13°

23°

Parma

Primarie, Parma sceglie Bersani: 57% dei voti fra città e provincia

Primarie, Parma sceglie Bersani: 57% dei voti fra città e provincia
Ricevi gratis le news
99

I dati definitivi del ballottaggio delle primarie del centrosinistra a Parma e provincia arrivano attorno alle 21,40. Pier Luigi Bersani ottiene 16.082 voti nel Parmense, pari al 57,23%. Renzi ha 12.019 voti, pari al 42,77%. In totale a Parma e provincia sono stati espressi 28.101 voti validi. I votanti sono 28.160 in tutto.  Rispetto al primo turno, l'affluenza è calata.  In campo nazionaloe, Bersani oltrepassa il 60%.

I dati definitivi della città
Bersani: 7.300 voti (57,35%)
Renzi:     5.430 voti (42,65%)
Totale voti validi: 12.730
Totale votanti:      12.749

Quartiere Pablo: Bersani 370 voti, Renzi 164 voti
Quartiere Montanara: Bersani 369 voti, Renzi 135 voti
Quartiere Cittadella: Bersani 703 voti, Renzi 601 voti (qui il sindaco di Firenze era in vantaggio al primo turno)
Ghiaia: Bersani 419 voti, Renzi 436 voti (è uno dei pochi seggi cittadini in cui Renzi ha più preferenze del segretario, che comunque ha guadagnato consensi anche qui)

 Scarica i risultati quartiere per quartiere

La provincia
Il primissimo dato locale ad arrivare è quello di Corniglio, dove Pier Luigi Bersani ha ottenuto 53 voti, Matteo Renzi 35.
Borgotaro (i dati dei 2 seggi del paese): Bersani 289 voti, Renzi 248 voti
Sissa: Bersani 174 voti, Renzi 92 voti
Busseto: Bersani 169 voti, Renzi 94 preferenze

 Scarica i risultati comune per comune

Ampi servizi sulla Gazzetta di Parma in edicola lunedì 3 dicembre

IL COMMENTO DI BERSANI: "DOBBIAMO VINCERE SENZA RACCONTARE FAVOLE". «La prossima sfida che vi propongo è alzare la nostra asticella: dobbiamo vincere ma non si può vincere raccontando favole perchè poi non si governa e siccome la mamma della demagogia e del populismo è sempre incinta noi dobbiamo prendere un’altra chiave, dobbiamo vincere senza raccontare favole», ha detto Pier Luigi Bersani.

RENZI SU TWITTER: "ERA GIUSTO PROVARCI. GRAZIE A TUTTI". POI TELEFONA A BERSANI«Era giusto provarci, è stato bello farlo insieme. Grazie di cuore a tutti, ci vediamo dalla Fortezza da Basso alle 21,30». Lo afferma Matteo Renzi su Twitter a meno di mezz'ora dalla chiusura delle urne per i ballottaggi delle primarie del centrosinistra.
Parlando ai suoi sostenitori, in serata Renzi ha detto: «Ho appena chiamato Bersani per fargli i complimenti. È stata una vittoria netta, complimenti e in bocca al lupo, nessuna regola diversa avrebbe potuto mettere in discussione», questo risultato. «Oggi dobbiamo dire a noi stessi che la nostra idea non è stata vincente, noi abbiamo perso, anzi io ho perso - ha detto Renzi parlando alla Fortezza da Basso -. Non basta aver recuperato qualcosa e a chi dice "dai Matteo allegro hai vinto lo stesso", dico siamo seri, non raccontiamo cose non vere, come avviene nella politica italiana: che eravamo qui per dare testimonianza volevamo vincere». Il sindaco di Firenze incoraggia i sostenitori: «Se è vero che c'è uno che ha perso, andando a casa siate orgogliosi di quello che siete riusciti a fare in questi due mesi. Domani mattina dovete avere la convinzione che ne valeva la pena offrendo ai vostri colleghi un sorriso perchè questa esperienza. La politica è entusiasmo, gioia di provarci - ha proseguito Renzi - ne è valsa la pena». Poi, parlando ai più giovani, Renzi li ha invitati ad andare a scuola «dicendo al vostro compagno di classe che anche se hai 16 anni sei un cittadino comunque. Non sei pericoloso per ciò che rappresenti».

VENDOLA: "HA VINTO LA DOMANDA DI EQUITA' ". Nichi Vendola, leader di Sinistra ecologia libertà (Sel), commenta i risultati: «Il grande fatto di democrazia, un’onda che ha avuto spinta nell’uscita a sinistra dalla II repubblica, dal berlusconismo. Ci sono state molte domande di innovazione ma alla fine il segno prevalente dell’onda riformatrice va nel segno di un cambio radicale dell’agenda di governo, dell’equità sociale».


