17°

27°

Tizzano

Viaggio a Capriglio dove da nove mesi si vive nell'incubo

"Ho paura che la mia sala crolli nel vuoto. Se il fronte arretra, il paese sarà risucchiato".

La frana di Capriglio

La frana di Capriglio

Ricevi gratis le news
0

 

«A volte mi sembra di vedere la sala che si inclina sempre più, fino quasi a scivolare nel vuoto». E’ un incubo ad occhi aperti quello che racconta Carmela Certo. La sua casa, e la sua vita, sono sull’orlo del baratro da quel maledetto 6 aprile, quando la frana di Capriglio si è portata via le certezze – ma anche il sonno – degli abitanti della Val Bardea. E in effetti basta fare un giro nelle frazioni di Pianestolla e Capriglio, entrambe a ridosso della frana, e bussare alle porte dei suoi abitanti per capire, dalle poche parole e dagli stati d’animo che decidono di affidare al taccuino di un giornalista, che la loro vita è cambiata per sempre nello stesso momento in cui i 15 milioni di metri cubi di terra hanno iniziato il loro viaggio verso valle, trascinandosi via case, capannoni e terreni.
Un incubo ancora più reale oggi che gli abitanti scorgono sulla loro terra nuovi e preoccupanti movimenti. Uno su tutti turba i loro sogni: qualcuno la chiama la frana «del bosco». Si tratta di una lunga frattura nel terreno che lacera la zona a valle della nuova strada della Val Bardea - a circa metà del suo percorso - realizzata dall’amministrazione comunale con i fondi della Regione per far fronte al quasi totale isolamento in cui versava Capriglio dopo che la frana si era portata via la strada che collegava la frazione a Lagrimone. «Circa un mese fa è partita una nuova frana che si stacca a ridosso della nuova strada e, passando sotto alcune case, arriva fino alla frana principale» spiega Egidio Bocchi, che nella frana ha perso tutti i suoi terreni, ma non la casa di Pianestolla, che si trova a una settantina di metri dal precipizio. «Ci fa paura - sottolinea Bocchi -: continuiamo a monitorarla e così facciamo con gli edifici».
«La nicchia di distacco ora ci sembra abbastanza stabile, molto meno invece tutto il versante a destra del corpo di frana. Come andrà a finire, però, nessuno lo sa» è la considerazione di Mario Pellegri, a cui la frana ha portato via la quasi totalità dei campi dai quali ricavava il fieno per le sue mucche.
Il problema vero, quello che minaccia la stabilità dell’intera valle è, secondo molti, l’enorme quantità di acqua di cui è imbevuto il terreno, e che con le piogge dei giorni scorsi è aumentata a dismisura. E in effetti, rivolgendo l’orecchio alla frana in una giornata di pioggia incessante, è impressionante il rumore che si avverte.
«Ora non è nulla, doveva sentire prima», precisa Bocchi, mentre Carmela confessa di aver pensato: «Con tutta quest’acqua, se non franiamo stasera non franiamo più».
Di acqua ne arriva tanta anche a valle, sotto il «famoso» ponte di Antria, per la cui stabilità tanto si è temuto questa primavera. Nulla però in confronto all’acqua che si registra a monte, e quindi qualcuno si chiede se non ci siano ancora infiltrazioni nel terreno che potrebbero indebolire ulteriormente il corpo di frana.
La paura che la colata di fango possa destabilizzare le arcate del ponte non è del tutto archiviata - «d’altronde il carico da 11 che lo minaccia non manca» spiega qualcuno – ma la situazione, qui, sembra essere relativamente sotto controllo. «Tutti i giorni qualcuno di noi va a controllare la situazione, non solo quella del ponte – spiega Guiscardo Galvani, marito di Carmela Certo ed abitante di Capriglio – ma non siamo tranquilli e rivolgendoci alla Regione ricordiamo che c’è ancora tanto lavoro da fare e allo stesso tempo chiediamo maggiore presenza sul territorio».
E’ un appello, quello rivolto a Bologna, condiviso da tutti: gli abitanti chiedono di essere informati sulle reali condizioni della frana e ammettono di sentirsi abbandonati dalle istituzioni, «eccezion fatta per il sindaco di Tizzano, Amilcare Bodria, che si è davvero dato da fare e ci è stato vicino in questa emergenza, così come i volontari della Croce Rossa» precisano.
«Stiamo aspettando ulteriori interventi – conclude Massimiliano Manici, la cui casa di Capriglio si affaccia sulla grande frana – ma a distanza di 9 mesi non c’è ancora un progetto per la salvaguardia del paese. La mia preoccupazione è che la frana possa arretrare e il paese, trovandosi senza un “piede” che lo sostenga, venga risucchiato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

Lealtrenotizie

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

SEXY RICATTO

L'hacker: «Frequenti siti porno, ora paga»

Verdi Off

Danza verticale e giochi di luce: pubblico con il fiato sospeso in piazza Duomo Foto Video

Emergenza

Droga: consumatori insospettabili e sempre più giovani

WEEKEND

Tra street food in Ghiaia, sport in Cittadella e mercatini: l'agenda del sabato

Montechiarugolo

Addio a Carboni, il sindaco che amava la sua terra

Meteo

Settembre da record: dall'11 al 20 i giorni più caldi in 140 anni. E la pioggia non arriva

Colorno

Tortél Dóls: ora è guerra tra confraternita e sindaco

COLLECCHIO

Polemica sui bus vecchi, il Comune: «In arrivo nuovi mezzi»

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

CRAC

Spip, chiesti 2 anni e 10 mesi per Buzzi. Frateschi e Costa rischiano 2 anni e mezzo

Scuola

Cattedre vuote: a Parma mancano 1.260 insegnanti. E 300 bidelli

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

L'ESPERTO

Lavoro all'estero: il requisito dei 183 giorni

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

cosenza

Parroco vende oro della Madonna delle Grazie "per sanare i debiti della parrocchia"

SPORT

GOLF

Secondo giro del Tour Championship: Molinari in difficoltà

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"