12°

26°

Provincia-Emilia

La famiglia sul banco degli imputati

La famiglia sul banco degli imputati
Ricevi gratis le news
0

 

 

 

di Marco Severo

Sono sette le schede preparate dai ragazzi dell’Istituto comprensivo di Trecasali per l’inchiesta «Bulli di casa nostra». Ciascuna contiene un quesito teso a delineare, fra gli adolescenti di una parte della Bassa, il grado di conoscenza del bullismo.

Per diverse settimane gli alunni della Terza A hanno distribuito i moduli nei bar, negli oratori, nelle altre sezioni della scuola invitando 100 propri coetanei a rispondere alla domande.

Ne è emerso uno spaccato assai attendibile sul livello di conoscenza e consapevolezza dei giovanissimi riguardo alla questione: è più un sondaggio sulla percezione del bullismo, che un’indagine sul fenomeno: «Del resto è proprio dando la parola ai protagonisti - dice Aida Zenato, insegnante di Lettere e coordinatrice del lavoro - che si riesce a comprendere meglio le ragioni di un certo comportamento».

Lo ribadiscono anche Daniele e Filippo, due degli studenti di Terza A, che hanno curato il progetto: «Il bullismo - sottolineano - è parte del nostro mondo. Con questo intendiamo dire che noi ragazzi, che lo vogliamo o meno, ci troviamo ogni giorno a fare i conti con questo problema. Ecco perché ci interessa e ne siamo bene informati».

I quesiti proposti nelle schede della rilevazione sono: «Bullismo o microcriminalità?», «Identikit del bullo: come agisce, dove e quando», «Quali sono gli atti di bullismo più frequenti?», «Siete mai stati vittime, spettatori o bulli voi stessi?», «Perché tanti fanno i bulli?», «Quando i genitori sono responsabili?», «Come deve intervenire la società?».

Oltre alla capacità di discernere fra bullismo e piccolo atto delinquenziale - il 73 per cento degli intervistati sa distinguere fra un gruppo di ragazzi che allaga la scuola e Alessandro che, invece, ogni giorno deve dare dei soldi a Piero se non vuole essere picchiato - a impressionare è forse la serie di risposte che riguardano i luoghi nei quali il bullo preferisce agire.

Il 52 per cento degli interpellati ha infatti risposto «a scuola», il luogo in teoria più sicuro e affidabile.

«Il risultato che fa pensare maggiormente - evidenziano Omar e Pier Giuseppe - è quel 52 per cento che riguarda gli episodi di bullismo a scuola. E’ vero che noi ragazzi passiamo in aula e nei corridoi molto tempo, ma è anche vero che lì ci sono tanti adulti, i quali possono vedere ciò che facciamo. Se i bulli agiscono proprio lì è forse perché sanno che se vengono pescati con le mani nel sacco al massimo dovranno ascoltare una bella ramanzina».

«Questo, secondo noi - dicono i ragazzi della terza A di Trecasali - non solo toglie loro la paura di essere presi, ma anzi accresce la voglia di "sfidare gli adulti"».

Significativi anche i riscontri sulle responsabilità dei genitori: «Il dato che più colpisce - riflettono Federica, Francesca, Arianna e Ramanpreet - è il 67 per cento di preferenze che ha ottenuto l’opzione di risposta "quando non parlano con i propri figli". La maggior parte degli intervistati, quindi, pensa che il fatto di sentirsi trascurati dalla madre e dal padre sia causa di comportamenti sbagliati».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

The Cos-Fighters: in arrivo il secondo Albo del fumetto tutto parmigiano

tg parma

The Cos-Fighters: in arrivo il secondo Albo del fumetto tutto parmigiano Video

Avicii - Best moments live

MUSICA

Avicii, best moments live: i concerti più belli del dj svedese Video

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

serie tv

Arriva "Homeland 7" ma l'ottava serie sarà l'ultima

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

LA MOSTRA

"Il terzo giorno": foto-cronaca di un debutto

Lealtrenotizie

Fanno bere alcol a una bimba di 4 anni, denunciati

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia parmigiana denunciata per maltrattamenti

1commento

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

2commenti

viabilità

Terrore in tangenziale Nord: auto contromano in corsia di sorpasso

1commento

viale pasini

Parcheggio conteso: medico impugna spadino contro infermiere

2commenti

TRAVERSETOLO

Muore colpito alla testa da una fontana di cemento

Vigolante

Ladro in giardino, immortalato dalla telecamera

1commento

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

cosa fare oggi

Domenica al profumo di fiori e di prugnoli: l'agenda

INCIDENTI

Schianto in tangenziale nella notte: in quattro all'ospedale

ipercoop

"Scassina" le custodie anti-taccheggio e tenta il furto di videogiochi: denunciato

METEO

Caldo anomalo, 30 gradi in città

Centro Torri

Ruba bottiglie di liquore. Scoperto, se le beve

3commenti

Intervista

Mara Redeghieri: «Recidiva e resistente in piazza Garibaldi»

SALSO

Ex Tommasini, pronte cucine e laboratori per l'alberghiero

polizia

Il market dello spaccio? Installato nel greto della Parma. Cinque in manette Video

In tutto 13 arresti e oltre 65 chili di droga sequestrati

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

francia

Riapre il Mont Saint Michel. Ricercato un uomo che ha minacciato poliziotti

FURTI

Romano Prodi è dal Papa, i ladri svaligiano la sua casa a Bologna

SPORT

Calcio

Parma, tre punti costosi

MotoGp

Marquez penalizzato: da primo a quarto in griglia

SOCIETA'

social network

Avicii, l'ex fidanzata pubblica foto e chat su Instagram. La rabbia dei fan Foto

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

MOTORI

NOVITA'

Audi A7 Sportback: linea da coupé, qualità da ammiraglia

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover