17°

27°

Parma

GCR: "Viva la differenziata"

GCR: "Viva la differenziata"
Ricevi gratis le news
4

Comunicato stampa

Parma è rimasta indietro, in questi anni, nella percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti, superata in lungo e in largo dai comuni della Provincia, che primeggiano in regione sul riciclo. Finalmente in questi giorni un segnale importante è stato dato alla città.
Il capoluogo si avvia alla raccolta differenziata integrale, eliminando progressivamente i cassonetti stradali, da tutti gli esperti del settore indicati come tombe per materiali riciclabili. Finché ci sono cassonetti in strada è impossibile mettere a regime la Rd e raggiungere traguardi importanti. L'avvio del nuovo sistema in centro ha ovviamente creato malumori e mugugni, come sempre quando si cambia qualcosa nelle abitudini dei cittadini. Ma non ci sono alternative alla raccolta differenziata porta a porta. E' l'unico sistema che permette di avere a valle una raccolta multimateriale di qualità, oltre che di quantità, che rappresenta la vera sfida da qui a venire. Non interessa infatti più quanto si ricicla ma come lo si fa. Materiali sporchi, eterogenei, con frazioni estranee, causano un calo drastico del reale indice di riciclo del materiale conferito, causando anche un notevole decremento dei contributi Conai agli enti locali, che variano proprio in base alla qualità. Il 2013 sarà l'anno dell'estensione a tutta la città del nuovo sistema. Ovviamente saranno necessarie messe a punto, piccole variazioni, aggiustamenti. Ma la strada è tracciata. Il vantaggio del nuovo sistema si rifletterà anche sulle bollette. Maggiore raccolta differenziata si traduce direttamente in minore necessità di smaltimento e di conseguenza in un calo dei costi per il comune, che dall'altra parte incrementa le entrata dei contributi Conai. Un volano anche per l'occupazione, che dal nuovo sistema guadagna in numero di operatori impegnati nella raccolta delle diverse frazioni. Vale la pena ricordare i cardini di una buona raccolta. Dividere innanzitutto il secco dall'umido. Nell'indifferenziato non deve mai finire la parte organica o umida, che segue il percorso del recupero attraverso il bidone marrone, destinato a creare compost e nuovi fertilizzanti per i nostri terreni, anche attraverso l'adozione del compostaggio domestico. Quando si sente parlare di immondizia indifferenziata che puzza ed attira topi e insetti è ovvio che è in atto una cattiva gestione degli scarti. Dove si separa correttamente il secco dell'umido il residuo da smaltire è priva di sostanze putrescenti e odorose e non ha limiti ne controindicazioni alla sua sosta in casa.
Il resto è un gioco facile ad individuare il cassonetto giusto. Plastica e barattolame da un lato, carta e cartone dall'altro, vetro da solo per garantire il suo recupero al 100%. Poi ci sono ingombranti e rifiuti pericolosi come pile e farmaci, da conferire negli appositi contenitori e nelle isole ecologiche. Sfalci e potature hanno il loro percorso come calzature e vestiti dismessi.
Se queste semplici regole vengono bene applicate il rifiuto residuo si riduce a poca cosa, facendoci capire direttamente quanto sia inutile un enorme forno inceneritore per bruciare quelle poche cose che potrebbero invece essere anch'esse recuperate magari attraverso l'estrusione delle plastiche eterogenee, che in Toscana è pratica già attiva alla Revet, dove si produce materia prima per alcuni componenti delle Vespe della Piaggio. Dei rifiuti non si butta via niente.

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma - GCR

Sono passati

51
 Giorni dalla scadenza del contratto di servizio con Iren
 
91
 Giorni dalla richiesta di dimissioni di Luigi Giuseppe Villani
 
907
 Giorni dalla richiesta del piano economico finanziario dell'inceneritore
 
201
 Giorni dalla data prevista di accensione dell'inceneritore di Parma
 
186
 Giorni dal voto amministrativo che ha fatto vincere il no all'inceneritore
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • JOHN GALT

    25 Luglio @ 13.24

    NON SIAMO SUDDITI ALLA CORTE DEL GRANDUCA .. OLTRE AL PATTUME CI ABBIAMO ANCHE DA MANGIARE E TUTTI I COSTI SOCIALI IN TEMPO, ENERGIE E SOLDI DEVONO ESSERE PROPORZIONATI AL RISULTATO E ALLO SCOPO . NON POSSIAMO RACCOGLIERE L'ACQUA DALLE POCCE CON IL CUCCHIAIO PER RISPARMIARLA E IL FANATISMO AMBIENTALE E' IRREALE ... LA MERDA E' MERDA E SEMPRE CI SARA' ... E' LA NATURA DELLE COSE. CASOMAI UNA FRENATA BRUSCA ALLE NASCITE E UNA LEGGE SULL'EUTANASIA PER CHI VUOLE ANDARSENE IN PACE SAREBBERO PIU' RISOLUTIVE. QUESTA E' FILOSOFIA OGGETTIVISTA IN CUI E' LA REALTA' LA VERA PADRONA DI NOI TUTTI E CHE A OGNI AZIONE LA REALTA' SI ADEGUA A VOLTE DANDO RISPOSTE CONTRARIE ALLE NOSTRE INTENZIONI. CHI VIVRA' VEDRA' ... COMUNQUE NON C'E' MAI STATO TANTO SPORCO IN GIRO COME DA QUANDO SI PARLA TANTO DI RIFIUTI... BELLE SOLUZIONI CI SONO BIDONI PUZZONI DAPPERTUTTO ....

    Rispondi

  • massimiliano

    23 Novembre @ 18.41

    Viva anche la pasta al pomodoro, viva l?italia e viva la patata!!!!!!!!!! Tutti felici per due bucce di mela separate da una latta di passata di pomodoro!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Luca

    23 Novembre @ 17.02

    avete una capacità di distorcere la realtà fuori dal comune. Parma era l'ultimo capoluogo di regione nel 98 e ha superato tutti in 10 anni. poi è ovvio che un paese di 3000 abitanti abbia una % più alta rispetto a una città di 240 mila tra residenti e domiciliati, piena di negozi, industrie, uffici. è così in tutte le province. dire che parma è fanalino di coda in provincia è proprio una roba da grillini sinistroidi. il gcr sarebbe meglio che pensasse al proprio paladino Folli, che tanto ha promesso ma che non sta mantenendo niente!

    Rispondi

  • Maurizio

    23 Novembre @ 13.51

    Totalmente d'accordo sulla raccolta differenziata spinta. Ci sono alcune incongruenze organizzative, per esempio la raccolta della plastica in centro al giovedì sera, quando quasi tutti i negozi sono chiusi al giovedì pomeriggio, o le minuscole dimensioni della feritoia nei raccoglitori del vetro; tuttavia, con le necessarie messe a punto, si tratta di un percorso giustissimo, oltre che indispensabile. Invece qualche dubbio lo avrei sulla riduzione dell'indifferenziato a livelli insignificanti che prosettano le proiezioni ottimistiche di GCR. Con l'attuale struttura della distribuzione e modello di consumi temo che la idea di ridurre a termini minimi l'indifferenziato sia poco realistica.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali

HI-TECH

Ecco i nuovi iPhone appena arrivati sugli scaffali Video

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro - Foto

PARMA

Viale Vittoria: cartello anti-spaccio già strappato e gettato nella campana del vetro Foto

2commenti

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

2commenti

APPENNINO

Fungaiolo ferito nella zona di Albareto: interviene anche l'elicottero di Pavullo

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

PARMA-CAGLIARI

Oggi ci vorrà un Parma da battaglia

Segui gli aggiornamenti in tempo reale dalle 15

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

8commenti

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"