13°

23°

PGN primo piano

Non solo chiacchiere e shaker

Non solo chiacchiere e shaker
Ricevi gratis le news
2

La notte, vissuta dall’altra parte del bancone, è di tutti i colori. A volte è rossa. Come le tracce di rossetto che le ragazze lasciano sui bicchieri. Altre è verde: soprattutto se è venerdì, la serata decisamente più «alcolica» della settimana, e il cliente di turno - all’ennesimo drink - al posto di chiederti «un coca e rhum» sbiascica suoni tutti da interpretare in una lingua difficile da comprendere: quella dell’ubriaco.

Altre ancora è nera:  soprattutto se la sete di emozioni, assolutamente non appagabile dall’alcool, a fine serata sfocia in una lite senza senso, come purtroppo di tanto in tanto accade. Ma una cosa è certa. Se fai la barista, nessuna serata sarà mai uguale ad un’altra.  C’è la volta che avresti voglia di andare a dormire prestissimo, ma sai che prima delle 5.30 del mattino non potrai toccare il letto, e i clienti da servire arrivano a palate, ininterrottamente, fino all’orario di chiusura.

 Poi c’è la volta in cui sei «carichissima» e la serata è «morta» come poche, (succede soprattutto a fine mese, durante il week-end che precede l’arrivo degli stipendi).  Ma anche nelle serate in cui il tempo non passa più, inevitabilmente, puntualmente, accade qualcosa degno di essere ricordato. Un esempio? Sei lì a chiacchierare con i tuoi colleghi, il locale è semideserto. Ad un certo punto vedi una macchina arrivare a tutta velocità nel parcheggio fermarsi dritta contro un palo della luce. Come se niente fosse, il conducente scende, non controlla nemmeno gli eventuali danni e si dirige verso il locale.  Prima cerca di «forzare» la porta di sicurezza, ovviamente chiusa dall’esterno, poi trova  la porta giusta ed entra. Non si guarda nemmeno attorno. Sente la musica e comincia a ballare come un forsennato. Ad un certo punto, però, per attirare l’attenzione dei suoi amici, comincia a dare dei pugni contro il vetro della porta. Visto il background, il capo interviene.  E lui: «Ti prego noooo - intanto lo abbraccia -. Non mi puoi buttare fuori anche tu. Stasera sono stato buttato fuori casa da mia moglie. Io voglio solo ballare». Detto, fatto: balla, da solo e senza fare danni, fino alle 4 del mattino. Dopo quel giorno tornerà altre volte: in condizioni migliori e sempre molto gentile, grato per la possibilità di sfogarsi che gli è stata concessa.  Altri invece, delle tante possibilità di sfogarsi offerte da un locale notturno, se ne approfittano. Sono le undici e mezza di un sabato sera. Entrano due ragazzini: uno ha la faccia di un colore indefinito tra il bianco, il grigio e il verde. L’altro, decisamente più «sano», domanda: «Possiamo andare in bagno?». Rispondi «sì» e pensi: «Speriamo bene». Dopo un buon quarto d’ora i due escono e, nonostante la voglia sia molto poca, è d’obbligo andare a controllare le condizioni della toilette. Apri la porta tappandoti preventivamente il naso e quasi non credi a quello che vedi: nonostante il wc e il lavandino siano separati da nemmeno mezzo metro, il ragazzo tra il bianco, il grigio e il verde ha deciso di riversare il suo malessere proprio nel lavandino, colmo di sostanze non descrivibili fino all’orlo. Ma, aneddoti splatter a parte, fare la barista ha anche tanti lati positivi.

Si conoscono tantissime persone, di ogni età e di ogni genere. Ci si affeziona ai deejay, ai quali diventa più che legittimo richiedere canzoni, e ai clienti abituali, quelli con cui scambi quattro chiacchiere sempre volentieri e che appena possono ti danno una mano, anche solo riconsegnandoti il loro bicchiere vuoto piuttosto che abbandonarlo fuori nella zona fumatori.  E, a volte, si ha la possibilità di assistere a momenti di pura positività. Come quando il ragazzo indiano delle rose - nonostante il freddo, il gelo, il vento e la neve - scende dal Prontobus ed entra nel locale. Nessuno gli compra niente, ma qualcuno, preso dall’euforia della serata, gli offre una birra e un po’ di compagnia. Lui smette di vestire i panni del venditore ambulante per indossare quelli del cliente.  E i suoi fiori, appoggiati sul bancone del bar, ci stanno pure bene.    

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franz

    14 Dicembre @ 00.39

    ogni commento su questo articolo è superfluo...ma chi ha scritto ste stronzate!?!? tu barista che vendi bevande alcoliche dalla mattina alla sera e se poi qualcuno ti gogna nel lavandino ti lamenti pure...intanto però la cassa è sempre più piena! RIDICOLI

    Rispondi

  • marco

    14 Dicembre @ 00.29

    ma se è un lavoro così "allucinante", perchè non cambiate mestiere voi baristi? E poi scusate, mi sembra ridicolo lamentarsi o commentare le reazioni di certi clienti ubriachi e molesti, visto che ad alcolizzarli ci pensate proprio voi baristi...e che è lungi da voi negare il 20esimo coktail al ragazzo che biascica "suoni incomprensibili" di fronte a voi ("serata verde"? riferimento ai làuti incassi?). Che articolo ridicolo mamma mia si salvi chi può!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Giulia: «Volate oltre l'odio»
Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

8commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

Battuta l’Olanda 3-1. La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno