scuola

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali

Romagnosi, intitolate due aule a Giulio Petrolini e Giulio Recusani

Quel ricordo a occhi lucidi di due ragazzi speciali
Ricevi gratis le news
1

 

Ilaria Moretti
Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali.
 Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali).
 Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. 
«Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». 
La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. 
Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». 
E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. 
Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. 
«Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 
Ilaria Moretti

 

Non sono più qui, eppure ancora parlano. Lo fanno attraverso la voce degli amici che non li hanno dimenticati. Perché loro, Giulio Petrolini e Giulio Recusani, erano due ragazzi speciali. Ex studenti del Romagnosi, sono morti a pochi anni di distanza: il primo aveva 22 anni, l’altro 26 (di Recusani, annegato in Galizia dopo avere percorso il cammino di Santiago de Compostela, si parlò a lungo sui giornali). Ed è proprio il liceo classico che ieri ha deciso di ricordarli con una cerimonia che ha visto alternarsi musica, poesia e letture. Perché Giulio e Giulio avevano l’arte dentro. Quell’arte che oggi trova casa anche al Romagnosi: due grandi quadri, donati dalle famiglie ed opera di ciascuno dei due ragazzi, campeggiano sul muro del corridoio al primo piano, accanto alle due aule che la scuola ha voluto intitolare sempre ieri ai suoi due ex allievi. «Giulio Petrolini era un ragazzo sensibile, che scriveva molto sia in forma di poesia che in prosa», racconta Filippo Montali, che con lui ha condiviso gli anni del liceo. Poco dopo leggerà una lettera che Petrolini scrisse per il tesseramento a Lega Ambiente, esempio del suo impegno civico. Ha gli occhi lucidi Federica Volta, quando parla del suo caro amico Giulio Recusani: «Abbiamo suonato insieme, io ci mettevo la voce, lui il basso e la chitarra. All’inizio ero scettica sulle mie capacità, ma lui mi ha incoraggiata: “La musica porta sempre lontano”, mi diceva». La stessa carica che Recusani trasmetteva a un’altra amica: «Come lui disegnavo e amavo la musica - racconta Francesca Mori -. Mi ha sempre spronato ad esprimere tutte le mie potenzialità artistiche». E faceva bene Giulio. Perché sia Federica che Francesca faranno venire i brividi quando poco dopo canteranno, accompagnate alla chitarra da Paolo Orestilli. Anche il preside Guido Campanini è emozionato: «Giulio e Giulio nel loro viaggio interiore hanno cercato un significato profondo». Sono in tanti a esibirsi per loro: per l’occasione Andrea Merusi, Alessandro Castelli e Matteo Spaggiari ricompongono la band delle scuole superiori. Due studenti del Romagnosi di oggi, Zeno Bercini e Eleonora Ampollini, leggono poesie di Petrolini e il pubblico si perde in quelle parole: «Questo blu intenso che mi fa sognare». E poi, ancora, il flauto dell’ex insegnante di musica di Recusani, Dario Caradente, le parole delle amiche Elisabetta Zanichelli e Irene Binini. Le mamme dei due ragazzi Giovanna e Rosanna (accanto ai mariti Angelo e Oreste) donano a tutti una rosa. Arriva il momento di scoprire le opere donate dalle famiglie: nel grande quadro di Recusani, un libro rosso che schiude un paesaggio di transizione dalla notte al giorno, in quello di Petrolini, acquerelli e passi di poesie. «Ogni giorno insieme - dicono Michele Marianelli e Veronica Belletti a nome di tutta la vecchia classe di Recusani - ci ha regalato qualcosa di te». Poi il saluto di Filippo Montali all’amico Petrolini: «Il tuo obiettivo vedeva l’infinito». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    23 Novembre @ 04.13

    Oltre quella porta, in fondo, a sinistra, c'è l'aula in cui passai l'ultimo anno di Liceo, con i prof Tomasicchio, Taverna, Molinari e con tanti compagni di classe, che ho rivisto, dopo 50 anni, l'estate scorsa. Anche lì, ne mancavano parecchi, purtroppo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Wanda Nara

Wanda Nara

"STRISCIA"

Tapiro d'oro a Wanda Nara: "Icardi? Rinnova..."

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

gossip

Melissa Satta e Kevin Prince Boateng: matrimonio (e amore) al capolinea

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Indie, l’altra faccia del digital entertainment. Ecco 10 delle produzioni indipendenti più interessanti degli ultimi mesi - Foto

VIDEOGAME

Indie, l’altra faccia del digital entertainment: 10 produzioni interessanti Foto

di Riccardo Anselmi

Lealtrenotizie

Nel 2018 aumentati gli incidenti e le vittime

POLIZIA STRADALE

Nel 2018 aumentati gli incidenti e le vittime

Prevenzione

Via Trento, bar chiuso per ordine del questore

QUATTRO CASTELLA

Bianello: il fantasma «parmigiano» entra nel percorso turistico

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

WEEKEND

Un sabato d'inverno tra sci, teatro e... festa del gelato: l'agenda

TRAVERSETOLO

Addio a Valter Petrolini, pilastro del volontariato e della Barilla

FIDENZA

Muore all'improvviso l'appuntato Biagio Vetrugno

LANGHIRANO

Banda del buco svaligia la tabaccheria

Collecchio

Raid di un ladro in un parcheggio: condannato a 2 anni

LUTTO

Addio a Bruno Paletti, maestro antiquario

POLITICA

Fondo Imu-Tasi: niente taglio da quasi 2 milioni per Parma

L'annuncio del sindaco Federico Pizzarotti 

FATTO DEL GIORNO

Gli incidenti mortali sono più che raddoppiati nel 2018 a Parma: sotto accusa le distrazioni da cellulare

furti

Polisportiva Gioco: ritrovato il pulmino con le handbike rubato nella notte  Foto Video

"Visitati" anche i locali della Boxe Parma

3commenti

12 TG PARMA

Arrestato il pusher che vendeva hashish davanti all'Itis. Grazie a genitori e prof Video

1commento

CARABINIERI

Il cittadino eroe che ha aiutato i militari a bloccare il pusher violento

6commenti

piazzale santafiora

I ladri tornano a colpire a scuola: stavolta tocca alla Sanvitale Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Fuga dal voto (17 milioni) contro la rissa dei politici

di Vittorio Testa

1commento

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

PONTE MORANDI

Il sindaco di Genova: "Il nuovo ponte sarà percorribile il 15 aprile 2020"

MILANO

Quattro condanne fino a 9 anni per il ferimento del figlio della Ventura

SPORT

PARMA CALCIO

Jiang Lizhang annuncia il "suo" aumento di capitale

12 TG PARMA

Mercato: il Parma sempre su El Kaddouri, in attacco sfida Stepinski-Diabatè Video

SOCIETA'

Hawaii

Incontro ravvicinato con lo squalo bianco più grande del mondo

LIBRI

"Il Bugiardino" di Marilù Oliva - "Nonostante, libera" di Bruna Orlandi

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai