13°

23°

PGN primo piano

«Amici miei», un coro di «no» per il prequel con Christian De Sica

«Amici miei», un coro di «no» per il prequel con Christian De Sica
Ricevi gratis le news
0

Perozzi, Mascetti, Melandri, Necchi e Sassaroli: alzi la mano chi non conosce questi nomi. Nati dal genio di Pietro Germi e resi famosi da Mario Monicelli, sono gli «Amici miei», protagonisti di una saga che ha ispirato per oltre trent'anni battute,  «supercazzole», «zingarate» e coretti sull'onda dei «5 Madrigalisti moderni» di intere generazioni di giovani e, ora, meno giovani.
La notizia di questi giorni è che migliaia di persone in internet, blog, siti, gruppi e tam tam on-line si sono mobilitate contro il progetto, annunciato da Christian De Sica e dal produttore Aurelio De Laurentiis, di un prequel della trilogia:  si tratterebbe di un «Amici Miei» ambientato nel '400 alla corte dei Medici. I nomi che dovrebbero prendere il posto di Phillippe Noiret, Gastone Moschin, Duilio Del Prete e Ugo Tognazzi? Cristian De Sica, Claudio Bisio, Massimo Ghini, Fabio De Luigi, Giorgio Panariello, Paolo Hendel, Alessandro Benvenuti, Elena Sofia Ricci, Massimo Ceccherini, Carlo Monni, Alessandro Paci e Barbara Enrichi, diretti da Neri Parenti.

Il più famoso dei social network, «facebook», ha un gruppo contrario al progetto, creato dal giornalista Franco Bagnasco, con quasi 35 mila iscritti, di cui 25 mila negli ultimi nove giorni: un record. Una valanga di «no» ai cloni rinascimentali dell'architetto, del «luminare della medicina - professore», del «giornalista», del «conte» e del «comandante» (titolo usato durante l'incursione, nel primo film della trilogia, alla festa nella mega villa: in realtà Necchi è «barista»). Un gruppo contrario all'idea prende il nome «Il figlio del Perozzi».

Intervistato, il papà della saga, Mario Monicelli, ha elegantemente commentato: «De Sica e Parenti facciano film originali».
Sulla stessa lunghezza d'onda anche Bagnasco che, dopo avere scritto a caratteri cubitali «Giù le mani da Amici Miei: fermiamo De Sica e il suo annunciato prequel», commenta: «Ciò che chiediamo a Christian e al produttore De Laurentiis  - prosegue il fondatore dell'onda di protesta - è di rinunciare all'idea di sfruttare questo marchio “nobile” per fare quattrini. peraltro incerti, perchè è evidente che il pubblico vive questa'idea come un corpo estraneo ed è pronto a boicottarla. Ci vorrebbe un po' di decenza e di rispetto in più. Non ci parlino di omaggio: è una speculazione». Poi, in tono scherzoso, scrive: «Ci sono cose che non andrebbero toccate: la mamma, il Natale, gli affetti più cari. Tra questi Amici Miei». Non è mancata la risposta del regista designato per il prequel quattrocentesco, Parenti, che si difende dicendo che il suo progetto «è stato travisato. Gli attori che parteciperanno al progetto, sempre che il film si faccia, sono a mio avviso assolutamente consoni ai personaggi. La partecipazione di De Sica è dovuta al fatto che nella sceneggiatura esiste un personaggio che nessun altro potrebbe interpretare meglio. La collocazione temporale nel passato dovrebbe far comprendere quanto rispetto ed anche quanta paura di confronto ci sia con gli illustri precedenti». Così, come sui blog e gruppi di fan di De Sica, qualcuno «tifa» per il progetto dell'attore romano.

Nel popolo dei «no» c'è chi annuncia addirittura manifestazioni di protesta davanti al bar «Necchi».
«Tarapiatapioca con la supercazzola prematurata... fatevi un elettroencefalogramma bipolare», scrive Marco.  «Ma vaffanzum», canticchia Eleonora. «De Sica, come se fosse antani», continua ancora una donna, Guendalina. «Non rovinate un mito del cinema, continuate ad andare in vacanza sul Nilo, a Rio, in America...» parafrasa alcuni titoli di film natalizi, Roberto. Silvio scrive: «Basta! Ci manca solo che i cinepanettoni cerchino di diventare film come si deve».
Spunta, nel gruppo, anche qualche tono decisamente sopra le righe, chi non comprende il significato ironico, per certi aspetti «sentimentale» della gran parte dei contrari.

Luca Genovese ha scritto: «Sono certo che questo gruppo riuscirà a raggiungere il suo obiettivo in poco tempo. Ma quanto tempo ci metteranno a fare questo film? Quintana, o setta?», ipotizza con ironia Fabio. Ma qualcuno non dimentica un altro «mito» generazionale, il primo «Vacanze di natale», dove recitava proprio De Sica: «Per quel film ti stimo, però a quello devi rimanere», ricorda Lucio. Una vicenda che, tra «Afasol» e «don Ulrico» attende altre...«puntate». «Cos'è il genio? Fantasia, intuizione, decisione e rapidità di esecuzione. Fate un altro film», concluderebbe uno dei puristi della saga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

CALCIO

Gervinho non ricorda Tino?

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

Mariano

«Via Parasacchi, pericolo erbacce»

COLORNO

Tortél Dóls, il sindaco contrattacca la Confraternita.

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno