19°

Parma

Movida, regole ma anche premi per i locali "virtuosi". Accesso a nidi e materne: stop ai punti in più per i residenti di lunga data

Movida, regole ma anche premi per i locali "virtuosi". Accesso a nidi e materne: stop ai punti in più per i residenti di lunga data
Ricevi gratis le news
30

Chiara Cacciani

Freschi di inchiostro e subito dati "in pasto" ai parmigiani: con le loro numerosissime novità i due regolamenti sulla movida e sull'accesso alle scuole materne e ai nidi d'infanzia approdano in tempo reale sul sito del Comune (la sezione è quella dedicata a "Collaborazione e partecipazione") per essere oggetto di commenti, suggerimenti, obiezioni che possano aiutare a migliorarli prima di approdare in Consiglio comunale. I tempi sono stretti - il regolamento sulla movida sarà ad esempio in discussione a fine mese - e l'invito a partecipare è caldeggiato direttamente dal sindaco Federico Pizzarotti. Che aggiunge appello all'appello: "Niente tifoseria da stadio sulla sorta di blog che abbiamo creato, ma una collaborazione costruttiva fatta di giudizi motivati, di proposte e di segnalazioni.

ACCESSO A NIDI E MATERNE, SI CAMBIA

Di spunti su cui intervenire, i nuovi regolamenti (sperimentali) ne danno parecchi. Il primo ad essere presentato - e già anticipato da Gazzettadiparma.it  (leggi) - è stato quello che rigaurda l'accesso ai servizi per la prima infanzia, l'infanzia, i servizi integrativi e sperimentali e i servizi estivi. "Abbiamo già cercato di recepire diverse segnalazioni arrivate dalle famiglie - ha sottolineato il vicesidnaco Nicoletta Paci -. Abbiamo eliminato alcuni punteggi aggiuntivi sostituendoli con altri, e previsto punteggi per i genitori che lavorano saltuariamente fuori città". Tra i punteggi aggiuntivi a cui è stato messo lo stop, quello che farà più discutere è certamente quello c he "premiava" la residenza ventennale in città, voluto dall'ex sindaco Ubaldi. Inserito invece E' invece cambiato il punteggio per I bimbi con un genitore detenuto: è stato infatti equiparato alla situazione di un nucleo monogenitoriale con genitore che lavora.

MOVIDA: TRA REGOLE, PREMI E TRASLOCHI ESTIVI

"Vogliamo rendere compatibili lo svago, il lavoro degli esercizi pubblici e il diritto di vivere in trqnquillità nel proprio quartiere. E abbiamo fatto leva sul senso di responsabilità di tutti". Parte da qui l'assessore Cristiano Casa per presentare la "creatura" frutto di lunghi mesi di incontri e di lavoro: quel regolamento sulla Movida chiamato così per semplicità ma che in realtà si estende ai locali dell'intera città. I punti cardine da perseguire sono individuati nella tutela della salute, nella prevenzione del degrado e nel rispetto nei confronti dei residenti. E le novità pratiche per "avere una città viva ma anche vivibile" sono parecchie.

Non è più una sorpresa il bicchiere di plastica con cauzione: saranno obbligatori per la somministrazione e  il consumo all"esterno dei locali, avranno il "logo" del bar e - una volta restiuiti - saranno riutilizzabili e dovranno 2salvare" ambiente e pulizia dei amrciapiedi e delle strade. Confermata la limitazione della vendita di alcolici per l'asporto nelle ore serali e notturne, così come si punterà molto sul volume della musica. E già qui c'è un primo "premio":  non saranno posti limiti di apertura ai locali insonorizzati che svolgono attività esclusivamente interne. Per gli altri chiusura alle 24 da domenica a giovedi' e all'una venerdi' e sabato. "Ma ci saranno deroghe sulla base di patti che ciascuno può fare con l'Amministrazione", precisa Casa.

Tra le iniziative inserite nel nuovo regolamento per la lotta al degrado ci sono anche la responsabilizzazione delle attività economiche per il mantenimento di pulizia e decoro nel raggio di 10 metri dagli ingressi dei locali, e piena e gratuita fruizione dei servizi igienici " per evitare che certe vie si trasformino in toilette".

Come ha spiegato l'assessore, gli esercenti saranno invitati a prendere alcuni impegni tra quelli proposti dal Comune sempre in ottica antidegrado e i locali virtuosi saranno premiati in diversi modi: con il prolungamento dell'orario di apertura di un'ora, l'organizzazione di una serata di movida in via Farini e via D'Azeglio -una volta al mese- con chiusura totale della strada ed esenzione dal canone Cosap (quello per la messa all'esterno dei tavolini) a vantaggio dei soli esercizi virtuosi, con palchi e pedane messe a disposizione dal Comune per esibizione di band locali dalle 20 alle 23.

Ma ci sono anche il riconoscimento dei locali virtuosi con logo e informazioni sul sito del Comune. E la nuova idea della movida "in trasloco": l'idea di Casa è che in estate i locali possano mettere un chiosco in spazi come il parco Pellegrini e il parco Ducale, a basso impatto acustico e dove saranno organizzati concerti e altre iniziative. E anche in questo caso addio Cosap. 

A contorno di tutto ciò e nell'ottica della tutela della salute saranno messe in campo iniziative di prevenzione dell'abuso di alcolici in collaborazione con I servizi sanitari di prevenzione e controllo. "Iniziative rivolte al benessere più che alla terapia - spiega Simone Bertacca, dell'Ausl - Mi auguro tra l'altro che il Comune si impegni a far ritornare Parma la città della musica, manca il veder suonare gente in giro. Anche questa è una strada di prevenzione: fornendo un'opportunuità ai ragazzi".

Un regolamento che per essere rispettato prevede controlli e anche sanzioni per chi sgarra.  "A Parma ci sono tanti che lavorano bene. Dobbiamo convincere chi non rispetta le regole a farlo".

CITTADINI, AL BLOG

La sezione "Collaborazioni e partecipazione'" debutta oggi sul sito del Comune. Alla voce "discussioni" si potranno vedere gli argomenti su cui i parmigiani sono invitati a dare il loro contributo: al momento i due nuovi regolamenti, ma presto altre tematiche. Per partecipare occorre essersi iscritti attraverso al carta d'identità: un modo per evitare che ci si nasconda dietro l'anonimato e per far sì che il confronto sia corretto. Un moderatore selezionerà per il 2cestino" quei commenti diffamatori o che conterranno insulti.

"Ci aspettiamo che la partecipazione non sia quella del mi piace-non mi piace o quella della tifoseria da stadio - ha detto il sindaco Pizzarotti -. Ma che vengano date motivazioni ai giudizi, fatte proposte, magari comparazioni con altre realtà. Per il regolamento sui serivi per l'infanzia contiamo sui suggerimenti e le obiezioni dei genitori. Per la movida  ci aspettiamo la partecipazione sia di esercenti sia di residenti".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • claudio

    16 Novembre @ 18.08

    Caro Maurizio, senza offesa per nessuno. La cosiddetta "Movida" è INTRINSECAMENTE una piaga sociale, nel momento in cui incoraggia la PIAGA dell'alcolismo e dello sballo e il dilagare di comportamenti tanto trasgressivi quanto beceri e distruttivi nei giovani. Meglio un sano cinema o una bella trasmissione teatrale o, perché no, una bella serata in famiglia. Sono certo più vecchio di te e ho trascorso una splendida gioventù anche senza movida. Te lo assicuro. E ribadisco: i DIRITTI (non i capricci) dei residenti devono essere anteposti a TUTTO il resto. Ma proprio a tutto. Ciao e stammi bene. E ricorda che, nella vita, c'è di molto meglio della...movida!

    Rispondi

  • Geronimo

    16 Novembre @ 16.49

    Claudio così il tuo commento mi piace e mi vede d’accordo ma nel precedente sinceramente mi sono sentito offeso perché fruitore della movida ma parificato alla feccia di cui parli. Visto che il discorso si sta incanalando nei giusti binari ti chiedo (lo avevo già fatto ma in merito non mi hai mai risposto) cosa pensi della movida che è iniziata qualche anno fa in via d’azeglio e via bixio ogni mercoledì o giovedì del mese di luglio se non ricordo male. All’inizio non era una bella iniziativa con orari rispettosi dei residenti, tante persone compresi tante famiglie con bambini e tante persone provenienti da fuori? Io sono convinto che la cosa sia degenerata ma non per colpa della movida ma semplicemente perché i controlli non ci sono stati negli ultimi 4/5 anni, spostandoci ad esempio in via farini da quanti anni esiste la movida? Da quanti anni i residenti si lamentano? Sicuramente da molto meno tempo, segno evidente della degenerazione per cui penso che una prosecuzione della movida con regole ferree e maggiori controlli non sia da scartare a priori