Fra calo dell'affluenza e polemiche: la cronaca della giornata
Urne aperte dalle 8 alle 20 anche a Parma e provincia, oggi, per il ballottaggio delle primarie del centrosinistra. Gli elettori sceglieranno chi sarà il candidato premier della coalizione: in lizza il segretario del Partito democratico Pier Luigi Bersani e il sindaco di Firenze Matteo Renzi. 

Questa mattina l'affluenza è in calo: a mezzogiorno è stata rilevata un'affluenza di 12.781 persone fra Parma e provincia (di cui 5.601 solo in città), contro le 13mila del primo turno. A livello nazionale un milione di elettori si è recato alle urne (erano 1,3 milioni alla stessa ora domenica 25 novembre).
Gli addetti dei seggi controllano i documenti di identità e il ticket rilasciato domenica scorsa, all'atto della registrazione nell'albo degli elettori del centrosinistra.
Arrivano anche persone che, in base alle regole, non possono votare perché non si sono registrate al primo turno e non sono fra i «ritardatari» ammessi nei giorni scorsi. Ad esempio, in Ghiaia sono state rimandate indietro dieci persone, questa mattina. E non manca chi protesta, ad esempio a Collecchio Eugenio Ceci, ex assessore all'Urbanistica della giunta Vignali (nominato nel settembre 2011).

Alle 17 l'affluenza è di 21.727 elettori in tutto il Parmense, di cui 9.652 in città (contro 23.739 in tutta la provincia al primo turno, di cui 11.069 in città). In tutta l'Emilia-Romagna alle 17 si sono recati a votare per il ballottaggio 328.243 cittadini, pari al 92% dei votanti rilevati alla stessa ora il 25 novembre scorso.

 Le regole delle primarie: ecco chi può recarsi alle urne

Le regole sulle primarie continuano a far discutere. Il consigliere regionale Gabriele Ferrari, sostenitore di Renzi, lamenta che ai presidenti di seggio è arrivato dal coordinamento di Bologna un sms sulle regole del ballottaggio: per questioni di privacy, non si possono verbalizzare nomi o numeri di persone non abilitate al voto (cioè non registrate domenica scorsa). Secondo il comitato parmigiano pro Renzi questo non è legittimo perché "il rappresentante di lista può far verbalizzare quello che vuole" sotto sua responsabilità.
Il Comitato dei garanti ribadisce la regolarità delle operazioni.

La cronaca di ieri
Il clima si fa rovente fra i sostenitori di Pier Luigi Bersani e quelli di Matteo Renzi in vista del ballottaggio di domani. E il motivo dello scontro è sempre il solito: le regole per consentire o meno la partecipazione al voto anche a chi non si è recato ai seggi al primo turno, cioè domenica 25 novembre. Per Gabriele Ferrari, coordinatore provinciale dei vari comitati pro Renzi, «è paradossale che chi ci dà le bastonate poi affermi di essere aggredito», afferma riferendosi ai «bersaniani». Fra giovedì e ieri il Coordinamento provinciale per le primarie ha ricevuto 1.285  richieste di registrazione soprattutto via mail: quasi tutte sono state bocciate al termine della riunione del coordinamento, solo dieci accolte. Sono invece meno di una quarantina gli elettori che si sono presentati in carne ed ossa in via Treves per giustificare la mancata partecipazione al primo turno. ......L'articolo completo sulla Gazzetta di Parma in edicola

IL COMMENTO DEGLI "INDIPENDENTI X RENZI" 
Il Comitato organizzatore delle primarie della provincia di Parma ha rigettato 1300 domande di registrazione per il ballottaggio del centrosinistra di domenica sulla base di motivazioni inconsistenti e pretestuose.
Infatti pretende le "pezze giustificative" degli impedimenti per cui chi non ha potuto registrarsi al primo turno, pezze non richieste dal regolamento ed escluse precedentemente dal medesimo Presidente del collegio nazionale dei garanti Luigi Berlinguer. Come se chi è stato via avesse conservato i biglietti dell'autostrada o del treno, per non parlare dei privatissimi certificati medici.
E' inutile dire che tale esclusione è determinante, visto che in città Bersani ha vinto di 200 voti ed in provincia di 1.000, ed e' unilaterale, considerato che, i garanti - che hanno il potere assoluto di defenestrare le richieste - sono diretta espressione del vertice dei tre partiti organizzatori, ed i comitati di Renzi non sono rappresentati in alcun modo.
Tale atteggiamento e' evidentemente partigiano e riprovevole ed inaccettabile soprattutto per un Comitato indipendente che ha profuso energie per appassionare le persone comuni ad un evento del centrosinistra - proprio cio' che l'opzione bersaniana e' consapevole di non saper fare -  convincendole a sottoscrivere un manifesto di sostegno ad una proposta non a loro "naturale", per poi vedere tali sforzi vanificati da un'organizzazione che non solo le respinge, ma addirittura le accusa implicitamente di mentire.
Un vero "capolavoro" politico: stiamo infatti assistendo all'unico caso della storia in cui un’entita' politica, che in uno stato democratico vive di partecipazione, respinge una massiccia richiesta di adesione rinchiudendosi nel proprio fortino solo per proteggere, ancora una volta, la timorosa e conservatrice classe dirigente attuale.
Esattamente l'esempio di cio' contro cui ci siamo, fin dall'origine, mobilitati.
Sperando non sia interessato ad una vittoria di Pirro come Bush in Florida, Bersani intervenga in extremis per rilegittimare la consultazione ad oggi compromessa.

LA REPLICA DI ZAMBELLI (Comitato dei garanti del Pd)
In merito alle dichiarazioni rilasciate da Gabriele Ferrari sulla partecipazione al ballottaggio, il rappresentante del PD nel Comitato dei garanti Faliero Zambelli ha rilasciato la seguente dichiarazione.
 
“Il Comitato dei garanti è stato nominato all’inizio della campagna per le primarie alla luce del sole e ha sempre lavorato a porte aperte, con la partecipazione dei rappresentanti di tutti i Comitati che hanno voluto prendere parte come osservatori alle sedute. Contestarne la composizione a poche ore dal ballottaggio è davvero singolare, così come inaccettabile è accusare propri compagni di partito di ‘manipolare’ la partecipazione solo perché applicano regole decise anche queste non da ieri.
 
Spiace che Gabriele Ferrari non sia d’accordo con Matteo Renzi che ha iniziato la giornata di oggi invitando Pierluigi Bersani a prendersi un caffè insieme, con un appello alla serenità e dichiarando che “se vince Bersani nessuno griderà ai brogli”. Noi ci riconosciamo nello spirito di queste dichiarazioni e riteniamo siano un esempio del partito che tutti insieme vogliamo costruire, nell’asprezza dello scontro ma nella lealtà e nel riconoscimento reciproco della correttezza e della buona fede. Se anche Gabriele Ferrari è d'accordo con me, vado volentieri a prendere un caffè con lui”.

LE PRIMARIE IN EMILIA-ROMAGNA: ACCOLTE 6 NUOVE ISCRIZIONI SU 100. I coordinamenti provinciali e territoriali delle primarie di centrosinistra hanno accolto in Emilia-Romagna 767 delle 12.647 nuove richieste di ammissione al voto per il ballottaggio di domani (circa il 6%). Sono state applicate le regole indicate dai garanti nazionali accettando nuovi votanti solo in casi eccezionali e motivati.
Lo ha reso noto il coordinamento regionale, riunito nel tardo pomeriggio con i rappresentanti di Sel, Pd e Psi e quelli dei due candidati, per esaminare i risultati provinciali. Le domande sono arrivate via e-mail, via fax, consegnate personalmente o compilate tramite il sito votodomenica.it e domenicavoto.it.

A Bologna sono state accolte 224 delle 2.837 richieste; a Imola 28 su 323; Modena 49 su 1.952; Reggio Emilia 116 su 1.659; Parma 11 su 1.276; Piacenza 49 su 1.194; Ferrara 95 su 780; Ravenna 18 su 1.168; Rimini 134 su 931; Cesena 18 su 261; Forlì 25 su 266.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio

    24 Giugno @ 18.19

    AHHAAAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAAHAH

    Rispondi

  • medioman

    04 Dicembre @ 16.12

    Vercingetorige, riguardo al PC Olivetti/Ruf io mi riferivo all'HARDWARE destinato alla discarica; il software era praticamente inesistente, andava realizzato in azienda con sprechi enormi di tempo e denaro. Praticamente, era come collegare "in serie" una rete di calcolatrici, con rumore e spreco di consumabili esagerato, per ridurre i tempi di calcolo; solo che il "risparmio" nel tempo di calcolo veniva abbondantemente compensato con gli "sprechi" dovuti a manutenzioni, assistenze, "imprevisti" dovuti a sbalzi di tensione o campi elettromagnetici. Se Gugliemo Cancelli non avesse contribuito, con il suo software, a realizzare i "terminali intelligenti", l'unico futuro possibile era il mainframe (server centrale e terminali non autonomi). Riguardo le "beneficienze occulte" di Berlusconi, ne avrà fatte pure lui, come tutti gli imprenditori di un certo livello. Però, ad un certo punto ha deciso di "metterci la faccia", a differenza di altri che preferiscono rimanere "burattinai". P.s.: a me risulta che il Berlusca abbia già pagato il suo "debito" con Carletto D.B. Che ne avrà fatto, il Carletto italo/svizzero, di quei 500/600 milioni di euri? Ci avrà pagato l'IMU??

    Rispondi

  • Francesco

    04 Dicembre @ 10.56

    GIORGIOP , Bersani ha incominciato la sua "carriera" politica dalla "gavetta" , poi è stato a lungo Presidente della Regione Emilia - Romagna , poi è diventato Parlamentare ed è stato Ministro. E , secondo te, "non avrebbe esperienza di governo" ? Ma cosa dici ? Poi c' è la "congiura delle toghe rosse" ! Questa si che è nuova ! GIORGIOP , è una barzelletta che ha fatto il giro del Mondo , con la quale Berlusconi andava a tirare per la giacchetta i Capi di Stato e di Governo riuniti al "G20" di Cannes , fino a farsi sgridare pubblicamente da Sarkozy , ed al punto che Obama e la Merkel , rientrati dal "summit" , telefonarono inviperiti a Napolitano, sollecitandolo a fare quel che ha fatto . E qualcuno va ancora a tirar fuori le "toghe rosse" , e poi dice di voler promuovere il "nuovo" ? GIORGIOP , tu hai il diritto , sacrosanto ed incontestabile, ad avere le tue idee , ma ciò che noi rimproveriamo ai "renziani" come te, è di aver tentato di infiltrarsi nelle "primarie" del PD, allo sopo di sabotare il PD stesso, quando , come tu ammetti , non ci avevate niente a che vedere ! Ma avete fatto cilecca ! Il nostro Candidato alle Elezioni politiche ce lo scegliamo noi, non ce lo facciamo imporre da voi e da Gori ! E' una scelta sbagliata ? A primavera si vedrà ....................

    Rispondi

  • Francesco

    04 Dicembre @ 10.24

    MEDIOMAN , quanto a "beneficienze occulte" , Berlusconi ne ha fatte più di un intero convento , al punto da squalificarsi , e squalificarci , in tutto il Mondo. Come lei giustamente dice, per il Banco Ambrosiano, De Benedetti è stato assoilto , e , se volessimo, come lei stranamente fa, prendere un' assoluzione per una condanna , Berlusconi avrebbe già una diecina di ergastoli ! Per il "Lodo Mondadori" Berlusconi è stato condannato per corruzione in Atti Giudiziari e deve versare centinaia di milioni di euro a De Benedetti per risarcimento dei danni . E' chiaro che i primi "personal computers" non avevano tutti gli accorgimenti di quelli attuali , ma lei continua a parlare di "software" , mentre io tento invano di spiegarle che parlo di "hardware". Il PC è stato inventato in Olivetti , e sepolto obliato in un cassetto perchè ritenuto "senza futuro" . Poi, se un futuro ce l' avesse o no , l' han capito gli Americani, ma , per Olivetti , era tardi. Quand' è arrivato De Benedetti, la frittata era fatta. Comunque , per lei, uno che mente, ruba, rapina, corrompe , purché si faccia vedere dagli altri, è una brava persona ?

    Rispondi

  • medioman

    03 Dicembre @ 19.41

    Buonasera, sig. Vercingetorige. Quel sant'uomo di Carletto D.B., già condannato due o tre volte per bancarotta fraudolenta per il caso Banco Ambrosiano (poi "casualmente" venne assolto in cassazione) aveva già praticamente acquistata la SME per due soldi dal suo "amicone" Romano Prodi; se non fosse intervenuto Bettino Craxi, lo Stato avrebbe incassato una cifra notevolmente inferiore a quanto realizzò poi. Sarà per questo che, alle feste dell'Unità di allora, si diceva: "meglio dieci democristiani che un socialista?". Per quanto riguarda il PC di Olivetti, a fine anni '60 mi è capitato di smanettare su un sistema similare (RUF se non ricordo male) e le posso assicurare che, pur costando come un'auto di lusso, l'unico suo futuro era una discarica. Ma la questione da dove eravamo partiti era la "gestione economica" da parte di Carletto D.B. dei suoi "protetti"; Il Berlusca, perlomeno, ha fatto le cose "alla luce del sole". Ha nominato ministri, parlamentari, consigliere regionali.... non ha bisogno di "misteriosi" benefattori occulti!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno