19°

30°

Provincia-Emilia

Legambiente: "I torrenti Parma, Crostolo e Lambro sono gli affluenti del Po più inquinati"

Legambiente: "I torrenti Parma, Crostolo e Lambro sono gli affluenti del Po più inquinati"
Ricevi gratis le news
2

«Operazione Po», la campagna di Legambiente per la tutela e la valorizzazione del fiume e dei territori rivieraschi, ha presentato i dati dei rilevamenti fatti dalla sorgente fino a Revere (in provincia di Mantova). I dati mostrano un graduale miglioramento della qualità delle acque. Ma il Po si presenta ancora come terra di confine, assediata dall’illegalità e dalle ecomafie.
Lo annuncia la stessa asssociazione ambientalista, in una conferenza stampa a Boretto.
«Il Po è il più importante e sfruttato fiume d’Italia - ha detto Massimo Serafini, portavoce di Operazione Po - ma su di esso non mai stata realizzata una politica unitaria e convincente: si è così assistito alla proliferazione di enti ed istituzioni che con scarsi risultati cercano di far fronte alle piene e ai momenti di scarsa portata. “Operazione Po” ha come obiettivo l’avvio di misure concrete che affrontino decisamente i problemi del grande fiume a partire dall’avvio delle azioni necessarie a tutelare la sicurezza idraulica delle città e dei paesi situati sulle sue sponde e a perseguire il risanamento e la qualità delle sue acque, nonché la valorizzazione delle grandi risorse naturali, paesaggistiche, culturali che possono sostenere la rinascita economica e garantire un futuro migliore per le popolazioni rivierasche.
Gli inquinanti di origine antropica, gli scarichi derivanti da insediamenti produttivi, dall’agricoltura e dalla zootecnica rendono ancora lontana la realizzazione del nostro sogno: quello di vedere il Po nuovamente balneabile. Non si tratta di un sogno impossibile, ma è necessario un maggiore sforzo per migliorare i sistemi di depurazione degli scarichi, industriali e civili, ed un particolare impegno per affrontare il problema dei reflui zootecnici».

L'analisi dei dati dei rilevamenti fatti in collaborazione con i tecnici della Struttura Oceanografica Daphne dell’Arpa Emilia-Romagna e il confronto con i dati rilevati lo scorso anno in condizioni di portata sostanzialmente equivalenti mostrano un lento ma graduale miglioramento della qualità delle acque, ma il vero problema sono ancora gli affluenti, che continuano a riversare nel corso principale i loro carichi inquinanti (fosforo e azoto).

«I dati rilevati dal Piemonte fino alle province di Reggio Emilia e Mantova - ha detto Giulio Kerschbaumer, biologo di bordo di Operazione Po - mostrano come i principali imputati siano gli affluenti del grande fiume, che riversano nel corso d’acqua i loro carichi inquinanti. Le distribuzioni dei valori del fosforo evidenziano tre picchi principali individuati infatti nel fiume Lambro, nel torrente Parma e nel Crostolo, mentre i restanti valori si attestano su concentrazioni molto inferiori».

La conferenza stampa è stata l’occasione per denunciare varie forme di illegalita: «Emerge sempre più come il fiume sia terra di frontiera - ha detto Massimo Becchi, dell’ufficio di Presidenza di Legambiente Emilia-Romagna - lo avevamo già visto con le escavazioni abusive di sabbia in cui la mancanza completa di controlli ha permesso per anni di asportare dall’alveo del fiume milioni di tonnellate di inerti. Per lo stesso motivo attualmente sul fiume è avvenuta una vera e propria lottizzazione attuata soprattutto dai tedeschi che affittando barche e posti letto nei loro campeggi si sono spartiti il lucroso mercato della pesca del siluro. Viene imposta una tassa ai loro connazionali che vengono anche autonomamente sulle sponde del Po. A questo si affianca una cattura indiscriminata e illegale di numerose specie ittiche tra cui appunto il siluro che vengono commercializzate soprattutto all’estero».

«L'Emilia-Romagna anche nel rapporto Ecomafia 2009 si conferma come una regione sotto attacco della criminalità ambientale - ha concluso Antonio Pergolizzi - Si segnalano infatti fenomeni di racket e controllo sempre più pesante in particolare del mercato edilizio, con moltissime aziende titolari di appalti e subappalti sottoposte a infiltrazioni e pressioni criminali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sergioker

    05 Settembre @ 19.49

    Che schifo, ormai nel canale Naviglio di Parma (che si getta nella Parma) non c'è più nessuna forma di vita, a cominciare dai batteri da tanto è inquinato. La città e i suoi tecnici, geometri ed ingegneri dovrebbero vergognarsi di continuare a progettare... Abbiamo il Lambro pre-depuratore di decenni fa.

    Rispondi

  • riccardo

    05 Settembre @ 14.43

    Ma l'Arpa cosa fa? L'unica soluzione sarebbe quella di mettere del cemento rapido nelle tubature che scaricano nella parma e nei vari fossi della pianura...così la "cacca" torna al legittimo proprietario.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asia Argento

GOSSIP

Asia Argento, compleanno con ringraziamento a X Factor. Riammessa?

Corona: in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

MILANO

Corona: (in tribunale con il figlio) in appello pena ridotta da 1 anno a 6 mesi

Lory Del Santo

Lory Del Santo

dramma

Lory Del Santo: "Mio figlio Loren si è tolto la vita"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Verdi Off - La danza verticale “Full Wall” e l'installazione “Macbeth”

SPETTACOLI

Verdi Off - La grande notte in piazza Duomo Tutti gli appuntamenti

Lealtrenotizie

Parma attiva il piano regionale. Stop alle auto più inquinanti

Qualità dell’aria

Parma attiva il piano regionale: da ottobre a marzo banditi anche i diesel euro 4

12 TG PARMA

"Svuotato il conto dalla sera alla mattina": la testimonianza del pensionato truffato Video

Varano

E' l'ora della Dallara Academy: due piani di storia, idee e futuro Gallery

ricordo

In tutte le librerie Feltrinelli, il valzer del Gattopardo dedicato a Inge Video: Parma

Dopo il blitz

Residenti e commercianti: «Via Bixio non è una strada di spacciatori. C'è gente tranquilla e belle botteghe»

7commenti

sicurezza

Pd: "Fondi per le periferie, scippo del governo". M5S: "Progetti esecutivi garantiti"

SICUREZZA

Nuove videocamere e altri 7 vigili urbani

2commenti

12 TG PARMA

Incendio a Fontanellato: non si esclude l'origine dolosa del rogo Video

Vigatto

Emergenza viabilità, tangenziale «rimandata»

3commenti

gazzareporter

Viale Vittoria, nuovi cartelli anti-spaccio Foto

1commento

messa

La Guardia di finanza di Parma celebra san Matteo, il patrono

Intervista

Pertusi: «Nel mio sangue scorre Verdi»

COLLECCHIO

Sagra della Croce, pochi bagni chimici

Pieveottoville

E' morta Renata Barbieri, «colonna» del volontariato

Libro

Un saggio su Bartali, eroe mito del Novecento

san leonardo

Furgone in fiamme all'incrocio tra via Venezia e via Trento. Video: lo spaventoso incendio - 2

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Lega, 5 Stelle e progetti di alleanze europee

di Luca Tentoni

EDITORIALE

Sicurezza: nessuno volti le spalle alla città

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

milano

Ultimo saluto a Inge, rivoluzionaria fino alla fine Fotogallery

PIACENZA

Si ribalta il trattore, grave un agricoltore di Alseno

SPORT

Moto

Ora è ufficiale: la Fim ritira a Fenati la licenza per il 2018

GOLF: Tour Championship

Molinari, primo giro in sordina. "Ora tocca migliorare" Videointervista

SOCIETA'

70 anni

Maxiraduno: Salso diventa la capitale mondiale dell'Ape Piaggio

milano

Risse e furti, la Questura chiude per 10 giorni i "Magazzini generali"

MOTORI

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno

VOLKSWAGEN

T-Roc diesel, doppio "Porte aperte"