17°

29°

Parma

Clini inaugura l'anno accademico, gli studenti contestano

Clini inaugura l'anno accademico, gli studenti contestano
Ricevi gratis le news
11

Corrado Clini frequentò l'Università di Parma a fine anni '60 da studente di Medicina del lavoro. Oggi vi è tornato in qualità di ministro dell'Ambiente, per partecipare all'apertura dell'anno accademico 2012-2013. Fuori dalla sede centrale, in via Università, un gruppo di studenti ha manifestato con cori e striscioni all'indirizzo del ministro e del governo Monti. Intervistato dai cronisti, Clini ha sottolineato che «il dialogo con le nuove generazioni che protestano è essenziale. Dobbiamo evitare che sia distrutto dalla violenza».

In Aula magna il rettore Gino Ferretti, nel suo intervento, ha ripercorso i cambiamenti dell'Università nei decenni e con l'ultima riforma, sottolineando il ruolo centrale del consiglio d'amministrazione e del Senato e rivendicando una sua scelta non prevista dalla legge: includere nel Senato i direttori dei Dipartimenti.
Al professore Giuseppe Fabrizi è stata affidata una prolusione sulla dermatologia a Parma. Fabrizi ha sottolineato, tra l'altro, che in 10 anni sono stati rilevati a Parma 1.500 melanomi e che per combattere la malattia si sta lavorando a un progetto in collaborazione con l'Asl. I medici di base avranno strumenti facili da usare per dialogare con la Clinica dermatologica e diagnosticare velocemente melanomi.

Il ministro Clini ha poi conferito al professor Antonio Moroni la medaglia d'oro per l'Ambiente: «Diamo un premio a un innovatore che ha realizzato a Parma un'esperienza non ancora completamente recepita e valorizzata nelle Università - ha detto Clini, che è stato allievo del sacerdote all'Università di Parma -. Moroni ha portato la cultura dell'integrazione delle discipline che servono a capire le relazioni tra i fattori che incidono sulla qualità dell'ambiente».

IL MINISTRO E IL DIALOGO CON GLI STUDENTI -  «Il dialogo con le nuove generazioni che protestano è essenziale, non possiamo farne a meno e dobbiamo evitare che sia distrutto dalla violenza. Lo dobbiamo fare noi che abbiamo la responsabilità di governo, lo devono fare loro. Perché se non c'è il contributo delle giovani generazioni abbiamo veramente poche speranze». Così ministro dell’Ambiente Corrado Clini, a Parma per l'inaugurazione dell’anno accademico dell’Università ha commentato così le recenti manifestazioni di protesta contro l'attività del governo, ultimo episodio proprio quello di stamani.
«Spero di incontrare i ragazzi che protestano - ha aggiunto il ministro -. Noi stiamo gestendo l’eredità e le code del modello culturale, politico, sociale e industriale del secolo scorso mentre il mondo, soprattutto al di fuori dell’Europa, è ormai in questo secolo. Dobbiamo trovare il modo di traghettare rapidamente la situazione italiana in modo che le nuove generazioni possano assumersi la responsabilità del futuro».
Questo, ha sottolineato «è il lavoro che stiamo cercando di fare e mi auguro che i giovani ci diano una mano a fare questo; devono indicarci la visione. Capita spesso - ha concluso - che le discussioni nei confronti delle proteste siano legate a degli stereotipi, ma non deve essere così perchè è cambiato a livello globale il modello di società, il modello delle relazioni e di produzione. Tutto sta cambiando vertiginosamente e noi abbiamo bisogno di capire, di interpretare il futuro. E loro devono aiutarci».

"GLI INCENERITORI SONO UNA DELLE OPZIONI". Clini ha risposto anche a domande sul tema degli inceneritori: «Gli inceneritori sono una delle modalità per la gestione dei rifiuti, La loro costruzione, progettazione ed esercizio sono regolamentati da ordinamenti europei e leggi italiane molto severi. Non sono ovviamente l'unica soluzione».
«L'obiettivo, a livello italiano ed europeo - ha proseguito Clini - è prima di tutto quello di incentivare il recupero con la raccolta differenziata e la valorizzazione della frazione umida per la produzione di compost. La termovalorizzazione, fa parte del ciclo attraverso il recupero di energia, fa parte delle opzioni che abbiamo a disposizione ma man mano che si amplia il ruolo della raccolta differenziata la sua presenza viene ridimensionata. Oggi - ha concluso Clini - impianti moderni ben funzionanti lavorano a capacità ridotta perché il recupero toglie loro materiale. Questa non è una discussione ideologica ma è una questione molto pratica». 

LE PROTESTE DEGLI STUDENTI: "NO ALL'UNIVERSITA' BLINDATA E AI TAGLI" - Contestazione verbale, al ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università di Parma. Un gruppo di 25 manifestanti ha urlato slogan contro il ministro ma senza entrare nell’edificio dove si sta svolgendo la cerimonia e senza alcuno scontro con le forze dell’ordine.
L'area attorno al palazzo dell’Università è stata off-limits per chi non era accreditato e il dispiegamento di forze di polizia ha impedito al gruppo di avvicinarsi all'ingresso, in via dell'Università. Niente scontri comunque; si segnala solo l’accensione di alcuni fumogeni. Il gruppo aveva occupato in una struttura distaccata la sede di Ergo, l’azienda regionale per il diritto allo studio.
Alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico ha preso la parola Gianluca Scuccimarra, rappresentante degli studenti. «Oggi l’Università è blindata come fossimo al G8 - ha detto polemicamente nel suo intervento di fronte a rettore e ministro per l’ambiente -. Per entrare ho dovuto presentare i documenti, farmi identificare da carabinieri e polizia. Questa è oggi la nostra università».
«Io gradirei avere un governo che viene all’Università per parlare con gli studenti, non con i professori - ha aggiunto Scuccimarra -. Speravamo in un cambiamento, ma non c'è stato in questi paese e non c'è stato in questa università. Come possiamo uscire dalla crisi se non finanziamo la ricerca e l'Università pubblica?». L'intervento di Scuccimarra è stato salutato da un lungo applauso.
Al termine della cerimonia, inoltre, il rettore Gino Ferretti ha fatto intervenire una ragazza in rappresentanza dei giovani che stavano protestando. La studentessa ha criticato il ministro Clini - che a suo giudizio proteggerebbe troppo i poteri forti - e ha richiamato i problemi dai quali scaturiscono le manifestazioni: tasse universitarie che si alzano mentre scendono i fondi alla ricerca negli Atenei pubblici, affitti salati da pagare per i posti letto, lavoretti quasi solo in nero per tirare avanti e prospettive di lavoro scarse, una volta laureati. Anche lei ha stigmatizzato il fatto che l'Università fosse "blindata", tra l'altro mentre le lezioni sono state sospese proprio con la motivazione di facilitare la partecipazione dei giovani alla cerimonia. 

 Tutti gli aggiornamenti sulla pagina Twitter della Gazzetta di Parma a cura di Andrea Violi

Altri servizi sulla Gazzetta di Parma in edicola martedì 20 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • nando

    20 Novembre @ 20.01

    Nelle "formidabili" stagioni del 1968 e dintorni l'allora studente Corrado Clini guidava nella Petite Capitale - con alcuni altri leader locali - la contestazione negli ambienti dell'Università e in vari emblematici settori di vita cittadina e parmense. Per quanto ricordo io - che non ero un leader ma partecipavo agli eventi con una certa costanza e attenzione - Clini si comportava in modo serio, deciso e lungimirante. Corrado Clini - uno dei "protagonisti indiscussi della stagione più esaltante della lotta studentesca" a Parma, coautore del documento "I contenuti alternativi nati dalle lotte del movimento studentesco" (ritenuto "qualificante" anche per il "chiaro discorso politico"), poi brillante intellettuale / professionista in progressiva e inarrestabile carriera fino alla nomina come ministro dell'ambiente - ieri ha dimostrato di possedere ancora l'antica stoffa dell'ascoltato e autorevole leader. Proprio ieri lui e il governo di cui fa parte sono stati - in maniera corretta e garbata ma energica e incisiva - contestati da alcuni studenti dell'Università di Parma (oh, la vichiana teoria dei dei corsi e ricorsi storici!). Al riguardo, il nostro ministro ha risposto con spirito di equilibrio e apertura, con senso dello Stato e del futuro, senza coriandoli di boria e supponenza: "Il dialogo con le nuove generazioni è essenziale. [...] Noi stiamo gestendo l'eredità e le code del modello culturale, politico, sociale e industriale del secolo scorso mentre il mondo, soprattutto al di fuori dell'Europa, è ormai in questo secolo. Dobbiamo trovare il modo di traghettare rapidamente la situazione italiana così che le nuove generazioni possano assumersi le responsabilità del futuro." E ancora:"La protesta delle giovani generazioni è la nostra speranza, senza il contributo della loro visione abbiamo veramente poche prospettive." Bravo, Ministro! In verità credo che il futuro stia già di fatto nei cuori e nelle menti delle "nuove generazioni", che stanno giudicando severamente (spesso con ragione) il nostro operato e costruendo in modo tormentato ma creativo il loro avvenire. Insomma, dobbiamo renderci conto - attingendo dal finissimo scrigno poetico di Kahlil Gibran - che i nostri giovani (studenti e non studenti) non sono i nostri giovani "poiché hanno pensieri loro propri" e "le loro anime albergano nella casa di domani, che non possiamo visitare nemmeno in sogno". Eh, sì - caro Clini - noi siamo "gli archi", anzi "gli arcieri", e loro - i giovani- sono le "frecce viventi", dirette speditamente e irreversibilmente verso il futuro. Per dirla alla Prévert: loro - i giovani - sono già "altrove lontano più lontano della notte / più in alto del giorno ..." ("Il sont ailleurs bien plus loin que la nuit / bien plus haut que le jour ...") ... Il ministro Corrado Clini ieri a Parma ha svolto egregiamente e persino delicatamente la funzione di "arciere", ma le autentiche "frecce viventi" erano altre: avevano i volti e le parole di Gianluca e Adele, dei loro compagni e delle loro compagne, non tutti presenti anche per via dell'inaugurazione forse eccessivamente "blindata" dell'anno accademico! [Ah, dimenticavo: giunga un affettuoso abbraccio di riconoscenza e ammirazione al ... giovane "innovatore" mons. Antonio Moroni, giustamente insignito della medaglia d'oro al merito ambientale.] Nando Donnini - Corniglio (PR)

    Rispondi

  • guido

    20 Novembre @ 16.53

    ma non c'è Pizzarotti a Parma? Quando non c'erano i grillini dicevano che non si doveva fare adesso hanno il sindaco possono decidere no?

    Rispondi

  • Adria

    19 Novembre @ 19.57

    Se Clini è ministro dell'Ambiente io sono la nonna di Cappuccetto Rosso

    Rispondi

  • Roberto Giannini

    19 Novembre @ 17.12

    @cesare Ragionamenti da talebano. Sempre a cercare la malafede, sempre a buttare tutto in vacca. E' vero o non è vero che gli inceneritori esistono? che sono consentiti? che la normativa prevede limiti e valori di emissione? Si o no? Allora sono uno dei modi per gestire i rifiuti, anche se non sono l'unica soluzione. Villani cosa c'entra? Ha la peste? Sai cosa ti dico, Cesare? andatevene un po' a quel paese, che ci state rompendo le scatole e ricordate che il voto ve lo abbiamo dato in fiducia anche noi del pdl, ma facciamo prestissimo a togliervelo, nel caso nonlo abbiate ancora capito.

    Rispondi

  • billy

    19 Novembre @ 15.49

    Utente Damiano, io sono uno studente dell'università di Parma e sono stato avvisato tramite email con largo anticipo della manifestazione e della sospensione delle lezioni, come tutti gli studenti che conosco. In quell'email nel campo destinatari era inserito all@studenti.unipr.it, che è il format che usano per spedire l'email a tutti. Il testo era: Cara studentessa, caro studente, lunedì 19 novembre 2012 alle ore 11 in Aula Magna si svolgerà la Cerimonia d’inaugurazione dell’Anno Accademico 2012-2013. Al fine di favorire la presenza degli studenti a questo importante evento, l’Ateneo ha deciso di sospendere per il 19 novembre, dalle ore 9 alle ore 14, le attività didattiche, ad eccezione delle sessioni di laurea già fissate per tale data. La cerimonia sarà trasmessa in diretta web dal sito dell’Università. Con i più cordiali saluti. Il Rettore Gino Ferretti

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

1commento

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

carabinieri

Salumi contraffatti: sequestri a Parma (Reggio e Piacenza) Video

PARMA

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat dopo il borseggio sul bus

5commenti

visita

Ferrero, il presidente "esplosivo" a Parma

incontro

Nando Dalla Chiesa: "Criminalità, mai abbassare la guardia" Video

trasporti

Campari (Lega) richiama Ferrovie: "Alta velocità, collegamenti con Parma carenti"

QUARTIERE TAMBURI

Fondazione Pizzarotti e Parole di Lulù onlus insieme per i bambini di Taranto

gazzareporter

Bici e pure la borsetta sotto il ponte

PARMA

Riporta il carrello dopo la spesa e la borsa sparisce dall'auto: denunciato un 29enne

INCIDENTE

Auto sbanda e finisce contro un albero: muore un 69enne a San Polo d'Enza

Montechiarugolo

E' morto Mino Bruschi, fu psicoterapeuta nella clinica di Monticelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

MILANO

Pedofilia: 6 anni e 4 mesi a don Galli

OMICIDIO-SUICIDIO

Uccide la madre e si getta da un ponte nel Reggiano

SPORT

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

Serie C

Sospese fino a data da destinarsi le gare dell'Entella

SOCIETA'

STATI UNITI

Aragoste sedate con la marijuana prima di finire in pentola

dublino

Aereo tenta l'atterraggio: il vento costringe a riprendere il volo

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse