-2°

14°

Lotta alla criminalità

Don Ciotti: l'indifferenza è complice della mafia

Il sacerdote ieri all'Itc Bodoni. "Mario Tommasini, un maestro e un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra".

Studenti del Bodoni

Gli studenti del Bodoni hanno incontrato don Ciotti

Ricevi gratis le news
0

 

Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». 
Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale.
 La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».
Beppe Facchini
«Rifiutare i compromessi, informarsi il più possibile, facendo leva sulla “sana curiosità” tipica dei giovani, e soprattutto assumersi le proprie responsabilità per “essere davvero quel cambiamento di cui abbiamo bisogno: l’indifferenza è il male più grande del nostro Paese”». Martedì mattina, auditorium dell’Itc Bodoni di viale Piacenza: parla don Ciotti, in platea ci sono oltre 300 studenti iscritti a ben 10 diverse scuole superiori della provincia. L’occasione, è il «Meeting Giovani. Luoghi (non) comuni», un evento per discutere di cittadinanza attiva, promosso dallo stesso ente di piazzale della Pace e dal Gruppo Abele, la onlus di Torino il cui presidente è sinonimo in tutta Italia di legalità, giustizia sociale e lotta alla criminalità. Si tratta del fondatore di «Libera contro le mafie», appunto don Luigi Ciotti, il quale, presentandosi ai ragazzi come un semplice «amico», ha invitato tutti quanti, istituzioni comprese, ad un impegno concreto per combattere le ingiustizie della società attuale. La sua è una vera e propria lezione di vita, che suggerisce di prendere esempio anche da quelle «persone stupende di questo territorio da cui anche io, in 40 anni di iniziative a Parma, ho imparato tanto». Un nome fra tutti: Mario Tommasini, «per me un maestro ed un punto di riferimento che ha fatto onore a questa terra», coinvolta nella lotta alla mafia esattamente come il resto del Paese, secondo il sacerdote di origini venete. «Anche se con forme, colori e accenti diversi, la mafia al nord esiste da almeno sessant’anni - ha proseguito -, ma il problema più grande è la mafiosità che coinvolge tutti, da Parma a Palermo: siamo un Paese malato di delega e restare in silenzio, guardare senza fare niente per difendere la legalità, vuol dire alimentare le grandi organizzazioni criminali», ha continuato don Ciotti, in un intervento fiume, durato oltre un’ora, carico di speranza, durante il quale ha definito la Costituzione italiana «il primo vero libro antimafia a nostra disposizione. La responsabilità di ognuno di noi è la sua spina dorsale - ha aggiunto - e cederla vuol dire rinunciare alla propria libertà. Dobbiamo tutti metterci in gioco, usando legalità e solidarietà come strumenti per arrivare alla vera giustizia sociale: non basta essere cittadini a intermittenza, commuoversi e indignarsi solo quando ci sono tragedie come quelle di Lampedusa». No, non basta. Bisogna essere cittadini responsabili sempre, combattendo quotidianamente, anche con piccoli gesti, «violenza, corruzione, illegalità, sfruttamento della prostituzione, usura: il male esiste e per affrontarlo il primo passo è riconoscerlo, chiamarlo per nome. Come ha fatto Papa Francesco, che ha chiamato la corruzione puzza, putrefazione». L’insegnamento di don Luigi Ciotti, quindi, è chiaro e, anche se rivolto per l’occasione a giovani studenti, è da estendere sicuramente a chiunque: ogni giorno, non basta aspettare che siano gli altri a fare qualcosa per il bene della collettività, ma tocca a tutti «muoversi, decidere da che parte stare. Vi auguro di essere sempre persone oneste, abbiatene il coraggio - si è infine rivolto ai ragazzi -: è di questo che ha bisogno il nostro Paese».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

The Voice, no a Sfera Ebbasta fra i giudici: "Non ha dato chiarimenti ai parenti delle vittime di Corinaldo"

Sfera Ebbasta

TALENT SHOW

The Voice, no a Sfera Ebbasta fra i giudici

Happy Days, coriandoli d'America

C'ERA UNA VOLTA

Happy Days, coriandoli d'America

Lady Gaga e Christian Carino

Lady Gaga e Christian Carino

GOSSIP

Lady Gaga torna single: rotto il fidanzamento con Christian Carino

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'auto trema. E non solo per la Brexit

EDITORIALE

Via anche Honda, l'auto trema. E non solo per la Brexit

di Aldo Tagliaferro

Lealtrenotizie

Guardia di finanza: sequestro preventivo di un immobile destinato a centro sportivo con annessa piscina

parma

La Guardia di Finanza sequestra un centro sportivo con piscina

PARMA

Qualità dell'aria, confermate le "misure emergenziali": ancora stop ai diesel Euro 4

Il provvedimento coinvolge anche la gestione dei riscaldamenti

PARMA

"Spara a Salvini", "Libertà per i prigionieri": ancora scritte davanti al Marconi Foto

STUPRO

Falsità e silenzi sulla violenza al collettivo di via Testi: cinque condanne

Carabinieri

Trova un uomo sull'auto: era un ladro seriale, appena uscito dal carcere

Monchio

Vittorio Rozzi: taglialegna e pastore di giorno, drag queen e pole dance di sera

SORAGNA

Addio a Franco Concari

TRUFFA

Ruba l'identità all'amica e chiede prestiti a suo nome: condannata

teatro

Brachetti incanta il Regio con la magia del suo "Solo" Ecco chi c'era: foto

LUTTO

Addio a Lucilla Bassotti, docente di matematica

SALSOMAGGIORE

«La ciclabile per Ponte Ghiara è un percorso a ostacoli»

PENSIONI

Quota 100, «assalto» ai patronati

3commenti

L'INTERVISTA

Capitano coraggioso: Bruno Alves si racconta

TERZA CATEGORIA

Botte in campo: squalifica di 8 turni per l'aggressore, 5 giornate al terzino picchiato

L'Inter Club mette fuori rosa l'aggressore

12Tg Parma

Truffa dei diamanti: 200 parmigiani coinvolti. La testimonianza di Angela Video

CONDANNA

Decine di società, milioni di crediti fittizi e due mesi di latitanza: mazzata per i fratelli Zinno

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Va sempre peggio, arriverà un'altra manovra?

di Aldo Tagliaferro

4commenti

CHICHIBIO

"Mulino di Casa Sforza": tanta tecnica e ottima qualità in cucina

ITALIA/MONDO

ROMA

Pedofilia, il Papa ai prelati: "Purificazione e misure concrete, non scontate condanne"

tragedia

Bangladesh: 78 morti, fuoco da un deposito di sostanze chimiche Foto

SPORT

Calciomercato

Wanda allontana Icardi dall'Inter

CHAMPIONS

Juve spenta, l'Atletico la punisce: 2-0

SOCIETA'

natura

La superluna incanta (anche) Parma - Gallery 1 - Gallery 2- Invia i tuoi scatti

USA

Grand Canyon, spunta l'allarme uranio per i visitatori del museo

MOTORI

AL VOLANTE

Skoda Kodiaq RS: il Suv con 240 Cv

MOTORI

Toyota: ritorna la Corolla ed è Full Hybrid