18°

30°

felino

I migranti nell'ex scuola? Il sindaco: "Non è agibile"

In paese si rincorrono voci di una possibile accoglienza nella frazione. Bertani: "Finora nessuna richiesta dalla Prefettura. Per l'accoglienza si potrebbero mobilitare i privati cittadini e le associazioni"

I migranti nell'ex scuola? Il sindaco: "Non è agibile"

Ex scuola di Felino

Ricevi gratis le news
1

L’ex scuola elementare di San Michele Tiorre, in via Marco Pontirol Battisti, potrebbe ospitare un gruppo di migranti provenienti da altre strutture di accoglienza sparse in tutta Italia, anche se, come dice il sindaco Maurizio Bertani, «finora non abbiamo ricevuto nessuna richiesta ufficiale da parte della Prefettura».
Tuttavia, proprio per discutere dell’emergenza migranti, il 28 aprile il prefetto Giuseppe Forlani aveva convocato i sindaci del parmense, i rappresentanti delle associazioni, delle Onlus e delle cooperative per impostare un piano di accoglienza.
«Il prefetto – spiega Bertani – ha sottolineato che sicuramente I Comuni dovranno accogliere altri migranti rispetto agli attuali 250 sparsi nei vari Comuni. Noi attualmente non ne accogliamo nessuno».
Durante l’incontro è dunque emerso che la prefettura sta cercando luoghi per ospitare questi nuovi migranti. Tra questi è stata identificata anche l’ex scuola elementare di San Michele Tiorre. Come ha però spiegato il sindaco Bertani: «la struttura non è agibile. In tema di antisismica non è a norma, non ci sono i servizi igienici adeguati ed il tetto è precario».
In ogni caso la Prefettura può comunque obbligare il Comune di Felino ad ospitare i migranti.
«Se ciò accadrà – spiega il primo cittadino – se ne dovrà prima discutere in Giunta, con tutta la maggioranza ed anche con le minoranze. Mi auguro che le minoranze non vogliano speculare su vicende che, dal punto di vista umano, rappresentano vere e proprie tragedie».
Per quanto riguarda il lato puramente economico, ospitare un gruppo di migranti non creerebbe costi all’amministrazione se non quelli limitati all’attenzione da parte dei servizi sociali.
L’accoglienza dei migranti può però passare anche attraverso i privati cittadini, le associazioni e le cooperative.
La proposta del sindaco Bertani è questa: «Se cittadini, sodalizi e cooperative volessero accogliere in proprie strutture gruppi di migranti, invito loro ad informarsi e ad agire in tale senso. Ben vengano tali iniziative che già esistono in altri paesi del parmense. Mettendo a disposizione tali strutture i privati avrebbero anche un ingresso economico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    07 Maggio @ 16.18

    LA REGIONE (autonoma) della Valle d' Aosta ha risposto alla richiesta del Governo di accogliere immigrati di non poter soddisfare la richiesta , essendo esaurite le sue possibilità ricettive.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

ITALIA/MONDO

SPORT

SOCIETA'

MOTORI