-0°

Arresti

In manette la banda delle cassaforti: nel curriculum 43 furti, soprattutto nel Parmense

Arrestati i responsabili di 43 furti compiuti tra le province di Parma, Reggio Emilia, Modena e Massa. L'inchiesta è partita dai carabinieri di Neviano

i carabinieri di neviano

I carabinieri di Neviano hanno portato avanti l'indagine

Ricevi gratis le news
2

Tutto è partito da una pistola. Quella rubata in una abitazione a Mozzano di Neviano e utilizzata poco tempo dopo a Modena, in un conflitto a fuoco tra poliziotti e rapinatori in cui morì uno dei banditi. E' quello il primo tassello del puzzle ricostruito dai carabinieri di Neviano con la collaborazione dei colleghi della Compagnia di Parma per arrivare a stringere il cerchio intorno alla banda delle cassaforti, 43 colpi in curriculum tra il Parmense, Reggio Emilia, Modena e Massa. 

Di tasselli ne mancano ancora (le indagini continuano), ma intanto questa mattina sono finiti dietro alle sbarre in dieci: Tiziano Barosi, Alfredo Amato, Gianluca Bianchi, Domenico Cordua, Rosario Falbo, Alan Grisetti, Alex Grisetti, Edy Truzzi, Elvis Truzzi e Giancarlo Truzzi. Si tratta di sette sinti, residenti in due campi nomadi della provincia di Reggio Emilia, e di tre cutresi e per tutti le accuse sono quelle di associazione a delinquere e furto aggravato. Le manette ai polsi di Barosi, 38 anni, si erano strette già nel marzo 2012, quando i carabinieri di Suzzara l'avevano sorpreso mentre tentava con tre complici il blitz alla Conad del paese mantovano. 

I carabinieri di Neviano, guidati dal maresciallo Danilo Melegari, si erano messi sulle tracce della banda nel 2010, dopo il "furto perfetto" in un'abitazione a Mozzano: i ladri erano entrati, avevano tagliato con un flessibile la cassaforte ed avevano fatto sparire gioielli e una pistola. "Quella" pistola, appunto. Erano subito apparsi professionisti, e nel corso dei mesi il copione si era ripetuto decine di volte, scegliendo obiettivi molto diversi: uffici postali, supermercati e case private i cui impianti d'allarme . se esistenti - venivano messi ko - con la schiuma. 
Nel Parmense avevano scelto - vuoi la comodità con Reggio Emilia... - soprattutto le direttrici della Pedemontana e della Via Emilia. Tra i colpi tentati e riusciti, quelli del gennaio del 2011 a Montechiarugolo e Traversetolo. Nel primo caso si erano portati via 10mila euro contentuti nella cassaforte dell'ufficio postale, nel secondo avevano preso di mira una villetta e soprattutto il suo "tesoretto" di contanti. Ma già nel dicembre 2011 la banda si era fatta notare: in una casa di Noceto il "solito" taglio della cassaforte aveva fruttato 13 mila euro più una pistola. Andati a monte "in corso d'opera", invece, i furti al supermercato Conad di San Pancrazio e a quello di Monticelli. 
Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite questa mattina all'alba: insieme ai carabinieri di Neviano e della Compagnia di Parma, anche i colleghi reggiani e modenesi.

Guarda il servizio del TgParma


18 gennaio 2012 uffucio postale di Montechiarugolo
gli ultimi a Noceto, tatgliato cassaforte e 13 mila euro più pistola nel dicembre 2011, a San Pancrazio hanno temntato nel dic 2011 di rubare cassaforte Conad, a Traversetolo hanno tagliatio cassaforte in abuitazione e preso soldi nel gennaio 2012, nel dicembre 2011 hanno tentao di rubare la cassaforte del Conad di Monticelli. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • xxl

    20 Novembre @ 11.22

    nilus75

    ... certo che pagare per mettersi in casa i ladri è veramente da fresconi! Ora facciamo altre casette così possono arrivare i sostituti

    Rispondi

  • leone leo

    20 Novembre @ 11.12

    Li hanno già rilasciati? Magari con le scuse...................

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nadia Toffa, torno alle Iene con i miei capelli

TELEVISIONE

Nadia Toffa torna stasera alle Iene Video

robbie williams vs jimmy page

vicini-nemici

La lite Williams-Page continua con i decibel dei Black Sabbath (Per dispetto)

La stagione evento di Mangiamusica: le foto della serata “Attenti al Gufo” con Roberto Brivio

PARMA

La stagione evento di Mangiamusica: le foto della serata “Attenti al Gufo” con Roberto Brivio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Key West, buen retiro senza convenzioni

VIAGGI

Key West, buen retiro senza convenzioni

di Patrizia Ginepri

Lealtrenotizie

Ciclista caduto a Cabriolo: sul posto anche l'elicottero del 118

FIDENZA

Ciclista caduto a Cabriolo: sul posto anche l'elicottero del 118 Video

L'uomo ha riportato ferite di media gravità

APPELLO

Massacro di Natale, i giudici: «Alessio senza pietà, ma subalterno al padre ed educato al cinismo e alla violenza»

WEEKEND

Benedizioni degli animali, escursioni e falò: l'agenda della domenica

FELINO

Auto fuori strada a Poggio Sant'Ilario: gravi due ragazze

Soragna

Buttano i rifiuti in tangenziale ma il sindaco li fa multare

1commento

san leonardo

Auto in fiamme in via Milano La spaventosa sequenza video

FIDENZA

Chiusi fuori casa dai ladri

FIDENZA

È morto il professor Rossini

VIDEOSORVEGLIANZA

Il vicesindaco Bosi: «Palasport a rischio furti. Interverremo»

SAN POLO D'ENZA

Vende un cellulare online ma è una truffa: denunciato 49enne

Denunciato un 49enne di Napoli. La vittima del raggiro è un 35enne di San Polo d'Enza

SERIE A

Il Parma riparte col botto

COLLECCHIO

Addio a «Gigetto», casaro appassionato di moto

1commento

Intervista

Raphael Gualazzi: «A Parma torno sempre volentieri»

QUATTRO CASTELLA

"Il fantasma protegge il castello": il Bianello fra suggestione, storia e turismo Video-intervista

Sono tante le storie legate al maniero matildico. Parla l'assessore alla Cultura Danilo Morini

12 tg parma

A Parma il fenomeno "Momo": allarme sui cellulari dei giovanissimi Video

san polo d'enza

Intestano smartphone ad una persona morta da tempo: tre denunce

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il pasticciaccio del reddito di cittadinanza

di Domenico Cacopardo

3commenti

IL DISCO

Led Zeppelin I, quando la leggenda ebbe inizio Video

di Michele Ceparano

ITALIA/MONDO

Salento

Famiglia schiava del web: chiusi in casa per 2 anni e mezzo

IRLANDA

Autobomba esplode fuori dal tribunale a Londonderry

SPORT

Serie A

Inter, pareggio con il Sassuolo

20a giornata

La Roma batte il Toro 3-2 - La classifica

SOCIETA'

gran bretagna

Il principe Filippo (97 anni) torna alla guida dopo l'incidente

società

Lunedì arriva il blue monday, il giorno più triste dell'anno

MOTORI

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross

PROMOZIONE

Suv, l'offensiva "doppio zero" di Hyundai