14°

Parma

Resistenza: vandalismi sulla sagoma di Tomasicchio

Resistenza: vandalismi sulla sagoma di Tomasicchio
Ricevi gratis le news
19

Grave atto vandalico nella notte a Parma dove è stata decapitata e imbrattata una delle sagome che celebrano in centro il 25 Aprile a ricordo di dieci grandi personalità della lotta partigiana nel parmense. A subire l'oltraggio di ignoti, la sagoma di Domenico Tomasicchio, antifascista ucciso nel dicembre del 1944 dopo essere stato brutalmente torturato.

A denunciare l’episodio è stato il Centro Studi Movimenti che ha ricevuto la solidarietà anche dal sindaco a 5 Stelle di Parma, Federico Pizzarotti.

«E' un gravissimo atto – ha commentato Pizzarotti – e speriamo che presta venga individuato il responsabile. Quanto successo non ferma, anzi rende ancora più forte, il nostro impegno nel promuovere i valori antifascisti».

Di seguito il comunicato del Centro studi moivmenti:
Dopo la sparizione di “Livia” da piazzale Corridoni, stanotte – tra il 26 e il 27 aprile – è stata imbrattata e decapitata la sagoma di “Nullo”, Domenico Tomasicchio, in strada Cavestro davanti alla sede dell’Università. Negli scantinati di quel palazzo, “Nullo” fu ucciso dai fascisti della Brigata nera nel dicembre 1944, dopo una settimana di sevizie e torture.
Ora, probabilmente per un ottuso atto di vandalismo, senza un particolare significato politico, la sua figura è stata nuovamente offesa: un gesto che ci dovrebbe preoccupare profondamente.
Chi l’ha compiuto probabilmente non sa nemmeno chi sia stato Domenico Tomasicchio, non conosce la sua nobile figura di partigiano non sa che in quel lontano 1944, funzionario di Stato quale era e non più in età di leva, avrebbe tranquillamente potuto aspettare che tutto finisse, scegliere di starsene a casa, con sua moglie e il suo piccolo figlio. Chi ha compiuto questo gesto non sa che “Nullo”, invece, scelse da che parte stare, muovendo lui stesso – senza aspettare altri – i propri passi verso la libertà e al prezzo della sua stessa vita.
Questo gesto, dunque, è il segno evidente della perdita di memoria e idealità collettiva che le nuove generazioni, e con loro la società nel suo complesso, hanno subito negli ultimi decenni. È il segno dell’autolesionismo culturale e identitario cui siamo costretti da un onnipotente ed edonistico presente, un tempo volgare che troppo spesso crede di poter fare a meno di pensiero, conoscenza e riflessione critica.
Eppure, per coloro che tenacemente e controcorrente si pongono il problema di ricostruire relazioni sociali e scambi culturali fondati anche sulla conoscenza del passato, sulle sue interpretazioni e riletture, sulle sue possibili indicazioni per un presente meno misero e umiliante, quel gesto è una sfida da non evadere. Una sfida da affrontare di petto.
Sapevamo che una mostra come 10 volti per la Liberazione, all’aperto, senza protezione, con installazioni ben visibili nelle strade e piazze della città, avrebbe potuto sollevare problemi e gesti di questo tipo. Eppure non si può pensare di diffondere i valori e la memoria dell’antifascismo e della Resistenza solo nei circuiti culturali o negli ambienti politici già sensibilizzati a quei valori e a quella memoria. La politica della memoria antifascista deve, oggi più che mai, scendere nel campo vivo e reale della battaglia delle idee, deve uscire nelle strade della città e riconquistarle, sottraendole al qualunquismo, al vandalismo, al fascismo. Si tratta di una lotta di civiltà. Una lotta che ha bisogno del sostegno di tutti.
Centro studi movimenti

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • claudio

    30 Aprile @ 23.04

    @ Maurizio: concordo appieno, Maurizio! Troppi giovinastri sfaccendati a bighellonare in giro e a combinare guai! Li manderei a lavorare, alzando le chiappe alle 6 del mattino: avrebbero ancora la voglia di sprecare la notte in stupide bravate???

    Rispondi

  • Geronimo

    28 Aprile @ 21.59

    Claudio d'accordo su tutto, lasciando perdere poi la matrice politica (anche perchè in genere quando c'è la politica spesso esiste una firma di riferimento in atti del genere) io ho sempre odiato i ragazzi, anche miei coetanei, che hanno questa voglia di distruzione e vandalismo, le poche volte che ho potuto mi sono anche messo in mezzo per esortarli a piantarla e a volte li ho anche umiliati a parole, io sono grosso fisicamente ma loro in genere sono in gruppo e si può far poco

    Rispondi

  • medioman

    28 Aprile @ 12.38

    Questo fatto mi ha riportato alla memoria un episodio della "resistenza". Nel 1944/45, c'era un ragazzo di 17 anni che aveva scelto di rimanere a lavorare nei campi. Per dar da mangiare agli eroici combattenti, ci voleva anche qualcuno che facesse questo "sporco lavoro". Un giorno, sentendo botti e sparatorie, pensò bene di andare a rintanarsi in un nascondiglio che riteneva sicuro. Forse, era un fascista; forse, era un comunista; forse, era semplicemente un ragazzo di diciassette anni che aveva paura. Non si sa come (ma si può immaginare), il suo nascondiglio venne scoperto, il ragazzo catturato, e successivamente fucilato. Pensate che per i suoi famigliari facesse molta differenza, sapere se a sparare erano stati i rossi, i neri, i tedeschi o gli americani?

    Rispondi

  • claudio

    28 Aprile @ 12.33

    @ Maria: giustissimo, Maria! E con la stessa fermezza e severità andranno perseguiti i VIGLIACCHI che hanno devastato le lapidi al Camposanto! La VIGLIACCHERIA non ha...colore!

    Rispondi

  • roberto

    28 Aprile @ 12.20

    Se non già fatto invito il Centro studi movimenti a presentere denuncia ai CC contro ignoti per il furto della gigantografia di "Livia", per ben 2 volte, e per la decapitazione di "Nullo". Oltre ad essere atti da condannare senza atenuanti di sorta il furto e il dennaggiamento di cose altrui sono ancora oggi in Italia reati e come tale vanno perseguito chiunque sia l'autore o gli autori. Quindi si deve procedere immediatamente e senza sconti per insegnare alle persone coinvolte in questi gesti che il dissenso va espresso civilmente in altri modi.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

TELEVISIONE

Fornelli sfortunati per Sandra, seconda sconfitta alla Prova del cuoco

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare

RAI1

I Soliti ignoti: Mauro Coruzzi e il fidentino Luca fra i personaggi da indovinare Foto

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Intervista

Uto Ughi: «Io e il violino, un amore iniziato a 5 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

L'ESPERTO

«Quota 100», per la riscossione del Tfr non è cambiato nulla

di Paolo Zani

Lealtrenotizie

Burioni ospite a Parma: "I danni da vaccini non esistono, sono fake news"

incontro

Burioni e i vaccini, pienone all'Università: "I danni non esistono, sono fake news" Video

natura

La superluna incanta (anche) Parma - Gallery 1 - Gallery 2- Invia i tuoi scatti

politica

Pizzarotti bacchetta (ancora) il M5s: "Attivisti chiamati al voto quando fa più comodo Video

anteprima gazzetta

Pensioni, quota 100: a Parma (ora) sono 2.600 Video

12Tg Parma

Tonnellate di rifiuti non autorizzati, sequestrata area a Sorbolo Video

2commenti

compiano

E' un 37enne il pedone investito e ucciso da un'auto a Sugremaro Video

CONDOMINI

Condannato l'amministratore Alberto Occhi. E spunta un altro maxi buco

5commenti

truffa

Come comportarsi quando il conto del condominio viene svuotato

traffico

Attivo definitivamente il varco ZTL2 tra borgo Giacomo Tommasini e via Nazario Sauro

1commento

Inchiesta

Lotta alla droga, che cosa fa la Polizia municipale?

13commenti

gazzareporter

"Invasione o allevamento?" Il video di un lettore dal prato delle nutrie

1commento

il caso

Bollette non pagate? Pioggia di raccomandate a Berceto. Ed è scontro con Montagna 2000

Interviene Confconsumatori: "Già inviata lettera". La replica della società

ABUSO D'UFFICIO

Assunzioni nelle partecipate, Piermarioli e Vento rinviati a giudizio

Polizia stradale

"Truck and bus", (con i controlli) la sicurezza sulle strade diventa europea

Beduzzo

Bocconi killer, cane salvato dal padrone

gazzareporter

Via Digione: campane di vetro o...carrozziere? - Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Via anche Honda, l'auto trema. E non solo per la Brexit

di Aldo Tagliaferro

EDITORIALE

Per Salvini i Cinque stelle si dimenticano il giustizialismo

di Vittorio Testa

1commento

ITALIA/MONDO

moda

Addio al "Kaiser" della moda - Lagerfeld e le sue muse, le foto

cassino

Omicidio di Serena Mollicone, gli investigatori: "Uccisa da Mottola"

SPORT

il caso

"Frasi sessiste", le scuse non bastano: la Rai sospende Collovati

12Tg Parma

Parma, oggi la ripresa. Malmesi: "obiettivo sempre stato la salvezza" Video

SOCIETA'

inchiesta

Truffa sui diamanti, maxi sequestro. Tra i clienti raggirati Vasco Rossi e la Panicucci

economia

Giorgia, family banker: da Compiano al set di Armando Testa

MOTORI

MOTORI

Nuova Ford Focus ST

ANTEPRIMA

DS3 Crossback: il Suv di lusso si fa compatto