13°

28°

Parma

Difficoltà a "differenziare"? Ecco il prontuario dell'ecologista perfetto

Difficoltà a "differenziare"? Ecco il prontuario dell'ecologista perfetto
Ricevi gratis le news
0

Dove si gettano i rullini fotografici? E l'etichetta delle bottiglie, va staccata oppure no? Differenziare, a volte, diventa oggetto di dubbi amletici. Con tanto di discussioni in famiglia ed elaborazioni di tesi diverse  da parte di amici e colleghi di lavoro. Vediamo, allora, di fare un po' di chiarezza su bidoni, bidoncini e materiali.

L'ORGANICO- I bidoncini marroni sono quelli che raccolgono il cosiddetto "organico", che in generale significa "scarti di cibo". Qui infatti, si possono buttare pane, pasta, carne, ossa, scarti di pesce, gusci di molluschi e crostacei, gusci d'uovo, scarti di frutta e verdura, alimenti avariati. Ma anche fondi di the e di caffé e cenere dei caminetti. Divieto assoluto, invece, per pannolini e assorbenti, liquidi di qualsiasi tipo e vasetti di yoghurt.

IL VERDE - Nel cassonetto verde, come si può intuire dal nome, si deve mettere tutto ciò che è verde "naturalmente". Per intenderci, erba, fiori recisi, piante, potature di alberi e siepi, residui vegetali da pulizia dell'orto. Quando però le potature sono molto grosse, bisogna rivolgersi alla stazione ecologica attrezzata di via Barbacini.  E' importante non dimenticare sacchetti e vasi di plastica, terracotta per piante.

LA CARTA - La carta va messa nei contenitori azzurri. Per carta, ovviamente, si intende quella delle riviste e dei giornali e delle scatole di cartone (quando i cartoni sono grossi, bisognerebbe spezzarli e piegarli) e non quella oleata o accoppiata ad altri materiali. Insomma, i contenitori del latte e dei succhi di frutta non vanno bene.

VETRO, PLASTICA E LATTINE - I famosi "bidoncini gialli" sono dedicati a vetro, plastica e barattolame risciacquato. Vanno bene latta, alluminio e scatolette in banda stagnata, tapppi a vite e tappi a corona, flaconi di detersivi, shampoo, bagnoschiuma, blister di uova, imballaggi in polistirolo espanso, contenitori di alimenti, confezioni di merende e biscotti, borse della spesa, buste per surgelati, film e pellicole per imballaggi, scatole e buste per abbigliamento. Un grande "no" è per la ceramica, per le lampade al neon e lampadine varie, per i tubi in gomma, i piatti, i bicchieri e le posate, i giocattoli, oggetti domestici e vasi di fiori. Le bottiglie vanno schiacciate e chiuse con il tappo ( si può lasciare l'etichetta ). Non introdurre confezioni contenenti alimenti avanzati.

LE PILE - Una volta si raccoglievano in tutte le scuole, e anche in molti negozi. Ora, le pile a secco (per orologi, calcolatrici, giocattoli, telefonini, ecc.) si possono buttare negli appositi raccoglitori posti lungo le strade e nei maggiori iper e supermercati della città. Si possono anche portare nella stazione ecologica attrezzata di via Barbacini.

I RIFIUTI URBANI - I rifiuti urbani sono quelli che non si possono differenziare. Vale a dire, tutto quello che non fa parte delle categorie sopraelencate, va qui (tranne i rifiuti ingombranti e quelli tossici, che vanno alla stazione ecologica). Cioè nel cassonetto grigio normale, quello che si trova un po' ovunque. Importante è che i rifiuti siano contenuti in sacchetti di plastica per evitare dispersioni e cattivi odori e chiusi con lacci.

COMPOSTAGGIO - Compostaggio è la trasformazione dei rifiuti organici in humus e sali minerali riassimilabili dalle piante. Per chi vuole costruire nel giardino una compostiera, il Comune riconosce un 20% di sconto sulla parte variabile della tariffa rifiuti. Se vuoi ricevere il pieghevole di istruzione al compostaggio, telefona al numero verde ambiente 800 212 607. Il modulo di riduzione tariffa rifiuti presso lo sportello al cittadino del Comune di Parma.

LE ECOSTAZIONI - Le ecostazioni sono stazioni ecologiche realizzate a Parma in via Toscana, via Bonomi e via Barbacini e anche in altri Comuni della Provincia. Attualmente, in città è aperta solo quella di via Barbacini. I centri, custoditi e gestiti da apposito personale, sono dotati di contenitori diversificati per tutti i tipi di materiali. Qui si possono portare televisori vecchi, frigoriferi, lampade al neon, barattoli di vernici e di sostanze tossiche e ogni altro rifiuto per cui si hanno sospetti di tossicità. Vanno bene batterie auto, olii esausti, pneumatici, pile, farmaci scaduti, indumenti usati, mobili, elettrodomestici.  L'econstazione di via Barbacini è aperta al mattino dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17 da lunedì a sabato (chiuso la domenica); in estate,  stesso orario al mattino e al pomeriggio dalle 15 alle 18 sempre dal lunedì al sabato.

Per qualsiasi dubbio su "dove buttare cosa", consulta il "Rifiutologo" di Enìa scaricabile fra gli allegati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

1commento

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno