17°

27°

Parma

Scontro sull'inceneritore - Folli: "Tempi troppo stretti per studiare i documenti". La Provincia: "Abbiamo agito con trasparenza e competenza"

Scontro sull'inceneritore - Folli: "Tempi troppo stretti per studiare i documenti". La Provincia: "Abbiamo agito con trasparenza e competenza"
Ricevi gratis le news
35

L'assessore all'Ambiente Gabriele Folli attacca la Provincia, che ha dato solo due giorni lavorativi per esaminare la complessa documentazione sulle osservazioni al progetto dell'inceneritore. Martedì 20 novembre saranno prese le decisioni finali in Conferenza dei servizi. "Secondo noi non è serio: Bernazzoli dovrebbe dare più tempo per analizzare i documenti e fare valutazioni su un impianto che ci legherà per vent'anni".
Ieri l'amministratore delegato di Iren Andrea Viero ha confermato agli analisti che l'inceneritore sarà attivato a inizio 2013. Secondo Folli, Viero è ottimista ma in realtà bisogna tenere conto che il 30 novembre è attesa la decisione dei giudici sul sequestro dell'impianto. E non è scontato che la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia) passi, in Conferenza dei servizi.

LA VICENDA - Essendoci state modifiche al Paip, il piano di gestione rifiuti che comprende l'inceneritore, serve l'autorizzazione integrata ambientale. Il 31 agosto sono state presentate le modifiche e i documenti sono arrivati al Comune il 19 settembre. C'erano a quel punto 60 giorni per fare osservazioni: il Comune le ha presentate il 31 ottobre. Ieri sono arrivate le risposte alle osservazioni, che riguardavano il teleriscaldamento e molti altri aspetti tecnici. A una prima analisi, dice Folli, la risposta è incompleta e comunque serve tempo per analizzare i documenti su un tema così delicato e complesso. Invece la Provincia ha fissato la Conferenza dei servizi per martedì mattina: sarà la riunione finale sull'iter che coinvolge l'inceneritore.
Folli non ci sta, accusa la Provincia di voler chiudere "in fretta e furia" e, in conferenza stampa, chiede ripetutamente al presidente Vincenzo Bernazzoli di concedere più tempo. Folli sollecita una presa di posizione sui tempi troppop ristretti anche degli altri Comuni ed enti coinvolti.
Folli ribadisce inoltre la richiesta di far entrare un membro del Comune nella commissione di collaudo: "Se si vogliono dare garanzie di trasparenza e sicurezza a quest'opera non si possono fare operazioni poco serie".

In un primo momento il Consiglio comunale sul tema inceneritore era stato fissato per il 22 novembre, poi è stato rimandato. Si svolgerà sicuramente dopo il 30 novembre ma Folli non fa dichiarazioni su questo: è competenza del presidente del Consiglio comunale Marco Vagnozzi.

IL PORTA A PORTA IN CENTRO - Folli ha confermato che parte il sistema porta a porta di raccolta dei rifiuti in centro. Dal 19 al 21 novembre nella zona monumentale spariranno i cassonetti, come già annunciato in passato. Restano aperti il punto informativo di via Melloni e il numero verde di Iren per le richieste dei cittadini. A.V.

La replica della Provincia  sull'inceneritore - “La Provincia agisce con competenza e trasparenza”
L’assessore provinciale all’ambiente Giancarlo Castellani risponde all’assessore all’ambiente del Comune di Parma

“Un amministratore pubblico dovrebbe attenersi alla verità dei fatti e confermarla con gli atti. L’assessore Folli dice invece molte inesattezze, non sta ai fatti e cerca di gettare ombre sulla correttezza della Provincia che, come di consueto, si è mossa e si muove con assoluta trasparenza”.
Così l’assessore provinciale all’ambiente Giancarlo Castellani che risponde alle parole dette dall’assessore all’ambiente del Comune di Parma ricostruendo la dinamica dei fatti.
La data di inizio del “caso” è il 31 agosto scorso, quando Iren Ambiente Spa presenta alla Provincia di Parma, il soggetto competente, domanda formale di modifica del progetto (ai sensi dell’art 29 nonies D.L.vo n.152/2006).  Dopo una prima rapida verifica cui è tenuta, la Provincia invia il 17 settembre agli Enti coinvolti nel processo la richiesta di Iren, chiedendo eventuali integrazioni entro il 16 ottobre. Questo perché la legge prevede che in mancanza di pronuncia entro 60 giorni, le modifiche si intendono autorizzate (cosiddetto silenzio - assenso).
“Dunque il Comune di Parma ha ricevuto la documentazione il 17 settembre e non il 14 novembre come sostenuto – dice Castellani – Parliamo di modifiche che erano già note in quanto la multi utility le aveva via via sottoposte, lungo l’iter del Paip, agli enti coinvolti ovvero Comune di Parma, Provincia di Parma, Arpa e Ausl, che hanno tutti dato un assenso positivo, con lettere ufficiali. Ciò che accade adesso è la formalizzazione della richiesta. Stupisce davvero che si dica che non ci sia stato il tempo per l’esame.”
“Il Comune, in ritardo rispetto agli altri enti e alla stessa Provincia  – continua Castellani -   ha fatto pervenire le sue richieste per posta ordinaria il 31 ottobre e per mail il 2 novembre, quindi oltre i 60 giorni previsti. La diligenza della Provincia e degli altri Enti ha dunque consentito che i termini per l’esame della domanda di Iren scadessero il 24 novembre prossimo ed è in previsione di tale data che la Conferenza dei Servizi è stata convocata per il 20 novembre”.
“Insomma se l’Assessore Folli deve lamentarsi con qualcuno è bene che lo faccia con se stesso – conclude Castellani -  Se volessimo usare il linguaggio dell’Assessore dovremmo dire che, visto che le sue richieste di integrazione dei documenti sono state trasmesse a termini già scaduti, dovremmo pensare ad un accordo tacito con Iren? Noi usiamo altro linguaggio e pensiamo solo che qualcuno si è trovato in affanno e si è mosso a termini scaduti. Ovviamente il Comune di Parma è Ente partecipante alla Conferenza dei Servizi (che è assolutamente tecnica) ed in tale sede potrà rappresentare tutte le sue opinioni tecniche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    18 Novembre @ 10.05

    Forse bisognerebbe anche chiederai perché si e' arrivati all'inceneritore. Guardiamo quello che succede ogni giorno: decine di migliaia di auto che vanno e vengono dai centri commerciali, fiumi di benzina e inquinamento pazzesco solo per fare la spesa. Poi, arrivati a casa, una quantità di imballaggi enorme e un terzodei prodotti acquistati grazie alle offerte specchietto che finiranno nei rifiuti. Il punto di arrivo di questo modello sono o la discarica o l'ineneritore. A Fontanelle di Roccabianca per anni sulla strada ha campeggiato un cartello che diceva: benessere si' discariche no. Purtroppo se si continua col modello auto+centro commerciale non e'possibile nessu altro risultato che inquinamento+discarica o inceneritore.

    Rispondi

  • Marisa

    17 Novembre @ 17.15

    @ Federica: condivido che si ritrovano a dover amministrare un comune in grande difficoltà. MA LO Sapevano. cito una frase non mia : NON FARE MAI PROMESSE CHE NON SAI SE POTRAI MANTENERLE. Ti sei accorta che abbiamo TUTTE LE ALIQUOTE AL MASSIMO? NON MI PARE CHE QUESTO FOSSE NEL LORO PROGRAMMA. e ti ripeto la situazione la conoscevano, quindi basta piangere, AGIRE E BASTA.

    Rispondi

  • baffo

    17 Novembre @ 13.14

    faccismo 1 passo indietro.il sindaco cè solo perchè allora disse niente inceneretore,adesso o lo demolisce o si dimette.non ci sono alternative altrimenti diventa 1 politico esattamente come gli altri meditate grillini meditate.....

    Rispondi

  • Federica

    17 Novembre @ 10.43

    @Chiara 18:44. I parmigianelli esagitati si stanno battendo per la loro salute e per quella, soprattutto, dei propri figli e quindi per la tua e per quella degli abitanti della zona. Lo sai che siamo già la zona più inquinata d'Europa? Personalmente preferisco pagare un po' di più in bolletta ma meno in medicine. Per quanto riguarda le critiche agli amministratori, se ne sono sentite di tutti i colori, tra un po' li accuseranno di non aver ancora risolto la fame nel mondo. Si sono ritrovati ad amministrare il Comune nel momento peggiore della sua storia, con tutti i poteri forti della città e non solo contro...ma stanno facendo e facendo bene. Ma si sa, l'onestà, l'integrità e soprattutto l'indipendenza, danno molto fastidio.

    Rispondi

  • mauro

    17 Novembre @ 10.19

    per gigi: non sono proprio la stessa cosa, la giunta sono gli assessori, la maggioranza e e'la maggioranza del consiglio comunale

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

8commenti

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessual: arrestato

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

SERIE A

Parma, che tour de force

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

12commenti

GAZZAREPORTER

Via Roncoroni, collage di rifiuti abbandonati... Foto

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

6commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

SANITA'

33 morti sospette al Noa di Massa: indagato il primario dell'ospedale

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

1commento

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design