13°

25°

Provincia-Emilia

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»

Il Tar: «Il centro Cavanà deve rimanere chiuso»
Ricevi gratis le news
1

di Georgia Azzali
Resta chiusa la comunità «Cavanà». Il Tar, con  decreto firmato dal presidente Luigi Papiano, ha respinto l'istanza di provvedimento cautelare presentata dalla società  «La Balena» che gestisce la residenza psichiatrica chiusa dal sindaco alla fine d'aprile. Porte sbarrate dopo l'arresto del direttore sanitario, Ron Shmueli, accusato insieme ad altri sette collaboratori di aver iniettato farmaci «a scopo punitivo e non terapeutico» ai ragazzi ospitati nel centro.
Un primo no del tribunale amministrativo,  che ha già fissato  per il 9 giugno l'udienza in cui verrà trattata in via ordinaria l'istanza dei responsabili del «Cavanà».  Fatto sta che    secondo il Tar non c'erano i presupposti d'urgenza per sospendere l'ordinanza del sindaco di Pellegrino: «Considerato che gli interessi pubblici  che l'atto impugnato intende tutelare devono prevalere  su quelli privati di parte ricorrente, respinge l'istanza». Tradotto:  il tribunale ha ritenuto che venga prima  la tutela dei ragazzi ospiti del «Cavanà» rispetto  alle esigenze dei gestori della struttura  che  vorrebbero far ripartire al più presto l'attività della struttura. 
L'aveva  messo nero su bianco il 24 aprile scorso, il sindaco Roberto Ventura: stop all'autorizzazione  per il «Cavanà». E trasferimento dei ragazzi, molti dei quali minorenni,  in altre strutture. Uno spostamento che è stato completato nei giorni scorsi.
Provvedimento «obbligato» da parte del sindaco, dopo l'arresto - il 15 aprile - di Shmueli e la  messa sotto accusa dei suoi collaboratori. Ripetuti maltrattamenti, iniezioni di farmaci ai ragazzi «contro la loro stessa volontà e senza un'acclarata motivazione clinica». Ingiurie, come «bagascia, ciccione, mongoloide». E «un sistema di controllo meramente contenitivo-punitivo degli ospiti». Parole pesanti scritte nel capo di imputazione: concorso in maltrattamenti che avrebbero creato gravi lesioni.
Ron Shmueli, 54 anni, direttore sanitario di «Cavanà» continua a respingere ogni accusa: dopo la revoca degli arresti domiciliari, ora ha l'obbligo di dimora nel comune di Zoagli, in cui risiede.
Accuse gravissime  nei confronti del responsabile della comunità per giovani con problemi psichici, ma anche per i sette suoi collaboratori indagati a piede libero sempre per maltrattamenti: «Coloro che operavano all'interno della comunità non solo osservavano le direttive del direttore sanitario - scrive   il gip Paola Artusi nell'ordinanza di applicazione della misura cautelare - ma sembrano condividerle, laddove la somministrazione delle terapie farmacologiche era divenuta anche un mezzo di controllo e di punizione... e tali terapie venivano sollecitate e richieste a mezzo telefono al direttore sanitario direttamente dagli operatori presenti».
L'inchiesta, condotta dal Nas di Parma e coordinata dal pm Francesco Gigliotti, era  partita  dalle dichiarazioni di Lorenzo Vecchi, l'ex educatore che il 15 maggio 2008 presentò un esposto in procura per denunciare il sistema delle «fialature» - le iniezioni a cui sarebbero stati sottoposti i ragazzi anche contro la loro volontà - e altre presunte violenze fisiche e psichiche.  Fatti che, secondo il gip, trovano riscontro anche nelle parole di altri ex collaboratori della struttura, ma anche di un'insegnante della scuola media di Pellegrino frequentata da alcuni ragazzi.
C'è la parola di chi ha visto, ma è stata  la consulenza tecnica disposta dal pm a convincere il gip che i farmaci venivano somministrati al di là delle motivazioni cliniche. «Una funzione terapeutica - scrive il giudice - è esclusa non solo dalle motivazioni che hanno accompagnato tali somministrazioni..., ma anche dal giudizio tecnico reso dal professor Piccinini. Circa l'utilizzo delle medicazioni intramuscolo con violenza e contro la volontà dei pazienti, il consulente del pm conclude assumendo che un tale comportamento “costituisce un fatto gravissimo per i potenziali effetti negativi sul piano terapeutico e sull'evoluzione del quadro clinico”».
Da una parte l'inchiesta, che non è ancora stata chiusa. Dall'altra, il fronte amministrativo.  E una certezza: per ora il «Cavanà» deve rimanere chiuso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fulvio Fanelli

    31 Maggio @ 13.23

    Esprimo la mia solidarietà, totale e incondizionata, ai sette colleghi educatori, che sono indagati a piede libero, nella vicenda della comunità "Cavanà". Parlo di me stesso, non so di preciso cosa succedeva al Cavanà: faccio l'educatore e sono 26 anni che lavoro con utenti e situazioni come quella di Pellegrino, non ricordo più nemmeno quante volte ho applicato, e poi anche condiviso pubblicamente, metodologie e sistemi punitivi/rieducativi che intimamente valutavo negativamente, questo per adeguarmi alla struttura in cui operavo, per integrarmi coi colleghi, con i responsabili del servizio, ecc. Al lavoro ci sono cento motivazioni per fare una cosa, codificata e definita dall'equipe di lavoro, anche se non la si approva, poche invece sono le ragioni per mettersi in un'ottica di ribellione e di intralcio all'operato dei colleghi e quindi fare poi pesare la situazione ai ragazzi. Se questo ragionamento è valido per la mia intera carriera, è ancora più giusto rilevare che nei primi anni di lavoro, l'immaturità, la mancanza di cultura professionale, l'assenza di formazione, le esigenze pressanti di prendere molte decisioni in poco tempo e con pochi riferimenti d'azione, mi hanno portato ad applicare sistemi di intervento, che col senno di poi si sono rivelati a dir poco "moralmente discutibili", ma di cui ho capito solo la portata con diversi anni di ritardo. Tutto questo, ovviamente, con l'assoluto scopo di operare per il bene dei ragazzi. Detto questo, se uno è un educatore, non può non sentire un senso di profonda ingiustizia subita e solidarietà verso chi è indagato e posto sotto i riflettori per quanto successo a Pellegrino, comunque vadano a finire le cose. Un caro saluto ai colleghi, che non conosco, con la speranza che tutto si risolva in poco tempo e bene.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paola Di Benedetto dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo

TELEVISIONE

Sexy Paola dall'Isola al Grande Fratello: faccia a faccia con il suo ex Matteo Foto Video

Mostra Sex & revolution

FOTOGRAFIA

"Fate l'amore!": dai "massaggiatori" ai film porno, la rivoluzione sessuale passo per passo Video Foto

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

Foto dal profilo Twitter di Shalpy

TELEVISIONE

Shalpy fa polemica con Fabio Fazio: "Mi invita ma non mi fa cantare"

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

IL VINO

Il «Troccolone» di Capitoni, il Sangiovese della festa

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

INCHIESTA

Affitti, a Parma sono ancora tanti quelli che non pagano

1commento

MUSICA

Concerto del 25 Aprile, piazza Garibaldi si accende con i Baustelle Le foto

1commento

Via Farini

Ladro di cellulari incastrato dall'app

TRUFFA

Vende il camper, ma gli rifilano un assegno falso da 30mila euro

2commenti

Hobby

Pezzali e i trattori, storia di un amore

PARMA BASEBALL

400 giocatori in 60 anni di storia

Lutto

Addio a Sergio Alfieri, il partigiano «Felice»

INTERVISTA

Andrea Carè: «Davanti a Pavarotti mi tremarono le gambe»

Intervista

Jack Savoretti: «Fiero delle origini italiane»

evento

28 aprile (1 maggio) in Pilotta torna lo Street Food Festival

tg parma

Azzannata da un pitbull e insultata per il velo: la denuncia di una donna a Parma Video

La proprietaria del cane se n'è andata dopo il violento episodio

3commenti

fidenza

Si sente male mentre è alla guida e provoca incidente: gravissimo 67enne

borgo gallo

L'accumulatore seriale ha «ridotto» così il palazzo in centro: le foto Video

1commento

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

25 APRILE

In 5mila in piazza Garibaldi. I Baustelle sul palco

politica

25 Aprile, Pizzarotti e "quei parlamentari che non hanno partecipato al corteo..."

Cavandoli: "Entrambe le parti erano mosse da motivazione valide e giuste"

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il 25 aprile e la memoria perduta degli italiani

di Michele Brambilla

LA BACHECA

Ecco 20 nuovi annunci per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

stranieri

Falso matrimonio a Imperia per avere permesso di soggiorno

CAMERINO

Dopo la condanna per abusi assume un mix farmaci: morto prof di Anatomia

SPORT

CHAMPIONS

Il Real Madrid sbanca Monaco: 2-1 al Bayern

PARMA CALCIO

Verso Vercelli: Vacca torna in gruppo, si lavora per il recupero di Scavone Video

SOCIETA'

COPENHAGEN

Ergastolo all'inventore del Nautilus per l'uccisione della reporter

Gallery sport

Sbk di nuovo a Imola. La madrina? Aida Yespica Fotogallery

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Mercedes Classe A: come uno smartphone

2017: IL SORPASSO

La CO2 emessa dai benzina supera quella dei diesel

1commento