21°

provincia

Valli Taro e Ceno, nasce l'Unione dei Comuni

A Borgotaro polemiche per la scelta di Varano come sede istituzionale: la minoranza ha abbandonato la seduta del consiglio. Il sindaco Rossi: «Con questa adesione rimaniamo la sede dei servizi della Regione». Otto i paesi coinvolti

I municipi di Borgotaro e di Varano

Municipio di Borgotaro e di Varano

Ricevi gratis le news
0

 

Franco Brugnoli
Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. 
Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.
Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». 
«Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». 
Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». 
Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».
Franco Brugnoli

 

Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». «Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Laura Pausini, cancellate le due date di Eboli: ha l'otite

oggi e domani

Laura Pausini cancella le due date di Eboli: ha l'otite

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

TELEVISIONE

E' iniziato il Grande Fratello Vip. Benedetta Mazza: "Cerco l'amore" Video

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

PGN

Ricordando... un'estate in piscina: foto da Campora

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

LA CURIOSITA'

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

di David Vezzali

3commenti

Lealtrenotizie

Massaggi

FIAMME GIALLE

Prostituzione: sequestrati 22 centri massaggi cinesi, 34 denunciati Foto

Identificate 25 ragazze cinesi. Il denaro era spedito in Cina via money transfer

5commenti

Fontevio

Choc anafilattico, vivo per miracolo. La farmacista: "Ecco come l'ho salvato" Video

16 novembre

Le "stelle" illuminano la città: per il terzo anno la Guida Michelin presentata a Parma

anteprima gazzetta

L'export made in Parma vola: +13% nel secondo trimestre

sport

D'Aversa: "Napoli fortissimo, ma nella vita niente è impossibile" Video

dopo 12 anni

Esproprio ex Federale: Comune costretto a pagare 1,6 milioni di euro

social

Il Parma viaggia verso Napoli (in treno): "selfone" di gruppo

INCIDENTE

Autocisa, un'auto si ribalta in galleria: i soccorsi arrivano (anche) in elicottero Foto

MODENA

Pugni e testate alla capotreno sul Bologna-Parma: denunciata 26enne

3commenti

CALCIO GIOVANILE

«Mio figlio col braccio rotto, ma nessuno ferma l'azione»

2commenti

PARMA

Sparano "per gioco" a un distributore e una finestra: denunciati tre giovani Foto

La pistola era ad aria compressa. La finestra è stata danneggiata. Sono intervenuti i carabinieri

MONTAGNA

Fungaiolo ferito in zona Prato Spilla

Il Soccorso alpino sta intervenendo

FONTANELLATO

Un cane in cerca del suo padrone vagava in A1: salvato dalla Polstrada

Il proprietario, un autotrasportatore di Alessandria, non si era accorto che il cane lo aveva seguito

1commento

CALCIO

Gobbi a Bar Sport: "A Napoli per tentare di fare punti" Video

VIABILITA'

Via Europa, il cantiere provoca il caos

7commenti

Via Emilia Ovest

Il ladro scappa. Ma lascia i documenti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il non-detto dietro la legge di stabilità

di Domenico Cacopardo

L'ESPERTO

Terreni comunali: quando è possibile l'usucapione

di Arturo Dalla Tana*

ITALIA/MONDO

Aggressione

"Violento predatore sessuale", condanna tra 3 e 10 anni a Bill Cosby, il papà de "i Robinson"

sicurezza

Abbandono bimbi in auto: via libera del Senato al ddl "seggiolini"

SPORT

Lega pro

Berlusconi compra il 100% del Monza. Galliani ancora al suo fianco

SOFTBALL

Collecchio Under 13, la fotogallery delle finali nazionali

SOCIETA'

Reggio

Disfunzione erettile, in Italia ne soffrono tra 3 e 5 mln

Napoli

"Lo sposo è scappato con i soldi dei regali". Scoppia una rissa al matrimonio

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Mazda CX-3 dà ancora fiducia al diesel