18°

28°

Parma

Consiglio comunale - Asili: votate le nuove regole - Pizzarotti: "Altra sede per il centro islamico". Multe per i negozi con le porte aperte - Rifiuti, porta a porta in tutta la città entro il 2013

Consiglio comunale - Asili: votate le nuove regole - Pizzarotti: "Altra sede per il centro islamico". Multe per i negozi con le porte aperte - Rifiuti, porta a porta in tutta la città entro il 2013
Ricevi gratis le news
31

Nuova seduta del Consiglio comunale di Parma (segui la cronaca su Gazzettadiparma.it e in streaming live sul sito del Comune). Tra i temi trattati, i più importanti e destinati a fare discutere sono le modifiche al regolamento per l'accesso a nidi e materne, ma anche l'istituzione dell'Osservatorio comunale dei rifiuti. E' stata invece rimandata l'approvazione del nuovo regolamento sulla movida. E giovedì prende il via la maratona sul bilancio.

Si parte con un'interpellanza di Alessandro Volta (Pd) sulla situazione del centro islamico e la convivenza con gli artigiani del quartiere, prendendo spunto dalla lettera di diffida di questi ultimi in occasione della Festa del sacrificio. "La giunta deve permettere lo svolgimento di queste manifestazioni, rendendole certamente compatibili con le attività produttive. Nessuno ha raccolto firme per bloccare una partita al Tardini per problemi di ordine pubblico. L'Amministrazione come intende muoversi?".  Risponde l'assessore Casa: "In occasione di manifestazioni con partecipanti numerosi in via Mantova, attiviamo subito le autorità di pubblica sicurezza affinchè insieme alla polizia municipale garantiscano il regolare svolgimento di questi eventi. In generale, per la preghiera del venerdì gli agenti svolgono controlli viabilistici, anche riguardo alla sosta". Pizzarotti: "Forse all'epoca con tutti quei fondi potevate pensare a qualcosa di diverso da un capannone in area industriale". Buzzi: "L'hanno scelta loro". Pizzarotti: "Ma è una comunità con cui si può dialogare".

Ma interviene anche Pizzarotti: "Da tempo abbiamo avviato con la comunità islamica e i tecnici un tavolo per trovare una soluzione condivisa. Pensiamo purtroppo che in quella zona il livello di accettazione rimarrà quello che è. Dunque cerchiamo una soluzione fortemente adeguata, col dialogo. Di questi tempi la problematica è legata al tema economico. Ci stiamo lavorando, ma trovo indegno che questa situazione non sia stata gestita nel modo giusto negli anni passati: si è fatta una scelta solo per non sentirne più parlare". Buzzi: "Non è così: prima erano relegati in un appartamento di 250 metri quadri"

Vescovi (Pd) interpella sui rapporto con l'associazione Avviso Pubblico per la formazione civile contro le mafie. Casa: "Continueremo la collaborazione e a dicembre incontreremo Libera. Ma sul tema criminalità organizzata stiamo pensando anche di creare un gruppo di esperti che siano di supporto all'Amministrazione e che facciano sapere alla città la situazione".

Iotti (Pd) interroga sul progetto Parma Social Housing: "Era un piano casa importante ma non se ne sa più nulla. Sembra che stenti a decollare: a che punto sono i lavori? Stt ha versato la quota prevista al Comune di Parma?". Risponde l'assessore Rossi: "Ad oggi sono attivati nove cantieri su 4 delle 5 aree acquisite dal fondo: ci saranno alloggi in locazione, in vendita o a riscatto. Tutti i 417 alloggi saranno completati entro fine 2013-inizio 2014. Vogliamo istituire un tavolo tecnico per aumentare da 142 a 240 gli appartamenti a disposizione a canone sostenibile" Stt - riferisce l'assessore - ha regolarmente versato a Polaris 15 milionidi euro. Il Comune ha acquisito diritto superficie di cinque aree sulle sette previste. Rossi: "Vogliamo proseguire nel progetto, e un tavolo tecnico potrà portare miglioramenti importanti". Iotti: "Mi aspetto che nel bilancio si cominci a inserire la voce per il fondo. Il progetto di alloggi in locazione è di grande importanza".

Ghiretti interviene sul tema Tagesmutter dopo che sulla Gazzetta di Parma è stato pubblicato l'appello dei genitori in vista di una possibile perdita del servizio, e il rimpallo di responsabilità tra Comune e Regione: "Cosa vuol fare il Comune per mantenere un servizio così importante?". L'assessore Rossi: "L'amministrazione comunale valorizza i progetti per le famiglie. Quello tagesmutter presenta però diversi limiti e criticità messi in evidenza dalle leggi regionali. In modo volutamente ambiguo viene definito come servizio alternativo o servizio di conciliazione per rispondere alle esigenze famiglie. Di sicuro è una importante occasione di lavoro femminile. Noi adesso dobbiamo rispondere alle aspettative create dalla giunta precedente dovendo sanare però delle ambiguità. Le tagesmutter sono una risposta positiva alle  famiglie ma va risolto definitivamente se è un servizio educativo alternativo o di conciliazione. La normativa regionale prevede già i piccoli gruppi educativi, messi in rete con i servizi prima infanzia, dove si prevede titolo di studio, non previsto nelle tagesmutter ma qualificante. Le tagesmutter parmigiane al momento hanno solo in due casi un titolo coerente com servizio educativo".

"Ciò non significa - continua Rossi -che non può essere realizzato, ma che può avere l'autorizzazione dal Comune solo in presenza di un titolo di studio. Stiamo ultimando un nuovo progetto a tema: prevede un servizio alternativo al nido in cui rientrano le tagesmutter in possesso di titoli di studio ad hoc, e un servizio di cura, accoglienza e socializzazione per lavoratori atipici, con orari di lavoro particolari, famiglie da poco residenti a Parma, per chi è stato escluso dai nidi e materne, per chi vorrà avere dopo un primo anno una continuità di cura, e non un servizio educativo". La Rossi annuncia l'istituzione di un albo a cui si potranno iscrivere le tagesmutter operanti oggi, tenedo valida esperienza e nel futuro di altre con requisiti. E nel bilancio comunale sarà previsto un fondo per il sostegno economico alle famiglie che utilizzeranno i servizi a domicilio. "Ma - chiarisce Rossi - ne potrà usufruire chi è entro i 20-25 mila euro di Isee e non più 45 mila come ora, per un principio di equità sociale". Ghiretti: "Ambiguità? Criticità? Siamo secondi in Italia per i servizi educativi. La Rossi si contraddice. Ci siamo impegnati tutti per i servizi per le famiglie e adesso?"

 Ancora Ghiretti sui provvedimenti per l'ambiente e sul progetto "Per l'aria che tira". L'assessore Folli: "Per quanto riguarda il riscaldamento autonomo il provvedimento dei 19° è di difficile controllo e nemmeno abbiamo intenzione di andare casa per casa. Ma vogliamo sensibilizzare sul problema e far capire che il contributo volontario può migliorare la situazione per tutti. Effetto già positivo, invece, per gli edifici pubblici. Noi oggi abbiamo fatto un tavolo tecnico con installatori ed esperti per fare ordinanza migliorativa sul tema riscaldamento. Per le porte aperte dei locali aperti al pubblico non siamo stati punitivi ma abbiamo fatto informazione: nei prossimi giorni faremo anche le prime multe". Sui blocchi del traffico Folli dice: "Ci sono stati effetti: il primo giovedì nessuna multa perchè non volevamo essere punitivi, invece dalla seconda domenica ad oggi sono state circa 78 sanzioni. Ci sono 16 pattuglie a presidiare altrettanti punti di accesso sul territorio. Il sondaggio ha visto partecipare circa 570 cittadini e c'è molta preoccupazione sulla qualità dell'aria, con la richiesta di fare di più: stiamo pensando a come fare. Certo non sono i soli provvedimenti per risolvere la situazione. Stiamo anche lavorando al Piano Strutturale integrato per favorire la mobilità sul trasporto pubblico, intercettando anche chi viene da fuori coi parcheggi scambiatori.

Sul tema botta e risposta tra il sindaco e Ghiretti. Pizzarotti: "I blocchi del traffico non hanno valenza solamente dal punto di vista ambientale, ma anche delle abitudini negli spostamenti. Devono essere occasione per organizzarsi diversamente: se si va in macchina in tre i blocchi sono ridotti. Noi vogliamo iniziare i cittadini a logiche di car pooling. Parlare del riscaldamento è modo per sensibilizzare al tema. Ghiretti cosa avrebbe fatto? Ci aspettiamo il suo contributo...". Ghiretti: "Ad esempio domeniche senz'auto totalmente, oppure prendere il coraggio a due mani e dire: si va a piedi. Se no  adesso sono provvedimenti presi per l'aria che tira". E se volete condividere non potete presentare i progetti 5 giorni prima, come al solito".

Pellacini (Udc) e Guarnieri (Altra Politica) chiedono di poter inserire quella albanese tra le bandiere sul Ponte delle Nazioni in occasione della festa per liindipendenza albanese e in omaggio al percorso di integrazione della comunità a Parma. Sì del sindaco e anche disponibilità a ospitare in spazi del Comune i seggi per le elezioni albanesi.

Piano neve, l'assessore Alinovi risponde a Pellacini: "Gli spartineve entreranno in azione per evitare il formarsi di uno strato di ghiaccio. Con neve "patocca" vale la pena economizzare e far entrare i mezzi in azione anche tardivamente. Ma con temperature sottozero i mezzi devono entrare in azione anche a 5 centimetri. In centro storico si useranno miscele maggiormente adatte a pavimentazioni lapidee, mentre sull'asfalto sarà utilizzato anche il sale. Non ci sarà obbligo per i cittadini di gomme o catene da neve, ma è buona norma averle anche perchè esiste l'obbligo sulle autostrade".

Buzzi (Pdl) è preoccupato per il fermo del cantiere della Scuola per l'Europa. Alinovi: "Sono in corso incontri per arrivare alla ripresa dei lavori, ma l'accordo è vicino". Buzzi ha sottolienato anche l'assenza di Parma questa mattina agli stati generali per l'Expo. Casa: "L'Expo deve essere un'opportunità anche per Parma, è vero. Ad oggi c'è un tavolo organizzato dalla Provincia che sta curando i rapporti con la Regione, e in più stiamo verificando la fattibilità economica di una azione che riguarda la creazione di una Scuola per la sicurezza alimentare in collaborazione con il nostro Ateneo, ma anche di università della regione e Milano".

Bizzi (Pd) sulla nomina del nuovo amministratore di Parma Infrastrutture: "Dov'è il rispetto degli indirizzi che ci siamo dati sulla nomina dei rappresentanti nelle partecipate? E sulla diretta web delle riunioni delle commissioni servono indirizzi chiari". 

 Slot-machine e videopoker, Ghiretti invita a emettere una ordinanza che disponga da subito un uso limitato dei giochi d'azzardo: "Questa è la vera politica nell'interesse dei cittadini. E come vede, sindaco, faccio anche proposte".

Dopo una pausa la seduta riprende. E si riparte dall'istituzione dell'Osservatorio comunale dei rifiuti, come avvio - nell'ottica dell'Amministrazione - del percorso verso il traguardo dei "rifiuti zero". L'assessore Folli illustra la delibera: "Sono circa 112 i Comuni in Italia che hanno aderito a queste azioni di prevenzione, di recupero, di riciclaggio e di smaltimento. Ci diamo come obbiettivi di passare dal 40 al 70 percento di differenziata entro il 2015 e di impostare il porta a porta su tutto il territorio comunale già dal 2013. E vogliamo realizzare entro il 2015 anche un centro di riparazione e di riutilizzo". Per quanto riguarda l'osservatorio, Folli parla di un comitato tecnico di esperti che aiuteranno a raggiungere gli obiettivi, anche collaborando con le aziende per cercare di prevenire, ossia di ridurre i rifiuti alla fonte.

Le reazioni. Buzzi: "Anche spingendo al massimo la differenziata, rimangono comunque due milioni di tonnellate di rifiuti da smaltire in regione. I rifiuti zero sono ben lontani. Nella delibera si dice inoltre che l'impegno è a non portare rifiuti "nel termovalorizzatore o tal quali a discarica": ma allora come facciamo? E se i rifiuti non saranno più "tal quali" le discariche vanno bene?".

Manno (Pdci): "La delibera è meritevole, ma serve specificare cosa si farà dei rifiuti: bisognava discuterla insieme alla questione inceneritore, perchè tutti i cittadini hanno il diritto di sapere cosa chiare. E in più servivano incentivi economici ai cittadini una volta introdotto il porta a porta, come fanno in Alto Adige" .

Iotti (Pd): "Un conto sono i principi, un conto è la concretezza. Il 70% di differenziata entro il 2015 è un obbiettivo importante e lascia aperta la questione di cosa fare della parte residua. Con i proponimenti non si va da nessuna parte: bisogna specificare cosa si vuole fare. La funzione dell'Osservatorio non è chiara".

E stesso parere anche per Maria Teresa Guarnieri: "Così come presentato c'è un vizio di legittimità perchè mescola funzione tecnica e funzione politica. Bisogna capire quale natura debba avere lo strumento che l'Amministrazione propone. E' un ibrido con poco significato: la giunta chiarisca qual è il valore dell'Osservatorio, fermo restando che ci sono anche quello provinciale e regionale. Se si vuole accentuare la differenziata l'aver abbandonato certe zone per avviarla in centro non è un buon inizio. Avrei preferito capire l'inidirizzo sul termovalorizzatore. Si parla di centro di compostaggio? A Mezzani c'è ma è chiuso. Parliamo degli strumenti che abbiamo a disposizione e non perdiamoci nei sogni".

Volta (Pd): "E' necessario introdurre la tariffazione, per dare motivazioni personali. In generale la delibera mescola troppe cose. e il 70% è un obbiettivo poco ambizioso" .

Furfaro (M5S): "Vero che  i rifiuti sono un problema provinciale, ma come facciamo a portare avanti questa strategia se la Provincia non ci dice dove collocherà un centro compostaggio che non sia sottodimensionato. Tra i Comuni che hanno aderito al "rifiuti zero" nessuno ha prodotto un regolamento sull'Osservatorio. Per i rifiuti zero serve però un centro di riuso e riutilizzo. E il 70% è una sfida per la città. Certo, per arrivare a  certi traguardi serve tempo ma se agiamo in comune si possono raggiungere".

Ghiretti (Parma Unita): "E' una delibera impossibile da non votare e impossibile da votare. E' troppo sconclusionata, con fumo a livello esponenziale ma concretezza a livello zero".

Dopo una sospensione, ancora discussioni e polemiche sulla delibera, che viene poi approvata con 19 voti contro 10 (più una astensione). E si passa alla discussione del nuovo regolamento sugli asili. Fra le novità, quelle legate a residenza, pendolarità e unioni civili (tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma in edicola). Alla fine, sì dalla sola maggioranza e astensione delle opposizioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fabiana

    29 Novembre @ 12.55

    Leggo che è stato approvato con i voti della maggioranza (minoranza astenuta) il nuovo regolamento per l'accesso ai servizi per l'infanzia e che la novità sono dei punti alle coppie iscritte al registro per le unioni civili. Giusto dire novità perchè non erano previsti nella bozza che era disponibile sul sito del cumune per la discussione aperta al pubblico. Questa mattina chiamo in comune per sapere se questi punti sono previsti anche per le coppie sposate e mi rispondono che il regolamento non è ancora definitivo e lo stanno ancora discutendo... Mistero. Spero vivamente che le coppie sposate non vengano discriminate....

    Rispondi

  • Geronimo

    29 Novembre @ 08.20

    Puzzi hai ragione come ha ragione il signor Ermanno, il signor Piazza e gli altri che si lamentano ma una cosa giusta è stata detta in consiglio, qualcuno ha fatto scelte sbagliate in passato e provocato questa situazione. Una moschea esisteva a Parma il comune l’ha fatta traslocare in una zona non idonea sapendo che non lo era provocando come naturale le lamentele degli artigiani, ora non basta dire andatevene perché il comune anche se non nella persona di Pizzarotti, è responsabile di questo, però bisogna adesso trovare una giusta collocazione ma facendo presto perché ormai è circa un anno o forse di più che sono state emesse le sentenze di TAR e Consiglio di Stato. Comunque io credo che le religioni, tutte indistintamente compresa quella Cattolica che di soldi ne ha, debbano provvedere autonomamente a costruirsi i loro spazi, non le istituzioni, meglio che i soldi destinati a loro vadano al sociale

    Rispondi

  • Puzzi

    28 Novembre @ 22.45

    Sulla moschea non c'è proprio nulla da aggiungere rispetto a quanto chiaramente esposto dal Signor Ermanno Bernieri. Il fatto è che non ha ragione Ermanno, Ermanno - oltre ad avere ragione - ci sta dicendo che LE LEGGI SONO UGUALI PER TUTTI, e se il Consiglio di Stato ed il Tribunale Amministrativo Regionale dicono che la moschea è abusiva ed illegale, vuol dire che è così. Lo stesso fatto di impiegare vigili urbani per facilitare le funzioni religiose in un luogo abusivo si configura quanto meno come un vero e proprio danno all'erario (ma non dovevate riportare il Comune alla sobrietà?), se non una complicità in un reato. Il problema non esiste, i musulmani, coi loro soldi, devono comprare o affittare un locale IDONEO ALL'ESERCIZIO DI CULTO RELIGIOSO. Così dice la legge. IL COMUNE NON SE NE DEVE OCCUPARE, NON DEVE RISOLVERE IL PROBLEMA!!!! Se poi si afferma che è un problema economico, si vuole sottintendere che il Comune butterà via i nostri soldi per aiutare i musulmani? Non è giusto nei confronti degli Evangelisti, degli Indù, degli Ebrei, dei Buddhisti, che avrebbero lo stessa esigenza e nessuno gli ha mai REGALATO nulla. Basta demagogia, siamo seri. I LOCALI DEVONO ESSERE IDONEI. Punto e basta. Se si dotano delle autorizzazioni richieste a tutti i cittadini italiani o stranieri che siano, esercitino pure il loro culto. Non darebbe fastidio a nessuno

    Rispondi

  • Geronimo

    28 Novembre @ 21.15

    Vercingetorige il discorso che facevo sulla sinistra è il solito luogo comune che esce dalla bocca delle persone di destra e io dico che se la cosa fosse vera tutti saremmo di sinistra in italia visto che ad ogni nuova iniziativa o cambiamento c'è sempre qualcuno di destra o sinistra che si oppone. Tornando alla soluzione lei dice che dovrebbe pensarci chi raccoglie i rifiuti ma le chiedo allora come intende procedere? Con i soli mezzi meccanici e con la tecnologia? Ad oggi non è possibile allora potremmo prevedere degli addetti manuali sullo stile di vedelago? Al contrario di quello che vogliono far credere i vari comitati delle gestioni corrette dei rifiuti ( a proposito, in qualche negozio del centro mi è capitato di vedere qualche bandiera contro l'inceneritore, avranno mica firmato anche loro contro la raccolta differenziata porta a porta? Quando si dice la coerenza...) Vedelago non è assolutamente autosufficiente e per smaltire rifiuti in una zona come parma ci vorrebbe un grosso centro e numerosi addetti che attualmente iren non ha e che quindi andrà a prendere da cooperative con lavoratori stranieri sottopagati. Alla fine non resta che l'inceneritore ma per incenerire di meno io credo sia meglio una raccolta differenziata porta a porta, gestibile da tutti perchè non si tratta di mettere li i rifiuti e poi dividerli, si tratta di buttarl inel bidone giusto

    Rispondi

  • papponi_si_nasce

    28 Novembre @ 18.11

    Due domande da ignorante, premettendo di non essendo grillino e di stimare l'ex Vignali e quindi per loro definizione io sono una persona disonesta e ignorante. Prima domanda: Se nevica e ci sono 1,5 °C ma la temperatura dell'asfalto è a -2°c, quindi la neve attacca benissimo, e si superano i 5 cm di neve cosa si fa? Devo uscire in macchina o stare chiuso in casa aspettando il naturale disgelo. Cmq è retorica la domanda perchè se nevica Parma andrà in tilt. Seconda domanda: se un esercizio commerciale tiene aperte le porte e decide che con 14°C esterni di tenere spento il riscaldamento (magari vendo salumi e formaggi) perchè devo prendere la multa: a casa mia posso tenere le porte aperte? Grazie per la risposta di Voi illuminati.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Belen Iannone

VIP

Belen ha lasciato Iannone: sul web impazza il gossip

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

57 annunci di lavoro

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

Lealtrenotizie

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Felino

Incendio di Poggio Sant'Ilario: Mohon condannato a dieci anni

Dopo il borseggio sul bus

I ladri prelevano 1750 euro con il bancomat

lutto

Scomparso Mino Bruschi

SIVIZZANO

Addio all'imprenditore Romano Schiappa

calcio

Riecco Ciciretti

SALSO

E' morto Ruggero Vanucci, storico edicolante

Fidenza

Audi nel mirino dei ladri: da una rubato anche il volante

MOBILITA'

Pista ciclabile pericolosa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

FATTO DEL GIORNO

Parma Europa, lo sport, "Parma-Reggio A/R" e altri programmi: ecco come cambia 12 TvParma

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

5commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

storia

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

2commenti

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

ITALIA/MONDO

A21

Incidente a Piacenza: un morto e tre feriti gravissimi. Due bimbi portati al Maggiore

ROMA

Auto investe pedoni vicino a San Pietro: 4 polacchi feriti

SPORT

CHAMPIONS

La Juve in dieci stende il Valencia. Roma travolta dal Real

INTERVISTA

Golf, inizia il Tour Championship: sfida importante per Francesco Molinari Video

SOCIETA'

nuoto

Federica Pellegrini: "Credo ancora all'amore ma con meno paranoie"

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design