19°

29°

politica

M5S: "Il Regio ha bisogno di energie e idee nuove"

M5S: "Il Regio ha bisogno di energie e idee nuove"
Ricevi gratis le news
9

Comunicato stampa del Movimento 5 Stelle sul futuro del Teatro Regio 


"Il Senatore Giorgio Pagliari è intervenuto nuovamente sulla questione Regio esprimendo contrarietà all'idea di una "decrescita felice" (termine tanto abusato quanto incompreso) del Teatro, peraltro mai espressa dall'Assessore.

Sono d'accordo con il Senatore quando auspica un'affermazione del Festival a livello nazionale ed internazionale, é evidente che l'obiettivo é comune e condiviso. Affermazione che però dipende anche dalla capacità del Teatro stesso di rinnovarsi e di fare sistema con la Città e i territori circostanti.

L'auspicio di un ingresso in Fondazione, come soci benemeriti, dell'Istituto Nazionale degli Studi Verdiani, del Conservatorio Boito e dell'Università va proprio in questa direzione: porterebbe un valore aggiunto di competenze e qualità. Chi meglio di questi tre soggetti può valorizzare la tradizione dell'offerta artistica?

Dice bene Pagliari quando parla di complementarietà tra carattere sperimentale e tradizionale. Al contrario del Senatore, però, siamo convinti che il carattere sperimentale non sia sinonimo di pochezza o improvvisazione ma piuttosto garanzia di qualità artistica che può contraddistinguere il concetto di Festival nel Mondo, come qualcosa di straordinario e di non ripetitivo.

Siamo i primi ad essere consapevoli del fatto che il risanamento della Fondazione non é affatto terminato, e che per salvaguardare il futuro del Regio é necessario che il Comune non rimanga socio unico.

Proprio per questo motivo crediamo che un amministratore giovane, qualificato e competente, possa aiutare la Fondazione a fare quel cambio di passo che tutti auspichiamo, ma che ha bisogno di energie e di idee nuove per continuare quel percorso che il dottor Fontana ha iniziato, all'insegna della sostenibilità economica e della responsabilità.

Proprio la storia professionale del dottor Fontana ci insegna che le persone competenti e qualificate possono eccellere in ruoli dirigenziali a prescindere dall'età anagrafica: egli ha ricoperto il ruolo di Sovrintendente al Comunale di Bologna all'età di 37 anni e di Sovrintendente del Teatro alla Scala di Milano a 43.

Solo con la professionalità e l'entusiasmo riusciremo a lasciarci alle spalle la difficile situazione che anni di irresponsabile gestione economica ci hanno lasciato in eredità".

Andrea De Lorenzi
Consigliere Comunale M5S Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • silviococconi

    23 Luglio @ 10.16

    Ma diteci una volta per tutte quali sono questi progetti innovativi e come li finazierete : altrimenti siamo sempre nella solita situazione di "guado" in cui si è trovato il "povero Dott. Fontana" !? ... Volete aprire la stagione anche ad opere moderne del '900 come Britten, a patto che sappiate chi sia ?! ... come hanno fatto a Reggio ? ... O aspettate "la famosa persona dall'alta competenza che Vi risolva tutto con la "bacchetta magica" ?! ... Se è così siete solo degli illusi, come su tutte le cose che non avete fatto !? ... Però dateci dietro perchè in 4 anni non avete ancora combinato "un piffero" e non so se riuscite a vedere in quale disastrosa situazione è la città ... in tutti gli ambiti !

    Rispondi

  • Andrea

    22 Luglio @ 13.12

    Non voglio entrare nel merito delle vostre osservazioni, che ritengo assolutamente legittime pur non condividendole in larga parte, ma solo aggiungere elementi di discussione. Per prima cosa le "entrate da botteghino" coprono meno del 18% del totale delle entrate (dato peraltro sovrastimato poiché comprensivo della vendita dei biglietti per la sola visita del Teatro e di altre attività collaterali e non caratteristiche del Regio). Questo dato, ricavabile dal Rendiconto 2013 votato pochi giorni fa in Consiglio, é in linea con i risultati degli ultimi 15 anni e con le altre realtà teatrali Italiane. Questo dimostra come i ricavi di biglietteria, per come é concepito ad oggi il Teatro in Italia, rappresentano una fetta relativamente piccola del totale. Il secondo appunto é sulle realtà che fanno parte del Regio: solo due Soci Fondatori hanno deciso di recedere dalla loro posizione dopo le Amministrative 2012. Recesso che, essendo avvenuto a un mese di distanza dalle elezioni, non é a mio parere ascrivibile all'attuale amministrazione, ma piuttosto alla sciagurata gestione economica del Teatro, dal 2006 ad oggi. Gestione che ha portato a un fortissimo indebitamento vs fornitori che noi stiamo cercando di diminuire, con un'offerta artistica che sicuramente é meno ricca degli anni passati, ma ragionevolmente commisurata alle disponibilità economiche attuali.

    Rispondi

  • DAVIDE

    22 Luglio @ 12.52

    @raf: accidenti che pessimismo ! Mi auguro che tu non arrivi a gesti estremi (e se li devi fare, falli in casa perchè altrimenti il Comune ti fa pagare la multa per occupazione suolo pubblico). Potresti emigrare in Germania o Francia però occhio perchè là, a volte, gli emigranti li pigliano ancora a calci nel..... di dietro. @rodolfo: hai ragione. Proporrei di abbattere il Regio per farci un bel parcheggio in modo che la movida possa trasferirsi in centro per ravvivarlo un pò (insomma, qualche ubriaco o drogato non ha -quasi- mai fatto male a nessuno !!)............. Scusatemi, ma il mio è uno sfogo !! Purtroppo avete ragione ! In questi ultimi anni ho visto anch'io un declino "culturale" di Parma. Ed è triste per me che amo la classica e la lirica (anche se sono un "neofita" del loggione visto che sono "solo" 23 anni che lo frequento) vedere che il nostro amato Teatro venga trattato in questa maniera. A questo punto l'unica speranza che ho è continuare imperterrito a fare l'abbonamento al festival Verdi e alla stagione lirica: vorrebbe dire che esiste ancora la lirica a Parma (che tristezza !!!).

    Rispondi

  • Caterina

    22 Luglio @ 11.45

    Istituto Studi Verdiani, Conservatorio e Università NON SERVONO per far funzionare l'impresa teatro. E' un po' come auspicare che una casa dove fan rifatte le fondamenta si risani mettendo le tendine nuove alle finestre. Quanto al portare giovani in teatro, se sono preparati ben venga, ma cominciamo a mettere finalmente in pensione i catenacci anziani che non hanno nessun interesse a veder crescere il teatro perchè sarebbe troppa fatica gestirlo, anche se stanno tanto simpatici all'assessora.

    Rispondi

  • rodolfo

    22 Luglio @ 07.46

    Il festival Verdi e' sempre stato una burletta da borgata, tanta caciara solo per prendere soldi insomma tanto fumo e niente arrosto ma Parma e' specialista in queste cose e poi un teatro scassato e fatiscente, stucchi che si sgretolano, poltrone sfondate, insomma una vergogna fatta passare come evento nazionale. Hanno fatto bene a chiudere il rubinetto dei finanziamenti.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

Il caso

Miss Italia, spuntano foto di nudo, Carlotta rischia il titolo

"A du pass": aperitivo italo-rumeno. Ecco chi c'era: foto

FESTE PGN

"A du pass": aperitivo italo-rumeno Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Disoccupazione: come funziona la Naspi

L'ESPERTO

Disoccupazione: come funziona la Naspi

di Paolo Zani*

Lealtrenotizie

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

truffa online

Prosciugano il conto corrente di un pensionato di Zibello: cinque denunciati

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

3commenti

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

1commento

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

1commento

FONTANELLATO

Brucia la corte dei Boldrocchi: addio al recupero?

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Si comincia con la danza verticale "Full Wall" e l'installazione "Macbeth"

PARMA

Sicurezza: 60 nuove telecamere e più agenti di polizia municipale Video

Ecco i progetti annunciati dal Comune

6commenti

Crédit Agricole

Giampiero Maioli insignito Cavaliere della Legione d’Onore dall'Ambasciata Francese

anteprima gazzetta

Sicurezza a Parma, il caso ora è politico: "Ma ai parmigiani interessa che si faccia qualcosa"

1commento

LAGASTRELLO

Un fungaiolo cade in un dirupo e muore fra il Parmense e la Lunigiana

Il recupero del corpo è difficile, perché si trova in una zona impervia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

GAZZAFUN

10 piazze della nostra provincia: in quale comune siamo?

ITALIA/MONDO

cagliari

In attesa del medico impegnato in una consulenza: "Tutta colpa di un negro"

INDIA

Panico in volo: passeggeri, sangue da naso e orecchie

SPORT

Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Video

EUROPA LEAGUE

Zampata di Higuain: il Milan stende il Dudelange

SOCIETA'

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

sospetto

Test di medicina, picco su Google: "Qualcuno ha barato"

MOTORI

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"

ANTEPRIMA

Honda, il nuovo CR-V. Come va in 5 mosse