17°

29°

Parma

Movida: prove di dialogo sul nuovo regolamento

Movida: prove di dialogo sul nuovo regolamento
Ricevi gratis le news
5

Enrico Gotti

Segnali di distensione nella battaglia fra gli esercenti della movida e il Comune. 
Al Duc, l’assessore al commercio, Cristiano Casa, ha incontrato una trentina di gestori dei locali di via Farini e via D’Azeglio. Al centro dell’attenzione, il nuovo regolamento sulla movida. 
I commercianti  aprono alla possibilità di limitare i disagi per i residenti, ma chiedono di cambiare la norma sul bicchiere di plastica su cauzione, obbligatorio per i clienti che escono di sera al di fuori del bar. 
Come alternativa, alcuni hanno proposto i bicchieri di vetro su cauzione o di anticipare la pulizia della strada dai rifiuti con l’autobotte o di pagare a proprie spese ditte per pulire.
Cristiano Casa  si è detto disponibile a valutare le loro proposte. L’incontro è stato solo informativo, non sono state prese decisioni. Non erano state convocate le associazioni di categoria, Ascom e Confesercenti.
Erano presenti i gestori dei locali, davanti a loro i rappresentanti della polizia municipale (una richiesta degli esercenti è di avere controlli notturni da parte degli agenti e delle forze dell’ordine nei luoghi della movida) e Cristiano Casa, che ha spiegato quali sono le misure del regolamento e ha ascoltato il parere dei diretti interessati.
Molti commercianti,  che non avevano letto per intero il regolamento lungo 18 pagine, hanno avuto rassicurazioni sugli orari: all’inizio temevano di dover chiudere all’una al venerdì e sabato e a mezzanotte degli altri giorni. 
Ma nel regolamento c’è la possibilità di premiare i locali virtuosi, che si impegnano a limitare i disagi per i residenti, con il prolungamento dell’orario di un’ora, fino alle due di notte e all’una. 
Per essere  virtuosi occorre rispettare tre impegni, scelti fra i tanti proposti dal Comune, come, ad esempio, insonorizzare i locali, ovvero usare i limitatori acustici, tenere libero lo spazio davanti all’entrata, garantire internet wi-fi gratuito per i clienti, monitoraggio dell’inquinamento acustico, apertura del locale per iniziative culturali. Obiettivi non impossibili da raggiungere, ha assicurato Casa, che poi ha chiesto quale era l’opinione degli esercenti sul bicchiere di plastica su cauzione. 
È arrivata una bocciatura all’unanimità, sia per le difficoltà nel gestire le cauzioni, sia per l’effetto di offrire il vino in contenitori di plastica. La norma del regolamento è stata decisa per evitare bottiglie di vetro e bicchieri ovunque in strada. Gli esercenti hanno però chiesto di ripensare al divieto, presentando proposte alternative. Il Comune ha preso tempo per studiare le ipotesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • claudio

    03 Dicembre @ 09.37

    Concordo con Betti: divieto vendita alcolici dopo le 21. Chi vuole bere lo faccia a casa propria. Via D'Azeglio deve essere strappata all'inciviltà.

    Rispondi

  • Gnoll

    03 Dicembre @ 08.36

    in via d'azeglio c'è casino quasi tutta la settimana...che tristezza, presto me ne andrò pure io, nient'altro da aggiungere.

    Rispondi

  • betti

    02 Dicembre @ 23.53

    basterebbe vietare la vendita di alcolici dopo le 23. Sparirebbero tutti

    Rispondi

  • john

    02 Dicembre @ 22.24

    Purtroppo la nostra giunta comunale è composta da gente con troppi ideali e troppo poco background politico, tante parole, molte proposte, zero fatti, IMU a parte... Spero solo di non scoprire mai dove abitano Sindaco, Prefetto o Assessori vari della giunta comunle perchè gli organizzo aperitivi, feste, sballi, bagordi e balli sotto casa tutte le sere! Cosi vediamo se prendono provvedimenti.

    Rispondi

  • Francesco

    02 Dicembre @ 20.44

    DA "IL FATTO QUOTIDIANO " ON LINE DI SABATO , 24 NOVEMBRE 2012 : MOVIDA , LETTERA APERTA A PIZZAROTTI : Gentile sindaco, Le racconto il mio ordinario e umiliante venerdì sera, certo che potrà interessarLe. Comincio dalla fine, se non Le dispiace. Quattro e trenta del mattino, dintorni di piazza Ghiaia, sopra la quale ho la sfortuna di abitare – io e qualche altro centinaio di persone – da quattro anni, da prima cioè che diventasse lo snodo della movida universitaria. La conta dei danni, almeno quelli visibili, dice: cinque macchine prese a calci, con gli specchietti divelti e le portiere incassate, pozze di vomito in ogni angolo, i suoi preziosi e nuovi raccoglitori dei rifiuti organici spaccati a pestoni e buttati qua e là, bottiglie infrante, puzzo di piscio in ogni cantone, e un ragazzo steso a terra (lo può vedere nella foto). Ubriaco marcio, colpito da un pugno durante una lite tra fuori sede salentini e fuori sede campani (la notazione geografica è necessaria perché statisticamente rilevante. Ma avrebbero potuto essere friulani e veneti, non sarebbe cambiato il risultato). Il ragazzo sembra morto, a vederlo dalla finestra. In attesa della automedica e della ambulanza in arrivo, tocca a mia moglie scendere per aiutarlo. Della polizia, di cui dirò dopo, neanche l’ombra nonostante le chiamate. Si presenta solo il furgone dei vigili con un ritardo talmente evidente che se ne sono già andati tutti. Mi chiedo e le chiedo: come ci siamo arrivati? Da giornalista io non posso rispondere, se non con la cronaca. Che poi è la cronaca di un qualsiasi venerdì sera nel centro di Parma. Musica ‘appalla’ in piazza. Il bar, ma sarebbe corretto chiamarlo discoteca (non c’è bisogno di fare nomi, ce n’è uno solo nella piazza che stia aperto di sera), rimanda l’unz-unz costante fino alle due abbondanti in uno spiazzo pieno di ragazzini che vanno e vengono. Vanno e vengono perché in tutta l’area non c’è un bagno, e le case vicine fanno, letteralmente, alla bisogna. Il rumore, complice la geniale creazione della copertura di plexiglass della stolida piazza- di cui Lei non porta alcuna responsabilità, sia chiaro – trova una cassa di risonanza e si incunea nei vicoli fino a entrare nelle case. Ancora alle tre è impossibile prendere sonno. Perché è come se gli “studenti” stessero ballando nel salotto… Poi, quando finalmente ti si chiudono gli occhi, comincia il caos. I gruppetti si disperdono e si riprendono sotto le abitazioni. Dove bivaccano a lungo. Le risposte alle proteste sono un campionario di impunità e umiliazione per chi, come me e mia moglie, questa mattina si è svegliato alle sette per lavorare. Dal classico “vai in c…”, al “figa di legno, puttana, succhiacazzi” diretto a mia moglie, fino allo “scendi che ti piscio in bocca”. In fondo, Le dirò, niente di che: a mia moglie che lamentava di doversi svegliare l’indomani per lavorare, è capitato anche un (a suo modo geniale) “non è vero, troia“. In ogni caso resta solo il 113. Che sancisce la definitiva umiliazione del cittadino: “Mi dispiace, ma abbiamo due pattuglie su un furto, le mando qualcuno appena possibile”. Non arriveranno mai. Una seconda telefonata di mia moglie venti minuti dopo, quando le due fazioni cominciano a insultarsi e spintonarsi, non ha miglior esito. L’agente alla cornetta, di fronte alla minaccia di esposti o di una denuncia per danno esistenziale al Comune – sì, il Suo Comune – constata amaramente: “Faccia pure signora, questa sera nel bar XXX c’erano 22 rinfreschi di laurea”. Ha letto bene, l’agente dice proprio 22 lauree, non so su quali informazioni. Praticamente una Santa Barbara, solo che al posto della polvere pirica c’è il cuba libre. Mentre Le scrivo sono consapevole che la nostra città ha ben altri e gravi problemi da affrontare. Così come sono conscio che il disastro quotidiano della zona Ghiaia/Pilotta non è stato creato da Lei, ma dalla precedente giunta che, consapevolmente o meno, ha fatto della movida un elemento di consenso. Resta il fatto che dopo un anno e mezzo senza sonno ogni venerdì, io ho tratto le mie conclusioni: disdetta del contratto di affitto, addio centro storico. Me ne vado, sconfitto, verso le periferie “borghesi”. Sconfitto perché io e mia moglie siamo sempre stati convinti che la città vecchia dovesse rimanere abitata dal “popolo” e non solo dai ricchi per continuare a vivere. Certo non intendevamo in questo modo. E le assicuro che alla fine se ne andranno tanto il popolo che la borghesia più ricca. Consegnando la parte più bella della città al degrado. Come Bologna con Piazza Verdi. O come Roma con Campo dei Fiori. Le chiedo, è questo che vuole la sua giunta? In attesa di un suo interessamento P.S: Ci stiamo organizzando nel quartiere per fare un po’ di baccano anche noi… P.P.S: Una menzione speciale ai simpatici “studenti” che se la sono data a gambe (una quindicina di persone) quando hanno visto il loro amico a terra privo di sensi. Spero che non abbiano propri simili come amici. E che stiano sempre bene…

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

fumetti

Leo Ortolani racconta la trans Cinzia in un "graphic novel"

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso

PGN

Scurano, tuffi e bagni di sole nello scenario del Fuso Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 date che hanno cambiato la storia: vediamo se te le ricordi tutte!

GAZZAFUN

Ricomincia la scuola: pronti per un ripasso di cultura generale?

Lealtrenotizie

Incidente Autocisa

INCIDENTI

Auto incastrata sotto un camion in Autocisa: muore una donna

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

2commenti

CARABINIERI

Minaccia l'ex compagna e pretende sempre più denaro: arrestato 33enne di Polesine 

L'uomo è accusato di estorsione. E' stato arrestato dai carabinieri dopo l'ultima richiesta: 300 euro da consegnare in un parcheggio

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella" Video

4commenti

12 tg parma

Presto il via libera al taser anche a Parma. Ma la polemica sicurezza continua Video

2commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

Tizzano

La Regione risponde su Capriglio: "Nessun ritardo, lavori per 1,2 milioni"

colorno

Botte e minacce alla moglie per costringerla a rapporti sessuali: arrestato Video

1commento

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

storia

C'era una volta Parma sul tram (e sui primi bus): inaugurato l'Archivio storico Tep Foto

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

3commenti

SERIE A

Parma, che tour de force

FIERA

Il Salone del Camper di Parma si è chiuso con 130mila visitatori

arte

Complesso della Pilotta, apre la nuova biglietteria: e i primi 100 entrano gratis

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le Olimpiadi dei litigi nel Paese dei campanili

di Aldo Tagliaferro

1commento

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

AVELLINO

15enne a scuola con la marijuana: arrestato in classe

Milano

Tangenti Algeria, il tribunale assolve Scaroni e l'Eni

SPORT

ZEBRE RUGBY

Mike Bradley: "La fiducia sta crescendo nella squadra, con Cardiff Blues è stata fantastica" Video

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

SOCIETA'

bergamo

15enne scopre dopo un anno che dall'altra parte della chat erotica c'è il papà

4commenti

natura

Sarà un autunno da record per la raccolta di funghi in tutta Italia

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design