17°

27°

Parma

Legalità contro le mafie

Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa
 

Si chiamano mafie, pizzo, racket. Colpiscono la vita delle persone e le distruggono. Minano le regole economiche e sociali del nostro Paese perché la mafia è forte e radicata. Secondo il recente rapporto di Confesercenti il fatturato delle attività illegali riconducibile a mafie e racket  ammonta a 130 mld di euro, 70 mld l’utile, un’attività che tocca il 6% del Pil nazionale.
Sono numeri da grande impresa, forse la più grande, così diffusa da avere infiltrazioni non solo in Sicilia, Calabria e Campania, ma anche in Emilia Romagna, al 4° posto secondo il rapporto sulle ecomanfie di Legambiente per infiltrazioni nel settore dei rifiuti e dell’edilizia.
“Puntiamo a far conoscere ai ragazzi questa realtà, in modo da contribuire a generare una nuova cultura della legalità. Non è la prima volta che lo facciamo. E’ dal 2003 che ospitiamo persone che ci rendono orgogliosi della loro presenza. Uomini e donne che con la loro testimonianza parlano della scelta che hanno fatto dalla parte della legalità. E’ quello il terreno comune sul quale la Provincia di Parma intende esserci”.
Tiziana Mozzoni, assessore provinciale alle Politiche sociali e sanitarie racconta così il senso del progetto promosso dalla Provincia, presentato questa mattina che permetterà agli 800 studenti che già si sono prenotati, di incontrare Tano Grasso, Francesco La Licata, Lirio Abbate e Luisa Mattia. L’iniziativa di chiama “Legalità: una scelta, un impegno”  e propone cinque incontri, tre dei quali con le scuole, che si terranno a partire dal 26 e 27 novembre a Parma al Teatro al Parco.
All'interno del progetto, ideato da Marzio Dazzi, psicopedagogista, curatore di progetti di educazione alla legalità per la scuola e formatore sui temi del disagio giovanile, sono stati coinvolti l'associazione Minimondi e la libreria  Fiaccadori che, con il Festival Minimondi, sono da anni attive sul territorio provinciale e in Sicilia nel campo della educazione alla  lettura e alla scrittura  e  impegnate nella creazione di una  coscienza civile nelle giovani generazioni.
“ Vogliamo parlare con la gente di legalità e vogliamo che questo tema sia discusso nelle scuole – ha detto Dazzi – Gli incontri svolti dal 2002 a Parma ci hanno dato una risposta forte e attenta. Con questa nuova iniziativa ci poniamo un obiettivo più ambizioso a partire dall’intensità. Iniziamo a Novembre e finiamo a marzo e allarghiamo la fascia d’età a cui ci rivolgiamo. Non solo studenti delle superiori ma anche delle scuole medie in modo da coinvolgere nella discussione i ragazzi più piccoli”. 
Si comincia  il 26 (ore 21.00) e 27 novembre (ore 10.oo per le scuole), con  Tano Grasso, presidente onorario della FAI, consulente antiracket del Comune di Napoli, e Francesco La Licata giornalista inviato de "La Stampa" che si è sempre occupato dei  temi legati al fenomeno mafioso.
Il 23 gennaio (ore 10.00), dedicato ai ragazzi delle secondarie di primo grado, sarà la volta di Luisa Mattia, scrittrice, insegnante,collaboratrice di riviste specializzate nel settore educativo.
L’ultimo appuntamento il 18 (ore 21.00) e 19 marzo (ore 10.00) avrà come ospite  Lirio Abbate redattore dell'Ansa e collaboratore de La Stampa, l'unico cronista presente sulla scena dell'arresto di Provenzano, sottoposto a intimidazioni nei mesi scorsi dopo l’uscita del suo libro “I complici - Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento”, scritto in collaborazione con Peter Gomez.
Dal 2003 sono stati ospiti delle iniziative promosse dalla Provincia Rita Borsellino, Giovanni Impastato, Giuseppe Cipriani, Pietro Grasso. Nel febbraio 2005 è stato proposto il film sulla vita di don Giuseppe Puglisi, ucciso dalla mafia. Come per le iniziative precedenti, anche il progetto “Legalità: una scelta, un impegno”, a cui collabora anche la Gazzetta di Parma, vuole coinvolgere, oltre alla città, i giovani e il mondo della scuola con l'intento di sviluppare una conoscenza approfondita delle regole affinché queste possano essere scelte liberamente.
Legalità: una scelta, un impegno: i protagonisti
Leader antiracket Tano Grasso, si definisce un professionista dell'antimafia. Commerciante, il primo a ribellarsi alle richieste dei mafiosi e a rispondere con l'organizzazione delle vittime e con la denuncia, fonda nel 1991 la prima associazione antiracket a Capo d'Orlando: da allora vive sotto scorta. Rappresenta l'anima dei movimenti contro l'estorsione e l'usura ed è consulente di amministrazioni pubbliche. Parlamentare dal 92 al 94, è stato anche il primo commissario per il coordinamento delle iniziative antiracket, ed è anche presidente onorario della Fai.
Francesco La Licata ha cominciato nel 1970 lavorando in cronaca per L’Ora di Palermo e poi occupandosi delle più importanti vicende siciliane: la scomparsa di Mauro De Mauro, l’assassinio del procuratore Pietro Scaglione, la guerra di mafia e i processi che ne scaturirono. All’inizio degli anni ottanta è al Giornale di Sicilia, poi dal ‘89 alla Stampa. Ha scritto (con Galluzzo e Lodato) Falcone vive (Flaccovio), la prima intervista concessa dal giudice e ripubblicata nel 1992 dopo la strage di Capaci. Nel 1993 ha scritto per Rizzoli Storia di Giovanni Falcone, una biografia del giudice, che conosceva bene, supportata dalle testimonianze di Anna e Maria Falcone. Il libro è stato riedito, nel 2003, da Feltrinelli.
Lirio Abbate, giornalista, inizia nel 1990 al Giornale di Sicilia e nel ‘97 passa all'Ansa, come redattore di Palermo. Cronista de La Stampa dal ‘98, segue i processi e le inchieste di mafia, occupandosi in particolar modo dei rapporti tra criminalità organizzata e politica. E’ primo e unico giornalista presente sul luogo al momento della cattura del capomafia Bernardo Provenzano. Abbate da anni segue le inchieste che  riguardano i favoreggiatori del boss rivelando tanti retroscena sulla latitanza del capomafia corleonese, scavando in particolare sulla permanenza del padrino a Marsiglia. Autore de I Complici, ha ricevuto il premio "Cronista dell'anno 2003" e  il "Premio Vittorini 2008", premio speciale per il giornalismo.
Luisa Mattia, laureata in Pedagogia,è insegnante, giornalista pubblicista e scrittrice, collabora a riviste specializzate nel settore educativo e svolge corsi di formazione per insegnanti su Tv, cinema, arte e bambini. Autrice de La scelta, Sinnos editore, è ora uscito Ti chiami Lupo Gentile. Chi si ribella al pizzo è un infame? Ambientato sul litorale romano in un contesto di piccola delinquenza e estorsioni affidate a bande di ragazzi, a volte poco più che bambini, racconta di Claudio che per obbedire al padre incendia, ruba, taglieggia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Carlotta Maggiorana è la vincitrice

concorso

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia. Terza Chiara, reginetta con la protesi Foto

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

MISS ITALIA

Bella, corretta e elegante: a Mara Boccacci la fascia dedicata a Frizzi

1commento

Fabrizio Corona Zoe

GOSSIP

Fabrizio Corona e Zoe si sono lasciati: colpa di un sms

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

HI-TECH

Videogame. Rivoluzione ray tracing: si comincia con Shadow of the Tomb

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

via bixio

La casa dello spaccio con le dosi cucite nelle lenzuola: tre arresti grazie ai residenti "sentinella"

SICUREZZA

L'amarezza di Pizzarotti e Casa: «Poliziotti in più solo grazie a Minniti»

5commenti

49 ANNI

Addio a Sonia Angela Santagati

TIZZANO

Frana di Capriglio, l'ira del sindaco Bodria: «I lavori subito o evacuo il paese»

Fontevivo

«Grattato» il parmigiano: giallo alla Festa dell'Uva

VIABILITA'

Via Europa, insieme al cantiere partono anche i disagi

SERIE A

Parma, che tour de force

STAZIONE

Sfilò 15 euro a un giovane e lo aggredì, condannato

Lentigione

Piena dell'Enza, risarcimenti e polemiche

sicurezza

Dura risposta del Viminale: "Parma merita attenzione, non un sindaco che alza polveroni"

10commenti

GAZZAREPORTER

Via Roncoroni, collage di rifiuti abbandonati... Foto

sissa trecasali

Un altro rave party sulle rive del Po (a Coltaro): 28 denunciati Video

sicurezza

Incontro al Viminale, Casa: "15 agenti in più. Ma sul presidio in stazione dovremo arrangiarci" Video

5commenti

Prefettura

Boom di patenti ritirate per alcol e droga: giovani, professionisti e tante donne

3commenti

gazzareporter

"Acqua alta" in un vagone del treno Bologna-Milano

centro

Ponte Romano, lavori finiti: apertura confermata il 7 ottobre Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La felice discordia di Salvini e Di Maio

di Vittorio Testa

LA BACHECA

Ecco 57 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

USA

Coppia insospettabile "drogava e stuprava donne": forse centinaia di casi

scosse

Terremoto di magnitudo 2.5 e replica a Pozzuoli

SPORT

Pallavolo

Mondiale: Slovenia rimontata, en plein Italia

CHAMPIONS

Magie di Icardi e Vecino, l'Inter vince all'ultimo respiro

SOCIETA'

BARI

Chitarrista dei Negramaro, i medici: "Un pizzico di ottimismo"

gossip

Il re delle notti? "Troppo noioso", la moglie lascia Bob Sinclar

MOTORI

I PIANI DELLA ROSSA

"In arrivo Ferrari Purosangue. Ma non chiamatelo Suv"

La pagella

Al volante di Volvo XC40 D4 R-Design