    Rispondi

  • claudio

    16 Novembre @ 12.17

    Caro Maurizio, io non offendo mai nessuno e tanto meno le persone serie e perbene. Non includo tra queste i cialtroni ubriaconi e incivili che, da anni, devastano via D'Azeglio, abbandonandosi agli atti più beceri, incivili e...vigliacchi, come precludere l'arrivo dei mezzi di soccorso (tutto documentato e filmato), persino con pugni e sputi! Queste sono BESTIE e mi fanno solo vomitare! In quanto alla vexata quaestio della "Movida", noi non vietiamo a nessuno di bere, di ubriacarsi e di far quel...cavolo che gli pare ma DENTRO AI LOCALI APPOSITI! Non accettiamo, nel modo più assoluto, i bivacchi selvaggi di cialtroni ad ostruire il passaggio nella strada (con atti di violenza e di autentica provocazione) e su questo abbiamo già inviato una particolareggiata istanza - corredata di rigorosi riferimenti ad articoli del codice civile e...penale! - in Comune. Ora basta! Siamo stufi di perdere il sonno a causa di una manica di imbecilli. E andremo avanti fino in fondo, ci puoi giurare. Ti assicuro che i residenti sono TUTTI contrari al "sabba" (movida) e solo loro devono esprimersi per il loro quartiere! Non certo un salsese, un langhiranese o, men che meno, uno studente del sud che viene qui solo per far casino! La prostituzione nelle case? Non guardo quel che accade nelle case altrui, ma mi sta molto a cuore ciò che accade nelle PUBBLICHE vie. Volete bere e ubriacarvi: fate quel cavolo che volete ma DENTRO AI LOCALI.

    Rispondi

  • Geronimo

    16 Novembre @ 10.55

    Caro Claudio credo di essere informato abbastanza, ho diversi amici inoltre in via D’Azeglio non proprio giovani, se tu parli poi di firme stai parlando di centinaia e centinaia di firme ma sai quanti abitanti ci sono in tutto l’oltretorrente? Visto che poi parli anche di non residenti allora dovresti contare chi dei non residenti è favorevole alla movida, altrimenti facciamo così, un bel sondaggio per vedere i residenti o contrari con l’unica regola che i favorevoli non possono votare…. Sei pregato poi di non offendere la gente, io frequento ma non mi sbronzo, non faccio i bisogni fuori e non disturbo, la maggioranza si comporta come me, i maleducati bisogna isolarli, comunque potremmo fare come dici tu, via tutto da via D’Azeglio, poi però se nessuno passerà a controllare questi sono problemi tuoi. P.s Non ti ho mai sentito lamentare però del fenomeno della prostituzione nelle case che esiste in quella zona, come mai? Forse perché non fa rumore? a mio parere il fenomeno prostituzione è ancora peggiore della movida

    Rispondi

  • claudio

    15 Novembre @ 12.22

    @ Maurizio: davvero...spassoso il tuo commento! La maggior parte dei residenti vorrebbe la Movida? Ma davvero? Allora vatti a leggere le CENTINAIA E CENTINAIA di firme depositate e protocollate in Comune! Hanno firmato non solo i residenti di via D'Azeglio - da anni angariati e martoriati dai SOPRUSI di un pugno di avidi baristi e della loro INCIVILE clientela - ma anche gran parte dei ... COMMERCIANTI della strada, ormai esasperati di dover ripulire al mattino il vomito, gli escrementi et similia, gentili cadeaux del "popolo della notte"! Siamo stufi di essere OSTAGGIO di un pugno di cialtroni e di subordinare il nostro sacrosanto riposo notturno alle sbronze e agli sballi di chi non ha un benemerito...cavolo da fare il mattino dopo! Prima di dar aria ai denti (o di pigiare sulla tastiera) occorrerebbe informarsi, caro Maurizio. La movida è un autentico flagello sociale.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno