11°

26°

Provincia-Emilia

2008 - I soldi della camorra a Medesano

Ricevi gratis le news
0

Gazzetta di Parma 7-6-2008

MEDESANO - Ora come ora erano rimasti solo gli spiccioli. Ma quel che è certo è che i soldi «sporchi» della camorra sono stati custoditi per anni anche a Medesano. «Sporchi» di estorsioni, usura, traffico di droga, e usciti dalle tasche di un clan - i Cava di Quindici, nell'Avellinese - protagonista di una lunga e sanguinosa faida con i rivali della famiglia Graziano. Creatore di un impero criminale difeso da una efficiente organizzazione militare, poteva contare su una struttura impermeabile a defezioni e collaborazioni con lo Stato e capace di imporre l'omertà ai cittadini.

Operazione «Tempesta» - Lo hanno scoperto i poliziotti delle Squadre mobili di Avellino e Napoli coordinati dalla pm della Dda partenopea Maria Antonietta Troncone. E la loro «Operazione tempesta» ha confermato i legami fra la criminalità organizzata del Meridione e le ricche regioni del Nord, utilizzate come «cassaforte» - anche tramite prestanome -per il riciclaggio dei proventi del traffico di droga e delle estorsioni. Il risultato della «Tempesta»? Una pioggia di ordinanze di custodia cautelare in carcere - in tutto 47 - eseguite nella notte tra giovedì e venerdì, due latitanti da rintracciare e - parallelamente - il sequestro di beni per un valore di circa 180 milioni di euro: aziende, società, immobili, conti correnti postali e bancari. Ed eccoli, i legami con il Parmense e il Piacentino.Poliziotti a Medesano e AlsenoIn una banca di Medesano è stato sequestrato un conto corrente che sarebbe intestato a Biagio Cava, il boss del clan in carcere da due anni, arrestato durante la guerra di camorra contro i Graziano. E un conto corrente è stato sequestrato anche alle Poste di Alseno. Entrambi ormai quasi all'asciutto, e forse tenuti aperti per avere una possibilità in più alla bisogna. Nella cittadina piacentina ieri mattina gli uomini della Squadra mobile hanno inoltre messo i sigilli ad un intero villaggio sulla collina di Colle San Giuseppe: sei palazzine, ciascuna con sei unità abitative, costruite negli anni Settanta e poi intestate a persone considerate vicine al clan. Disabitate da anni, avevano fatto da casa ad alcuni parenti stretti dei boss dei Cava. Ed evidentemente non è un caso se tra gli arrestati figura anche Salvatore Cava, fratello di Biagio e di Antonio, detto «Ndò Ndò». Salvatore negli anni Novanta era stato il primo ad arrivare a Piacenza, in soggiorno obbligato.

Lì aveva aperto una carrozzeria, chiusa alla fine degli anni Novanta, e poi si era spostato ad Alseno. Ma il sequestro delle villet-te non è una novità: erano già sottoposte a questa misura per ordine del tribunale. Il motivo? I costruttori non erano stati pagati. Ma il clan non sembra-va molto preoccupato dalla vicenda. Inferto un duro colpo al clan Le indagini erano iniziate nel 2003, e nel blitz della scorsa notte sono stati impiegati circa 300 agenti: l'Operazione «Tempesta» ha quasi azzerato i vertici e i gregari del clan, delegati dai capi storici Biagio e Antonio Cava (in carcere per singoli episodi di estorsione) alla gestione dell'organizzazione malavitosa. Ne sono convinti il pm napoletano Antonietta Troncone ed il questore di Avellino Antonio De Jesu. Protagonista negli anni scorsi di una lunga faida con i rivali del clan Graziano, già decimata dalle forze dell’ordine, l'organizzazione dei Cava aveva mantenuto quasi intatte le proprie strutture. Le indagini hanno consentito di far emergere finalmente un quadro unitario dell’associazione, che dal Vallo di Lauro, suo originario luogo di insediamento, è riuscita progressivamente ad espandersi ad Avellino e nel resto della provincia ed anche in ampie zone del nolano, con roccaforti a Palma Campania, San Paolo Belsito, Liveri, San Gennaro Vesuviano. E questo grazie soprattutto alle alleanze con il clan Fabbrocino, nella cui orbita il clan Cava si è sviluppato, e con il clan Genovese, operante nell’Avellinese, progressivamente assorbito dai Cava.

Oltre che in Emilia, ramificazioni sono emerse anche nel Lazio. Una struttura criminale capace di accumulare un rilevante patrimonio attraverso estorsioni, usura, appalti e traffico di droga. E questo, grazie a parenti e affiliati che in virtù di antichi vincoli fiduciari, all’interno dell’organizzazione svolgevano le più diverse mansioni, da quelle strettamente legate ai rapporti con i capi del clan a quelle prettamente esecutive. Delle 47 ordinanze di custodia cautelare eseguite, una decina sono state notificate a soggetti già detenuti. Due indagati sono riusciti a sfuggire alla cattura, e vengono attivamente ricercati. C.C

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Cina

FOTOGRAFIA

Le città del futuro e le case come alveari: la Cina "mai vista" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

INSERTO

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

Lealtrenotizie

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

RISSE NELLA NOTTE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

3commenti

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

Intervista

Carminati: «Tosca è una tavolozza perfetta»

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

FIDENZA

Svincolo killer, finalmente i lavori per renderlo sicuro

PARMENSE

Ancora sangue sulle strade: morti due uomini a Coltaro e Pastorello

In entrambi i casi, le auto sono uscite di strada

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

baseball

Un monte che fa sognare: Parma pareggia a Nettuno

tg parma

Mille persone a Corcagnano per ricordare Giulia Demartis Video

boretto

Spinto giù dalla finestra durante una lite: denunciato un 22enne residente a Parma

1commento

VERITA' CHOC

Il bimbo morto a 18 mesi aveva assunto metadone

5commenti

scomparso

Alla ricerca di Claudio: elicottero e squadre di terra a San Secondo e Cozzano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

2commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

SCRUTINIO

Elezioni in Molise: si rafforza il vantaggio del centrodestra

NEW YORK

Stop alle auto a Central Park dopo un secolo Video

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

SERIE A

Campionato riaperto: il Napoli batte la Juve ed è a -1

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover