18°

28°

Pd

Primarie di coalizione, Dall'Olio critico

Nicola Dall'Olio

Nicola Dall'Olio

Ricevi gratis le news
3

Nicola Dall'Olio, capogruppo del Pd in Consiglio comunale, critica le norme stabilite per le primarie di coalizione che porteranno alla scelta del candidato alla presidenza della Regione. Dall'Olio sottolinea che a suo avviso qualcuno ha cercato di limitare il metodo delle primarie, previste dallo statuto del Pd, introducendo le "primarie di coalizione". Secondo il consigliere sarebbe "un trucco per innalzare le soglie di raccolta firme di chi intende partecipare e ridurre così la contesa nel Pd a sole due persone"; anche se in un secondo momento la soglia è stata abbassata. 
Dall'Olio - che intitola il suo comunicato "Lo spauracchio delle primarie e la sindrome da caminetto del Pd" critica il fatto stesso che le primarie siano "di coalizione" poiché dal 2009 ad oggi i rapporti di forza sono cambiati.
Inoltre l'esponente del Pd critica il fatto che non si facciano le primarie anche per scegliere i candidati al Consiglio regionale. 


Ecco il comunicato stampa di Dall'Olio: 

Le primarie sono elemento costitutivo e distintivo del PD. Sono lo strumento che, dando voce agli elettori, ha reso contendibili le cariche di partito e di governo rendendo possibile l’affermazione di una nuova classe di amministratori e dello stesso premier e segretario Matteo Renzi.

Lo statuto del PD Emilia Romagna stabilisce inequivocabilmente che i candidati alla carica di Sindaco e di Presidente della Regione vengono selezionati con il metodo delle primarie. Per le assemblee rappresentative, come il Consiglio regionale, “la selezione delle candidature avviene ad ogni livello con il metodo delle primarie, ovvero con altre forme di ampia consultazione democratica”.

Eppure nonostante le primarie siano espressamente previste dallo statuto e siano alla base dell’attuale rilancio e rinnovamento del PD, ad ogni appuntamento elettorale c’è sempre qualcuno che cerca di rimetterle in discussione, di limitarne l’apertura e l’ambito di applicazione, nel tentativo di difendere lo status quo e le decisioni prese nelle solite stanze.

Per le primarie del presidente della Regione si è provato a ridurre la platea dei possibili candidati PD inventandosi le primarie di coalizione. In pratica un trucco per innalzare le soglie di raccolta firme di chi intende partecipare e ridurre così la contesa nel PD a sole due persone. Quando il giochetto è stato reso pubblico da potenziali candidati alla presidenza regionale si è fatta marcia indietro applicando alle primarie di coalizione le soglie molto più basse previste per le primarie di partito.

E’ rimasta però in piedi la “coalizione” come se dal 2009 ad oggi non fosse cambiato lo scenario del centro sinistra. Una coalizione, diciamo così, un po’ asimmetrica, con il PD che alle ultime europee ha preso il 52,5 % e gli altri partiti (Centro Democratico, Scelta Civica, IDV, Verdi e PSI) che tutti insieme, al netto del PSI, non hanno raggiunto il 2%. Con tutto il rispetto per la storia e la tradizione di alcuni di questi partiti è evidente che il candidato alla presidenza della Regione Emilia Romagna non potrà che essere espresso dal PD. Sono i numeri a dirlo.

A cosa serve dunque questa “coalizione” che poteva benissimo essere fatta dopo le primarie, una volta individuato il candidato PD alla presidenza? Dal punto di vista dei solerti cucinieri del caminetto ad un solo scopo: evitare che si facciano le primarie anche per i candidati al consiglio regionale. Il ragionamento che viene propinato come plausibile e auto evidente è il seguente: se le primarie per il candidato presidente sono primarie di coalizione lo stesso giorno non potranno tenersi primarie di partito.

E infatti ecco che puntuale viene inserito, nel regolamento approvato il 12 agosto dalla “coalizione”, un comma ad partitum che stabilisce che “non si possono tenere nello stesso giorno primarie organizzate da partiti del centro-sinistra” ben sapendo che due primarie a distanza di breve tempo sono difficili da organizzare e rischiano di essere disertate dagli elettori. Sorvolando sull’ipocrisia della formulazione, è evidente che la sindrome da caminetto per chi tira ancora le file negli organi del partito è dura a passare. Questo porta a pensare che la fase della rottamazione, soprattutto quella dei metodi di gestione interna delle decisioni, è stata archiviata troppo in fretta.

Perché il processo non rimanga a metà strada e la sindrome non torni a essere contagio, c’è bisogno che la base degli iscritti e degli elettori a favore del rinnovamento, che hanno dimostrato a più riprese di essere la stragrande maggioranza dentro il PD, si organizzi e faccia sentire forte la sua voce pretendendo che venga rispettato lo statuto per la selezione dei consiglieri regionali e contribuendo poi alla elezione di un presidente della Regione che rappresenti un chiaro e deciso segno di discontinuità con i metodi e le logiche di potere del passato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    14 Agosto @ 10.46

    trombato alle europee, e adesso non gli danno la possibilità di trovare una seggiola più comoda e meglio retribuita in regione, che cattivoni quelli del PD, peggio dei grillini.

    Rispondi

  • salamandra

    14 Agosto @ 09.58

    PD e' sigla di partito democratico. Non dubitiamo che il candidato verra' democraticamente scelto in base ai desideri di chi comanda.

    Rispondi

  • antonio

    14 Agosto @ 00.38

    la poltrona fa fare tante critiche, comunque pazienza prima o poi riuscirai a sederti

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva.

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"