17°

29°

Parma

Comune, nasce la nuova "macchina": addio al direttore generale. Creato un ufficio per la lotta all'evasione fiscale

Comune, nasce la nuova "macchina": addio al direttore generale. Creato un ufficio per la lotta all'evasione fiscale
Ricevi gratis le news
21

Chiara Cacciani

Dopo l'affaire Tavolazzi non ci sarà spazio per altri toto-nomine: la giunta 5 Stelle dà infatti addio alla figura del direttore generale del Comune. "Troppo potere centralizzato - spiega il sindaco Pizzarotti - : meglio un Comitato direttivo formato dai dirigenti apicabili: ideale per confrontarsi e trovare soluzioni condivise". 

Vista dall'esterno è questa la rivoluzione più immediatamente percepibile sancita dalla nascita della nuova Macrostruttura firmata dall'Amministrazione grillina. Ma è ovviamente dentro il palazzo municipale che si produrranno gli effetti più forti e duraturi. Mappa organizzativa, incarichi, retribuzioni: i cambiamenti toccheranno tutte le "voci" e porteranno un risparmio annunciato di 300 mila euro, frutto anche di una lotta agli sprechi che andrà combattuta ufficio per ufficio.

Per parlare dele novità è quasi inevitabile usare i verbi al futuro, ma la Macrostruttura è già presente: la riorganizzazione è infatti in vigore da più di 24 ore, da lunedì 19 novembre, ed è stata illustrata nei giorni scorsi ai 1300 dipendenti comunali. Oggi la presentazione alla stampa, e non sono mancati gli affondi verso i predecessori.

Il leit motiv di Pizzarotti è razionalizzazione e semplificazione, e per darne una prova visiva mostra le mappe del "com'era-com'è": detto coi numeri, la nuova geometria comunale punta sul modulo 2-4-2. Sarà formata da due aree (una dedicata alla persona, l'altra più tecnica e più centrata sullo sviluppo e sui servizi della città), quattro settori e due servizi in staff (segreteria generale e avvocatura). A ciò si aggiungono il Comitato direttivo e i comitati di coordinamento intra-settoriale e intra-area. E il Corpo della Polizia municipale, che manterrà una sua autonomia, sarà cmposto da quattro strutture operative.

Nell'ambito dei diversi settori, le novità più grandi riguardano la nascita di un ufficio competente per la lotta all'evasione fiscale ("certo non saremo noi a dare la caccia ai grandi evasori, ma tante cose si possonof are. Ed era giusto dare un segnale", ha detto il sindaco) e la "consacrazione" del settore ambiente energia: "Prima era affogato in altre strutture: ora è un settore autonomo che svilupperà anche il tema importantissimo dell'antisismica".

Ancora numeri: se le posizioni organizzative del Comune di Parma sono attualmente - secondo i dati forniti da Pizzarotti - circa 85, di cui 65 occupate, presto scenderanno a 44. "Abbiamo confrontato la situazione dei principali Comuni della regione, e per Parma il rapporto è nettamente superiore rispetto alla popolazione residente". Nella pratica significa nessun esubero ma piuttosto una riattribuzione delle posizioni. Si parte dall'approvazione di una nuova disciplina, che prevede una graduazione delle posizioni con conseguente definizione delle fasce retributive e la possibilità di delega per la firma, "nell'ottica di sgravare e di fare chiarezza sui ruoli, affinchè ciascuno faccia il suo compito". A livello retributivo, il sindaco ha sottolineato come in precedenza le posizioni organizzative fossero "tutte pesate al massimo contrattuale: ora invece è stata istituita la procedura di attribuzione degli incarichi che prevede tre fasce".

Annuncia regole del gioco chiare, Pizzarotti: "Dall'anno prossimo comunicheremo tutti insieme gli obiettivi che ci proponiamo, i dipendenti li valuteranno e potranno candidarsi fino a 3 posizioni organizzative. Poi ci sarà una selezione".

E anche a livello dirigenziale si cambia: a livello di busta paga il Comune annuncia di voler dar maggior peso all'indennità di obbiettivo piuttosto che a quella di produttività:  "Volevamo che l'attenzione dei dirgenti fosse spostata sul raggiungimento del risultato prefissato più che sulla quantità, ed è un modo per motivarli". Così come tutta l'operazione, sottolinea, è nell'ottica di motivare, valorizzare e  premiare i dipendenti. 

"C'erano economie di scala da fare - continua Pizzarotti -. Prima non era importante cosa si faceva ma l'evidenza dell'opera o del progetto realizzato, al di là della spesa. Noi invece vogliamo che le cose vengano fatte diversamente". Nel macro come nel "micro": "Abbiamo voluto fare, ad esempio, un monitoraggio su quanta carta veniva utilizzata per le stampate. Ora la direttiva è di stampare fronte e retro, evitando se inutile il colore, con riduzioni del 50 percento". Sul tema sprechi Pizzarotti si appella ai dipendenti: "Chi meglio di chi un lavoro lo svolge può valutare gli sprechi e aiutare a ridurli?". E i 300 mila euro di risparmi? "In parte saranno destinati all'ente, in gran parte al fondo  di produttività a favore di tutti i dipendenti". 
 

La strada dunque è tracciata ma "niente - spiega il sindaco - è scritto sulla pietra. Nei prossimi mesi faremo un bilancio e si potrà migliorare. D'altra parte non è facile accontentare tutti, ma intanto abbiamo iniziato un percorso condiviso. Nel passato lo era stato un po' meno: come dal giorno alla notte, diciamo...."

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Geronimo

    21 Novembre @ 08.16

    Pippo, dipendenti con giubbotti e sciarpe al duc non ne ho ancora visti, ma tu non sei mica quello che la settimana scorsa ti sei inventato la storia del costante aumento di malattia dei dipendenti comunali a causa dei 19° che tra l’altro erano stati messi a quella cifra solo da qualche giorno visto che precedentemente la temperatura era di ben 23°? Comunque non so bene cosa volete dal sindaco visto che se elimina una posizione vi lamentate, se la mantiene vi lamentate, siete sempre a lamentarvi…. Come quei consiglieri comunali che parlano di criminalità in aumento dando la colpa di ciò al sindaco ben sapendo che per la sicurezza le colpe sono di altri e non stanno a Parma. Sinceramente questi politici hanno stancato, così non fanno che aggravare la situazione, per loro l’obiettivo non è superare i problemi ma far cadere Pizzarotti per occupare la poltrona

    Rispondi

  • Stefano Melani

    21 Novembre @ 08.11

    Poi mi spiegherete il perchè dell P.O., perchè esistono e a cosa servono

    Rispondi

  • mario marini

    20 Novembre @ 22.34

    Credo sia proprio il caso di dire "nihil sub sole novi"... . Giusto per correttezza e completezza di informazione, ricordo ai lettori, ed in primis al Sindaco Pizzarotti, che l'idea di avere un organigramma (e relativo funzionigramma) senza la direzione generale, e di istituire - al suo posto - un Comitato direttivo, costituito dai direttori apicali e/o di area, non è affatto nuova o rivoluzionaria. La macrostruttura senza direzione generale fu infatta disegnata dal sottoscritto e dalla struttura Personale ed organizzazione del Comune di Parma nel mese di luglio del 2011, poco dopo la rimozione dell'allora direttore generale, avvenuta il 28 giugno 2011, e la struttura fu ratificata con regolare delibera di Giunta facilmente consultabile da chiunque. La funzione rimossa fu immediatamente sostituita da un Comitato direttivo, che si riunì regolarmente, a cadenza bisettimanale, fino alle dimissioni del Sindaco Vignali. Il Comitato direttivo era composto dai dirigenti apicali e dal segretario generale; inoltre partecipava anche il sottoscritto, per garantire il necessario raccordo tra l'organo politico (la Giunta) e la struttura dirigenziale dell'Ente. Sono contento dunque di aver contribuito a disegnare una struttura che è stata ritenuta valida ed efficiente anche dall'attuale maggioranza al governo della Città. Mario Marini - ex assessore al personale ed organizzazione del Comune di Parma

    Rispondi

  • Capitano

    20 Novembre @ 21.38

    E' estremamente chiaro che a tutti coloro ai quali stava bene lo status quo, una situazione di immobilismo, il più delle volte originata da convenienze di compromesso tra le parti, il cambiamento apportato dal Sindaco è sicuramente un fulmine a ciel sereno. Purtroppo per loro questi "ragazzi" che si stanno impegnando veramente al massimo, poco alla volta stanno gradatamente apportando quei cambiamenti che nel medio periodo daranno sicuramente buoni risultati. Tutti i vari critici che fanno solamente il conteggio matematico del risparmio, si dimenticano di dire che la cosa più importante, quello che a mio avvisi, ha bene evidenziato Maria e che fedelmente riporto"Di Pizzarotti mi piace il voler responsabilizzare e valorizzare i dipendenti che dalle passate Giunte sono stati "usati" come pedine per poter gratificare le smanie arrivistiche di qualcuno....Mi piace anche il suo voler dare maggior peso all'indennità di obbiettivo piuttosto che a quella di produttività: non ho mai capito perchè si dovesse premiare la quantità del lavoro svolto piuttosto che la qualità e il raggiungimento di un obiettivo". Parole sacrosante, sarà con queste persone che si potrà avviare il vero cambiamento, non sicuramente con i vari lamentosi, ai quali inspiegabilmente andava bene l'andazzo precedente, con il risultato per noi cittadini contribuenti di un debito enorme, lavori faraonici e inutili, dirigenti e assessori arrestati con accuse di ruberie varie. Dal cambiamento noi cittadini potremo solamente guadagnarci, buon lavoro signor Sindaco.

    Rispondi

  • maria

    20 Novembre @ 21.37

    @Pippo: la Macrostruttura del Comune la trovi sul sito del Comune stesso ...e questo è il link: http://www.comune.parma.it/comune/struttura-organizzativa_m6.aspx Dalla Struttura sono state tolte le Aree e i mega dirigenti che ci costavano un sacco di soldi e per conto mio rendevano meno snella la gestione della macchina comunale che era impegnata quotidianamente in miriade di riunioni che portavano via un sacco di tempo al lavoro vero e proprio. Non mi sembra che il Settore sviluppo organizzativo sia stato valorizzato per creare un posto ad hoc....è lo stesso Settore che c'era prima e che si chiamava Settore Sviluppo e delle risorse umane. Dici che ci sono le stesse persone che c'era con Ciclosi?...per forza ...cosa vorresti che si licenziassero le persone ? Io credo che in qualsiasi posto di lavoro ci sia gente che protesta ma molta più gente che lavora senza ma e senza se.....i giubbotti e le sciarpe le avevano anche quando c'era la giunta Vignali e ancora prima la giunta Ubaldi...il DUC è una struttura maledetta dove o si crepa dal caldo o si gela dal freddo....E se proprio la vuoi buttare in politica e propaganda, cosa a cui non ho minimamente pensato quando ho postato il primo commento, sappi che non è mica colpa di Pizzarotti se non ci sono soldi ma di chi ha mal governato precedentemente. Aggiungo che se hai letto la conferenza stampa di Pizzarotti i soldi risparmiati dalla eliminazione della figura del Direttore Generale saranno destinati a premiare i dipendenti meritevoli non nella produttività ma nella qualità del servizio reso.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

fumetti

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 date che hanno cambiato la storia: vediamo se te le ricordi tutte!

GAZZAFUN

Ricomincia la scuola: pronti per un ripasso di cultura generale?

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

4commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

3commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

Tizzano

La Regione risponde su Capriglio: "Nessun ritardo, lavori per 1,2 milioni"

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessuali: arrestato Video

1commento

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

storia

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

3commenti

SERIE A

Parma, che tour de force

FIERA

Il Salone del Camper di Parma si è chiuso con 130mila visitatori

arte

Complesso della Pilotta, apre la nuova biglietteria: e i primi 100 entrano gratis

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

1commento

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

AVELLINO

15enne a scuola con la marijuana: arrestato in classe

Milano

Tangenti Algeria, il tribunale assolve Scaroni e l'Eni

SPORT

ZEBRE RUGBY

Mike Bradley: "La fiducia sta crescendo nella squadra, con Cardiff Blues è stata fantastica" Video

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

SOCIETA'

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

4commenti

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design