organi competenti, affinché portassero avanti le indagini. Ogni giorno ricevo telefonate e segnalazioni dai nostri associati che si lamentano per i continui disagi causati da queste figure non professionali». 
«Rubare» la clientela
 Tracciare un identikit del perfetto abusivo è sempre più difficile, spiegano in coro le associazioni di categoria. Orientali, europei o nordafricani: non vi è distinzione. Ultimamente sempre più spesso capita che dipendenti di saloni estetici o di parrucchieri si licenzino per lavorare in proprio a casa portando con sé gran parte dei clienti. «Questo fenomeno del rubare la clientela capita in particolar modo nei paesi - prosegue Giulia Ghiretti -: ex dipendenti lasciati a casa per la crisi o per motivi generici contattano i clienti, che fino al giorno prima incontravano in negozio, e si propongono di svolgere per loro le stesse prestazioni, però a costi più vantaggiosi».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gnoll

    02 Novembre @ 18.26

    @patty....5 anni fa c'era la crisi? mi sembra di no, i prezzi erano già questi, i capelli non li sanno tagliare (mio personalissimo parere basandomi sul taglio più semplice che ci possa essere come già detto prima)...di professionale hanno solo i prezzi.

    Rispondi

  • Patty Smith

    02 Novembre @ 14.58

    Ma cosa pensavate quando potevate partiti che eranno a favore dell'accoglienza? Come fanno a vivere gli stranieri? Quelli bravi che si vogliono integrare lavorano. E a molto meno di noi quindi il mercato troppo gonfiato dei prezzi, peraltro imposto da troppo tasse, affitti stratosferici ecc. Era naturale che fosse destinato al crack. Specie adesso che il caro Monti vi ha messo le mani rompendo l,'equilibrio che c'era. Ci siamo impoveriti e i negozi in regola schiantano x la concorrenza sleale.

    Rispondi

  • Gnoll

    02 Novembre @ 11.44

    allora non sono l'unico a pensarla così, perchè non mettete questo articolo in home e non nella sezione "parma"? sono curioso di leggere altri commenti.

    Rispondi

  • Max

    02 Novembre @ 09.06

    Certo, gli abusivi ci sono e tanti. Se ci sono però vuol dire che c'è richiesta e se c'è richiesta vuol dire che c'è un problema economico a monte. Ovvio, con la crisi sicuramente anche l'estetica ha subito un calo di introiti e ci si rivolge sempre più a questi abusivi. Ma, non credete che la colpa sia anche vostra???? Non pensate che pretendere 20 o 30 euro per un taglio di capelli (da uomo ), oltretutto eseguito con il rasoio elettrico sia un tantino esoso???? Quindi, prima di lamentarvi, meditate sul perchè ci siano in giro tanti abusivi.

    Rispondi

  • Luppino

    01 Novembre @ 22.42

    Cosaaaaaaaaa ? Rubare clientela ??? Ma noooo.Siette voi a rubare ladroni.Io da 3 mesi vado dai cinesi vicino a bariera bixio.Ciao a tuuti !!! Costa 8 € e lavorano benissimo.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La  'sexyprof' si candida alle Europee  in lista Popolari

elezioni

La 'sexyprof' si candida alle Europee in lista Popolari

Charlize Theron

Charlize Theron

usa

Charlize Theron confessa, mio figlio Jackson è una bambina

Corona: giudici, per lui carcere soluzione adeguata

gossip

Corona, i giudici: "Per lui il carcere è la soluzione adeguata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Grateful Dead, mezzo secolo di Aoxomoxoa

IL DISCO

Grateful Dead, mezzo secolo di Aoxomoxoa

di Michele Ceparano

1commento

Lealtrenotizie

Come vengono spesi i soldi delle multe

COMUNE

Come vengono spesi i soldi delle multe

2commenti

MEMORIA

23 aprile '44: la guerra arriva dal cielo

WEEKEND

Tra cacce al tesoro, castelli e... vintage: l'agenda di Pasqua e Pasquetta

Fidenza

Raffica di razzie: il ritorno dei ladri di polli

CATTEDRALE

Adrielle e gli altri: «Il nostro sogno di diventare cristiani si è avverato»

COLLECCHIO

«Il centro è sporco per la maleducazione dei padroni dei cani»

serie A

Un bel Parma ferma il Milan

gazzareporter

Se il parco Ferrari diventa orinatoio per tifosi maleducati Foto

PREVIDENZA

Tagli alle pensioni. È scontro fra Pizzarotti e i 5 Stelle

TURISMO

«I cinesi amano cibo e cultura: Parma investe sulla promozione»

berceto

Cade da due metri mentre fa lavori in casa: ferito

SERIE A

I crociati in ginocchio davanti alla curva Nord - Il video

gazzareporter

L'alba della Pasqua

polizia

Espulsi un nigeriano e un tunisino

3commenti

serie A

Importantissimo successo della Spal che inguaia l'Empoli. Clamoroso ko della Lazio in casa con il Chievo - Risultati e classifica - La corsa salvezza

serie a

Parma-Milan 1-1, segna Castillejo, pareggia Bruno Alves su punizione - Le Foto, i risultati e la classifica

D'Aversa: "Volevamo dimostrare di non essere inferiori all'avversario" - Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CINEFILO

Dalla Cortellesi 007 al Campione: tutti i film di Pasqua - Il video

di Filiberto Molossi

EDITORIALE

Salvini-Di Maio, Ok Corral in salsa romanesca

di Domenico Cacopardo

ITALIA/MONDO

Disavventure

Ingroia ubriaco all'aeroporto di Parigi, niente volo per lui

1commento

Russia

Turista italiano come i Blues Brothers: cerca di saltare un ponte con l'auto

SPORT

baseball

Il Parma Clima fa il bis: 2-7 a Godo

SERIE A

Juve, finalmente lo scudetto - Le foto

SOCIETA'

lutto nella capitale

E' morto Massimo Marino, re delle notti romane e idolo dei giovani. Aveva 59 anni

vacanze

Il 65% degli italiani trascorrerà Pasqua a casa. Oltre un miliardo speso a tavola

MOTORI

IL SALONE

New York, news e curiosità dagli stand

MOTORI

Arona, Ibiza e Leon a tutto gas: il senso di Seat per il metano