18°

28°

BORGOTARO

"Distaccamento dei vigili del fuoco a rischio? Scelta irresponsabile"

Il ministero non garantirebbe più i costi di gestione. Venerdì un incontro in Prefettura. La preoccupazione dei sindacati dei vigili e dei sindaci

"Distaccamento dei vigili del fuoco a rischio? Scelta irresponsabile"
Ricevi gratis le news
1

Vi è grande preoccupazione a Borgotaro per un aspetto davvero molto serio, che riguarda la sicurezza di tutto il comprensorio. In un disegno di riduzione delle spese pare molto probabile) che il Ministero non garantisca più i costi di gestione delle sedi dei vigili del fuoco volontari. E Borgotaro ospita, com’è noto, proprio un Distaccamento: una struttura di prim’ordine, con oltre cinquanta vigili che svolgono questo servizio gratis. 

«Il nostro territorio, con le sue numerose fragilità e con la sua distanza da Parma, – ha detto il sindaco Diego Rossi, che ha scritto una lettera a tutti i suoi colleghi interessati (Albareto, Bedonia, Compiano, Bardi, Berceto, Tornolo e Valmozzola) – rischia di venire ulteriormente colpito, in un aspetto fondamentale, ovvero quello legato alla sicurezza, che è, per noi, la cosa di primaria importanza».
Il Prefetto di Parma Luigi Viana, che peraltro conosce bene questa struttura, ha espresso tutta la sua attenzione e disponibilità in tal senso: è stato indetto un incontro in Prefettura, venerdì alle 11, appunto per discutere di come affrontare questo grave problema.
Si tratta insomma di capire quali strumenti si possano mettere in campo, ma anche di ribadire l’importanza di un presidio così fondamentale ed insostituibile, a difesa di tutti i cittadini dell’intero territorio.
«Comunque nessuno a Borgotaro e nelle due vallate, – ha detto il sindaco Rossi – può soltanto immaginare una chiusura, una soppressione di un Distaccamento di questo tipo. Sarebbe davvero un’autentica pazzia».

_____________________________

 

FNS-CISL: "SCELTA IRRESOPONSABILE"
"L’articolo apparso sulla Gazzetta, e relativo alle preoccupazioni circa le sorti del distaccamento volontario dei Vigili del fuoco di Borgo Val di Taro, evidenzia come ancora una volta, il mero calcolo economico dei tagli dello stato possa mettere in discussione irresponsabilmente un servizio essenziale di soccorso alla popolazione come quello in questione". A dirlo è   Lucio Biggi, della Cisl.
"Il problema insorto è quello relativo al pagamento dell’affitto della sede che il Ministero dell’Interno paga alla cooperativa proprietaria, onere che a seguito della “spending revue”, si dovrebbe accollare il Comune ove è ubicata la sede.
Questo accade non solo a Borgotaro, ma purtroppo anche in altre zone del nostro paese. La volontà del Ministero rischia infatti di tradursi in un problema molto serio che potrebbe pregiudicare la sicurezza di tutti i cittadini che beneficiano della presenza dei Vigili del fuoco in quelle zone e non solo.
Il nostro territorio, con le sue fragilità, rischia di venire ulteriormente colpito in un aspetto fondamentale come quello della sicurezza e del soccorso pubblico, garantito dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
Questo non è quindi assolutamente accettabile anche da parte della nostra organizzazione ed è da anni che siamo impegnati nel ribadire e sancire la specificità del Corpo e quindi una diversa valutazione proprio rispetto a quei temi generali che oggi vengono chiamati in causa per alleggerire il bilancio dello stato, a scapito ovviamente del servizio.
Bene hanno fatto quindi i sindaci del comprensorio, in cui opera il distaccamento, a mobilitarsi in una giusta causa più che condivisibile che rischia di  compromettere il servizio che  la sede ed il suo personale svolgono nella Valtaro e non solo, così come risulta molto apprezzabile la disponibilità del Prefetto e del Comandante provinciale ad adoprarsi nella risoluzione del problema
insorto, alla ricerca di soluzioni ed ipotesi che possano ovviare a questa seria preoccupazione.
Le iniziative che sono state messe in campo, stanno infatti  a testimoniare l’importanza dell’esistenza da ormai 41 anni della sede (istituita nel 1973) da parte di chi materialmente amministra il territorio, rispetto agli interventi e ai benefici portati alla collettività in termini di sicurezza e soccorso, nonché rispetto alle connotazioni sociali che il servizio indiscutibilmente ha. La “spending revue” potrebbe quindi interessare anche la nostra provincia il cui territorio di competenza è il secondo in ordine di estensione nella regione Emilia Romagna, seconda solo a Bologna con 3449 kmq. , 47 comuni con una popolazione complessiva di circa 447.251 abitanti residenti, con un rapporto locale teorico tra vigili del fuoco e popolazione, ben lontano dalle medie europee che corrisponde a 1 vigile del fuoco ogni 3020 abitanti circa, dato che renderebbe necessaria ed opportuna l’apertura di nuove sedi distaccate per aumentare la presenza e la capillarizzazione sul territorio provinciale.
Quindi piuttosto che chiudere le sedi dei Vigili del fuoco, occorrerebbe aprirne delle altre laddove ovviamente servono, per poter essere più celeri nel portare soccorso alla popolazione.
Diversi anni addietro, vennero individuati come necessari per la nostra provincia alcuni distaccamenti sia permanenti che volontari, atti a creare una maggiore capillarità e presenza sul territorio. Come non pensare infatti ad un distaccamento permanente a Fornovo Taro e ai distaccamenti volontari programmati nelle zone più distanti dalle sedi attuali, con particolare riferimento alle zone montane del nostro appennino , dove però si registra una certa difficoltà e lentezza nella loro pratica realizzazione, anche in considerazione di vari fattori antropologici e abitativi legati a quei territori, oggi drammaticamente colpiti dai numerosi dissesti idrogeologici che ne stanno devastando il territorio e dove pertanto dovrebbe esserci una presenza costante dello stato, anche per ciò che riguarda il soccorso pubblico e la protezione civile.
L’impegno di uno stato moderno deve essere anche quello di garantire alla popolazione un servizio adeguato di soccorso pubblico e protezione civile per accrescere anche quegli aspetti legati alla sicurezza della popolazione e del territorio, che spesso vengono inglobati non nei servizi pubblici essenziali, ma più genericamente nella spesa pubblica e quindi soggetta a generici tagli di spesa, che stridono ed incidono negativamente sulla qualità della vita dei cittadini.
L’esempio di ciò che sta accadendo al distaccamento di Borgotaro e non solo, non è altro che una delle assurde conseguenze che grazie alla poco attenta gestione del Corpo, in termini politici e tecnici, ha portato oggi ad assumere orientamenti a dir poco irresponsabili poiché le ripercussioni le subiranno come al solito i cittadini che richiederanno il nostro intervento, fruitori finali del nostro servizio."

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Federico

    24 Febbraio @ 00.06

    l italia sta andando a rotoli non gliene frega più niente a nessuno

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

anteprima gazzetta

"Visiti siti porno, paga o diciamo tutto": anche a Parma la truffa on line del momento

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio Le foto

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

consorzio di tutela

Bertinelli: "Troppo falso Parmigiano vogliamo una 'legge autenticità' "''

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

GAZZAREPORTER

Rudo a gogò!

Lo sfogo di un lettore in pieno centro

LA POLEMICA

Sagra della Croce, pochi bagni chimici a Collecchio

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

VOLLEY

L'Italia travolge la Finlandia nel primo match della seconda fase

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

SOCIETA'

hi-tech

Debutta il nuovo iPhone. Fan in coda, ma meno che in passato

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"