16°

29°

Provincia-Emilia

Calestano - Scambio di polemiche

Ricevi gratis le news
0

(Gazzetta 26-4-09)

Maghenzani: noi, la sorpresa  - di Cristina Pelagatti

Giuseppe Maghenzani, durante il Consiglio di lunedì ha scelto il silenzio, affidando ad un documento l'uscita dalla maggioranza e l’annuncio della propria candidatura a sindaco. «Che tacessi nel corso di un Consiglio non era mai accaduto in 10 anni - ha spiegato Maghenzani -: è stato un gesto d’affetto verso quella maggioranza a cui non ho mai voltato le spalle né votato contro. Ho evitato, anche dopo le mie dimissioni da assessore, di passare all’opposizione, cosa che mi avrebbe sicuramente semplificato la vita». Maghenzani, 55 anni, due figli, lavora come consulente di comunicazione aziendale e copywriter ed è presidente del Consorzio qualità tipica Valbaganza. D’origine parmigiana ma residente a Fragno dal 1992, è sempre stato attivo in politica e nel volontariato. Diplomato al Romagnosi, ha ripreso gli studi 3 anni fa ed è prossimo alla laurea in filosofia. Fondatore della Margherita a Calestano, è ora iscritto alla sezione del Pd locale e sarà il candidato della «Lista della Comune Identità», che nasce da un progetto civico portato avanti da persone di diversa estrazione culturale e politica. «Siamo stati in due a pensare insieme, un anno e mezzo fa, di fare una lista civica per Calestano: io, di centrosinistra, ed il mio amico Fabrizio Pavesi, di centrodestra - spiega -. Abbiamo adottato lo stesso criterio con gli altri candidati, anteponendo all’appartenenza politica la condivisione di programmi e valori. Sarà una lista che sorprenderà tutti, per il «salto generazionale» che è stata capace di attuare e per le novità del programma». Consigliere comunale di maggioranza da 10 anni, Maghenzani commenta così la sua decisione di passare all’apposizione come consigliere autonomo: «La mia contestazione è tutta rivolta al metodo con cui il sindaco ha portato avanti questo suo secondo mandato, alla mancanza cioè di confronto con i suoi stessi assessori, non ultimo il rifiuto di avvalersi di una Commissione urbanistica, l’unico strumento in grado di concepire uno sviluppo sostenibile e lungimirante per il nostro territorio. Da lunedì sera il comparto produttivo di Piana delle Cascine non esiste più nella sua sostanza, avendo il Consiglio votato la variante che trasforma tale lottizzazione da produttiva a produttiva-commerciale-residenziale. Si va a creare così un comparto ibrido, una mescolanza di destinazioni d’uso in cui si abita ma anche si fabbrica, si fanno uffici ma anche negozi. La cosa più grave è che né Ascom né Confesercenti erano a conoscenza degli specifici connotati di tale variante; né, tantomeno, ne erano a conoscenza gli esercizi commerciali e ricettivi del Comune». Maghenzani risponde alle dure critiche di Abelli apparse a mezzo stampa: «Abelli mi ha insultato pesantemente sul piano personale, non politico, ma è stato proprio lui che mi ha voluto per due legislature consecutive e mi ha affidato in passato deleghe fra le più rilevanti per complessità di temi (Consorzio Valbaganza, tartufo nero di Fragno, commercio, attività produttive, agricoltura, sviluppo del territorio). La maggioranza mi ha scelto poi, sempre per due legislature, come vonsigliere di Comunità Montana. La verità è che ho evidenziato diversi anni fa, palesi lacune, ho spinto temi e proposte che il sindaco non ha condiviso, troncando ogni possibilità di confronto. Per questo mi sono dimesso. Abelli sempre più preferisce decidere da solo, come tutti i calestanesi possono constatare». Maghenzani conclude augurando un buon lavoro all’«avversaria» Maria Grazia Conciatori. «E' notorio che il sindaco Abelli avrebbe gradito un terzo mandato e qualora non fosse passato per legge, avrebbe scelto un candidato a lui congeniale per poter di fatto continuare a fare il sindaco per interposta persona. Desidero quindi inviare un abbraccio e un augurio a Maria Grazia per la posizione in cui si troverebbe». Candidato Maghenzani

(Gazzetta 8-9-09)

La Conciatori replica all'avversario

Il candidato sindaco Maria Grazia Conciatori non ha gradito le parole del candidato «concorrente» ed ex collega di lista Giuseppe Maghenzani. Maghenzani, qualche giorno fa, dalle colonne della Gazzetta aveva inviato un augurio di buon lavoro alla Conciatori, che definiva in una situazione difficile, affermando che Filippo Abelli avrebbe gradito un terzo mandato, ma non essendo possibile per legge, avesse scelto un candidato dietro al quale continuare a tessere le fila dell’amministrazione calestanese. «Le parole del candidato Maghenzani, potrebbero essere considerate come una delle tante offese denigratorie dell’avversario che si moltiplicano nei periodi pre elettorali - ha commentato Conciatori -: credo però di dover rispondere ad affermazioni gratuitamente lesive della mia dignità personale e non veritiere». La Conciatori ha sottolineato come la candidatura le sia stata offerta «non solo dal sindaco Abelli, ma dall’intera giunta». «Ho riflettuto a lungo sulla proposta - ha evidenziato - in quanto l’incarico per me significa non tanto ostentare in pubblico la fascia tricolore, ma profondo impegno e responsabilità verso la collettività ed il territorio comunale. Nel quinquennio che sta per terminare ho potuto svolgere il mio incarico di consigliere in un clima di collaborazione e dialogo con il sindaco ed il mio gruppo di appartenenza, per questo, ben consapevole delle mie scelte, ho ritenuto di chiedere a sindaco stesso di affiancarmi e collaborare. Sarebbe stato sciocco buttare esperienza, capacità e competenze ben dimostrate sul campo dagli amministratori». La Conciatori ha voluto riaffermare, anche a nome della giunta in carica, la sintonia tra sindaco e assessori negli anni di amministrazione: «Non si può pensare che tra sindaco e giunta non vi siano state fiducia, concordia e collaborazione. Se non fossero esistite l’azione amministrativa sarebbe stata paralizzata e non sarebbero stati raggiunti i risultati che han fatto compiere al nostro comune un salto di qualità. L’aver avuto piena fiducia dalla maggioranza del consiglio comunale - ha affermato concludendo la candidata sindaco - e l’aver chiesto collaborazione, non credo facciano di me “una interposta persona”: è questo un ruolo che non mi si addice e che non mi è mai stato richiesto. Gli elettori potranno constatare la fondatezza delle mie parole se daranno fiducia a me ed alla mia lista «Viva Calestano». Desidero comunque contraccambiare l’abbraccio e l’augurio a Giuseppe». La sfida a tre a Calestano vedrà di fronte oltre a Giuseppe Maghenzani e Maria Grazia Conciatori anche Fulvio Calzolari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

compleanno

Bruce Springsteen, oggi il Boss compie 69 anni

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

TELEVISIONE

"Fiorire d'inverno": Nadia Toffa si racconta in un libro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cime tempestose di Kate Bush

IL DISCO

Le cime tempestose di Kate Bush

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

DOMENICA 1

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

incidente

Auto finisce nel canale: un ferito grave a Polesine

incidente

Schianto a Vicopò: viabilità nel caos, si attivano i residenti (che protestano)

1commento

anteprima

Una domenica di incidenti sulle strade (e non) del Parmense

Triathlon

Stratosferico Zanardi: record mondiale arrivando quinto (battendo 3mila normodotati)

evento

70 anni di Uisp: lo sport "esplode" in Cittadella Le foto

Oltretorrente

Oltretorrente, la notte di "Zorro": compaiono (e poi spariscono) le figurine di pusher e clienti Foto

7commenti

meteo

L'autunno debutta col caldo, ma da martedì temperature in calo

Ghiretti insultata sul web

Giulia: «Volate oltre l'odio»

5commenti

viabilità

Chiuso per un giorno il Ponte sul Taro. Ponte sul Po Boretto-Viadana, possibili sensi unici alternati

1commento

WEEKEND

Il saluto all'estate? Pic-nic a castello, sport e profumo di porcini: l'agenda

LUTTO

Addio a Elide La Vecchia, poetessa anarchica e gentile

Denuncia

I cacciatori: «Aggrediti dagli animalisti»

12commenti

Via d'Azeglio

Blitz nei kebab, i commercianti: «Avanti così».

6commenti

FIDENZA

Anziano stroncato da un infarto al cimitero

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta - Mini budini salati

ITALIA/MONDO

terrore a chieti

Violenta rapina in villa: tagliato il lobo dell’orecchio alla donna, «Peggio di Arancia Meccanica»

Reggio

Si schianta il deltaplano. Due feriti. Donna ricoverata al Maggiore

SPORT

Pallavolo

La Polonia è l'ultima qualificata della Final-Six

5a giornata

Ancora Ronaldo: Juve a punteggio pieno. Roma ko, Milan pari. E quel Parma lì... Risultati, classifica

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante a Pratospilla

TENDENZE

Nuovi alimenti: presto i primi prodotti sul mercato. Ma non vedremo i grilli nel piatto

MOTORI

SERIE SPECIALE

La Mini Countryman imbocca... Baker Street

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno